South African Airways

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
South African Airways
Logo
Stato Sudafrica Sudafrica
Fondazione 1934
Sede principale Johannesburg, Sudafrica
Persone chiave Monwabisi Kalawe (CEO)
Settore trasporti
Prodotti trasporti aerei
Sito web www.flysaa.com
South African Airways
Codice IATA SA
Codice ICAO SAA
Descrizione
Hub OR Tambo International Airport
Programma frequent flyer Voyager
Airport lounge Cycad Lounge
Baobab Lounge
Alleanza Star Alliance
Flotta 62 (+ 19 ordini)
Destinazioni 42
Azienda
Gruppo Transnet
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Un Airbus A340-600 della South African.

South African Airways (SAA) (in afrikaans Suid-Afrikaanse Lugdiens) è la compagnia aerea di bandiera del Sudafrica. Ha sede a Johannesburg e il suo hub principale è a Città del Capo. È la più importante compagnia aerea dell'Africa subsahariana, e opera a livello nazionale, internazionale e intercontinentale.

Alleanze[modifica | modifica sorgente]

Dal 10 aprile 2006, la SAA entra ufficialmente nella Star Alliance.

Flotta[modifica | modifica sorgente]

Passeggeri[modifica | modifica sorgente]

La flotta SAA ha una età media di 5 anni, ed è composta da 61 aerei:

Cargo[modifica | modifica sorgente]

La flotta cargo è composta da 4 aerei:

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

  • 16 giugno 1937 - il volo ZS-AKY operato da uno Junkers Ju 52, si schiantò dopo il decollo dall'aeroporto di Port Elizabeth. Le cause furono attribuite ad una avaria a due dei tre motori. L'aereo fu distrutto dal fuoco, ma tutti a bordo si salvarono.
  • 28 marzo 1941 - il volo ZS-AST operato da un Lockheed Lockheed L-18 Lodestar si schiantò al suolo a Elands Bay, Sudafrica causando la morte di tutti i passeggeri.
  • 5 gennaio 1948 - il volo ZS-ASW operato da un Lockheed Lockheed L-18 Lodestar uscì di pista durante il decollo all'aeroporto di Palmietfontein, Sudafrica. Fortunatamente i passeggeri riportarono solo ferite nonostante gli ingenti danni riportati dall'aereo.
  • 15 ottobre 1951 - il volo ZS-AVJ operato da un Douglas DC-3 si schiantò sul monte Ingeli, nel Griqualand Orientale, mentre era in volo da Port Elizabeth a Durban Sudafrica. Morirono tutti i passeggeri.
  • 8 aprile 1954 - il volo SA-201 operato da un de Havilland DH.106 Comet mentre era in volo da Roma per Johannesburg, il velivolo si schiantò al largo delle coste italiane. Morirono tutte le 21 persone a bordo. Fu appurato che l'incidente fu causato da un difetto di progettazione nella forma rettangolare degli oblò che causava una concentrazione innaturale degli sforzi. Per questo oggi, tutti i velivoli hanno gli oblò ellittici.
  • 6 marzo 1962 - il volo SA-512 operato da un Douglas DC-3 nelle vicinanze di Seymour, Provincia del Capo Orientale, Sudafrica si schiantò su una montagna. Fu appurato che l'errore fu del pilota che tentò un volo con condizioni meteorologiche pessime non rispettando le regole del volo a vista (VFR). Pilota e Primo Ufficiale morirono, due passeggeri ed il personale di cabina sopravvissero.
  • 13 marzo 1967 - il volo SA-406 operato da un Vickers Viscount 818 mentre era in volo da Port Elizabeth (Sudafrica) a Londra, si schiantò in mare a 1,5 miglia dalla costa inglese mentre si avvicina alla terra durante il cattivo tempo. Morirono tutti i passeggeri. La causa del disastro, probabilmente, fu attribuita ad un infarto del Comandante, ed il Primo Ufficiale non fu in grado di riprendere il controllo dell'aereo.
  • 20 aprile 1968 - volo SA-228 operato da un Boeing 707-344C era in volo da Windhoek (Namibia) a Luanda (Angola). Decollato dall'aeroporto internazionale J.G. Strijdom di Windhoek salì ad una altitudine di 600 piedi (circa 183 metri), ma si schiantò a terra dopo circa un minuto dal decollo a 3 miglia dalla pista. Morirono 123 dei 128 passeggeri. Il disastro fu imputato ad errori procedurali durante il decollo.
  • 27 novembre 1987 - il volo SA-295 operato da un Boeing 747-244B era in volo da Taipei (Taiwan) a Johannesburg (Sudafrica). Mentre sorvolava l'Oceano Indiano l'equipaggio contattò il Controllo del traffico aereo di Mauritius segnalando un incendio con conseguente fumo a bordo. Tre minuti dopo l'ultima segnalazine l'aereo si inabissò a 150 miglia a nord-est di Mauritius. Morirono tutti i 159 passeggeri. L'incendio, di origine sconosciuta, ebbe origine da un pallet stivato nel ponte di carico. Furono fatte alcune ipotesi sull'origine dell'incendio: incapacità dell'equipaggio nello stivaggio; distrazione dell'equipaggio; cedimento strutturale; corto circuito di alcuni cavi di controllo.

Dirottamenti[modifica | modifica sorgente]

La South African Airways nei media[modifica | modifica sorgente]

L'incidente del volo SA-295, avvenuto il 28 novembre 1987, della South African Airways è stato analizzato nella puntata Fumo nella cabina della quinta stagione del documentario Indagini ad alta quota trasmesso dal National Geographic Channel.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione