International Air Transport Association

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
International Air Transport Association
International Air Transport Association
IATA.png
Abbreviazione IATA
Tipo organizzazione internazionale di categoria
Fondazione 19 aprile 1945
Scopo «rappresentare, guidare e servire l'industria aerea»
Sede centrale Canada Montreal
Altre sedi Ginevra, Amman, Pechino, Madrid, Miami, Singapore
Area di azione mondo
DG e CEO Regno Unito Tony Tyler
Lingua ufficiale inglese
Membri 264[1] (2015)
Sito web 

La International Air Transport Association (IATA) è un'organizzazione internazionale di compagnie aeree con sede a Montréal, nella provincia del Quebec, Canada. Questa associazione unisce ed integra le varie reti di servizi delle compagnie associate permettendo, ad esempio, di poter controllare i prezzi e le disponibilità dei voli delle compagnie stesse anche da parte dei viaggiatori.

L'unione regola anche il trasporto di materiale pericoloso e pubblica lo IATA Dangerous Goods Regulations manual, fonte di riferimento universalmente accettato dalle compagnie aeree con cui materiali pericolosi vengono spediti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La IATA è stata costituita subito dopo la fine della Seconda guerra mondiale a L'Avana, prendendo il posto della precedente International Air Traffic Association. I principali obbiettivi erano quelli di assistere le compagnie aeree a

« Promuovere trasporti aerei sicuri, regolari ed economici a beneficio dell'umanità, favorire il commercio aereo e studiare i problemi connessi. »
(IATA)

Alla sua fondazione, nel 1945, la IATA contava su 57 membri di 31 nazioni diverse, principalmente in Europa e in Nord America. L'organizzazione col passare degli anni si è espansa e ha allargato anche le sue prerogative. Al 2015 conta 264 compagnie aeree di oltre 100 nazioni del mondo che trasportano più dell'83% del traffico aereo internazionale di linea[1].

Gli obiettivi della IATA sono:

  • promuovere trasporti aerei sicuri, regolari ed economici a beneficio dell'umanità, favorire il commercio aereo e studiare i problemi connessi;
  • fornire tutti i mezzi necessari per la cooperazione delle compagnie aeree che direttamente o indirettamente servono trasporti aerei internazionali;
  • cooperare con l'Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile (ICAO).

La IATA, così come la ICAO, assegna dei codici distintivi per ogni aeroporto e per le compagnie di gestione degli aeroporti stessi; questi codici sono usati correntemente: sono, ad esempio, quelli che si trovano sulle etichette che vengono applicate ai bagagli al check-in in aeroporto.

Per un migliore calcolo delle tariffe, la IATA ha diviso il mondo in 5 regioni:

L'organizzazione è stata però accusata di fare cartello, inoltre molte delle compagnie a basso costo non sono membri effettivi. La Direzione generale per la concorrenza della Commissione europea ha aperto un procedimento nei confronti di questa organizzazione.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Current Airline Members, iata.org. URL consultato il 16-04-2016.
  2. ^ The address you requested is obsolete.
  3. ^ EU/Competition - Antitrust/REGULATION 1617/93 (IATA Tariff and Slot Conferences).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN273717762 · LCCN: (ENn81038751 · ISNI: (EN0000 0001 2173 3092 · GND: (DE1011-X · BNF: (FRcb12044483v (data) · NLA: (EN35226218 · BAV: ADV12614616