Austrian Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Austrian Airlines
Logo
Boeing 777-200ER Austrian SYD.jpg
StatoAustria Austria
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione30 settembre 1957
Sede principaleVienna
GruppoLufthansa Konzern
Persone chiaveKay Kratky CEO
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Dipendenti6 021 (2015)
Slogan«the charming way to fly»
Sito web
Compagnia aerea maggiore
Codice IATAOS
Codice ICAOAUA
Indicativo di chiamataAUSTRIAN
Primo volo31 marzo 1958
HubVienna-Schwechat
Frequent flyerMiles & More
AlleanzaStar Alliance
Flotta83 (nel 2018)
Destinazioni130 (Austrian Airlines Group) (nel 2018)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
La sede di Austrian Airlines

Austrian Airlines è la principale compagnia aerea austriaca, con sede a Vienna.

Nata inizialmente come compagnia di bandiera dell'Austria ma successivamente privatizzata e acquistata interamente da Lufthansa, opera su rotte nazionali, internazionali ed intercontinentali.

Il suo hub principale è l'Aeroporto di Vienna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Austrian Airlines fu formata dalla fusione di Air Austria e Austrian Airways,[1][2] il 30 settembre 1957 e il primo volo, operato con un Vickers Viscount 779 da Vienna a Londra, avvenne il 18 marzo 1958.

Le rotte nazionali iniziarono il 1º maggio 1963. I voli transatlantici iniziarono il 1º aprile 1969 con un volo da Vienna a Brussels a New York in cooperazione con Sabena.

Divenne membro della Star Alliance nel 2000 e acquistò la Lauda Air lo stesso anno, successivamente, acquistò anche la Rheintalflug il 15 febbraio 2001.

Nel 2007 inizia il processo di privatizzazione e nel settembre del 2009 la Austrian Airlines venne acquistata interamente da Lufthansa.[3]

Nel luglio 2012, a fronte di un progetto di razionalizzazione dei costi, la Austrian Airlines trasferisce l'intera flotta e personale di volo alla sussidiaria regionale Tyrolean Airways. Dal 1º luglio 2012 tutti i voli sono operati da Tyrolean sotto marchio Austrian.[4]

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli obiettivi principali della rete di collegamenti dell'Austrian Airlines è l'Europa dell'Est ed il Medio Oriente, gran parte del quale è operato dalla controllata Tyrolean. Nel 2006, in un'operazione atta a risparmiare circa 51 milioni di dollari all'anno, l'Austrian Airlines decise di eliminare la sua flotta di A330 e A340, che consisteva di quattro Airbus A330-200 (OE-LAO, OE-LAN, OE-LAM, OE-LAP), due Airbus A340-200 (OE-LAH e OE-LAG) e due Airbus A340-300 (OE-LAL e OE-LAK). Alcuni di questi velivoli sono stati venduti alle compagnie aeree TAP Portugal, Swiss ed all'Armée de l'air, l'aeronautica militare francese. La minor capacità di poter operare su rotte a lungo raggio ebbe come conseguenza la sospensione di alcuni dei suoi voli verso l'Asia orientale e l'Australia. I voli diretti a Shanghai vennero sospesi nel gennaio 2007, mentre per i voli verso Phuket, Mauritius e Colombo e Malé nell'aprile successivo, quindi quelli per Kathmandu nel maggio dello stesso anno.[5] Il marzo 2007 ha visto la conclusione del più lungo volo operato dalla compagnia aerea, il Vienna-Singapore-Melbourne ed il Vienna-Kuala Lumpur-Sydney, terminando l'utilizzo della Kangaroo Route. Questa è stata l'ultima compagnia aerea europea a collegare la città di Melbourne con rotte dirette verso l'Europa. L'Austrian è stata una delle poche compagnie aeree[6] ad effettuare voli di linea nell'Iraq alla conclusione delle ostilità collegando l'Europa ad Arbil[7] nel dicembre 2006.[8] Tuttavia, i voli da e per Arbil vennero interrotti già l'anno successivo per essere ripresi solo dal 2 aprile 2008.

Accordi commerciali[modifica | modifica wikitesto]

A marzo 2018 Austrian Airlines ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie[9][10]:

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A320-200 di Austrian Airlines con la vecchia livrea.
Un Boeing 767-300ER di Austrian Airlines.
Un Boeing 777-200ER di Austrian Airlines
Un Bombardier Dash 8-Q400 di Austrian Airlines.

La flotta di Austrian Airlines a marzo 2018 consiste nei seguenti aeromobili[11][12]:

Flotta Austrian Airlines
Aeromobile In Servizio Ordini Passeggeri Note
J W Y Totale
Airbus A319-100 7 var. 138
Airbus A320-200 23 var. 174 OE-LBO in retro livery

OE-LBX e OE-LBZ in livrea Star Alliance

180 Provenienti da Air Berlin
Airbus A321-100 3 var. 200 OE-LBA in livrea myDreamteam
Airbus A321-200 3 var.
Boeing 767-300ER 6 26 18 167 211
36 178 214
26 199 225
Boeing 777-200ER 6 48 260 308 OE-LPD in livrea my Sound of Austria
264 312
Bombardier Q400 18 76 76 4 operati per conto di Swiss International Air Lines

OE-LGQ, OE-LGP, OE-LGR, OE-LGO in livrea Star Alliance.

Embraer 195 17 var. 120 OE-LWH in livrea Star Alliance.
Totale 83 0
Un Fokker F70 di Austrian Airlines.
Un McDonnell Douglas MD-82 di Austrian Airlines.
Un Boeing 737-800 di Austrian Airlines.
Un Airbus A340-200 di Austrian Airlines nella vecchia livrea.

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni Austrian Airlines ha operato con i seguenti modelli di aeromobili[13]:

Flotta storica di Austrian Airlines
Aereo Introduzione Ritiro Note
Airbus A310-300 1988 2004
Airbus A319-100 2004
Airbus A320-200 1998
Airbus A321-100 1995
Airbus A321-200
Airbus A330-200 1998 2007 Ceduto a TAP Portugal
Airbus A340-200 1995 2007 Ceduto a French Air Force
Airbus A340-300 1997 2007 Ceduto a Swiss International Air Lines
Boeing 707-300 1969 1971
Boeing 737-600 2008 2012 L'ex flotta di Lauda Air
Boeing 737-700 2008 2012
Boeing 737-800 2010 2013 [14][15]
Boeing 767-300ER 2005
Boeing 777-200ER 2005
Bombardier CRJ200 1996 2010 [16][17]
Douglas DC-8-63CF 1973 1974 [18]
Embraer ERJ-195 2015 [19]
Fokker 50 1988 1996
Fokker 70 1995 2017[20] Sostituiti dagli Embraer 195
Fokker 100 2004 2017[21] Sostituiti dagli Embraer 195
McDonnell Douglas DC-9-32 1971 1990
McDonnell Douglas DC-9-51 1975 1985
McDonnell Douglas MD-11 N.D. N.D.
McDonnell Douglas MD-81 1980 1999
McDonnell Douglas MD-82 1983 2005
McDonnell Douglas MD-83 1993 2005
McDonnell Douglas MD-87 1987 2005
Sud Aviation SE-210 Caravelle 1963 1973
Vickers Viscount 1958 1971

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elisabetta Benelli, Progettare il volto delle istituzioni: L'immagine coordinata per i servizi, gli enti e le associazioni sportive, Firenze, Altralinea, 2015, p. 66, ISBN 978-88-98939-06-0, OCLC 919430430. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  2. ^ (EN) Paula Sutter Fichtner, Historical dictionary of Austria, Lanham, Scarecrow Press, 2009, p. 310, ISBN 0-8108-6310-3, OCLC 960887285. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  3. ^ (EN) Green Light for Merger of Austrian Airlines and Lufthansa, su breakingtravelnews.com. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  4. ^ (EN) Centre for Aviation, Austrian Airlines enacts operational transition to Tyrolean Airlines, su centreforaviation.com, 3 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  5. ^ (EN) Austrian Airlines suspends several routes, in Airliner World, gennaio 2007.
  6. ^ Where Iraq Works, in Time, 5 aprile 2007. URL consultato il 25 aprile 2010.
  7. ^ Charles Starmer-Smith, Austrian Airlines launches flights to Iraq (XML), in The Daily Telegraph (London), 14 novembre 2006. URL consultato il 25 aprile 2010.
  8. ^ (EN) Austrian Airlines starts scheduled flights to Iraq, su news.oneindia.in, 12 dicembre 2006. URL consultato il 25 giugno 2011.
  9. ^ (DE) Austrian Airlines, Austrian Airlines - Mitglied der Star Alliance, su www.austrianairlines.ag. URL consultato il 23 marzo 2018.
  10. ^ https://www.austrian.com/Info/Partners/CodesharePartners.aspx?sc_lang=it&cc=IT, su www.austrian.com. URL consultato il 23 marzo 2018.
  11. ^ (EN) Austrian Airlines Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 23 marzo 2018.
  12. ^ Austrian Airlines Fleet | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 23 marzo 2018.
  13. ^ Austrian Airlines Fleet | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 23 marzo 2018.
  14. ^ Zur Ausmusterung der 737 bei der AUA | Austrian Wings. Austrianwings.info. Retrieved on 2013-08-20.
  15. ^ Fleet harmonisation completed on medium-haul fleet, Austrian Airlines. URL consultato il 2 aprile 2013.
  16. ^ tyrolean CRJ - Sag zum Abschied Servus | Austrian Wings. Austrianwings.info. Retrieved on 2014-01-14.
  17. ^ Austrian führt allerletzten CRJ-Passagierflug durch | Austrian Wings. Austrianwings.info. Retrieved on 2014-01-14.
  18. ^ Airlines Douglas DC-8-63CF OE-IBO
  19. ^ (DE) Foto- und Videobericht: Ankunft des ersten AUA-Embraer E-195 in Wien, su austrianwings.info. URL consultato il 24 agosto 2016.
  20. ^ ch-aviation.com - Austrian Airlines ends Fokker 70 operations 4 August 2017
  21. ^ (DE) AUA verabschiedet Fokker-Flotte - wien.ORF.at, su wien.orf.at. URL consultato il 30 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]