Ragioneria generale dello Stato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ragioneria generale dello Stato
Stato Italia Italia
Tipo Dipartimento del Ministero dell'economia e delle finanze
Sigla RGS
Ispettorati generali 9 + 1 Servizio studi
Istituito 2008
Predecessore Ragioneria generale dello Stato (Organo del Ministero, prima della creazione dei Dipartimenti)
Ragioniere generale dello Stato Daniele Franco
Sede Palazzo delle Finanze
Indirizzo Via XX Settembre, 97
00187 Roma
Sito web www.rgs.mef.gov.it

La Ragioneria generale dello Stato (in acronimo RGS) è un Dipartimento del Ministero dell'economia e delle finanze della Repubblica Italiana.[1]

Ruolo amministrativo[modifica | modifica wikitesto]

Si occupa della predisposizione del bilancio di previsione e del rendiconto generale dello Stato (bilancio consuntivo), della tenuta della contabilità, della vigilanza sulla spesa pubblica - in particolare degli agenti contabili - e dell'accertamento delle entrate. Riveste inoltre compiti di vigilanza sull'attività finanziaria e contabile degli enti pubblici e degli enti locali (attraverso l'esame degli atti deliberativi degli enti stessi, tramite ispezioni o a mezzo di propri revisori). La Ragioneria generale dello Stato inoltre monìtora la spesa concernente il pubblico impiego, opera previsioni, stime e proiezioni correlate con le proposte legislative del governo.

Struttura organizzativa[modifica | modifica wikitesto]

È retta dal ragioniere generale dello Stato, dirigente generale con incarico di Capo Dipartimento. A livello centrale, opera attraverso gli Ispettorati, retti da dirigenti generali, e gli uffici centrali del bilancio (ex ragionerie centrali) allocati presso ogni ministero, che hanno competenza sulla contabilità dei singoli dicasteri. A livello locale opera invece attraverso ragionerie provinciali, che sovrintendono alla contabilità degli uffici territoriali dello Stato.

Elenco dei ragionieri generali dello Stato dal 1870[2][modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D.M. 05-07-2012
  2. ^ Fonte: I ragionieri generali dello Stato dal 30 marzo 1870, sito della Ragioneria generale dello Stato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]