Lauda Air Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lauda Air Italia
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione18 settembre 1991
Fondata daNiki Lauda-Lauda Air
Chiusurasettembre 2005 (integrazione in Livingston Energy Flight)
Sede principaleVizzola Ticino
GruppoLivingston Aviation Group (dal marzo 2003)
SettoreTrasporto
Prodottiaviazione civile
Dipendenti415[1] (2000)
Compagnia aerea charter
Codice IATAL4
Codice ICAOLDI
Indicativo di chiamataLauda Italy
HubMilano-Malpensa
AlleanzaLivingston
Flotta3 (nel 2005)
Destinazioni17 (nel 2005)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La Lauda-air S.p.A. (Lauda Air Italia) è stata una compagnia aerea italiana fondata nel settembre 1991 da Niki Lauda, passata sotto il controllo della holding Livingston Aviation Group, è stata assorbita dalla Livingston SpA nel settembre del 2005.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'amministratore delegato che è stato al timone per quasi tutta l'attività della compagnia è l'Ing. Andrea Molinari.

Lauda Air Italia iniziò le operazioni come distaccamento dell'austriaca Lauda Air con un solo aeromobile Boeing 767-300ER, per poi iniziare ad operare rotte proprie ed incrementando la flotta fino a 4 velivoli di lungo raggio Boeing 767. Dopo l'assorbimento da parte della compagnia Livingston nel 2005, i B767 furono sostituiti da 3 Airbus A330-200.

Operava più che altro voli charter di lungo raggio nella zona caraibica (Messico, Repubblica Dominicana, Giamaica, Cuba), in Africa in paesi come Kenya e Tanzania e nell'Oceano Indiano (Maldive). Nei periodi di maggior richiesta da parte dei tour operator venivano operati anche voli di corto/medio raggio prevalentemente per il Mar Rosso e anche voli per Ibiza.

Col passaggio di mano al Gruppo Ventaglio, la compagnia Livingston ha ottenuto dal gruppo Austrian Airlines (acquirente della "casa madre") il diritto di continuare a utilizzare il marchio Lauda a tempo indeterminato.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione della flotta
  • da febbraio 2003:
    • B767-300 OE-LAT Enzo Ferrari (cn 25273/393) • (Amadeus Class 24 / Economy Class 234)
    • B767-300 OE-LAW Ayrton Senna (cn 26417/448) • (Amadeus Class 24 / Economy Class 234)
    • B767-300 OE-LAX James Dean (cn 27095/467) • (Amadeus Class 24 / Economy Class 234)
  • da dicembre 2003:
    • B767-300 OE-LAT Enzo Ferrari (cn 25273/393) • (Amadeus Class 24 / Economy Class 234)
    • B767-300 OE-LAW Ayrton Senna (cn 26417/448) • (Amadeus Class 24 / Economy Class 234)
    • B767-300 I-LLAG George Harrison (cn 25137/377) • (Amadeus Class 24 / Economy Class 234) livrea mista Lauda-Livingston
    • A330-200 I-LIVM Playa Maroma (cn 551) • (24 Jacaranda Class / 248 Economy Class)
  • da giugno 2004:
    • B767-300 OE-LAT Enzo Ferrari (cn 25273/393) • (Amadeus Class 24 / Economy Class 234)
    • B767-300 I-LLAG George Harrison (cn 25137/377) • (Amadeus Class 24 / Economy Class 234) livrea mista Lauda-Livingston
    • A330-200 I-LIVM Playa Maroma (cn 551) • (24 Jacaranda Class / 248 Economy Class)
    • A330-200 I-LIVN Gran Dominicus (cn 597) • (24 Jacaranda Class / 248 Economy Class)
  • da ottobre 2004:
    • A330-200 I-LIVM Playa Maroma (cn 551) • (24 Jacaranda Class / 248 Economy Class)
    • A330-200 I-LIVN Gran Dominicus (cn 597) • (24 Jacaranda Class / 248 Economy Class)
    • A330-200 I-LIVL Andilana (cn 627) • (24 Jacaranda Class / 248 Economy Class)
Riepilogo aeromobili utilizzati

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]