Società anonima di navigazione aerea transadriatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Società anonima di navigazione aerea transadriatica
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà anonima
Fondazioneagosto 1925 a Ancona
Fondata daRenato Morandi & Junkers GmbH
Chiusuradicembre 1931, per fusione con la SAM
Sede principaleAncona, poi Venezia
SettoreTrasporto
Prodottiaviazione civile
Uno Junkers G 24ge della Transadriatica durante uno scalo all'aeroporto di Foligno; ottobre 1927.

La Società anonima di navigazione aerea transadriatica (anche semplicemente nota come Transadriatica)[1] fondata ad Ancona nell'agosto 1925, con sede trasferita a Venezia l'anno successivo, su iniziativa della Junkers GmbH,[1] è tra le prime compagnie aeree italiane per il trasporto di passeggeri.

Iniziò l'attività nel 1926 con il collegamento tra Roma e Venezia ed un collegamento con piccoli monomotore Junkers F13 per quattro passeggeri Venezia-Klagenfurt-Vienna,[2] in collaborazione con l'austriaca ÖLAG. Il servizio regolare fu inaugurato il 1º febbraio 1927 ed il successivo 19 aprile fu esteso, trisettimanalmente, fino a Vienna, con trimotori Junkers G 24ge. Uno scalo intermedio veniva a volte effettuato a Foligno.[3] Un'altra rotta tra Brindisi e Monaco di Baviera fu introdotta nel 1928 e nel 1931 fu stabilito il servizio da Roma a Monaco in collaborazione con la DLH (Deutsche Luft Hansa).

Nel dicembre 1931 la Transadriatica si fuse con la Società aerea mediterranea (SAM).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Le ali della Rondine, su veniceairportlido.com. URL consultato il 21 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2008).
  2. ^ Disegni e proposte di legge e incarti delle commissioni (1848-1943), Parlamento Italiano. URL consultato il 19 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ Vedi immagine.