British Airways

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
British Airways
Logo
A380 & Red Arrows - RIAT 2013.jpg
StatoRegno Unito Regno Unito
Forma societariaSocietà per Azioni
Borse valoriBorsa di Londra: BAY
ISINGB0001290575
Fondazione31 marzo 1974 a Londra
Sede principaleLondra
GruppoInternational Airlines Group
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Dipendenti36 758 (2010)
Slogan«To Fly. To Serve»
Sito web
Compagnia aerea maggiore
Codice IATABA
Codice ICAOBAW
SHT
Indicativo di chiamataBRITISH
SPEEDBIRD SHUTTLE
per i voli nazionali
COA441
Primo volo1º aprile 1974
HubLondra-Heathrow
Frequent flyerExecutive Club/ Avios
AlleanzaOneworld
Flotta272 (nel 2018)
Destinazioni183
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

British Airways (Borsa di Londra: BAY) è una compagnia aerea maggiore del Regno Unito con sede a Hillingdon, il borgo più occidentale di Londra vicino al suo hub principale, l'Aeroporto di Londra-Heathrow. È la più grande compagnia aerea britannica per flotta, voli e numero di destinazioni internazionali e la seconda per numero di passeggeri trasportati dopo easyJet.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

British Airways venne fondata nel 1971 dalla fusione delle due principali compagnie aeree britanniche del tempo BOAC e British European Airways più altre due piccole compagnie aeree regionali, Cambrian Airways e Northeast Airlines rispettivamente basate a Cardiff e Newcastle upon Tyne. Il 31 marzo 1974 le quattro compagnie furono unite in British Airways che iniziò le operazioni il giorno successivo. Dopo 13 anni di proprietà completamente statale, parte della compagnia fu privatizzata. British Airways iniziò ad espandersi nel 1987 con l'acquisto di British Caledonian e nel 1992 con l'acquisto di Dan-Air, compagnia basata all'Aeroporto di Londra-Gatwick.

Dopo molto tempo con in flotta l'aereo supersonico Concorde e aerei Boeing, nell'agosto del 1998 British Airways ordinò 59 Airbus A320 family. Nel 2007 firmò per 12 Airbus A380-800 e 24 Boeing 787 Dreamliner iniziando così il processo di rinnovo della flotta a lungo raggio che attualmente è focalizzata sui Boeing 747-400; con 55 esemplari in servizio, British Airways è il più grande operatore mondiale di questo modello di aereo.

British Airways è uno dei membri fondatori dell'alleanza globale Oneworld insieme ad American Airlines, Cathay Pacific, Qantas e l'ora fallita Canadian Airlines. L'alleanza è attualmente la più piccola delle tre esistenti, dopo Star Alliance e SkyTeam. Il gruppo proprietario di British Airways, l'International Airlines Group, è quotato alla London Stock Exchange e al FTSE 100 Index.

Il 12 novembre 2009 la compagnia dimostra interesse di fondersi con la spagnola Iberia. Il 14 luglio 2010 la commissione europea e l'Antitrust approvano la fusione, permettendo anche una cooperazione con American Airlines per i voli transatlantici con gli Stati Uniti. L'unione fra le compagnie venne completata il 21 gennaio 2011 con la creazione dell'International Airlines Group. Nel 2012 British Airways tramite IAG acquista British Midland International e annuncia la creazione di una compagnia sussidiaria basata all'Aeroporto di Londra-City che opera con Airbus A318 in configurazione esclusivamente in classe business.

British Airways fu la compagnia aerea ufficiale dei Giochi della XXX Olimpiade svoltisi a Londra nell'estate 2012. Il 18 maggio 2012 portò la fiamma olimpica dall'Aeroporto Internazionale di Atene sino a Helston, in Cornovaglia. Nel volo erano presenti anche Sebastian Coe, la principessa reale Anna, il ministro per le Olimpiadi britannico Hugh Robertson, il sindaco di Londra Boris Johnson e il calciatore David Beckham.

Accordi di codeshare[modifica | modifica wikitesto]

A marzo 2018 British Airways ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie[1]:

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A320-200 di British Airways.
Un Airbus A380-800 di British Airways.
Un Boeing 787-9 di British Airways.
Un Boeing777-300ER di British Airways.
Un Boeing 747-400 di British Airways.

La flotta di British Airways a luglio 2018 consiste nei seguenti aeromobili[2]:

Flotta di British Airways[3]
Aereo In flotta Ordini Passeggeri[4] Note
F J W Y Totale
Airbus A318-100 1 32 32
Airbus A319-100 43 var var 132 G-EUPH in livrea "Olympic Dove"
143
144
Airbus A320-200 67 var var 168
171
177
Airbus A320neo 4 21 var var 180 Entrata in servizio in aprile 2018
Airbus A321-200 18 23 131 154
205 205
Airbus A321neo 10 TBA
Airbus A350-1000 18 TBA Consegne dal 2018
Airbus A380-800 12 14 97 55 303 469
Boeing 747-400 36 14 70 30 185 299 G-CIVC, G-CIVI,G-CIVK,G-CIVD, G-CIVL,G-CIVM, G-CIVP, G-CIVZ in livrea Oneword.
14 52 36 243 345
Boeing 767-300ER 6 var var 259 Saranno ritirati entro il 2019[5].
Boeing 777–200 3 17 48 24 127 216
Boeing 777-200ER 43 14 48 40 122 224
48 24 203 275
Boeing 777-300ER 12 14 56 44 185 299
Boeing 787–8 10 2 35 25 154 214
Boeing 787–9 18 8 42 39 127 216
Boeing 787–10 12 TBA
Totale 272 64
Waterside, la sede di British Airways

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Il 100% delle azioni British Airways sono flottanti e quotate alla Borsa di Londra.

La compagnia inglese ha in portafoglio le seguenti partecipazioni:

  • 100% BA CityFlyer
  • 100% OpenSkies
  • 100% British Airways Maintenance Cardiff (BAMC o British Airways Maintenance)
  • 100% British Airways Engineering
  • 18% Comair
  • 15% Flybe
  • 13,5% Iberia L.A.E.
  • 10% Eurostar (UK) Ltd (Inter-Capital and Regional Rail)
  • 100%British Airways Limited.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) British Airways Airline Profile | CAPA, su centreforaviation.com. URL consultato il 4 marzo 2018.
  2. ^ (EN) British Airways Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 22 marzo 2018.
  3. ^ UK Civil Aircraft Register.
  4. ^ British Airways Fleet and Seat Maps, Britishairways.com. URL consultato il 22 agosto 2011.
  5. ^ (EN) BA Fleet : New aircraft arrivals and retirements master tracker - Page 52 - FlyerTalk Forums, su www.flyertalk.com. URL consultato il 22 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN128095271 · ISNI (EN0000 0001 0659 1663 · LCCN (ENn50049880 · GND (DE4211129-8 · BNF (FRcb127913922 (data)