Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Korean Air

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Korean Air
Logo
Korean.747.arp.750pix.jpg
StatoCorea del Sud Corea del Sud
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valoriBorsa di Corea: 003490
Fondazione1969 a Seul
Sede principaleSeul
GruppoHanjin
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Slogan«Excellence in Flight»
Sito web
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAKE
Codice ICAOKAL
Indicativo di chiamataKOREAN AIR
Primo volo1969
HubSeul-Incheon
Frequent flyerSKYPASS
AlleanzaSkyTeam
Flotta175 (nel 2018)
Destinazioni127
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La Korean Air è la principale compagnia aerea della Corea del Sud, nonché compagnia di bandiera, fondata nel 1962. È una delle più grandi linee aeree in Asia, con collegamenti con Europa, Africa, Brasile, Messico, Australia e Nord America.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondazione[modifica | modifica wikitesto]

Korean Air è stata fondata dal governo sudcoreano nel 1962 quando Korean Air Lines sostituì la Korean National Airlines, fondata nel 1946. Nel 1 ° marzo del 1969 il gruppo Hanjin Transport prese il controllo della compagnia aerea e cominciò le operazioni internazionali nel 1971 con il primo volo verso Los Angeles.

I voli per Hong Kong, Taiwan e Los Angeles furono operati inizialmente con i Boeing 707 e successivamente subentrarono i 747 nel 1973. Nello stesso anno cominciò ad operare un Boeing 707 per Parigi che fu sostituito con il McDonnell Douglas DC-10 nel 1975. La compagnia asiatica fu una delle prime aviolinee orientali ad acquistare tre Airbus A300 che furono messi in servizio sulle rotte asiatiche[2]. Dal momento che gli spazi aerei sulla Nord-Corea e l'Unione Sovietica erano chiusi, le rotte europee dovevano essere progettare in direzione est come ad esempio la Gimpo-Anchorage-Parigi.

Cambiamento in Korean Air[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984 fu introdotta la nuova livrea di color blu-top argento e fu ridisegnato il nuovo logo aziendale di "Korean Air" con un design stilizzato di Taegeuk. Il nome cambiò da Korean Air Lines in Korean Air ed il primo aereo ad utilizzare la nuova livrea fu il Fokker F28. Negli anni '90 la compagnia introdusse i McDonnell Douglas MD-11 che furono integrati ai 747; tuttavia, dopo alcuni anni, furono trasformati in versione Cargo poiché non avevano i requisiti prestazionali della compagnia aerea.

Ulteriore espansione e fondazione di Jin Air[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980, la sede della Korean Air era nel KAL Building a Namdaemunno, Jung-gu, Seoul.

Il 5 giugno 2007, Korean Air ha annunciato la creazione di un nuovo vettore low-cost dal nome Jin Air per competere con il sistema di rete ferroviaria ad alta velocità KTX della Corea del Sud, che offriva tariffe più economiche e procedure di sicurezza meno rigorose rispetto ai viaggi aerei. Jin Air ha iniziato ad operare il 17 luglio 2008 con alcuni Boeing 737 e Airbus A300.

Nel 2009 l'immagine di Korean Air divenne più prestigiosa rispetto ai primi anni '90 che l'aveva caratterizzata per i numerosi incidenti aerei.

Nel 2010 ci fu un accordo di co-marketing con la società di giochi Blizzard Entertainment con cui vennero riverniciati un 747-400 e un 737-900 con la livrea StarCraft II. Nello stesso anno Korean Air ha annunciato pesanti perdite nel secondo trimestre nonostante le entrate record[3] e l'apertura di un nuovo terminal cargo a Navoi, in Uzbekistan, che diventerà un hub cargo con voli regolari verso Incheon-Navoi-Milano[4].

Nel 2013 Korean Air ha acquistato il 44% di Czech Airlines[5] e l'ha rivenduto nell'ottobre 2017.

Accordi di codeshare[modifica | modifica wikitesto]

A marzo 2018 Korean Air ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie:

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

La flotta di Korean Airlines a marzo 2018 consiste nei seguenti aeromobili[6]:

Un Airbus A330-300 di Korean Air.
Un Boeing 787-9 di Korean Air.
Un Boeing 777-300ER di Korean Air.
Korean Air prende in consegna il suo primo Airbus A380 (25 maggio 2011)
Un Boeing 747-8F di Korean Air.
Aereo In servizio Ordini Opzioni Passeggeri Note
F C Y+ Y Totale
Airbus A321neo 30 20 TBA Consegne tra il 2019 e il 2025
Airbus A330-200 8 6 24 188 218 HL8212 in livrea Skyteam
Airbus A330-300 21 6 18 252 276
Airbus A380-800 10 12 94 301 407
293 399
Boeing 737-800 14 12 126 138
135 147
Boeing 737-900 16 8 180 188 Maggior operatore di Boeing 737-900
Boeing 737-900ER 6 12 147 159
Boeing 737 MAX 8 30 20 TBA 20 opzioni e 30 diritti d'acquisto. Consegne tra il 2019 e il 2025
Boeing 747-400 3 12 24 368 404 Saranno ritirati entro marzo 2018.
12 45 308 365
Boeing 747-8I 10 6 48 314 368
Boeing 777-200ER 14 8
28
212 248
225 261
Boeing 777-300 4 6 35 297 338
Boeing 777-300ER 21 9 8 56 227 291 HL8275 in livrea Children's Drawing Contest

HL7783 in livrea Skyteam

42 277
Boeing 787-9 5[7] 5 6 18 245 269 Ordini convertiti da Boeing 787-8 a Boeing 787-9[8]
Airbus A220-300 2 8 10 25 102 127 10 opzioni e 10 diritti d'acquisto[9]
Flotta Korean Air Cargo
Boeing 747-400ERF 4 Cargo
Boeing 747-400F 5 Cargo Tutta la flotta è stored.
Boeing 747-8F 7 Cargo
Boeing 777F 12 Cargo
Flotta Korean Air Executive
Boeing BBJ1 2 16-28 Usato per servizi business charter.
Boeing 787-8 1 Usato per voli VIP presidenziali
Bombardier Global Express XRS 2 13 Usati per servizi business charter[10].
Eurocopter EC135 5 5 Usato per servizi di soccorso.
Gulfstream G-IV 1 8-12 Usato per i servizi di trasporto dell'esecutivo aziendale.
Gulfstream G650ER 1 12 Usato per servizi business charter.
Sikorsky S-76+ 1 6 Usato per servizi business charter.
Totale 175 82 60

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Company Info / Overview - Korean Air, su koreanair.com. URL consultato il 26 giugno 2011.
  2. ^ (EN) History of Korean Air Lines Co., Ltd. – FundingUniverse, su www.fundinguniverse.com. URL consultato il 1º marzo 2018.
  3. ^ (EN) Korean Air slides to second quarter loss but touts 'record high' revenue, su atwonline.com. URL consultato il 1º marzo 2018.
  4. ^ (EN) Navoi Cargo Terminal opens in Uzbekistan; Korean Air to expand cargo network, su atwonline.com. URL consultato il 1º marzo 2018.
  5. ^ Korean Air finalises investment in loss-making Czech Airlines, in Reuters, Wed Apr 10 15:35:34 UTC 2013. URL consultato il 1º marzo 2018.
  6. ^ (EN) Korean Air Lines Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  7. ^ (EN) News Releases/Statements, in MediaRoom. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  8. ^ Korean Air converts 10 787-8s to -9s, su flightglobal.com, 21 marzo 2011. URL consultato il 28 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2011).
  9. ^ (EN) Korean Air set for maiden CS300, to begin ops in early 1Q18, in ch-aviation. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  10. ^ (EN) ​Korean Air expands business jet charter unit, in Flightglobal.com, 18 ottobre 2016. URL consultato il 28 febbraio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN152443807 · ISNI (EN0000 0001 0221 3999