Eurofly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eurofly S.p.A.
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1989 a Torino
Chiusura 27 febbraio 2010
diventa Meridiana Fly
Sede principale Milano
Persone chiave
  • Lorenzo Caprio Presidente
  • Gianni Rossi Amministratore delegato
Settore Trasporto
Prodotti trasporto aereo
Dipendenti 734 (2008)
Sito web www.eurofly.it
Eurofly
Douglas DC-9 I-FLYZ Eurofly.jpg
Compagnia aerea charter
Codice IATA GJ
Codice ICAO EEZ
Identificativo di chiamata Efly
Descrizione
Hub Aeroporto di Milano-Malpensa
Programma frequent flyer Hi Fly Frequent Flyer Program
Alleanza Meridiana
Flotta 12 Airbus (3 A330, 9 A320)
Destinazioni 22
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Eurofly era una compagnia aerea italiana, fondata nel 1989 e specializzata nei voli di linea per il tempo libero (no affari), ovvero le tradizionali destinazioni vacanza del mercato sia italiano che straniero. Oltre a servire il mercato dei maggiori operatori turistici Italiani, dal 2004 Eurofly si era posizionata anche sul mercato di attrazione per la destinazione Italia, con il progetto "New York - province italiane", con voli di linea programmati ogni estate da New York per gli aeroporti di Napoli e Palermo. Questo progetto prevedeva inoltre collegamenti di linea Mosca-Bologna e Mosca-Napoli.

Dal dicembre 2005 Eurofly veniva quotata alla Borsa valori di Milano (mercato MTA). Nel dicembre 2006 il controllo passava alla compagnia aerea Meridiana.

Il 28 febbraio 2010 la compagnia è stata integrata con Meridiana cambiando il nome in Meridiana fly.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989: viene fondata a Torino la società Eurofly S.p.A con un capitale azionario suddiviso tra Alitalia (45%), "Ing. C. Olivetti & C. S.p.A." (45%) e "San Paolo Finance S.p.A." (10%), allo scopo di avviare l'attività di operatore aereo charter specializzato nella vendita a tour operator della propria capacità focalizzata sul medio raggio.
  • 1990: inizia l'attività commerciale con il volo Malpensa-Gerona-Roma-Gerona-Malpensa per conto di Ford Italia.
  • 1998 La società decide ampliare la propria attività anche ai voli di lungo raggio.
  • 2000: Eurofly diventa la Compagnia charter ufficiale del Gruppo Alitalia.
  • 2003: Alitalia cede la quota dell'80% delle azioni di Eurofly a "Spinnaker Luxembourg" che, a luglio 2004, acquista il restante 20%.
  • 2004: Dopo l'uscita da Alitalia, Eurofly modifica il proprio logo e di conseguenza la livrea degli aeromobili, che adesso si caratterizza per una E rossa sul timone di coda .
  • 2005: Nel mese di dicembre, Eurofly si quota alla Borsa valori. Nei sei mesi successivi alla quotazione (dicembre 2005), il titolo perde circa il 40% del valore nominale di partenza.
  • 2006: Eurofly cambia proprietario. Il Fondo Spinnaker vende una quota del 29,9% che viene rilevata dalla compagnia aerea Meridiana. Cambia anche il management, come amministratore delegato al comandante Augusto Angioletti succede Gianni Rossi (già AD di Meridiana).
  • 2007: Crescono le attività di lungo raggio. Il mercato nordamericano è una della principali destinazioni del lungo raggio estivo di Eurofly, che rappresenta il principale vettore per numero di destinazioni raggiunte dall'Italia. Eurofly si conferma leader sull'Oceano Indiano, con fino a 7 voli settimanali per Maldive e il lancio dei collegamenti di linea per Mauritius e dal 2008 anche per le Seychelles.
  • 2008: La società viene ricapitalizzata con due aumenti di capitale, in seguito ai quali la partecipazione di Meridiana cresce al 46,10%.
  • 2009: Il CDA delibera di procedere all’integrazione in Eurofly del ramo d'azienda di Meridiana attivo nel settore del trasporto aereo (circa il 50% del fatturato complessivo di Meridiana).[2]
  • 2010: il 28 febbraio la Compagnia cambia nome in seguito all'integrazione con la controllante Meridiana. La nuova denominazione sociale è Meridiana fly.

[modifica | modifica wikitesto]

Eurofly è stato il vettore ufficiale della Nazionale italiana di calcio nel 2006, e ha riportato gli Azzurri vittoriosi con la coppa del mondo. Dalla stagione 2002/03 era gold sponsor dell'Inter[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Meridiana Fly, oggi il primo volo - Economia - ANSA.it
  2. ^ Relazione CDA sul sito ufficiale eurofly.it
  3. ^ Sito ufficiale Inter FC

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]