Minerva Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Minerva Airlines
StatoItalia Italia
Fondazione1º settembre 1996 a Catanzaro
Sede principaleCatanzaro
SettoreTrasporto
Prodottitrasporti aerei
Sito web
Minerva Airlines
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAN4
Codice ICAOMTC
Identificativo di chiamataAir Minerva
Descrizione
HubAeroporto di Trieste-Ronchi dei Legionari
Hub secondariAeroporto di Genova-Cristoforo Colombo
Aeroporto di Napoli-Capodichino
Azienda
Fondazione1996
Chiusura25 ottobre 2003
SedeCatanzaro
Sito web
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Un Dornier 328-110 di Minerva Airlines, in livrea Alitalia, fotografato nel 2001 all'aeroporto di Nizza
Un Dornier 328-110 di Minerva Airlines, in livrea Alitalia, fotografato nel 2004 all'aeroporto di Innsbruck

Minerva Airlines era una compagnia aerea italiana fondata nel 1996 a Catanzaro e avente base operativa presso l'aeroporto di Padova[1] fino al 1997[2] e dal 1998 presso l'aeroporto di Trieste-Ronchi dei Legionari[3]. Svolgeva il servizio di Charter e di trasporto passeggeri per Alitalia utilizzando Dornier 328-110.[4]

Nei primi anni di attività la Compagnia conobbe una fase di sviluppo grazie ad una gestione aziendale ridotta ma efficace, in seguito, a partire dal 1998 diventò partner di Alitalia per molte rotte nazionali ( 14 linee e 400 voli settimanali [5]) ed europee. In seguito alla crisi che nel 2002 colpì il vettore di bandiera, per cui Minerva operava in toto, unita a difficoltà di gestione amministrativa, il 25 ottobre 2003 Minerva Airlines venne dichiarata fallita dal tribunale di Catanzaro.[6] Nel 2004 Alitalia dichiarò che Minerva Airlines avrebbe potuto riprendere il servizio per conto di Alitalia Express utilizzando degli ATR 42-300, ma il progetto non venne mai portato a termine.

Il 16 aprile 2012 il Tribunale di Catanzaro ha dichiarato il non luogo a procedere per intervenuta prescrizione nei confronti dei quattro componenti del consiglio d'amministrazione della compagnia che erano stati chiamati a rispondere dell'imputazione di bancarotta preferenziale.[7]

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Queste le destinazioni di Minerva Airlines nel 1998, anno della stipula dell'accordo di collaborazione con Alitalia[8]

Italia Italia
Svizzera Svizzera

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Alla data di cessazione delle attività, la flotta di Minerva Airlines era così composta:[9]

Flotta di Minerva Airlines
Aereo In Servizio Ordini Passeggeri Note
C Y Totale
Dornier 328-110 10 31 31
ATR 42-320 1 - - In leasing da Italy First
Totale 11

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 25 febbraio 1999 il volo AZ1553 operato da Minerva Airlines e proveniente da Cagliari, ha oltrepassato la soglia della pista dell'aeroporto di Genova, terminando la corsa in mare. Tre passeggeri ed un membro dell'equipaggio hanno perso la vita nell'incidente.[10][11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Minerva Airlines, su aeromedia.it. URL consultato il 12 aprile 2017.
  2. ^ Aereo cade in mare: quattro morti e 27 feriti, su sudnews.it. URL consultato il 12 aprile 2017.
  3. ^ Scheda Associate - Minerva Airlines S.p.a., su assaereo.it. URL consultato il 1 agosto 2016.
  4. ^ Minerva Airlines: nuovo vettore regionale italiano, su aeromedia.it, settembre 1996. URL consultato il 1 agosto 2016.
  5. ^ :: Assaereo :: Scheda Minerva Airlines S.p.a., su www.assaereo.it. URL consultato il 12 aprile 2017.
  6. ^ Stop da domani a minerva airlines su aeroporto Trieste, su archivio.agi.it, 25 ottobre 2003. URL consultato il 1 agosto 2016.
  7. ^ Catanzaro, fallimento Minerva Airlines: finisce tutto in prescrizione, su ildispaccio.it, 16 aprile 2012. URL consultato il 18 luglio 2016.
  8. ^ Provvedimento n. 6794 ( I348 ) ALITALIA/MINERVA AIRLINES (pdf), su agcm.it. URL consultato il 1 agosto 2016.
  9. ^ (EN) Minerva Airlines Fleet Details and History, su planespotters.net. URL consultato il 1 agosto 2016.
  10. ^ (EN) Accident description, su aviation-safety.net. URL consultato il 1 agosto 2016.
  11. ^ L' aereo affonda in mare, su ricerca.repubblica.it, 26 febbraio 1999. URL consultato il 1 agosto 2016.