Delta Air Lines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Delta Air Lines
DeltaAirLines Logo.svg
N647DL-2008-08-15-YVR.jpg
Compagnia aerea major
Codice IATA DL
Codice ICAO DAL
Identificativo di chiamata DELTA
Certificato di operatore aereo DALA026A
Inizio operazioni di volo 17 giugno 1929
Descrizione
Hub Atlanta
Hub secondari
Programma frequent flyer SkyMiles
Airport lounge Delta Sky Club
Alleanza SkyTeam
Flotta 841 (+157 ordini)
Destinazioni 341 (101 internazionali; 240 nazionali)
Controllate Delta Private Jets
Azienda
Tipo azienda Public company
Fondazione 1924 a Macon (Georgia)
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Sede Atlanta
Persone chiave

Richard H. Anderson (Chief Executive Officer)
Edward Bastian (Presidente)

Michael H. Campbell (Vice presidente esecutivo)
Dipendenti 80.000  (2011)
Slogan Keep Climbing
Sito web
Bilancio economico
Borse valori NYSE: DAL
Fatturato Green Arrow Up.svg US$ 9,4 miliardi  (2013)
Risultato ante oneri finanziari Green Arrow Up.svg US$ 9,4 miliardi  (2010)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La Delta Air Lines è una delle maggiori compagnie aeree degli Stati Uniti e del mondo. Opera un esteso network di collegamenti nazionali ed internazionali servendo tutti i continenti, ad eccezione dell'Antartide. Assieme alle compagnie controllate, effettua più di 4.000 voli giornalieri. Delta è inoltre la sesta più vecchia compagnia aerea tra quelle attualmente in esercizio nonché la più vecchia tra quelle americane, risalendo la sua fondazione al 1929.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Delta Air Lines con 461 destinazioni mondiali in 96 stati ha trasportato nel 2005 118.853.189 di passeggeri con un fatturato di 16 miliardi di dollari. Nel 2009 si è confermata la prima compagnia aerea del mondo in termini di passeggeri per chilometro trasportati. Attualmente è stata superata dalla rinnovata United Airlines, ma rimane la prima compagnia per dimensioni della flotta e numero di passeggeri totali trasportati.

Gli aeroporti principali utilizzati da DAL, che svolgono la funzione di 'hub', sono: Atlanta, Cincinnati, New York-JFK, Salt Lake City, Amsterdam, Memphis, Tokyo Narita. Nel 1991, ha rilevato molti assets e la maggior parte delle rotte europee della Pan Am che aveva dichiarato bancarotta.

In Italia Delta Air Lines opera collegamenti giornalieri dagli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e, stagionalmente, Venezia Tessèra verso l'hub della compagnia (aeroporto di Atlanta Jackson-Hartsfield) e l'aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York; da quest'ultimo, Delta opera anche un volo estivo su Pisa già dal 2007.

Delta Air Lines fa parte dell'alleanza globale SkyTeam, 'network' fondato nel 2001 che comprende, tra gli altri, il gigante europeo Air France-KLM e Alitalia.

Il 29 ottobre 2008 Delta Air Lines ha formalizzato l'acquisizione della Northwest Airlines dando vita alla più grande compagnia aerea del mondo in termini di passeggeri trasportati. Il marchio è rimasto Delta così come la sede societaria è rimasta ad Atlanta mentre l'amministratore delegato della Delta, Richard Anderson, è stato affiancato da Roy Bostock, del board di Northwest.

In precedenza la compagnia aerea US Airways ha fallito un'OPA ostile su Delta del valore di 8,6 miliardi di dollari.

Il 5 luglio 2010 Delta Air Lines si è alleata con Air France-KLM e Alitalia nei collegamenti transatlantici.

Nel 2012 Delta ha acquistato il 49% di Virgin Atlantic, rilevando le quote acquistate da Singapore Airlines nel 1998. È in corso uno studio di fattibilità per una Joint Venture transatlantica parallela a quella in vigore con Air France-KLM e Alitalia.

Un Boeing 767-300ER in vecchia livrea
La sede di Delta

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Delta Air Lines effettua viaggi con il proprio codice (quindi non in codeshare) verso le seguenti mete (sono considerati anche i voli delle compagnie associate)[1]:

Africa Meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Sudafrica Sudafrica

Africa Occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Ghana Ghana

Nigeria Nigeria

Senegal Senegal

America[modifica | modifica wikitesto]

Caraibi[modifica | modifica wikitesto]

Antigua e Barbuda Antigua e Barbuda

  • St.John's - Aeroporto Internazionale V. C. Bird

Aruba Aruba

  • Aeroporto Internazionale Regina Beatrice

Bahamas Bahamas

  • Exuma - Aeroporto Inernazionale di Exuma

Barbados Barbados

Bridgetown - Aeroporto di Bridgetown - Grantley Adams

Bonaire

  • Aeroporto Internazionale Flamingo

Giamaica Giamaica

Grenada Grenada

  • Aeroporto Internazionale Maurice Bishop

Haiti Haiti

Isole Cayman Isole Cayman

Isole Vergini americane Isole Vergini americane

Porto Rico Porto Rico

Rep. Dominicana Rep. Dominicana

Saint Kitts e Nevis Saint Kitts e Nevis

Santa Lucia Santa Lucia

Sint Maarten Sint Maarten

Turks e Caicos Turks e Caicos

America Meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Argentina Argentina

Brasile Brasile

Cile Cile

Colombia Colombia

Ecuador Ecuador

Perù Perù

Venezuela Venezuela

America Centrale[modifica | modifica wikitesto]

Belize Belize

Costa Rica Costa Rica

El Salvador El Salvador

Guatemala Guatemala

Honduras Honduras

Messico Messico

Nicaragua Nicaragua

Panama Panama

America Settentrionale (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Canada Canada

Stati Uniti Stati Uniti

Asia[modifica | modifica wikitesto]

Asia Occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Israele Israele

Asia Orientale[modifica | modifica wikitesto]

Cina Cina

Corea del Sud Corea del Sud

Giappone Giappone

Hong Kong Hong Kong Hong Kong - Aeroporto Internazionale di Hong Kong

Taiwan Taiwan

Sud Est Asiatico[modifica | modifica wikitesto]

Filippine Filippine

Singapore Singapore Singapore - Aeroporto Internazionale di Singapore Changi

Thailandia Thailandia

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Belgio Belgio

Danimarca Danimarca

Francia Francia

Germania Germania

Grecia Grecia

Irlanda Irlanda

Islanda Islanda

Italia Italia

Paesi Bassi Paesi Bassi

Regno Unito Regno Unito

Rep. Ceca Rep. Ceca

Russia Russia

Spagna Spagna

Svezia Svezia

Svizzera Svizzera

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Australia Australia

Guam Guam

Hawaii Hawaii

Palau Palau

Isole Marianne Settentrionali Isole Marianne Settentrionali

  • Aeroporto Internazionale di Saipan

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Flotta di Delta Air Lines al 3 novembre 2016[2]
Aeromobile In flotta Ordini Passeggeri Note
F J W Y Totale
Airbus A319-100 57 12 18 96 126 7 operano stagionalmente come voli charter VIP.
Airbus A320-200 69 12 18 120 150
Airbus A321-200 12 5 20 23 149 192 Consegne dal 2016 al 2018.
Airbus A330-200 11 34 32 168 234
Airbus A330-300 29 1 34 32 227 293 Consegne dal 2015 al 2017. Cliente di lancio dell'A330-300 HGW.
Airbus A330-900 25[3] TBA Cliente di Lancio. Consegne dal 2019.Rimpiazzeranno i Boeing 767-300ER.

Opereranno sulle rotte Atlantiche e Pacifiche

Airbus A350-900 25 TBA Consegne dal 2017.

Rimpiazzeranno i Boeing 747-400 che attualmente operano tra Asia e Stati Uniti.

Boeing 717-200 91 12 15 83 110 Maggior operatore di Boeing 717.

Tutti gli aeromobili saranno venduti ad AirTran e Blue1.

Boeing 737-700 12 12 18 94 124
Boeing 737-800 73 4 16 18 126 160
Boeing 737-900ER 67 4 20 21 139 180 Consegne entro il 2018. Rimpiazzeranno i Boeing 757-200 e i 767-300.
Boeing 747-400 8 48 42 286 376 Saranno rimpiazzati dagli Airbus A350-900.
Boeing 757-200 Domestic 94 22 18 141 181 Maggior operatore di Boeing 757-200. I più vecchi saranno sostituiti dal Boeing 737-900ER.

Saranno standardizzati a 199 posti

19 182
21 132 172
24 135 180
26 26 132 184
20 29 150 199
Boeing 757-200 International 18 0 16 44 108 168
Boeing 757-300 16 24 26 184 234
Boeing 767-300 6 30 28 203 261 Saranno sostituiti dal Boeing 737-900ER.
Boeing 767-300ER 58 26 29 171 226 Maggior operatore di Boeing 767-300ER.
36 143 208
32 211
Boeing 767-400ER 21 40 28 178 246 Maggior operatore di Boeing 767-400ER.
Boeing 777-200ER 8 37 36 218 291 Maggior operatore di Boeing 777-200LR assieme ad Emirates.
Boeing 777-200LR 10
Boeing 787-8 18 TBA

ordine cancellato.

Bombardier CS100 75 TBA
Embraer 190 8
McDonnell Douglas MD-88 116 16 15 128 149 Maggior operatore di McDonnell Douglas MD-88.
McDonnell Douglas MD-90-30 65 16 15 129 160 Maggior operatore di McDonnell Douglas MD-90-30.
TOTALE 841 157
La flotta della Delta Air Lines, dopo la fusione con la NWA (2011)
Aeromobile di proprietà in leasing TOTALE età media
Boeing 737-700 10 - 10 3,7
Boeing 737-800 73 - 73 11,7
Boeing 747-400 4 12 16 18,9
Boeing 757-200 86 69 155 19,2
Boeing 757-300 16 - 16 9,6
Boeing 767-300 10 5 15 21,5
Boeing 767-300ER 50 8 58 16,5
Boeing 767-400ER 21 - 21 11,6
Boeing 777-200ER 8 - 8 12,7
Boeing 777-200LR 10 - 10 3,5
Airbus A319-100 55 2 57 10,7
Airbus A320-200 41 28 69 17,6
Airbus A330-200 11 - 11 7,5
Airbus A330-300 21 - 21 7,1
McDonnell Douglas MD-88 67 50 117 22,2
McDonnell Douglas MD-90 41 8 49 15.5
Douglas DC-9 19 - 19 34,4
TOTALE 543 182 725 16,6
La flotta della Delta Air Lines, prima della fusione con la NWA[4]
Aeromobile in flotta ordinati opzionati rolling options
Boeing 737-700 4 6 - -
Boeing 737-800 71 2 60 120
Boeing 757-200 115 - - -
Boeing 757-200ER 17 - - -
Boeing 767-300c 21 - - -
Boeing 767-300ER 59 - 6 -
Boeing 767-400ER 21 - 12 -
Boeing 777-200ER 8 - - -
Boeing 777-200LR 2 8 27 11
McDonnell Douglas MD-88c 117 - - -
McDonnell Douglas MD-90 16 - - -
TOTALE 451 16 105 131
La flotta della Delta Connection, prima della fusione con la NWA[4]
Aeromobile in flotta ordinati opzionati rolling options
Bombardier CRJ-100 81 - - -
Bombardier CRJ-200 16 - 4 -
Bombardier CRJ-700 15 - 5 -
Bombardier CRJ-900 13 8 22 -
TOTALE 125 8 31

La Continental Airlines (oggi fusa con United Airlines) e la Delta Air Lines sono le uniche compagnie aeree ad utilizzare il Boeing 767-400ER, che è stato prodotto in soli 38 esemplari, 16 utilizzati dalla Continental Airlines, 21 utilizzati dalla Delta Air Lines e 1 dall'USAF.

Gli hub[modifica | modifica wikitesto]

Hub attuali[modifica | modifica wikitesto]

La Delta Air Lines opera da undici hub nazionali (con l'ottavo in apertura a luglio, 2012) e tre hub internazionali[5].

Hub precedenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Aeroporto di Chicago-O'Hare - Fino ai primi anni novanta, Delta mantenne un piccolo hub a Chicago, servendo 13 destinazioni con voli diretti dal suo nuovo Delta Flight Centre, aperto nell'estate del 1984. In questo periodo la compagnia mantenne anche una base per assistenti di volo a Chicago.
  • Aeroporto Internazionale di Dallas/Fort Worth - Nel periodo di maggiore attività da questo hub la compagnia effettuava più di 200 voli al giorno, ed era quindi il terzo hub della compagnia per importanza. Venne chiuso nel 2005.
  • Aeroporto di Francoforte sul Meno - Hub acquistato, insieme a tutta la divisione atlantica (incluso il Worldport) di questa, dalla Pan Am, che era sull'orlo della bancarotta.
  • Aeroporto di Los Angeles - Smantellato nella metà degli anni novanta, quando la compagnia decise di ricollocare la maggior parte dei suoi aerei sulla costa orientale, era precedentemente hub di Western Airlines. Fino a quel momento la città era stata un nodo fondamentale per i voli verso le Hawaii, il Messico e la Florida. LAX comunque rimane, al 2012, l'unica porta verso l'Australia della compagnia.
  • Aeroporto Internazionale di Orlando - Delta creò un hub a Orlando nei primi anni novanta, subito dopo la dismissione della Eastern Air Lines, e successivamente diventò "La compagnia ufficiale del mondo Walt Disney". La compagnia decise di chiudere l'hub nel 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Destinazioni Delta Air Lines, it.delta.com. URL consultato il 12 settembre 2016.
  2. ^ http://www.planespotters.net/Airline/Delta-Air-Lines.
  3. ^ Delta adds A350-900 , A330-900neo to its fleet plan, news.delta.com. URL consultato il 13 settembre 2016.
  4. ^ a b Delta & Northwest aircraft fleet as of September 30, 2008, delta.com. URL consultato il 19-01-2009., prima della fusione con la NWA.
  5. ^ Delta hubs, news.delta.com. URL consultato il 13 settembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllate
Air marketing brands
Altre controllate
Precedenti controllate
Precedenti marketing brands

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità ISNI: (EN0000 0001 2178 4375