Aeroméxico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


AeroMéxico
Logo
Boeing 787-8 "Dreamliner" (N965AM) de Aeroméxico.JPG
StatoMessico Messico
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione13 settembre 1934 a Città del Messico
Sede principaleCittà del Messico
GruppoGrupo Aeroméxico
FilialiAeroméxico Connect
Persone chiaveAndrés Conesa Labastida (CEO)
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
FatturatoUS$ 2.775 miliardi (2016)
Utile nettoUS$ 267.6 milioni (2016)
Dipendenti13,745 (2014)
Slogan«La linea que nos une»
Sito web
Compagnia aerea maggiore
Codice IATAAM
Codice ICAOAMX
Indicativo di chiamataAEROMEXICO
COAASMF152F
Primo volo14 settembre 1934
HubCittà del Messico
Frequent flyerClub Premier
AlleanzaSkyTeam
Flotta71 (nel 2019)
Destinazioni89 (nel 2019)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Aerovías de México, S.A. de C.V., stilizzata come AeroMèxico, è la compagnia aerea di bandiera del Messico con sede a Città del Messico. Il suo hub principale è l'Aeroporto Internazionale di Città del Messico, con hub secondari a Guadalajara, Hermosillo e Monterrey.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Aeroméxico gestisce una flotta di Boeing 737, sulle rotte a breve e medio raggio, e Boeing 787 nelle versioni 8 e 9 per destinazioni di lungo raggio. Ha diversi ordini per il Boeing 737 Max. La controllata AeroMéxico Connect gestisce una flotta di Embraer E170 e Embraer E190.

L'AeroMéxico Group comprende la mainline AeroMéxico e la controllata regionale AeroMéxico Connect, che insieme detengono il 41,7% del mercato messicano, diventando il più grande gruppo di compagnia aerea nazionale del Messico, e il 79,8% della quota di mercato internazionale dal Messico, ancora una volta al primo posto seguito da Volaris.

AeroMéxico e AeroMéxico Connect insieme gestiscono un totale di 553 voli giornalieri per 78 destinazioni in America, Europa e Asia orientale, con una flotta di 116 aerei.

Un Boeing 737-800 di AeroMéxico.

Il logo mostra la testa di un guerriero azteco aquila (cuāuhtli).

2010-presente[modifica | modifica wikitesto]

Alleanza AeroMéxico/Delta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011, Delta Air Lines e Aeroméxico hanno firmato un'alleanza commerciale rafforzata, basandosi su un accordo originale del 1994[1]. L'accordo del 2011 prevedeva la condivisione del codice operativo su tutti i voli Messico-Stati Uniti dei vettori; inoltre, la compagnia americana, ha investito 65 milioni di dollari nelle azioni di Aeroméxico guadagnandosi un posto nel consiglio di amministrazione del vettore messicano.

  • Nel marzo 2014, le compagnie aeree hanno aperto Tech Ops Mexico, una struttura di manutenzione, riparazione e revisione congiunta costata 55 milioni di dollari a Santiago de Querétaro, in Messico.[2]
  • Nel marzo 2015, le compagnie aeree hanno presentato domanda di immunità all' antitrust, un primo passo nella creazione di un accordo di cooperazione congiunta (JCA) dal costo di 1,5 miliardi di dollari che consentirà a Delta e Aeroméxico di vendere congiuntamente e condividere costi e profitti su tutte le rotte tra Messico-Stati Uniti.[1]
  • Nel maggio 2015, il governo messicano ha approvato l'JCA e l'Open Skies tra gli Stati Uniti e il Messico
  • Nel novembre 2016, il DOT ha approvato la joint venture a condizioni rigorose secondo cui le compagnie aeree avrebbero dovuto rinunciare ad alcuni slot tra Città del Messico e New York-JFK
  • Nel dicembre 2016 le due compagnie aeree hanno concluso l'accordo finale per proseguire con la joint venture ed è stata concessa l'immunità antitrust.[3]
  • Nel febbraio 2017, Delta ha annunciato un'offerta per l'acquisizione di ulteriori azioni di Aeroméxico, fino al 49%.[4]
  • L'8 maggio 2017 è entrato in vigore l'accordo commerciale congiunto, in base al quale le compagnie aeree avrebbero condiviso informazioni e determinato congiuntamente, rotte e prezzi, su tutti i voli tra Stati Uniti e Messico.[5]

Accordi commerciali[modifica | modifica wikitesto]

A ottobre 2019 AeroMéxico ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie:[6]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Un Boeing 737-800 di Aeroméxico
Un Boeing 737-700 di Aeroméxico in vecchia livrea.
Un Boeing 787-9 di Aeroméxico in livrea speciale

A ottobre 2019 la flotta AeroMéxico risulta composta dai seguenti aerei:[7]

Flotta di AeroMéxico
Aereo Totale Ordini Passeggeri Note
C W Y Totale
Boeing 737-700 11 12 18 94 124
Boeing 737-800 36 16 18 126 160 XA-AMA, XA-AMK e XA-ZAM in livrea "Samsung Galaxy S9"

XA-AMM in livrea "Sesame Street - 50th Anniversary"

XA-JOY in livrea "Club Premier"

18 168 186
Boeing 737 MAX 8 6 45 16 18 132 166
Boeing 737 MAX 9 9 16 18 147 181
Boeing 787-8 9 32 27 184 243
Boeing 787-9 9 5 36 27 211 274 XA-ADL in livrea "Quetzalcoatl"
Totale 71 59

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Un Boeing 757-200 di Aeroméxico
Un Douglas DC-8 di Aeroméxico
Un McDonnell Douglas DC-10-15 di AeroMéxico
Lo Stinson SR, primo aereo posseduto da Aeromexico, era utilizzato sulla linea Città del Messico - Acapulco (1935)

Nel corso degli anni AeroMéxico ha operato con i seguenti modelli di aeromobili:[7]

Marchio[modifica | modifica wikitesto]

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i loghi di Aeroméxico da quando è stata fondata nel 1934.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Delta and Aeroméxico: A 21-year partnership, su Delta News Hub. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Delta Air Lines, Delta and Aeromexico Create Enhanced Commercial Alliance, su www.prnewswire.com. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  3. ^ Delta to move forward with Aeromexico joint venture, su Star Tribune. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  4. ^ (EN) Delta announces launch of cash tender offer to acquire additional shares of Grupo Aeromexico, su Delta News Hub. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  5. ^ (EN) Delta and Aeromexico to launch Joint Cooperation Agreement, su Delta News Hub. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  6. ^ Aeromexico, su aeromexico.com. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  7. ^ a b Aeromexico Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 6 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN156020691 · LCCN (ENn86039995 · WorldCat Identities (ENn86-039995