ITA Airways

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
ITA Airways
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione11 novembre 2020 a Roma
Fondata daGoverno italiano
Sede principaleRoma
GruppoMinistero dell'economia e delle finanze
Persone chiave
  • Alfredo Altavilla (presidente)
  • Fabio Lazzerini (amministratore delegato)
SettoreTrasporto
ProdottiCompagnia aerea
Dipendenti2 800[1] (2021)
Slogan«Born in 2021»
Sito webwww.itaspa.com/
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAAZ
Codice ICAOITY[2]
Indicativo di chiamataITARROW[3]
COAI-194
Primo volo15 ottobre 2021
HubRoma-Fiumicino
Milano-Linate
Frequent flyerVolare
AlleanzaSkyTeam
Flotta52[4] (nel 2021)
Destinazioni47[5] (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

ITA Airways[6], formalmente Italia Trasporto Aereo S.p.A., è la compagnia aerea di bandiera dell'Italia, posseduta al 100% dal Ministero dell'economia e delle finanze.

Dal 15 ottobre 2021 ha sostituito la vecchia compagnia aerea di bandiera Alitalia, della quale ha acquistato il marchio[7].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società trae le sue origini nel decreto-legge 18/2020 (poi convertito in Legge 27/2020), nel quale viene autorizzata, all'articolo 79, comma 3, "la costituzione di una nuova società interamente controllata dal Ministero dell'economia e delle finanze [..] per l'esercizio dell'attività d'impresa nel settore del trasporto aereo di persone e merci". È stato previsto un primo stanziamento di 20 milioni di capitale sociale, saliti a 700 milioni nel luglio 2021[8].

Formalmente, l'azienda viene costituita con il nome Italia Trasporto Aereo S.p.A. (in sigla: ITA) il 9 ottobre 2020, con apposito decreto interministeriale che, oltre a delinearne lo statuto, provvede anche a nominare il consiglio di amministrazione e il collegio sindacale, con Francesco Caio presidente, al quale poi subentrerà Alfredo Altavilla il 17 giugno 2021, e Fabio Lazzerini come amministratore delegato.[senza fonte]

Una nuova compagnia di bandiera[modifica | modifica wikitesto]

ITA Airways nasce per dotare l'Italia di una compagnia di bandiera a seguito del termine dell'amministrazione straordinaria di Alitalia, dalla quale la Commissione europea ha chiesto una chiara discontinuità, al fine di autorizzare il governo italiano a costituire una nuova società pubblica per il trasporto aereo. Tale risoluzione è stata assunta anche in virtù della conclusione raggiunta dalla stessa Commissione europea di dichiarare illegale il prestito ponte di 900 milioni di euro concesso ad Alitalia nel 2017 dall'Italia e che deve essere restituito da Alitalia in amministrazione straordinaria e non da ITA, proprio in virtù della discontinuità economica.

Tra le altre condizioni previste, si riporta la necessità di riduzione del perimetro operativo, andando a coprire solo le tratte più redditizie di Alitalia (per un totale di 39 destinazioni, contro le 100 coperte da Alitalia al 2021) e non quelle dal risultato negativo, operando infatti con una flotta iniziale di 52 aerei Airbus (rilevata al prezzo di 1 euro[9][10], 45 per il medio-corto raggio e 7 per il lungo raggio[11]), 28 in meno rispetto a quelli posseduti da Alitalia al 2021, e 2 800 dipendenti.

Conseguentemente alla riorganizzazione di flotta e network, ITA non rileverà direttamente tutti gli slot e i diritti di volo precedentemente detenuti da Alitalia, ma solo quelli funzionali e commisurati alla sua nuova capacità di volo (anche in questo caso con una corresponsione di un prezzo di mercato); in particolare, ITA utilizzerà l'85% degli slot ex Alitalia di Milano Linate ed il 43% di quelli di Roma Fiumicino[12]. I restanti rimarranno ad Alitalia, che, dopo l'inizio dell'esercizio commerciale dei voli ITA, li restituirà ad Assoclearance, l'ente italiano preposto alla loro assegnazione[13][14].

I primi due aerei con la scritta "Operated by ITA" sulla fusoliera sono stati EI-EJN (Airbus A330) ed EI-EIB (Airbus A320)[15][16]. ITA, non potendo acquisire direttamente il brand Alitalia, lo ha comprato il 14 ottobre 2021 per 90 milioni di euro, insieme al relativo dominio internet, a seguito di una gara promossa dall'amministrazione straordinaria di Alitalia[17]. Anche i rami d'azienda handling e servizi a terra saranno sottoposti a gare d’acquisto[quando?]. Non potrà invece acquisire Alitalia Loyalty e il suo programma “Millemiglia”, che sarà messo all'asta dall'amministrazione straordinaria di Alitalia, a cui ITA non potrà partecipare.

I passeggeri di tutti i voli Alitalia previsti per date successive al 15 ottobre, quindi non più effettuati dalla storica compagnia ormai chiusa, non sono reindirizzati su voli ITA, ma riceveranno un rimborso dal governo italiano, che ha creato un apposito fondo con 100 milioni di euro di dotazione[18].

L'inizio delle attività[modifica | modifica wikitesto]

La data di inizio operazioni per ITA è stata il 15 ottobre 2021[19]; il primo volo della compagnia è decollato da Milano-Linate ed è atterrato a Bari-Palese la mattina del 15 ottobre[20], come volo AZ1637/ITY1637 con la macchina EI-IKU[21]. Il 4 novembre 2021 è decollato il primo volo intercontinentale da Roma-Fiumicino a New York-JFK, tratta effettuata con la macchina EI-EJH come volo AZ608/ITY608.

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

A novembre 2021 il Network di ITA Airways conta 47 destinazioni dall'hub principale, Roma-Fiumicino, e dall'aeroporto di Milano-Linate.

In Italia opera voli nelle seguenti città:


Opera poi voli verso le seguenti destinazioni in Europa, Nord Africa e Medio Oriente:


Le destinazioni intercontinentali sono invece:


¹ Destinazioni raggiungibili a partire da marzo 2022

² Destinazioni raggiungibili a partire da aprile 2022

³ Destinazioni raggiungibili a partire da giugno 2022

⁴ Destinazioni raggiungibili a partire da luglio 2022

⁵ Destinazioni raggiungibili a partire da agosto 2022

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Ad ottobre 2021, la flotta di ITA Airways risulta composta dai seguenti aeromobili[4][22][23]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
J Y+ Y Totale
Airbus A220 22 TBA Consegne dal 2022. 15 in leasing da Air Lease Corporation, 7 acquistati direttamente da Airbus.
Airbus A319-100 18 32 112 144 Tutti in livrea Alitalia.
Airbus A320-200 24 174 174 25 in livrea Alitalia. EI-DSZ in livrea Air One, EI-EIB in livrea "Born in 2021"[16]. Nel gennaio 2022 un Airbus A320 sarà dipinto in livrea ITA Airways.
3 180 180
Airbus A320neo 19 TBA Consegne dal 2022. 2 in leasing da Air Lease Corporation, 11 acquistati direttamente da Airbus.
Airbus A321neo 20 TBA Consegne dal 2022. In leasing da Air Lease Corporation.
Airbus A330-200 7 20 17 219 256 Tutti in livrea Alitalia .
Airbus A330-900neo 15 TBA Consegne dal 2022. 5 in leasing da Air Lease Corporation, 10 acquistati direttamente da Airbus.
Airbus A350-900XWB 8 TBA Consegne dal giugno 2022. In leasing da Air Lease Corporation
Totale 52 84

Piani di sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

ITA ha avviato le operazioni di volo con una flotta di 7 aerei a fusoliera larga e 45 a fusoliera stretta, tutti provenienti dalla flotta di Alitalia. La compagnia prevede di espandere la flotta a 78 aerei entro il 2022[24].

Il 30 settembre 2021, ITA ha annunciato di aver raggiunto un accordo con Airbus, selezionato come unico fornitore di aeromobili, per l'acquisto di 10 Airbus A330neo, 11 Airbus A320neo e 7 Airbus A220. La compagnia ha dichiarato che noleggerà altri 56 aerei di nuova generazione tra cui A220, A320neo, A321neo, A330neo ed A350, ed ha annunciato un primo accordo con il lessor Air Lease Corporation per l'affitto dei primi 31 aerei. Le consegne inizieranno entro il primo trimestre del 2022. ITA ha dichiarato di volersi avvalere di non più di sei società di leasing, la metà di quelle utilizzate da Alitalia[23][25][26].

Per il 2025, ITA Airways prevede di portare le dimensioni della flotta a 105 velivoli, di cui il 70% di nuova generazione. Per questa scadenza è considerato l'acquisto di nuovi Airbus A321XLR per operare rotte a lungo raggio a scarsa domanda, come Accra, Dakar e Lagos in Africa e Gedda, Riad e Kuwait City in Medio Oriente[27].

Alleanze[modifica | modifica wikitesto]

ITA Airways fa parte dell'alleanza globale SkyTeam dal 29 ottobre 2021 e di SkyTeam Cargo dal 17 novembre 2021.

Accordi commerciali[modifica | modifica wikitesto]

ITA Airways ha siglato accordi di code sharing con le seguenti compagnia aeree

Logo e livrea[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2020 comparve per la prima volta il logo di Italia Trasporto Aereo composto dalla sigla ITA con le prime due lettere colorate di verde e la terza a richiamare il tricolore con le bande orizzontali in una «A» che ricorda anche la coda di un velivolo[28]. Tale logo è inizialmente presente anche nel sito internet della compagnia che a settembre 2021 inizia a vendere i biglietti post chiusura di Alitalia.

La sera del 14 ottobre la newco acquistò il marchio "Alitalia", tuttavia il giorno seguente venne presentato il nuovo marchio definitivo della compagnia aerea, che diventa ITA Airways. Il logo presenta le tre lettere in verde eccetto la parte orizzontale della A in rosso, a ricordare il vecchio brand Alitalia, e la scritta "AIRWAYS" in verde sotto di esse. Marchio e nome della ex compagnia di bandiera, vennero acquisiti per garantire una transizione ordinata verso la nuova azienda, per poter essere utilizzato in eventuali future operazioni di marketing e anche per evitare che venisse rilevato da compagnie aeree concorrenti[29][30].

L'acquisizione ha impattato anche nella scelta delle livree: eccetto un aeromobile Airbus A320, riverniciato completamente di bianco eccetto una scritta tricolore Born in 2021 sulla fusoliera, nella prima fase ITA viaggia con gli aerei ereditati da Alitalia, i quali hanno così potuto mantenere la livrea preesistente che vede l'iconica A tricolore in coda. Dal 2022 con l'arrivo dei nuovi aeromobili acquistati dalla nuova azienda farà l'esordio la nuova livrea con una colorazione azzurra per la fusoliera e bianca per le ali, il logo "ITA Airways" in oro bianco con parte della lettera A di colore rosso e il tricolore italiano all'estremità della coda[31][32][33].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alitalia diventa Ita e può decollare con 52 aerei e 2.800 dipendenti, su huffingtonpost.it. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  2. ^ (EN) Cathy Buyck, Alitalia Successor ITA Moves Closer to Mid-October Launch, su Aviation International News. URL consultato il 23 agosto 2021.
  3. ^ The Aviation Codes Website - Airline Codes beginning with, su www.avcodes.co.uk. URL consultato il 23 agosto 2021.
  4. ^ a b ITA Airways Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  5. ^ adnkronos.com, https://www.adnkronos.com/alitalia-addio-ecco-ita-airways-con-livrea-azzurra_3kT88tGPvj0FceTFHyJTBP.
  6. ^ Sito della società
  7. ^ Leonard Berberi, La vecchia Alitalia rinasce come Ita Airways (e cambia colore), su Corriere della Sera, 15 ottobre 2021. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  8. ^ Ita, aumento di capitale da 700 milioni. Altavilla: "Passo importante per il decollo", in La Repubblica. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  9. ^ ansa.it
  10. ^ repubblica.it
  11. ^ Alitalia smette di volare il 14 ottobre. Ok di Bruxelles a Italia Trasporto Aereo, in Corriere della Sera. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  12. ^ Vi racconto la guerra degli slot Alitalia lanciata da Ryanair, easyJet e Wizz Air, su startmag.it. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  13. ^ Ita-Alitalia, il governo si corregge. E peggiora, in Il Manifesto. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  14. ^ Low cost, offensiva per gli slot di Alitalia, su iusletter.com. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  15. ^ Ita-Alitalia, ecco l’Airbus A330 noleggiato per avviare le operazioni, in Corriere della Sera. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  16. ^ a b Ita-Alitalia, spunta l’aereo con la livrea speciale per l’avvio della newco, in Corriere della Sera. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  17. ^ Gianni Dragoni, Ita conquista il marchio Alitalia, accordo raggiunto per 90 milioni, su ilsole24ore.com, 14 ottobre 2021.
  18. ^ Alitalia, fondo da 100 milioni per il rimborso dei biglietti post 14 ottobre 2021, in La Stampa. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  19. ^ Ita, il 15 ottobre il primo volo: ecco quanto costano i biglietti, in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  20. ^ Ita, atterrato il primo volo. Ma la compagnia "veste" ancora Alitalia, in La Repubblica. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  21. ^ corriere.it
  22. ^ COMUNICATO STAMPA 15 ottobre 2021 - "NASCE ITA AIRWAYS", su itaspa.com. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  23. ^ a b (EN) Air Lease Corporation Announces Lease Placement of 31 New Airbus Aircraft with ITA, su airleasecorp.com. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  24. ^ Chi Siamo - ITA Airways, su itaspa.com.
  25. ^ (EN) Italy's ITA selects Airbus for comprehensive fleet renewal, su ch-aviation. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  26. ^ (EN) Kochan Kleps, Sidestick Tops Yoke: ITA to Takeoff with Airbus Fleet, su Airways Magazine, 30 settembre 2021. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  27. ^ Leonard Berberi, Ita, così sarà la nuova flotta: più sedili negli aerei e 3 classi sui voli lunghi, su Corriere della Sera, 9 gennaio 2021. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  28. ^ Leonard Berberi, Nuova Alitalia, pronto il piano industriale (e spunta il logo della newco), su Corriere della Sera, 17 dicembre 2020. URL consultato il 22 ottobre 2021.
  29. ^ Ita, il presidente Altavilla: attenti ai soldi dei contribuenti, è nostro obbligo, su Tgcom24. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  30. ^ Marco Dell'Aguzzo, Alitalia, ecco fini e sogni di Ita Airways, su Startmag, 15 ottobre 2021. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  31. ^ Leonard Berberi, La vecchia Alitalia rinasce come Ita Airways (e cambia colore), su Corriere della Sera, 15 ottobre 2021. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  32. ^ grossi, Alitalia addio, ecco Ita Airways: livrea azzurra, aerei e voli, su Adnkronos, 15 ottobre 2021. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  33. ^ Il nuovo look di Ita Airways: livrea azzurra, tricolore sulla coda, su euronews, 15 ottobre 2021. URL consultato il 15 ottobre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]