Emirates

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emirates
Logo
A6-EDY A380 Emirates 31 jan 2013 jfk (8442269364) (cropped).jpg
StatoEmirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione25 marzo 1985 a Dubai
Sede principaleDubai
GruppoThe Emirates Group
Controllate
Persone chiave
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Fatturato$30.5 miliardi di dollari (2020)
Dipendenti59.519 (2020)
Slogan«Fly Emirates. Hello Tomorrow. / Fly Emirates. Keep Discovering. / Be good to yourself. Fly Emirates. / When was the last time you did something for the first time? Fly Emirates.»
Sito webwww.emirates.com/
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAEK
Codice ICAOUAE
Indicativo di chiamataEMIRATES
Primo volo25 ottobre 1985
HubDubai
Frequent flyerEmirates Skywards
Flotta264 (nel 2021)
Destinazioni157 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Emirates (in arabo الإمارات al-Imārāt) è la compagnia aerea di bandiera dell'Emirato Arabo di Dubai con base a Dubai. Fa parte del The Emirates Group che è di proprietà del Governo di Dubai. È la più grande compagnia del medio oriente, con più di 3.000 collegamenti settimanali operati dall'hub Aeroporto Internazionale di Dubai (DXB) verso 161 destinazioni in 6 continenti. Secondo la IATA, nel 2007 è stata la settima compagnia aerea del mondo (prima tra quelle mediorientali) per passeggeri per chilometro trasportati, nel 2012 la quarta. Emirates SkyCargo, la divisione cargo della compagnia, si è invece classificata al terzo posto per tonnellate di merci trasportate per chilometro.

La compagnia è nata nel marzo del 1985 in seguito alla progressiva diminuzione dei servizi offerti dalla compagnia Gulf Air a Dubai, grazie al versamento di 10 milioni di dollari da parte della famiglia reale di Dubai e alla concessione di 2 aeromobili da parte della Pakistan International Airlines. La compagnia, che all'inizio era comandata da Ahmed bin Saeed Al Maktoum (l'attuale vicepresidente) ha visto un rapido sviluppo sia della flotta sia delle destinazioni, arrivando al giorno d'oggi ad essere una delle maggiori compagnie aeree mondiali.

Grazie al riscontro positivo da parte dei clienti per i servizi offerti e alla rapida crescita, la compagnia ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti, tra i quali "Compagnia aerea dell'anno" nel 2011 assegnatole da Air Transport World e "Miglior compagnia per i servizi offerti durante il volo" assegnatole nel 2012 da Skytrax e la "Miglior compagnia aerea del mondo" (2013, Skytrax World Airline Awards).[1] Nella prima metà del 2013, Emirates ha fatto sapere che ha raggiunto un riempimento medio degli aerei pari all'80%.

[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A310, il primo aereo acquistato nuovo e non in leasing.
I Boeing 777 hanno un ruolo fondamentale nella flotta Emirates. La compagnia ne possiede 143 modelli, di tutte le versioni.

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia nasce nel marzo 1985 grazie al supporto economico della famiglia reale di Dubai e alla stretta collaborazione con Pakistan International Airlines. La famiglia reale si è limitata al versamento di 10 milioni di dollari come capitale iniziale, in quanto era stato deciso che Emirates dovesse funzionare senza aiuti finanziari da parte del governo. Le operazioni vennero avviate con gli aerei presi in leasing dalla PIA (un Airbus A300 e un Boeing 737-700) e con 2 Boeing 727 donati dalla famiglia reale. Il primo volo avvenne il 25 ottobre 1985 sulla rotta Dubai-Karachi. Ad esso nel 1986 si aggiunsero altre destinazioni come Amman, Colombo, Il Cairo e Dacca.

Il team iniziale era formato da Maurice Flanagun (attuale Vicepresidente) nel ruolo di CEO, Ahmed bin Saeed Al Maktoum nel ruolo di Amministratore Delegato e Tim Clark. Al termine del primo anno di operazioni, Emirates aveva trasportato circa 260.000 passeggeri e 10.000 tonnellate di cargo. Inoltre l'avversaria Gulf Air registrò un calo dei profitti del 30%.

Il 3 luglio 1987 Emirates ricevette il primo aereo acquistato, un Airbus A310 con il quale venne inaugurato un collegamento non-stop con Londra Gatwick. Negli anni successivi vennero aggiunte ulteriori destinazioni come Istanbul, Francoforte, Damasco, Singapore. A 6 anni dalla fondazione perciò, Emirates disponeva di una flotta di 9 aeromobili con cui trasportava 25.000 passeggeri a settimana verso 23 destinazioni.

Sviluppo e crescita[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo è stato esponenziale negli anni novanta, grazie anche alla Guerra del Golfo che ha costretto tutti gli altri concorrenti a bloccare i propri voli nella zona. Dal 1993, sono cominciati i voli verso gli Stati Uniti in seguito ad un accordo con US Airways: in quell'anno vennero trasportati 1.6 milioni di passeggeri e 68.000 tonnellate di cargo, mentre il guadagno della compagnia si aggirava intorno ai 500 milioni annui. Nel 1996 iniziarono le consegne dei primi Boeing 777, grazie ai quali vennero aggiunte nuove destinazioni, specialmente verso l'Australia.

Nel 1998 venne lanciata Emirates SkyCargo, la divisione cargo della compagnia. Sebbene Emirates avesse da sempre offerto un servizio cargo utilizzando gli spazi appositi presenti sugli aerei commerciali, venne preso in leasing da Atlas Air un Boeing 747-200F. Nello stesso anno, con un investimento di 70 milioni, Emirates acquisì il 43,6% delle quote di mercato di Air Lanka, in seguito rinominata SriLankan Airlines. Nel 2008, alla scadenza del contratto, Emirates vendette le proprie quote al governo dello Sri Lanka per 150 milioni.

Gli Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 si susseguirono gli ordini per numerosi aerei tra cui anche gli Airbus A380. Entro la fine dell'anno Emirates attivò nuovi voli non-stop per gli Stati Uniti, l'Australia e il Brasile.

Il 2001 fu un anno difficile per la compagnia. Inizialmente le vendite calarono in seguito alla crisi, e successivamente vennero influenzate dal bombardamento dell'aeroporto di Colombo, nel quale la SriLankan Airlines perse 12 aerei (più 3 danneggiati). Pochi mesi dopo, l'attacco dell'11 settembre ebbe fortissime ripercussioni su tutte le compagnie aeree, e moltissimi dei voli da e per gli Stati Uniti furono sospesi o cancellati in seguito alla mancanza di clientela. Il coefficiente di riempimento dei voli si abbassò considerevolmente e i profitti calarono. Vennero annunciati lo stop della campagna assunzioni e la riduzione della frequenza dei voli verso molte destinazioni. L'instabilità della situazione comunque volse a favore di Emirates quando molte delle compagnie occidentali sospesero i propri voli verso Dubai.

Nel 2004 venne riaperto il volo diretto Dubai-New York JFK, il primo dopo lo stop dei voli del 2001. Nello stesso anno, venne firmato un accordo da 100 milioni con la squadra di calcio inglese Arsenal (effettivo dalla stagione 2006/2007), che includeva il diritto di chiamare lo stadio "Emirates Stadium" per 15 anni e di sponsorizzare Emirates sulle maglie della squadra per 8 anni.

Tra il 2003 e il 2004, Emirates ordinò 113 aerei per un costo totale di 29 miliardi di dollari. Si tratta del più grande ordine singolo mai effettuato per il Boeing 777 (42 esemplari). Nel 2007, all'Air Show di Dubai venne firmato un altro ordine da 35 miliardi che includeva 120 Airbus A350, 11 A380 e altri 12 Boeing 777-300ER. Nel 2009 la compagnia diventò il maggiore operatore mondiale di Boeing 777, grazie alla consegna del 79º aereo. Nel 2010 e nel 2011 vennero firmati altri ordini per un totale di ulteriori 80 B777.

Storia recente[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 settembre 2012, Emirates e Qantas annunciarono un contratto decennale per la creazione di un compromesso, secondo il quale Qantas avrebbe dovuto spostare l'hub per i voli europei da Singapore a Dubai e terminare il contratto, già esistente da 17 anni, con la British Airways per la condivisione dei guadagni sui collegamenti tra l'Australia e la Gran Bretagna. Emirates inoltre sfrutterà l'accordo per aumentate i passeggeri in volo verso altre destinazioni europee, e i clienti Emirates potranno utilizzare tutti i collegamenti domestici forniti da Qantas in Australia. Qantas ha aperto un collegamento giornaliero con gli A380 sulle rotte Londra-Sydney e Londra-Melbourne, entrambi con scalo a Dubai. Grazie a questo, i voli tra Dubai e l'Australia aumentano diventando 98 per settimana. A un anno dall'annuncio, l'accordo tra le due compagnie si traduce in accordi di code-sharing sulle tratte interessate, allineamento delle tariffe dei biglietti, e benefici per i passeggeri che sono iscritti ai programmi frequent flyer delle compagnie.[3]

Il primo volo non-stop transatlantico dall'Europa agli Stati Uniti, tra Amburgo e New York, venne inaugurato nel 2003, operato da un Airbus A340-300.

Il 1º ottobre 2013 la compagnia ha inaugurato il secondo volo non-stop transatlantico dall'Europa agli Stati Uniti, tra Milano e New York, inizialmente il volo veniva effettuato con dei Boeing 777-300ER, successivamente, dal 1º dicembre 2014 il volo serale da e per Dubai è stato operato con Airbus A380, che solo dal 1º giugno 2015 sono utilizzati anche per la rotta per New York.[4][5]

Gestione aziendale[modifica | modifica wikitesto]

Airbus A380 durante l'atterraggio all'aeroporto di Amsterdam.

La compagnia fa parte del The Emirates Group, che a sua volta fa parte del Società per gli Investimenti del Governo di Dubai.[6] Emirates, sin dalla fondazione, ha sempre avuto guadagni utili in positivo, tranne per il secondo anno di attività e il fattore di crescita annuale non è mai sceso sotto il 20%. Il governo ha ricevuto circa 1,5 miliardi di dollari dalla compagnia, da quando nel 1999 è iniziato il pagamento dei dividendi dovuti al versamento del capitale iniziale di 10 milioni, e all'investimento totale di circa 80 milioni di dollari al momento della nascita della compagnia aerea. Il Governo di Dubai, che è l'unico proprietario, non sovvenziona la compagnia né interviene in alcun modo sul suo funzionamento e sviluppo.

Efficienza della flotta[modifica | modifica wikitesto]

La flotta Emirates, con una età media di 7 anni, è una delle più giovani ed efficienti del settore. In particolare, secondo Emirates, ha emissioni di CO2 del 25% inferiori alla media globale[7]: solo gli Airbus A380 infatti, consumano fino al 20% in meno per posto a sedere rispetto agli altri aeromobili della stessa classe: si è stimato che grazie ai motori Engine Alliance GP7000, ogni A380 in un anno consuma 500.000 litri di carburante in meno.[1]

Per ridurre il consumo di carburante inoltre gli aeromobili della compagnia utilizzano un solo motore per il rullaggio durante le operazioni di terra. Ciò comporterebbe il risparmio di 430.000 litri di carburante all'anno per ogni minuto di rullaggio per spostamento sfruttando questa tecnica.[8]

Il programma Flextracks[modifica | modifica wikitesto]

Emirates, in collaborazione con Airservices Australia (la società responsabile della gestione dello spazio aereo australiano), ha investito in un programma di pianificazione dei voli denominato Flextracks. Il programma consiste nella variazione delle rotte in base alle condizioni meteorologiche: grazie a tali variazioni è possibile evitare zone caratterizzate da condizioni meteorologiche avverse e vento contrario, per spostarsi in spazi più favorevoli.[8]

Secondo Emirates l'utilizzo di questo programma ha comportato il risparmio di 628 tonnellate di carburante in un anno. La compagnia ha già attivato il programma anche per le rotte che attraversano i cieli di Brasile, Ucraina, Russia, Malè e Indonesia e sta attivamente lavorando con i governi per la diffusione capillare di tale metodologia di volo.

Risultati finanziari[modifica | modifica wikitesto]

Risultati finanziari e operazionali alla fine di ogni anno finanziario (AEDm = milioni di Dirham).[9][10]
Termine dell'anno Passeggeri (migliaia) Cargo (migliaia di t) Guadagno (AEDm) Spese (AEDm) Profitto netto(+)/Perdita (-) (AEDm)
31 marzo 1997 3.114 159 1.199 1.097 (+) 102
31 marzo 1998 Aumento3.683 Aumento200 Aumento4.089 Aumento3.827 Aumento(+) 262
31 marzo 1999 Aumento4.253 Aumento214 Aumento4.443 Aumento4.130 Aumento(+) 313
31 marzo 2000 Aumento4.775 Aumento270 Aumento5.114 Aumento4.813 Diminuzione(+) 301
31 marzo 2001 Aumento5.719 Aumento335 Aumento6.359 Aumento5.693 Aumento(+) 666
31 marzo 2002 Aumento6.765 Aumento401 Aumento7.137 Aumento6.511 Diminuzione(+) 626
31 marzo 2003 Aumento8.503 Aumento525 Aumento9.514 Aumento8.513 Aumento(+) 1.001
31 marzo 2004 Aumento10.441 Aumento660 Aumento13.116 Aumento11.368 Aumento(+) 1.749
31 marzo 2005 Aumento12.529 Aumento838 Aumento17.909 Aumento15.290 Aumento(+) 2.619
31 marzo 2006 Aumento14.498 Aumento1.019 Aumento22.658 Aumento20.006 Aumento(+) 2.652
31 marzo 2007 Aumento17.544 Aumento1.156 Aumento29.173 Aumento25.834 Aumento(+) 3.339
31 marzo 2008 Aumento21.229 Aumento1.282 Aumento38.810 Aumento34.359 Aumento(+) 4.451
31 marzo 2009 Aumento22.731 Aumento1.408 Aumento43.266 Aumento40.988 Diminuzione(+) 2.278
31 marzo 2010 Aumento27.454 Aumento1.580 Aumento43.455 Diminuzione39.890 Aumento(+) 3.565
31 marzo 2011 Aumento31.422 Aumento1.767 Aumento54.231 Aumento48.788 Aumento(+) 5.443
31 marzo 2012 Aumento33.981 Aumento1.796 Aumento62.287 Aumento60.474 Diminuzione(+) 1.813
31 marzo 2013 Aumento39.391 Aumento2.086 Aumento73.113 Aumento70.274 Aumento(+) 2.839
31 marzo 2014 Aumento44.537 Aumento2.250 Aumento82.636 Aumento79.382 Aumento(+) 3.254
31 marzo 2015 Aumento49.292 Aumento2.377 Aumento88.819 Aumento82.926 Aumento(+) 5.893
31 marzo 2016 Aumento51.853 Aumento2.509 Diminuzione85.044 Diminuzione76.714 Aumento(+) 8.330
31 marzo 2017 Aumento56.076 Aumento2.577 Aumento85.061 Aumento82.626 Diminuzione(+) 2.435
31 marzo 2018 Aumento58.485 Aumento2.623 Aumento92.322 Aumento88.236 Aumento(+) 4.086
31 marzo 2019 Aumento58.601 Aumento2.659 Aumento97.907 Aumento95.260 Diminuzione(+) 2.647
31 marzo 2020 Diminuzione56.162 Diminuzione2.389 Diminuzione91.972 Diminuzione85.564 Aumento(+) 6.407

Identità aziendale[modifica | modifica wikitesto]

La livrea Emirates su un Boeing 777-300 (Singapore, 2007)
Il logo sul motore di un Airbus A380

Slogan[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale slogan della compagnia è "Hello Tomorrow" (spesso accompagnato da "Where will Tomorrow take you?" ossia: "Dove vi porterà il Domani?"[11]. Tra gli slogan recenti si ricordano "Vola Emirates. Continua a scoprire" (Fly Emirates. Keep discovering), che si riferiva alla continua espansione del network di Emirates, ad oggi includente oltre 100 destinazioni su 6 continenti, e "Vola Emirates: incontra Dubai" (Fly Emirates. Meet Dubai), utilizzato principalmente per promuovere Dubai come destinazione turistica.[12]

Altri slogan usati in passato includono:

  • Emirates. The finest in the Sky - Emirates. Il meglio nel Cielo
  • Be Good to yourself. Fly Emirates - Sii Buono con te stesso. Vola con Emirates
  • When was the last time you did something for the first time. Fly Emirates. - Quand'è stata l'ultima volta che hai fatto qualcosa per la prima volta. Vola con Emirates
  • Fly Emirates. Keep Discovering - Vola con Emirates. Continua a scoprire
  • Fly Emirates. Meet Dubai - Vola con Emirates. Incontra Dubai

Livrea[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla formazione nel 1985, sebbene in misura limitata prima della riverniciatura di tutti gli aerei, tutti i velivoli Emirates portano una parte della bandiera degli Emirati Arabi Uniti sulla coda, il logo arabo sulla gondola esterna di ogni motore, e il marchio "Emirates", sia in inglese sia in arabo, sulla fusoliera. La livrea usata del 1985 è stata cambiata nel 1999 a quella attuale. Tra le modifiche della livrea, si notano la modifica del logo, l'ingrandimento e lo spostamento del marchio inglese "Emirates" (quello arabo rimane più piccolo) verso la parte anteriore dell'aereo e una bandiera differente (ora è sventolante) sulla coda.[13] Alcuni degli aerei più nuovi, tra cui gli Airbus A380, hanno il marchio disegnato anche sulla parte inferiore del velivolo.[14]

Sponsorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Emirates è lo sponsor principale dell'Arsenal, il cui stadio si chiama Emirates Stadium, del quale detiene i diritti d'immagine. Inoltre Emirates è anche lo sponsor di altri importanti club come ad esempio il Milan in Italia, l'Amburgo in Germania, l'Olympique Lione in Francia, il Benfica in Portogallo e il Real Madrid in Spagna. Il giorno 12 febbraio 2010, il Milan ha firmato un contratto della durata di 4 anni a partire dalla stagione 2010/2011 con l'opzione per il quinto anno. In Formula 1 è stato, per due stagioni, lo sponsor della McLaren-Mercedes ed in occasione della competizione velistica America's Cup 2007 ha supportato e supporta tuttora, nella ragione sociale, il team New Zealand. Dal 29 luglio 2011, anche il Real Madrid ha firmato un accordo quinquennale con la compagnia aerea degli Emirati.[15] Un nuovo accordo di sponsorizzazione è stato raggiunto con il Benfica. Altri accordi includono la sponsorizzazione di svariate squadre di cricket. Nella stagione 2016, diventa main sponsor del Gran Premio del Giappone di Formula 1, mentre dalla stagione 2018 sponsorizza anche quello di Spagna e di Germania. A novembre 2015, la compagnia aerea lancia in Italia un nuovo spot che coinvolge la TV e Internet a livello globale, scegliendo Jennifer Aniston per la nuova campagna, per un budget di 20 milioni di dollari.[16][17]

Sussidiarie[modifica | modifica wikitesto]

Emirates SkyCargo[modifica | modifica wikitesto]

Un Boeing 777F della Emirates SkyCargo a Londra.

Emirates SkyCargo è la divisione di trasporto merci di Emirates. Ha iniziato le operazioni nell'ottobre 1985, lo stesso anno in cui è stata costituita Emirates, e ha lanciato i propri servizi aerei nel 2001 con un Boeing 747 Freighter. Serve 10 destinazioni, oltre ad altre in comune con la rete passeggeri.[18] A gennaio 2021, opera con 11 Boeing 777F.[19]

Emirates Executive[modifica | modifica wikitesto]

Emirates Executive è stato lanciato nel 2013 per charter aziendali e privati. Gestisce un unico business jet Airbus ACJ319, che può ospitare 19 persone. Presenta un mix di suite private e posti a sedere, un salotto, una zona pranzo e bagni con docce.[20]

Alleanza[modifica | modifica wikitesto]

Emirates non fa parte di nessuna delle tre maggiori alleanze globali: Oneworld, SkyTeam e Star Alliance. Nel 2000, la compagnia ha brevemente considerato se valesse la pena di entrare in Star Alliance, ma alla fine ha dato un responso negativo. Ad oggi, nel 2015, Emirates continua a voler rimanere indipendente e preferisce stabilire accordi bilaterali con le singole compagnie (come ha già fatto con successo con Qantas) piuttosto che entrare in un'alleanza globale. Comunque, il presidente Tim Clark ha riportato: "Tutto è possibile, le cose stanno cambiando" e in futuro potrebbe aderire all'alleanza SkyTeam.

Accordi di codeshare[modifica | modifica wikitesto]

Ad agosto 2018 Emirates ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie[21]:

Cabina[modifica | modifica wikitesto]

Una suite di prima classe su un Boeing 777-200LR
La classe Business di un Airbus A380
Classe economica in un Boeing 777-300ER

First[modifica | modifica wikitesto]

Esistono tre tipi di poltrone in prima classe: le suite complete (con porte), i posti letto "Skycruiser" (senza porte) e i posti "Sleeper".

L'opzione suite completa prevede la privacy dovuta alla chiusura delle porte, un minibar, un attaccapanni e un armadio. Inoltre è disponibile il sistema ICE (vedi in seguito) su uno schermo LCD da 23 pollici. Il sedile può convertirsi in un letto completamente piatto lungo 2 metri. Le suite complete sono disponibili su tutti gli Airbus A380-800, i Boeing 777-200LR e alcuni 777-300ER.

Il servizio di prima classe include inoltre la possibilità di richiedere l'attivazione del servizio cucina in qualsiasi momento del volo, per la preparazione di spuntini o piatti completi. Solo a bordo degli A380, vi sono inoltre 2 docce utilizzabili dai passeggeri, e dei bar dislocati nel piano superiore. Una volta in aeroporto, si dispone dell'accesso alle lounge Emirates e di un'auto privata con chauffeur.[23]

Business[modifica | modifica wikitesto]

Le Business class dei Boeing 777 presentano posti con un passo di 60 pollici, reclinabili fino all'ottenimento di letti della lunghezza di 2 metri. Ogni poltrona dispone di uno schermo di 17 pollici con il sistema ICE (vedi in seguito), prese di corrente, telecomando touch screen e minibar. I passeggeri possono disporre del servizio cucina, e, solo sugli Airbus A380, hanno l'accesso ai bar in comune con la prima classe. Una volta in aeroporto, si dispone dell'accesso alle lounge Emirates e di un'auto privata con chauffeur.[24]

Economy[modifica | modifica wikitesto]

I posti della classe economica hanno un passo di 31 pollici. Ogni sedile dispone di un monitor personale con sistema ICE (vedi in seguito) dove sono disponibili più di 1.500 canali, un servizio dedicato per SMS e telefonate e una connessione ad internet. Per tutti i passeggeri è a disposizione la cucina dell'aereo, e per i bambini sono disponibili libri e giocattoli.[25]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Catering[modifica | modifica wikitesto]

Un pasto nella Economy Class.
Un pasto nella Business Class.

Il catering sui voli Emirates da Dubai International è fornito da Emirates Flight Catering, che gestisce una delle più grandi strutture di catering per compagnie aeree del mondo. Emirates offre anche opzioni per pasti speciali, in tutte le classi, in base a età, restrizioni dietetiche, preferenze e osservanza religiosa. I pasti speciali devono essere ordinati in anticipo, almeno 24 ore prima dell'orario di partenza del volo. Tutti i pasti, tuttavia, sono preparati secondo le linee guida dietetiche Halal.[26] Nel giugno 2018, Emirates ha firmato una joint venture da 40 milioni di dollari con Crop One Holdings di Oakland, in California, per costruire e mantenere la più grande struttura di coltivazione idroponica del mondo. Fornirà raccolti giornalieri di circa 3 tonnellate di verdure a foglia verde a tutti i voli, con una fattoria verticale interna di quasi 150.000 piedi quadrati.[27]

Intrattenimento a bordo[modifica | modifica wikitesto]

Intrattenimento a bordo nella Economy Class di un A380.

ICE - Information, Communication, Entertainment (Informazione, comunicazione, divertimento) è il sistema di intrattenimento a bordo offerto da Emirates.[28]

Il sistema, introdotto nel 2003, è presente su tutti gli Airbus A380 e su tutti i Boeing B777 e comprende svariate centinaia di canali. Una versione aggiornata introdotta nel luglio 2007, ICE Digital Widescreen, è presente su tutti gli aerei più nuovi.

ICE Tv Live è un nuovo tipo di sistema ICE presente per ora in un numero limitato di Boeing 777 ma in diffusione presso tutti gli aerei Emirates.

ICE è basato su un sistema operativo prodotto da Panasonic per il sistema EX; ICE Digital Widescreen offre il più grande schermo al mondo in tutte le classi e si basa sul nuovo sistema EX3. ICE include un collegamento diretto con BBC News: è stato il primo programma ad essere collegato con un sistema di aggiornamento automatico delle notizie. Altre funzioni sono un software che consente a tutti i passeggeri di accedere alle immagini fornite in diretta da telecamere poste all'esterno dell'aereo, durante il decollo, in volo e all'atterraggio, e la possibilità di disporre di un collegamento internet ad alta velocità e di accedere a canali televisivi internazionali.

È presente un collegamento a un server interno che consente ai passeggeri sia di leggere, scrivere o inviare email dall'aereo, sia di conversare con i passeggeri seduti negli altri posti in una chat interna o tramite collegamento vocale utilizzando il retro del telecomando. Dal 2008, grazie ad un accordo con AeroMobile, è possibile utilizzare il telefono cellulare durante il volo per chiamare ed inviare messaggi su tutti gli aerei, in molti dei quali è anche disponibile una connessione Wi-Fi basata su Ku-Band di Panasonic.

ICE include musica, film e videogiochi. È possibile usufruire di 130 film, 15 canali VOD, 60 canali televisivi pre-registrati, 350 canali audio, e 50 videogiochi. Sin dal 2003, tutti i canali sono disponibili per qualsiasi passeggero, con la possibilità di bloccare, far avanzare, o rivisualizzare i contenuti.

Emirates è stata la prima compagnia aerea al mondo ad introdurre schermi personali per tutti i passeggeri, in quanto l'applicazione dei primi schermi dietro ai sedili anteriori risale al 1992. Per tutte e 3 le classi di viaggio è disponibile un sistema di intrattenimento personale. Il sistema ICE fornito da Emirates è stato premiato molte volte dalla sua introduzione nel 2003, ed è ritenuto il migliore al mondo.[29]

Programma frequent-flyer[modifica | modifica wikitesto]

Emirates Skywards è il programma frequent flyer di Emirates lanciato nel 2000. Il programma contava oltre 16 milioni di membri nel 2016.[1] Il programma utilizza due sistemi di punti separati: le miglia Skywards come valuta che può essere riscattata per i vantaggi e le miglia di livello come metrica che determina lo stato di livello di un socio.

Ci sono quattro livelli: blu, argento, oro e platino. Una volta che un cliente si registra, diventa un membro Blue. Questa registrazione è gratuita. Il livello Silver richiede 25.000 miglia di livello, il livello Gold richiede 50.000 miglia di livello e il livello Platinum richiede rispettivamente 150.000 miglia di livello per la qualificazione.[30]

Dal 2016, Emirates ha collaborazioni frequent flyer con: Alaska Airlines, easyJet, Japan Airlines, Jet Airways, JetBlue, Jetstar, Korean Air, Malaysia Airlines, Qantas, S7 Airlines, South African Airways, TAP Portugal, Virgin America, Air Mauritius e GOL.

Emirates Skywards ha stretto una partnership con Starwood Preferred Guest (noto anche come SPG, il programma fedeltà di Starwood Hotels and Resorts) per portare i suoi soci Your World Rewards. Ciò consente ai soci di guadagnare sia Miglia Skywards che Starpoint (la valuta fedeltà per il programma SPG) quando volano con Emirates verso oltre 150 destinazioni o soggiornano in uno dei 1.200 hotel e resort Starwood di SPG.

Un'altra partnership degna di nota è la partnership di Emirates Skywards con Dubai Duty Free (DDF) che è stata lanciata nel 2016. Questa partnership consente ai membri di spendere le loro Miglia Skywards presso i punti Duty Free di Dubai partecipanti quando viaggiano attraverso gli aeroporti di Dubai. I soci possono riscattare le loro Miglia Skywards per prodotti duty-free all'aeroporto Internazionale di Dubai e Al Maktoum International a Dubai South. I riscatti partono da 4.500 Miglia Skywards (del valore di 100 AED) e i soci possono riscattare immediatamente le Miglia Skywards al momento del pagamento. Ogni Dirham (AED) aggiuntivo equivale a 45 Miglia Skywards e non esiste un limite massimo al numero di Miglia Skywards spendibili.

Dal 28 agosto 2016, Emirates Skywards consente ai suoi soci di utilizzare le miglia o una combinazione di contanti+miglia (C+M) come forma di pagamento.[31]

Questo vantaggio consente ai soci di riscattare un minimo di 2000 Miglia Skywards e un massimo dell'importo totale della tariffa base in Miglia Skywards. Cash + Miles viene utilizzato come forma di pagamento solo per la tariffa base ed esclude tasse e addebiti imposti dal vettore. Questo vantaggio è disponibile solo sui voli Emirates e non su altre compagnie aeree con cui Emirates ha un accordo di code-share.

Cash+Miles offre ai soci Emirates Skywards più scelta e flessibilità quando si tratta di spendere le loro Miglia Skywards. È disponibile in tutte le classi ed è applicabile a tutti i tipi di tariffa.

Lounges[modifica | modifica wikitesto]

La lounge di Emirates a Glasgow.

I passeggeri di First e Business Class e i soci Skywards Platinum e Gold hanno accesso a 33 lounge Emirates in 32 città.[10] I soci Skywards Silver possono utilizzare solo le lounge dell'aeroporto di Dubai. Negli aeroporti in cui Emirates non dispone di una sala partenze, solitamente viene fornita una sala partenze di terze parti per i passeggeri di First e Business class e per i soci Skywards Platinum e Gold.[32]

Chauffeur-drive[modifica | modifica wikitesto]

I trasferimenti aeroportuali gratuiti con autista sono disponibili per i passeggeri di Business e First Class in oltre 75 città per gli aeroporti.

A Dubai, Emirates utilizza la nuova BMW Serie 5 per i passeggeri di Business Class e la berlina Mercedes-Benz classe S per i passeggeri di First Class.[33]

In altri paesi, il tipo di veicolo varia a seconda della posizione e del fornitore di servizi che la compagnia aerea ha stipulato.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Flotta attuale[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A380-800.
Un Boeing 777-300ER.
Un Boeing 777-200LR.

Emirates possiede una flotta di aeromobili Boeing e Airbus, con un'età media di 7,9 anni.[19] La compagnia, già il più grande utilizzatore mondiale di A380, prevede di raggiungere i 123 esemplari in attività entro il 2021, annunciando nel febbraio 2019 una riduzione di esemplari rispetto all'ordine iniziale di 162. Emirates è una delle poche compagnie mondiali ad aver operato con tutte le versioni del Boeing 777, compresa quella cargo.

Ad agosto 2021, la flotta di Emirates consiste nei seguenti aeromobili[19]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
F J Y Totale
Airbus A319-100CJ 1 VIP - 19 posti Emirates Executive.[34]
Airbus A350-900 50 TBA Consegne dal 2023.[35]
Airbus A380-800 119 3 14 76 399 489 Principale operatore del modello.
14 76 429 519
58 557 615
Boeing 777-200LR 10 38 264 302 Principale operatore del modello.
Boeing 777-300ER 124 8 42 310 360 Principale operatore del modello.
42 386 428
Boeing 777F 10 cargo
Boeing 777-9X 115 TBA Consegne dal 2024.[36]
Boeing 787-9 30 TBA Consegne dal 2023.[37]
Totale 264 198

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A300-600R.
Un Airbus A340-500.
Un Boeing 727-200.

Emirates operava in precedenza con i seguenti aeromobili[19]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Airbus A300B4 1 1985 1988 [38]
Airbus A300-600 6 1989 2003
Airbus A310-300 13 1987 2009 [39]
Airbus A330-200 29 1999 2016 [40]
Airbus A340-300 8 2004 2016 [41]
Airbus A340-500 10 2003 2016 [42]
Airbus A380-800 1 2008 2020 [43]
Boeing 727-200 3 1986 1995
Boeing 737-300 1 1985 1987
Boeing 747-400 6 2001 2017
Boeing 777-200 3 1996 2015
Boeing 777-300 12 1999 2019 [44]

Piani futuri[modifica | modifica wikitesto]

Airbus A380[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 luglio 2008, Emirates ha ricevuto il suo primo Airbus A380-800 e nell'agosto 2008 è diventata la seconda compagnia aerea a operare con l'A380-800, dopo Singapore Airlines.

Emirates è il più grande operatore dell'A380, il suo 100° A380 è stato consegnato nell'ottobre 2017.[45] Inoltre, la compagnia aerea aveva altri 41 A380 in ordine, il che avrebbe portato il numero di A380 in servizio a 142. Ha preso in considerazione l'acquisto di ulteriori 100-200 Airbus A380 se il superjumbo quadrimotore fosse stato rinnovato con motori più efficienti dal punto di vista del consumo di carburante.[46]

Gli A380 di Emirates erano originariamente tutti alimentati da motori Engine Alliance GP7200.[47] In un accordo del valore di 9,2 miliardi di dollari, Rolls Royce ha annunciato nell'aprile 2015 che avrebbe fornito motori per 50 nuovi Airbus A380 (denominati A380CEO), con prima consegna prevista a metà 2016. Il 29 dicembre 2016, il primo A380 Emirates motorizzato Rolls Royce è atterrato all'aeroporto di Dubai.

Il 18 gennaio 2018, Emirates ha firmato un memorandum d'intesa per acquisire ulteriori Airbus A380. L'impegno era per 20 A380, con un'opzione per altri 16; le consegne dovevano iniziare nel 2020. L'ordine era valutato 16 miliardi di dollari.[48][49]

Nel febbraio 2019, a seguito di una revisione delle sue operazioni, Emirates ha cancellato la maggior parte degli A380 che aveva in ordine, portando a 14 il numero di Airbus A380 rimasti da consegnare alla compagnia aerea. Data la mancanza di ordini da altre compagnie aeree, Airbus cesserà la produzione dell'A380 nel 2022.[50][51]

A settembre 2019, Emirates ha avviato il suo piano di ritiro degli A380, che vedrà il tipo rimanere in servizio almeno fino al 2035, ritirando due aeromobili che dovevano essere sottoposti a una revisione importante e utilizzandoli come donatori di parti per il resto della flotta. Man mano che altri aeromobili verranno ritirati, le cellule di proprietà di Emirates continueranno ad essere utilizzate per le parti, mentre le cellule in leasing verranno restituite ai locatori.[52]

Il 23 febbraio 2020, Emirates ha ritirato il suo primo Airbus A380 (registrazione A6-EDB[53]) dopo quasi 12 anni di servizio.[54][55]

Boeing 777 e Boeing 777X[modifica | modifica wikitesto]

Emirates ha la più grande flotta di Boeing 777 al mondo e prevede di iniziare a eliminare gradualmente i vecchi 777 "classici" a favore dei nuovi 777X. Nell'ottobre 2014, Emirates ha ritirato il suo primo Boeing 777 dopo 18 anni di servizio e lo stesso mese ha preso in consegna il suo 100° Boeing 777-300ER. Emirates ha ritirato un 777-300ER nel 2017, seguito da altri due a maggio 2018.[56][57][58] Emirates ha ricevuto il suo ultimo 777-300ER il 13 dicembre 2018.[59] Le consegne del 777X inizieranno nel 2024, con 115 aerei in ordine (originariamente erano 150, poi 126, e infine 115).[36]

Boeing 787, Airbus A350 XWB e Airbus A330neo[modifica | modifica wikitesto]

Il presidente e CEO di Emirates, lo sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, affermò che il vettore avrebbe deciso tra l'Airbus A350 XWB e il Boeing 787 Dreamliner entro la fine del 2017.[60] All'inizio del Dubai Airshow di novembre 2017, Emirates ha annunciato un impegno per quaranta Boeing 787-10 per un valore totale di 15,1 miliardi di dollari a prezzi di listino.[61] Poiché Boeing aveva 171 ordini per la variante, questi sarebbero stati consegnati dal 2018 in cabine a due e tre classi per 240-300 passeggeri, con diritti di conversione per il 787-9 più piccolo.[62] Tuttavia, all'inizio del 2019, stava valutando la possibilità di annullare questo ordine a causa dei margini di prestazione del motore insufficienti per le condizioni climatiche calde prevalenti a Dubai, a favore dell'A350.[63]

Nel febbraio 2019, quasi cinque anni dopo aver annullato gli ordini per 70 Airbus A350 a favore di più A380, Emirates ha deciso di ordinare gli aeromobili widebody di ultima generazione di Airbus, ovvero l'Airbus A330neo e l'Airbus A350-900; e ridurre i suoi ordini per l'Airbus A380. Il memorandum d'intesa riguardava 40 A330-900 e 30 A350-900, per un valore di 21,4 miliardi di dollari a prezzi di listino.[64][65] L'ordine per 40 Boeing 787 annunciato nel 2017 non era stato formalizzato al momento dell'ordine per gli A330neo e A350, e sebbene i risultati 2018-2019 di Emirates non facessero più menzione del 787, la compagnia aerea ha successivamente confermato che le discussioni riguardanti i 787 erano in corso.[66] Durante il Dubai Airshow del 2019, è stato annunciato un ordine per 50 A350-900 in sostituzione del precedente memorandum d'intesa. L'accordo vale 16 miliardi di dollari a prezzi di listino e le consegne dovrebbero iniziare nel 2023.[67][68] Emirates ha anche annunciato un ordine per 30 Boeing 787-9 per 8,8 miliardi di dollari a prezzi di listino con consegne previste per l'inizio nel 2023, tuttavia con questo accordo Emirates ha ridotto il suo ordine di Boeing 777X a 126 aeromobili dal precedente accordo di 150 aeromobili. Emirates ha anche annullato gli ordini di Airbus A330neo effettuati nel febbraio 2019 a favore del nuovo ordine di aeromobili per 30 Boeing 787-9 Dreamliner.[69][70]

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 20 marzo 2009, il volo Emirates 407, un Airbus A340-500, oltrepassò la pista e colpì diverse strutture prima riuscire a salire abbastanza per poter tornare indietro ad effettuare un atterraggio di emergenza a Melbourne. Sebbene non ci siano state vittime o gravi lesioni, i danni al velivolo furono così gravi da poter classificare l'evento come "incidente" dall'ufficio australiano per la sicurezza dei trasporti. Fu descritto come "il fatto più vicino a una grande catastrofe aerea mai successo in Australia" da parte dei funzionari dell'aviazione.[71]
  • Il 3 agosto 2016, il volo Emirates 521, un Boeing 777-300ER, si schiantò durante l'atterraggio all'aeroporto internazionale di Dubai. Tutte le 300 persone a bordo sopravvissero all'incidente; 24 rimasero feriti, uno gravemente. Un pompiere dell'aeroporto morì durante le operazioni di salvataggio e altri otto rimasero feriti. L'incidente è l'unico di Emirates con perdita completa dell'aeromobile. Gli investigatori stabilirono che durante il tentativo di go-around, ad eccezione degli ultimi tre secondi antecedenti all'impatto, entrambe le manette di spinta, e quindi la spinta stessa dei motori, rimasero al minimo. Di conseguenza, lo stato energetico dell'aeromobile era insufficiente per sostenere il volo.[72]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Chi siamo | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  2. ^ [http://www.ilvolo.it/index.php/2013102511197/Compagnie-Aeree/Emirates.html ilVolo.it - Nell'aria c'� passione!], su www.ilvolo.it. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) Qantas forms Emirates alliance as it seeks turnaround, in BBC News, 6 settembre 2012. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  4. ^ (EN) History of The Emirates Group – FundingUniverse, su www.fundinguniverse.com. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  5. ^ (EN) Emirates Group Brands, su www.theemiratesgroup.com. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  6. ^ Copia archiviata, su uaeinteract.com. URL consultato il 15 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2009)..
  7. ^ La nostra flotta | L'esperienza Emirates | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  8. ^ a b (EN) Our planet | About us | Emirates, su Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  9. ^ (EN) The Emirates Group, su web.archive.org, 16 febbraio 2009. URL consultato il 21 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2009).
  10. ^ a b (EN) Annual Report | Facts & Figures | The Emirates Group, su web.archive.org, 15 luglio 2016. URL consultato il 21 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2016).
  11. ^ un altro slogan utilizzato dalla compagni è "Fly Emirates. Fly better."Voli internazionali - Prenotazione voli - Emirates Airline - Emirates Italia.
  12. ^ La nostra storia | Chi siamo | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  13. ^ Updated livery is revealed by Emirates.
  14. ^ (EN) Emirates Special Liveries: A Historical Overview – Aeronautics, su aeronauticsonline.com. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  15. ^ Real Madrid C.F. - Web Oficial - Emirates patrocinará al Real Madrid los próximos cinco años Archiviato il 16 settembre 2011 in Internet Archive..
  16. ^ Sponsorizzazioni | Le nostre comunità | Chi siamo | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  17. ^ (EN) Sponsorship Football | Sponsorship | Our communities | About us | Emirates, su Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  18. ^ (EN) Emirates SkyCargo | The freight division of Emirates, su Emirates Skycargo. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  19. ^ a b c d (EN) Emirates Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  20. ^ (EN) Dominic Perry, PICTURES: Emirates launches VIP charter operation, su Flight Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  21. ^ (EN) With which airlines does Emirates operate Codeshare flights? | Emirates, su Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  22. ^ Jim Liu, Emirates / flydubai schedules codeshare launch in late-Oct 2017, in Routesonline.
  23. ^ Caratteristiche della cabina First Class Emirates | Caratteristiche delle cabine | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  24. ^ Caratteristiche della cabina Business Class di Emirates | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  25. ^ Caratteristiche della cabina Economy Class Emirates | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  26. ^ (EN) Types of Meals on Emirates Airline, su Travel Tips - USA Today. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  27. ^ (EN) Crop One Holdings Inc, Crop One and Emirates Flight Catering Joint Venture Will Build Largest Vertical Farm In The World, su GlobeNewswire News Room, 26 giugno 2018. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  28. ^ Intrattenimento in volo | L'esperienza Emirates | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  29. ^ Chi siamo | Emirates Italia, su Italia. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  30. ^ (EN) Emirates Skywards | Emirates, su Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  31. ^ (EN) Cash+Miles | Emirates Skywards | Emirates, su Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  32. ^ (EN) Worldwide Lounges | Lounges | Flying with Emirates | Emirates United Kingdom, su web.archive.org, 5 gennaio 2012. URL consultato il 21 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2012).
  33. ^ (EN) Chauffeur-drive | The Emirates Experience | Emirates, su Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  34. ^ (EN) Emirates Executive, su Emirates Executive. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  35. ^ (EN) Natasha Turak,Elliot Smith, Emirates orders 50 Airbus A350 jets in a revised deal worth $16 billion, su CNBC, 18 novembre 2019. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  36. ^ a b (EN) Emirates Might Not Take Its First Boeing 777X Until 2024, su Simple Flying, 13 gennaio 2021. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  37. ^ (EN) Emirates firms up US$8.8 billion order for 30 Boeing 787s at 2019 Dubai Airshow, su Emirates firms up US$8.8 billion order for 30 Boeing 787s at 2019 Dubai Airshow. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  38. ^ (EN) Remembering Emirates’ first flights — 30 years on, su The National, 25 ottobre 2015. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  39. ^ (EN) What Happened To Emirates' Airbus A310s?, su Simple Flying, 15 gennaio 2021. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  40. ^ (EN) What Happened To Emirates' Airbus A330 Aircraft?, su Simple Flying, 29 ottobre 2020. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  41. ^ (EN) Michael Gubisch, Emirates phases out its last A330 and A340, su Flight Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  42. ^ (EN) Emirates ends A340-500 operations, su ch-aviation. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  43. ^ Marche A6-EDB.
  44. ^ (EN) Production List Search, su www.planespotters.net. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  45. ^ (EN) Max Kingsley-Jones, PARIS: Emirates seeks clarity ahead of any A380plus order, su Flight Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  46. ^ (EN) Emirates airline could buy 60-80 more A380s if engines upgraded -FT, su article.wn.com. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  47. ^ (EN) Emirates orders 50 additional A380s, boosting fleet to 140 | Airbus News & Events, su web.archive.org, 20 novembre 2013. URL consultato il 21 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2013).
  48. ^ (EN) Emirates signs agreement for up to 36 additional A380s, su Airbus. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  49. ^ (EN) Emirates orders 36 Airbus aircraft worth $16b, su gulfnews.com. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  50. ^ (EN) Airbus and Emirates reach agreement on A380 fleet, sign new widebody orders, su Airbus. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  51. ^ (EN) Peter Shaw-Smith, Emirates Ponders A380 Retirement Plan, su Aviation International News. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  52. ^ (EN) Max Kingsley-Jones, Emirates begins A380 retirements to support in-service fleet, su Flight Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  53. ^ (EN) A6-EDB Emirates Airbus A380-800, su www.planespotters.net. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  54. ^ (EN) Ricardo Meier, Largest A380 operator, Emirates retires first Airbus jet, su Airway, 13 giugno 2020. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  55. ^ (EN) Ben, RIP: Emirates Retires First Airbus A380, su One Mile at a Time, 30 ottobre 2020. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  56. ^ (EN) Azur Air VQ-BZY (Boeing 777 - MSN 33501) (Ex A6-EBD VP-BIN ) | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  57. ^ (EN) Rossiya EI-GES (Boeing 777 - MSN 32706) (Ex A6-EBA ) | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  58. ^ (EN) Rossiya EI-GET (Boeing 777 - MSN 32709) (Ex A6-EBL ) | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  59. ^ (EN) Emirates takes delivery of its last Boeing 777-300ER aircraft, su Emirates takes delivery of its last Boeing 777-300ER aircraft. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  60. ^ (EN) Emirates to decide by year end on Boeing or Airbus multibillion dollar order, says Sheikh Ahmed, su The National, 1º agosto 2017. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  61. ^ (EN) Boeing, Emirates Announce Commitment for 40 787-10 Dreamliners, su MediaRoom. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  62. ^ (EN) David Kaminski-Morrow, DUBAI: Emirates set to push 787-10 backlog over 200, su Flight Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  63. ^ (EN) Pontifications: 787-10 engines too small for Emirates, su Leeham News and Analysis, 4 febbraio 2019. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  64. ^ (EN) David Kaminski-Morrow, Emirates twinjet deal is strong consolation for Rolls-Royce, su Flight Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  65. ^ (EN) Reuters Staff, Emirates agrees with Airbus to reduce A380 order, to buy other jets, in Reuters, 14 febbraio 2019. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  66. ^ (EN) Aaron Hilsz-Lothian, Emirates removes Boeing 787 from order book, announces 2018-19 results (UPDATED), su SamChui.com, 10 maggio 2019. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  67. ^ (EN) Marisa Garcia, Airbus Books $16 Billion Order For 50 A350XWB From Emirates, su Forbes. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  68. ^ (EN) Max Kingsley-Jones, A350 order confirms Emirates A380 cancellation, su Flight Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  69. ^ (EN) Aya Batrawy, Emirates to get 30 Boeing 787 Dreamliners for US$8.8 billion, su CTVNews, 20 novembre 2019. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  70. ^ (EN) David Kaminski-Morrow, Emirates to take 30 787-9s and trims 777X deal, su Flight Global. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  71. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A340-541 A6-ERG Melbourne-Tullamarine Airport, VIC (MEL), su aviation-safety.net. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  72. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 777-31H A6-EMW Dubai Airport (DXB), su aviation-safety.net. URL consultato il 21 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2241154387413330970005 · ISNI (EN0000 0004 1786 4673 · GND (DE1172472025 · WorldCat Identities (ENviaf-2241154387413330970005