Air France-KLM

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Air France-KLM S.A.
Logo
StatoFrancia Francia
Altri statiPaesi Bassi Paesi Bassi
Forma societariasocietà anonima
Borse valoriEuronext: AF
ISINFR0000031122
Fondazione5 maggio 2004 a Parigi
Fondata daAir France
Sede principaleTremblay-en-France e Aeroporto di Parigi Charles de Gaulle
Filiali
Persone chiaveAnne-Marie Couderc (presidente non esecutivo) Benjamin Smith (direttore generale)
SettoreTrasporto
Prodotti
  • Trasporto aereo
  • Manutenzione aeromobili
Fatturato 24,846 miliardi[1] (2016)
Dipendenti84 602[1] (2016)
Sito web
Compagnia aerea
AlleanzaSkyTeam

Air France-KLM S.A. (Euronext: AF) è una holding franco-olandese con sede a Tremblay-en-France, nell'area dell'aeroporto Roissy-Charles de Gaulle vicino Parigi.

Nel 2007, secondo la rivista Air Transport World, è stata la più grande compagnia aerea del mondo in termini di ricavo operativo e profitto operativo e la seconda del mondo in termini di profitto netto, passeggeri per chilometro trasportati e tonnellate per chilometro trasportate.[2]

Air France-KLM fu creata grazie alla fusione consensuale avvenuta tra le compagnie aeree Air France (francese) e KLM (olandese) il 5 maggio 2004.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Azionisti privati detengono l'81,4% della società (il 37% posseduto da ex-azionisti di Air France ed il 21% posseduto da ex-azionisti di KLM), mentre il governo francese detiene il restante 18,6%. Il risultato dell'accordo di fusione portò inizialmente il governo francese a ridurre la percentuale di azioni della nuova società dal 54,4% (dell'azionariato di Air France) al 44% (dell'azionariato della nuova società Air France-KLM). Questa quota fu ulteriormente ridotta al 25% e, più tardi, al 18,6% attuale. La fusione ha quindi portato alla formale privatizzazione di Air France.

Sia Air France che KLM continuano ad operare con i loro precedenti nomi, anche se come divisioni di Air France-KLM. Ciò potrebbe però essere modificato in futuro.

L'anno fiscale terminato il 31 marzo 2005 ha portato ad un fatturato totale per Air France-KLM a 19,08 miliardi di euro (23,98 miliardi di dollari), con un profitto netto di 351 milioni di euro (441 milioni di dollari) ed un incremento del 20,2 % rispetto al precedente anno fiscale.

Air France-KLM è una delle società più redditizie d'Europa, in netto contrasto con le compagnie aeree americane, che stanno ancora incontrando notevoli difficoltà economiche sorte dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001. Per esempio, American Airlines, la seconda più grande compagnia aerea del mondo in termini di fatturato, ha conseguito incassi per 18,64 miliardi di dollari nel 2004, con una perdita netta di 761 milioni,[3] anche se si prevede che si riprenderà dopo la fusione con USAIRWAYS.

A marzo 2005, Air France-KLM contava su 554 aeromobili. All'epoca della fusione, nel maggio 2004, Air France e KLM insieme offrivano voli verso 225 destinazioni nel mondo. Nell'anno fiscale terminato il 21 marzo 2003, le due compagnie insieme trasportarono 66,3 milioni di passeggeri. Le divisioni di Air France-KLM sono membri dell'alleanza aerea SkyTeam. Possiedono anche un programma per frequent flyer denominato Flying Blue.

Nell'ottobre 2005, Air France Cargo e KLM Cargo, le due divisioni cargo del gruppo, annunciarono la fusione delle loro attività commerciali. Oggi il gruppo risultante organizza le operazioni cargo dai Paesi Bassi.

Le operazioni di Air France-KLM sono incentrate su due grandi hub aeroportuali: l'Aeroporto di Parigi-Roissy e l'Aeroporto di Amsterdam-Schiphol.

Air France-KLM deteneva una partecipazione del 2% nella compagnia aerea italiana Alitalia (dal novembre 2005).

Il 6 dicembre 2007 ha presentato una manifestazione di interesse a Alitalia per rilevare la quota societaria attualmente di proprietà del Ministero del Tesoro. Dopo alcuni mesi, però, ha ritirato l'offerta.

Air France e KLM hanno trasportato nel 2006 71.762.500 di passeggeri,[4] nel 2007 73.670.900 di passeggeri[5] e nel 2008 73.819.200 di passeggeri.[6]

Il 12 gennaio 2009 Air France-KLM ha acquistato il 25% del capitale della nuova Alitalia per 323 milioni di euro.[7]

Il gruppo è tra i fondatori e gli azionisti della nuova compagnia aerea ivoriana: la Air Côte d'Ivoire, fondata nel 2012, i cui azionisti principali sono lo Stato della Costa d'Avorio (51%), il gruppo Air France-KLM (20% via Air France Finance) e l'Aga Khan Fund for Economic Development (15%).

Nel 2014 Air France detiene il 7,08% di Alitalia[8] che in seguito viene controllata col 49% dalla compagnia aerea degli Emirati Arabi Uniti, Etihad Airways. Nel dicembre 2016 Air France-KLM annuncia la sua separazione con il gruppo Alitalia. Questa separazione è la conseguenza logica dell'acquisizione di Alitalia da parte di Etihad. In origine, il matrimonio di Alitalia con Air France-KLM aveva lo scopo di alimentare gli hub delle tre compagnie: Roissy-Charles de Gaulle, Amsterdam e Roma. Una strategia che non ha motivo di essere da quando Etihad ha preso il controllo della compagnia italiana. L'obiettivo della Gulf Company, dicono a Parigi, è ora di utilizzare la sua controllata italiana per aumentare il traffico passeggeri del suo aeroporto di punta ad Abu Dhabi.[9]

Nel luglio 2017 Delta Airlines e China Eastern Airlines acquistano il 20% del capitale del gruppo (10% ciascuno)[10].

Nel maggio 2018 presidente non esecutivo diventa Anne-Marie Couderc, mentre qualche mese più tardi è nominato direttore generale il canadese Benjamin Smith.[11]

Nel febbraio 2019 lo Stato dei Paesi Bassi ha acquisito il 14% del capitale di Air France-KLM in modo fa portare la sua quota di partecipazione a livello di quella della Francia.[12]. Il ministro delle Finanze olandese, Wopke Hoekstra, spiega che vuole "influenzare direttamente lo sviluppo futuro di Air France-KLM al fine di garantire il miglior interesse pubblico possibile nei Paesi Bassi".[13]. Questa acquisizione suscita lo stupore del governo francese, che non è stato informato della decisione. Il ministro dell'Economia e delle finanze Bruno Le Maire la definisce una "decisione incomprensibile e inaspettata".[12]

Il gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo Air France-KLM è così formato:[14]

Società consolidate[modifica | modifica wikitesto]

Società partecipate[modifica | modifica wikitesto]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

  • Air France Consulting
  • Air France Industries KLM Engineering & Maintenance
  • Air France Cargo
  • Barfield (manutenzione aeromobili negli Stati Uniti)
  • CRMA
  • AFI KLM E&M Components China
  • KLM UK Engineering
  • EPCOR
  • Aero Maintenance Group
  • KLM Cargo
  • Servair

Azionisti[modifica | modifica wikitesto]

Gli azionisti del gruppo Air France-KLM sono i seguenti:[15]

Dati al 27 febbraio 2019

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

A maggio 2016, la compagnia ha 585 aeromobili:[16]

  • 173 aerei a lungo raggio;
  • 249 aerei di medio raggio;
  • 152 aerei regional;
  • 20 aerei cargo.

L'età media della flotta è di 11,2 anni. Il 45% di questi velivoli è di proprietà del gruppo, mentre il restante 55% è in leasing.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Consolidated financial statements (PDF), su airfranceklm.com, 15 febbraio 2017. URL consultato il 24 marzo 2018.
  2. ^ ATWOnline Air Transport World.
  3. ^ (EN) www.aa.com - AMR Corporation - 2004 Annual Report (PDF), su aa.com. URL consultato il 17 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2009).
  4. ^ (EN) AEA European airline traffic in December 2006 (PDF), su files.aea.be. URL consultato il 18 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  5. ^ (EN) AEA airlines carry 14 million more passengers in 2007 (PDF), su files.aea.be. URL consultato il 18 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2015).
  6. ^ (EN) European Airlines - Fewer Passengers But More Passenger-Km in 2008 (PDF), su files.aea.be. URL consultato il 18 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2009).
  7. ^ (FR) Comptes consolidés 2008-09 (PDF), su airfranceklm-finance.com, 19 maggio 2009, 22. URL consultato il 7 giugno 2009.
  8. ^ Antonella Baccaro, I soci Alitalia, in Il Corriere della Sera, 6 febbraio 2014, p. 8.
  9. ^ (FR) Air France-KLM et Alitalia divorcent, in Le Monde, 13 dicembre 2016.
  10. ^ (FR) Air France-KLM ouvre son capital aux Chinois et aux Américains, in Le Monde, 28 luglio 2017.
  11. ^ (FR) Conseil d'administration, su Air France KLM, 11 giugno 2015. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  12. ^ a b (FR) La Haye porte à 14% sa participation dans Air France-KLM, proche de celle de Paris, su lemonde.fr, 27 febbraio 2019. URL consultato il 28 febbraio2019.
  13. ^ (FR) L'Etat néerlandais s'invite au capital d'Air France-KLM sans prévenir Paris, su Franceinfo, 27 febbraio 2019.
  14. ^ (FR) Groupe, su Air France KLM, 26 ottobre 2014. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  15. ^ (FR) Répartition du capital, su Air France KLM, 13 novembre 2014. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  16. ^ (FR) Flotte, su Air France KLM, 26 ottobre 2014. URL consultato il 2 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb165876376 (data)