Sogesid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sogesid S.p.A.
Logo
Sede SOGESID Roma.jpg
Sede Sogesid a Roma
Stato Italia Italia
Forma societaria Società per azioni
Fondazione 1994 a Roma
Sede principale Via Calabria, 35
00187 Roma
Persone chiave Marco Staderini, Presidente e Amministratore Delegato
Settore Gestione acqueAmbiente
Prodotti
  • consulenza ai Ministeri in materia di bonifiche, acque e patrimonio idrico
  • gestione, progettazione e consulenza su impianti di depurazione, impianti fognari e acquedotti
  • attività strumentali alle competenze del Ministero dell'Ambiente
Fatturato 137 milioni di euro[1] (2014)
Utile netto 153 mila euro[1] (2014)
Dipendenti 106[2] (2012)
Sito web

La Sogesid Spa è una società interamente partecipata dallo Stato Italiano (azienda pubblica), costituita nel 1994 come concessionaria di impianti di depurazione in Campania per favorire il processo di industrializzazione nel settore delle risorse idriche. In seguito, la Sogesid è stata trasformata in uno strumento di gestione e consulenza delle politiche nazionali per i problemi idrici del paese, secondo l'indirizzo della l. 36/1994 ("Legge Galli").

Originariamente, la Sogesid è stata costituita con decreto del Ministero del Tesoro, di concerto con il Ministero del Bilancio e della Programmazione Economica, mentre con la Finanziaria 2007 (Prodi) si sceglie di procedere con la trasformazione della Sogesid in società in house "strumentale alle esigenze e finalità" del Ministero dell’Ambiente[3]. Siccessivamente, anche la Commissione Europea ha riconosciuto la Sogesid quale organismo in house providing del Ministero dell'Ambiente.[4]

In data gennaio 2017, la Sogesid risulta partecipata al 100% dal Minstero dell'Economia e delle Finanze, che ha diritto a designare 1 consigliere su 3 totali.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b http://www.sogesid.it/allegati/bilanci/Bilancio_2014.pdf
  2. ^ http://espresso.repubblica.it/attualita/2014/05/30/news/assunti-dalla-s-p-a-impiegati-al-ministero-1.167607
  3. ^ Si veda, in particolare, l'art. 1, comma 503, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
  4. ^ Si veda la nota n.24774 della Commissione Europea datata 17 dicembre 2009.
  5. ^ Elenco società partecipate dal Ministero dell'Economia e delle Finanze (2016). (PDF), mef.gov.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Politica dell'acqua