Mistral Air

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mistral Air
Logo Mistral Air.png
Boeing 737-36E(QC), Mistral Air JP7384029.jpg
Codice IATA M4
Codice ICAO MSA
Identificativo di chiamata MISTRAL WINGS
Descrizione
Hub postale: Brescia-Montichiari
Basi Roma-Fiumicino
Flotta 8
Azienda
Tipo azienda Società a responsabilità limitata
Fondazione 1981 a Roma
Stato Italia Italia
Sede Roma
Gruppo Poste italiane
Persone chiave Massimo Zunino (Presidente)
Rosario Fava (Amministratore delegato)
Bud Spencer (Fondatore)
Sito web www.mistralair.it
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Un Boeing 737-300 con la vecchia livrea

La Mistral Air è una compagnia aerea con sede a Roma, proprietà di Poste italiane,[1] che svolge attività cargo e di linea.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Venne fondata nel 1981 dall'attore Bud Spencer e diventò operativa nel 1984. Fino al 2002 è appartenuta all'azienda olandese TNT per cui svolgeva operazioni di trasporto merci, prima che TNT vendesse il 75% delle azioni a Poste italiane.[3]

Dal 2005 il gruppo Poste italiane ne è divenuto l'azionista unico.[1]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Mistral Air opera per conto della capogruppo Poste Italiane il trasporto postale notturno, utilizzando gli aeromobili Boeing 737-300 QC, Boeing 737-400 e ATR 72-200; durante tutte le settimane dell'anno, dal lunedì al giovedì, operando voli notturni per l'hub postale di Brescia Montichiari. Opera anche nel settore del trasporto delle merci mediante un'unità organizzativa dedicata al cargo e nel 2013 ha trasportato oltre 16.000 tonnellate di merce. Mistral Air inoltre allestisce voli charter cargo on demand.

Mistral Air è uno dei maggiori operatori charter a medio raggio presenti sul mercato[senza fonte]. Opera voli per i principali Tour Operator con destinazioni leisure e religiose. Le principali destinazioni sono: mar Rosso, Canarie, Isole Greche, Baleari, Russia, Tunisia, Spagna, Francia, Marocco, Terra Santa, Lourdes, Medjugorjie (Mostar) e le principali città europee. Dal nord Europa Mistral Air opera voli per i turisti in arrivo in Italia.

Mistral Air opera voli di linea da diversi aeroporti italiani ed i biglietti per questi voli si possono acquistare direttamente sul sito internet di Mistral Air oppure nelle agenzie di viaggio.

Dal giugno 2014 Mistral Air opera per conto di Alitalia con aeromobili ATR 72-212A (AT75) diverse rotte interne, particolarmente quelle necessarie a garantire la continuità territoriale con le isole di Pantelleria e Lampedusa.

L'utilizzo della flotta di Mistral Air su collegamenti di Alitalia rappresenta l'accordo di cooperazione industriale e di sviluppo delle sinergie fra Alitalia CAI e Poste Italiane, a seguito dell'investimento di Poste italiane nel capitale azionario attraverso una mid - company (MidCo) durante il transito da CAI (Compagnia Aerea Italiana) a SAI (Società Aerea Italiana) di cui fanno parte gli ex azionisti di CAI ed Etihad Airways al 49% e che quindi si configura nella nuova Alitalia-Etihad.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

La flotta Mistral Air, a luglio 2016, è composta da un ATR-72 all cargo, quattro ATR-72 passeggeri, due Boeing 737-300QC con cabina convertibile da passeggeri a cargo e un Boeing 737-400.

Le seguenti compagnie con i relativi aeromobili operano per Mistral Air in regime di wet lease:[4]

L'età media della flotta è di 18,1 anni.[5]

Flotta Mistral Air
Aeromobile In Servizio In Ordine Passengeri/Cargo Note
ATR72-212 1 Cargo
ATR72-212A 4 78 Questi aeromobili volano in wet lease per conto di Alitalia
Boeing 737-300QC 2 148/Cargo La versione QC (Quick Change) del 737 ha un portellone per il carico e scarico merci sul lato anteriore sinistro della fusoliera. Gli arredi passeggeri possono essere rapidamente rimossi per le operazioni all cargo
Boeing 737-400 1 168
Totale 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sezione Compagnia del sito mistralair.it.
  2. ^ Sito della Compagnia.
  3. ^ (EN) "Directory: World Airlines". Flight International: p. 51. 2007-04-10.
  4. ^ Sito ufficiale Mistral Air - sezione flotta, www.mistralair.it. URL consultato il 27 settembre 2015.
  5. ^ (EN) Età media flotta Mistral Air, http://www.planespotters.net. URL consultato il 27 gennaio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]