Campionato mondiale di Formula 1 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionato mondiale di Formula 1 2018
Edizione n. 69 del campionato mondiale di Formula 1
Dati generali
Inizio25 marzo
Termine25 novembre
Prove21
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

Il campionato mondiale di Formula 1 2018 organizzato dalla FIA è, nella storia della categoria, la 69ª stagione ad assegnare il campionato piloti e la 61ª ad assegnare il campionato costruttori. È iniziato il 25 marzo 2018 e terminerà il 25 novembre, dopo ventun gare, una in più della stagione precedente.

La prestagione[modifica | modifica wikitesto]

Il calendario[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2017 viene pubblicata la prima bozza del calendario per la stagione. Sono previsti ventuno gran premi, anche se, sia il Gran Premio di Cina, che quello di Singapore, sono ancora soggetti a conferma. La stagione inizierà il 25 marzo, in Australia, e si concluderà il 25 novembre ad Abu Dhabi. La gara in Russia viene riportata in autunno (al fine di evitare la concomitanza col mondiale di calcio disputato nel paese),[1] quella d'Azerbaigian anticipata ad aprile. Vi sarebbe il rientro per i Gran Premi di Germania e Francia, e vengono previsti tre weekend di gara di fila, tra il 24 giugno e l'8 luglio.[2] A settembre viene prospettata l'ipotesi, nel calendario per il 2018, di invertire le date tra il Gran Premio di Cina e quello del Bahrein, al fine di evitare la concomitanza del gran premio cinese con una festività religiosa.[3]

Il calendario viene confermato, definitivamente, a dicembre 2017; le date della gara della Cina e quella del Bahrein vengono invertite, come già atteso.[4] Il 1º febbraio 2018 vengono confermati gli orari delle varie sessioni che compongono il weekend di gara: le sessioni di prova vengono spostate di un'ora e la partenza delle gare non è più all'ora esatta ma, per invogliare gli ascolti anche sul pre-gara, è posticipata di 10 minuti. I gran premi europei, sempre per aumentare gli spettatori, subiscono inoltre un ulteriore rinvio di un'ora iniziando quindi 70 minuti più tardi, ad eccezione di quello di Francia (rinviato di due ore e dieci) e di Russia (anticipato di 50 minuti).[5][6]

Gara Nome ufficiale del Gran Premio Circuito Sede Data Ora Pneumatici

disponibili

Diretta TV
Locale UTC ITA
1 Australia Rolex Australian Grand Prix Albert Park Circuit Melbourne 25 marzo 16:10 05:10 07:10 Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Súper blando.png - Neumático F1 Blando.png[7] IT: Sky Sport F1[8]
CH: RSI LA2
2 Bahrein Gulf Air Bahrain Grand Prix Bahrain International Circuit Sakhir 8 aprile 18:10 15:10 17:10 Neumático F1 Súper blando.png - Neumático F1 Blando.png - Neumático F1 Medio.png[7]
3 Cina Heineken Chinese Grand Prix Shanghai International Circuit Shanghai 15 aprile 14:10 06:10 08:10 Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Blando.png - Neumático F1 Medio.png[7]
4 Azerbaigian Azerbaijan Grand Prix Circuito di Baku Baku 29 aprile 16:10 12:10 14:10 Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Súper blando.png - Neumático F1 Blando.png[9]
5 Spagna Gran Premio de España Emirates Circuit de Catalunya Montmeló 13 maggio 15:10 13:10 15:10 Neumático F1 Súper blando.png - Neumático F1 Blando.png - Neumático F1 Medio.png
6 Monaco Grand Prix de Monaco Circuit de Monaco Monaco 27 maggio 15:10 13:10 15:10 Pneumatico F1 Iper morbido (Hypersoft).png - Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Súper blando.png
7 Canada Gran Prix Heineken du Canada Circuit Gilles Villeneuve Montréal 10 giugno 14:10 18:10 20:10 Pneumatico F1 Iper morbido (Hypersoft).png - Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Súper blando.png
8 Francia Pirelli Grand Prix de France Circuit Paul Ricard Le Castellet 24 giugno 16:10 14:10 16:10 Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Súper blando.png - Neumático F1 Blando.png
9 Austria Eyetime Großer Preis von Österreich Red Bull Ring Spielberg 1º luglio 15:10 13:10 15:10 Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Súper blando.png - Neumático F1 Blando.png
10 Regno Unito Rolex British Grand Prix Silverstone Circuit Silverstone 8 luglio 14:10 13:10 15:10 Neumático F1 Blando.png - Neumático F1 Medio.png - Pneumatico F1 Duro (Hard) 2018.png
11 Germania Emirates Großer Preis von Deutschland Hockenheimring Hockenheim 22 luglio 15:10 13:10 15:10 Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Blando.png - Neumático F1 Medio.png
12 Ungheria Magyar Nagydíj Hungaroring Mogyoród 29 luglio 15:10 13:10 15:10 Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Blando.png - Neumático F1 Medio.png
13 Belgio Johnnie Walker Belgian Grand Prix Circuit de Spa-Francorchamps Francorchamps 26 agosto 15:10 13:10 15:10 Neumático F1 Súper blando.png - Neumático F1 Blando.png - Neumático F1 Medio.png
14 Italia Gran Premio Heineken d'Italia Autodromo Nazionale di Monza Monza 2 settembre 15:10 13:10 15:10 IT: Sky Sport F1, TV8, Rai 1[8][10]
CH: RSI LA2
15 Singapore Singapore Airlines Singapore Grand Prix Singapore Street Circuit Singapore 16 settembre 20:10 12:10 14:10 Pneumatico F1 Iper morbido (Hypersoft).png - Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Blando.png IT: Sky Sport F1[8]
CH: RSI LA2
16 Russia VTB Russian Grand Prix Sochi Autodrom Soči 30 settembre 14:10 11:10 13:10 Pneumatico F1 Iper morbido (Hypersoft).png - Neumático F1 Ultra blando.png - Neumático F1 Blando.png
17 Giappone Japanese Grand Prix Circuito di Suzuka Suzuka 7 ottobre 14:10 05:10 07:10 Neumático F1 Súper blando.png - Neumático F1 Blando.png - Neumático F1 Medio.png
18 Stati Uniti Pirelli United States Grand Prix Circuito delle Americhe Austin 21 ottobre 13:10 18:10 20:10 IT: Sky Sport F1, TV8[8]
CH: RSI LA2
19 Messico Gran Premio de México Autodromo Hermanos Rodríguez Città del Messico 28 ottobre 13:10 19:10 20:10
20 Brasile Grande Prêmio Heineken do Brasil Autódromo José Carlos Pace San Paolo 11 novembre 15:10 17:10 18:10
21 Emirati Arabi Uniti Etihad Airways Abu Dhabi Grand Prix Yas Marina Circuit Abu Dhabi 25 novembre 17:10 13:10 14:10 IT: Sky Sport F1[11]
CH: RSI LA2
In verde sono segnati i paesi che nel 2018 hanno ospitato un Gran Premio di Formula 1, con sedi del circuito segnate con un punto nero. In grigio scuro sono quelli che li hanno ospitati in passato, gli ex circuiti ospitanti sono contrassegnati con un punto bianco.

La presentazione delle vetture[modifica | modifica wikitesto]

Costruttore Telaio Data presentazione Luogo presentazione
Stati Uniti Haas F1 Team VF-18[12][13][14] 14 febbraio[12][13][14] Sito web Haas F1 Team[12][14]
Regno Unito Williams Martini Racing FW41[15] 15 febbraio[16] Londra[16]
Austria Aston Martin Red Bull Racing RB14[17][18] 19 febbraio[17][18] Sito web Red Bull Racing[19]
Svizzera Alfa Romeo Sauber F1 Team C37[20][21] 20 febbraio[20][21] Sito web Sauber F1 Team[20][21]
Francia Renault Sport Formula One Team R.S.18[22][23] 20 febbraio[22][23] Sito web Renault F1
Germania Mercedes AMG Petronas Motorsport W09 EQ Power+[24] 22 febbraio[24][25][26] Circuito di Silverstone[25]
Italia Scuderia Ferrari SF71H[27] 22 febbraio[28][26] Stabilimento di Maranello, presentazione in streaming su sito web Ferrari[27][28]
Regno Unito McLaren F1 Team MCL33[29][30] 23 febbraio[29][30][26] Circuito di Navarra, presentazione in streaming su canale YouTube McLaren[31][32]
Italia Red Bull Toro Rosso Honda STR13[33][34] 26 febbraio[33][34] Circuito di Catalogna[33][34]
India Sahara Force India F1 Team VJM11[35] 26 febbraio Circuito di Catalogna

Test[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Test F1 2018.

La FIA conferma le due sessioni test pre stagionali da quattro giorni l'una, da disputarsi entrambe sul circuito di Catalogna, la prima dal 26 febbraio al 1º marzo, la seconda dal 6 al 9 marzo. I test intrastagionali, nel 2018, si effettueranno al circuito di Catalogna tra il 15 e 16 maggio, e all'Hungaroring tra il 31 luglio e 1º agosto, il martedì e il mercoledì successivi ai rispettivi gran premi.[36][37][36]

Accordi e fornitori[modifica | modifica wikitesto]

L'Alfa Romeo diventa lo sponsor principale della scuderia svizzera Sauber.

La scuderia elvetica Sauber nel corso del 2017 aveva annunciato che dal 2018 avrebbe adottato i propulsori della Honda, in luogo dei Ferrari.[38] Tuttavia Sauber e Honda non hanno trovato l'accordo definitivo per la fornitura.[39] Pertanto la Sauber continuerà così a utilizzare i motori della Ferrari, ma dal 2018 potrà fare affidamento all'ultima evoluzione e non ai motori dell'anno precedente, come è accaduto nel 2017.[40] A novembre 2017 si è stabilita una collaborazione tra la Sauber e l'Alfa Romeo: la casa italiana diventa sponsor principale della scuderia elvetica, anche se non fornirà motori alla scuderia.[41]

La McLaren decide di non proseguire il rapporto di collaborazione col motorista Honda.[42] Al posto del motorista giapponese, la scuderia britannica ha trovato un accordo triennale con la Renault, che mai aveva motorizzato la McLaren.[43] Così la casa nipponica passa a motorizzare da quest'anno la Scuderia Toro Rosso, che nella stagione 2017 è stata spinta proprio dalla power unit della Renault. L'accordo è triennale.[44]

Il Banco Santander termina il suo contratto di sponsorizzazione con la Scuderia Ferrari.[45] La Red Bull Racing si accorda con l'Aston Martin, che diventa il nuovo sponsor principale della scuderia angloaustriaca.[46]

Scuderie e piloti[modifica | modifica wikitesto]

Scuderie[modifica | modifica wikitesto]

La scuderia Force India aveva deciso di modificare la sua denominazione in Force One, a partire dalla stagione 2018. Il team avrebbe dovuto anche correre con licenza britannica; il cambiamento non è stato però ratificato, in quanto Force One sarebbe troppo simile a Formula One, ovvero il nome della competizione.[47][48] Nonostante Otmar Szafnauer, direttore sportivo della scuderia, avesse confermato il prosieguo delle procedure per un nuovo nome, questo non è stato presentato assieme alla nuova vettura, come pronosticato, ed il team indiano è rimasto iscritto con il proprio nome tradizionale. Secondo le parole dello stesso Szafnauer, il cambio di denominazione potrebbe essere invece rimandato al 2019.[49]

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

La Mercedes, la Ferrari, la Red Bull, la Force India, la Renault, la Haas e la McLaren, riconfermano i loro piloti.

Sergej Sirotkin fa il suo debutto nel mondiale di F1, quale pilota titolare, ingaggiato dalla Williams.

La Toro Rosso conferma Pierre Gasly e Brendon Hartley come piloti ufficiali in seguito all'esordio nell'anno precedente a stagione in corso.[50] Prima del Gran Premio del Brasile 2017, la McLaren annuncia che Lando Norris, vincitore della F3 europea, sarà tester e pilota di riserva per la stagione 2018,[51] al posto di Jenson Button.[52] La McLaren ingaggia anche, come pilota al simulatore, Rudy van Buren; l'olandese ha vinto un concorso organizzato dalla scuderia britannica e dalla EA Sports, su un videogioco di simulazione di guida di F1.[53] La Scuderia Ferrari ingaggia, come pilota per lo sviluppo, il russo Daniil Kvjat, in uscita dalla Scuderia Toro Rosso.[54]

La Sauber il 2 dicembre 2017 ha ufficializzato, per bocca di Sergio Marchionne, CEO di FCA, la line-up dei piloti titolari, ovvero Charles Leclerc, esordiente in F1 e vincitore della FIA Formula 2 nel 2017, e Marcus Ericsson, alla sua quarta stagione con il team. Leclerc correrà con il numero 16, che non si vedeva in una gara di F1 dal Gran Premio del Brasile 2013, usato dall'allora pilota della Williams, Pastor Maldonado.[55] Leclerc è il primo pilota monegasco a correre in F1 dal 1994, quando Olivier Beretta disputò nove gare. L'ex pilota della Sauber, Pascal Wehrlein, resta collaudatore della Mercedes.[56]

La Williams annuncia il 16 gennaio l'ingaggio del pilota russo Sergej Sirotkin che, insieme a Lance Stroll, forma la coppia di piloti più giovane del circus;[57] terzo pilota, il rientrante Robert Kubica.[58] Sirotkin è un esordiente che finora ha partecipato, per sette volte, alle prove libere del venerdì, prima con la Sauber nel 2014, poi con la Renault tra il 2016 e il 2017. Il russo ha scelto, quale numero di gara, il 35. Tale numero manca in una gara di F1 dal Gran Premio di San Marino 1991, utilizzato dall'allora pilota del Modena Team, Eric van de Poele.[59] Kubica, invece, ha corso settantasette gran premi di F1 tra il 2006 e il 2010, prima che un grave incidente, avvenuto durante un rally, lo costringesse ad abbandonare la massima formula. Il polacco aveva anche effettuato dei test, sia per la Renault che per la Williams, nel 2017.[60]

Tabella riassuntiva[modifica | modifica wikitesto]

I piloti e le scuderie che affrontano la stagione 2018 di Formula 1 sono:

Scuderia Costruttore Telaio Power unit Gomme Piloti Sigla GP Terzo pilota /
pilota di riserva[61]
Germania Mercedes AMG Petronas Motorsport Mercedes W09 EQ Power+[24] Mercedes P 44 Regno Unito Lewis Hamilton HAM 1- Germania Pascal Wehrlein[56]
Regno Unito George Russell
77 Finlandia Valtteri Bottas BOT 1-
Italia Scuderia Ferrari Ferrari SF71H[27] Ferrari P 5 Germania Sebastian Vettel VET 1- Italia Antonio Giovinazzi
Russia Daniil Kvjat[62][54]
7 Finlandia Kimi Räikkönen RAI 1-
Austria Aston Martin Red Bull Racing Red Bull Racing-TAG Heuer RB14[17] Renault P 3 Australia Daniel Ricciardo RIC 1- Svizzera Sébastien Buemi
Regno Unito Dan Ticktum
33 Paesi Bassi Max Verstappen VER 1-
India Sahara Force India F1 Team Force India-Mercedes VJM11[35] Mercedes P 11 Messico Sergio Pérez PER 1- Canada Nicholas Latifi[63]
Russia Nikita Mazepin
31 Francia Esteban Ocon OCO 1-
Regno Unito Williams Martini Racing Williams-Mercedes FW41[15] Mercedes P 18 Canada Lance Stroll STR 1- Polonia Robert Kubica[64]
Regno Unito Oliver Rowland
35 Russia Sergej Sirotkin SIR 1-
Francia Renault Sport Formula One Team Renault R.S.18[22] Renault P 27 Germania Nico Hülkenberg HUL 1- Regno Unito Jack Aitken[65]
Russia Artëm Markelov[65]
55 Spagna Carlos Sainz Jr. SAI 1-
Italia Red Bull Toro Rosso Honda Scuderia Toro Rosso-Honda STR13[33] Honda P 28 Nuova Zelanda Brendon Hartley HAR 1- Indonesia Sean Gelael[66]
10 Francia Pierre Gasly GAS 1-
Stati Uniti Haas F1 Team Haas-Ferrari VF-18[12] Ferrari P 8 Francia Romain Grosjean GRO 1- Stati Uniti Santino Ferrucci[67]
India Arjun Maini[68]
20 Danimarca Kevin Magnussen MAG 1-
Regno Unito McLaren F1 Team McLaren-Renault MCL33[29] Renault P 14 Spagna Fernando Alonso ALO 1- Regno Unito Lando Norris
Regno Unito Oliver Turvey
Paesi Bassi Rudy van Buren
2 Belgio Stoffel Vandoorne VAN 1-
Svizzera Alfa Romeo Sauber F1 Team Sauber-Ferrari C37[20] Ferrari P 9 Svezia Marcus Ericsson ERI 1- Italia Antonio Giovinazzi
Colombia Tatiana Calderón[69]
16 Monaco Charles Leclerc LEC 1-

Circuiti e gare[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione 2017 del Gran Premio della Malesia è stata l'ultima in programma nel calendario iridato. Il contratto tra gli organizzatori della gara e quelli del mondiale sarebbe scaduto dopo l'edizione 2018, ma le parti hanno deciso di chiudere il rapporto in anticipo.[70] Vengono prolungati, rispettivamente fino al 2020 e 2021, i contratti che legano la Formula 1 con gli organizzatori dei Gran Premi di Cina[71] e Singapore.[72] La tenuta di entrambe le gare, nel calendario iridato, era stata messa in dubbio nei mesi precedenti.

I gran premi di Francia e Germania rientrano nel calendario iridato. Il primo mancava dal mondiale dalla stagione 2008 e si correrà sul circuito Paul Ricard di Le Castellet. Tale tracciato ha ospitato già in quattordici occasioni il mondiale di F1, tra il 1971 e il 1990. L'annuncio era stato già anticipato nel 2016.[73] Il Gran Premio di Germania rientra, invece, dopo un anno di assenza.

Riprese televisive[modifica | modifica wikitesto]

Per il triennio 2018-2020, Sky si aggiudica l'esclusiva per la trasmissione dei Gran Premi in Italia, con l'uscita di scena della Rai; quattro saranno trasmessi in diretta anche su TV8.[74][75][76] La Rai comunque trasmetterà, in accordo con Sky, solamente il Gran Premio d'Italia 2018.[74][10][77] Inoltre, dal 2018 Liberty Media, la società proprietaria della F1, ha deciso di abolire le ombrelline (che erano presenti da decenni in F1), ovvero le ragazze che reggevano i cartelli coi numeri dei piloti sulla griglia di partenza, per lasciare il posto ai grid kids, ovvero dei giovani ragazzi che praticano o sono coinvolti in sport motoristici.[78] La decisione ha suscitato molte critiche e polemiche.[79][80]

Modifiche al regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Regolamento tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Da questa stagione debutta sulle monoposto il dispositivo denominato Halo, per la protezione del capo del pilota.

La quantità di unità motrici utilizzabili nel corso della stagione, nonostante proteste in merito all'applicazione della regola, scende a tre per il motore a combustione interna (ICE), il propulsore termico (MGU-H) ed i turbocompressori mentre a due per il propulsore cinetico (MGU-K), batterie ed elettronica di controllo.[81] Inoltre, al fine di tutelare le scuderie clienti, la FIA impone per via preventiva ai costruttori che tutte le unità motrici vendute alle altre squadre siano identiche nella costruzione e nei settaggi a quelle proprietarie così da garantire le stesse prestazioni.[82]

Viene vietato l'uso delle T-wing e delle shark fin, ossia le appendici aerodinamiche montate sui cofani delle vetture per indirizzare meglio i flussi d'aria verso l'alettone posteriore, ed anche del monkey seat, il piccolo profilo che veniva montato sotto l'alettone posteriore.[83]

Anche il consumo d'olio del motore viene limitato da 1,2 a 0,6 litri ogni cento chilometri in seguito alle polemiche sull'utilizzo del lubrificante come combustibile assieme al normale carburante per aumentare le prestazioni delle vetture.[84]

Viene anche introdotto il già conosciuto sistema Halo come prevenzione contro incidenti ai danni dei piloti;[85] alle varie scuderie è permesso, in minima parte, variare il profilo della roll-bar per influenzare l'aerodinamica delle vetture.[86] Nel corso della passata stagione venne testato, in vista della futura applicazione di uno dei due nel 2018, un ulteriore sistema di sicurezza: lo Shield, un cupolino-parabrezza protettivo. Provato da Sebastian Vettel durante le prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna 2017, venne seccamente stroncato poiché influiva pesantemente sulla visione dei piloti, venendo di conseguenza subito accantonato.[87] A causa dell'introduzione dell'Halo, il peso minimo delle vetture viene aumentato da 728 a 734 kg.

Gomme[modifica | modifica wikitesto]

Pirelli svela durante la precedente stagione l'intenzione di voler portare una gomma ancora più morbida della Ultrasoft nel mondiale, caratterizzata da una banda rosa, aprendo un sondaggio in cui si sarebbe dovuto votare il nome della nuova mescola.[88] Al Gran Premio di Abu Dhabi 2017, Pirelli presenta il nome della nuova mescola più morbida, battezzata Hypersoft dal sondaggio, oltre ad una nuova mescola che sarebbe stata la più dura disponibile, la Superhard: Pirelli si aspetta che, con una gamma di mescole così ampia, venga a valorizzarsi lo spettacolo e le strategie in gara.[89][90][91]

Nome compound Colore Battistrada Condizioni Grip Durata
Iper morbide (Hypersoft) Rosa Pneumatico F1 Iper morbido (Hypersoft).png Liscio Da asciutto Elevato Ridotta
Ultra morbide (Ultrasoft) Viola Neumático F1 Ultra blando.png Cospicuo Breve
Super morbide (Supersoft) Rosso Neumático F1 Súper blando.png Alto Bassa
Morbide (Soft) Giallo Neumático F1 Blando.png Discreto Modesta
Medie (Medium) Bianco Neumático F1 Medio.png Medio Media
Dure (Hard) Blu ghiaccio Pneumatico F1 Duro (Hard) 2018.png Basso Lunga
Super dure (Superhard) Arancione Neumático F1 Duro.png Ridotto Elevata
Intermedie (Intermediate) Verde Neumático F1 Intermedios.png Scanalato Da bagnato lieve o medio N.D. N.D.
Da bagnato (Wet) Blu Pneumatico F1 Da bagnato (Full Wet).png Da bagnato cospicuo N.D. N.D.

Regolamento sportivo[modifica | modifica wikitesto]

In seguito ai casi degli scorsi gran premi di Cina (dove Vettel non si allineò correttamente alla piazzola, impedendo ai sensori sotto l'asfalto un corretto rilevamento) ed Austria (dove Bottas, nonostante i suddetti sensori non segnalarono nulla di anomalo, partì quasi perfettamente allo spegnersi delle luci semaforiche rosse - sollevando anche polemiche su una possibile falsa partenza del finnico), viene dato ai giudici di gara il potere di infliggere penalità ai piloti per una partenza giudicata in qualche modo poco corretta, qualora i giudici lo ritengano giusto e necessario.[92]

I piloti avranno l'obbligo di indossare guanti contenenti sensori biometrici, così da essere tenuti costantemente sotto controllo e permettere un migliore soccorso nei loro confronti in caso di incidente.[93]

Riassunto della stagione[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio d'Australia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Australia 2018.

Al via Lewis Hamilton resiste a Kimi Räikkönen, mantenendo la testa della gara. Terzo è Sebastian Vettel, mentre Max Verstappen cede la quarta posizione a Kevin Magnussen. Seguono Romain Grosjean, Nico Hülkenberg, Daniel Ricciardo e Carlos Sainz Jr.. Tutti optano per gomme Ultrasoft, ad eccezione di Red Bull, Williams e Sauber, che optano per le Supersoft.

Al quinto giro Ricciardo sorprende Hülkenberg, cogliendo il settimo posto. Al nono passaggio Verstappen va in testacoda alla prima curva; l'olandese riprende la gara, ma cede tre posizioni. La classifica resta invariata, almeno nelle posizioni di testa, fino al giro 18, quando Räikkönen, che stava mettendo pressione a Hamilton, effettua il cambio gomme. Il britannico effettua la sosta il giro dopo; Vettel si trova così al comando. Verstappen sceglie il giro 21 per la sosta, mentre Sainz va lungo, e viene passato da Alonso. Subito dopo il pilota della Renault va ai box. Un giro dopo è il turno di Magnussen ma, a causa di un errore ai box, viene mal fissata la gomma posteriore sinistra. Il danese è costretto al ritiro.

Al giro 24, alla sosta dell'altro pilota della Haas, Romain Grosjean, succede nuovamente un problema col fissaggio di una ruota. Il francese si ferma lungo la pista. La direzione di gara decide per il regime di virtual safety car. Ne approfitta Vettel che va al suo cambio gomme, e riesce a rientrare in pista poco prima che sopraggiunga Hamilton. Il tedesco si trova così in testa alla gara, a parità di soste, col britannico. La direzione di gara decide infine per l'entrata in pista della safety car vera e propria. Verstappen cede una posizione ad Alonso, dopo aver passato in regime di virtual safety car.

La gara riprende con Vettel primo, davanti a Hamilton, Räikkönen, Ricciardo, Alonso, Verstappen, Hülkenberg e Vandoorne. Verstappen, che nel testacoda ha rovinato il fondo della vettura, fa fatica a tenere il ritmo dei primi. Nei giri successivi Hamilton tenta di avvicinarsi a Vettel, mentre Räikkönen deve difendere la terza posizione da Ricciardo. Vettel e Hamilton sono distanti meno di un secondo, col tedesco che però riesce a rispondere agli ottimi tempi fatti segnare dall'inglese.

Hamilton commette un piccolo errore nel finale di gara, dando così maggior respiro a Vettel. Sainz comunica invece di aver dei problemi fisici. Negli ultimissimi giri, a causa di problemi alle gomme posteriori, Hamilton cede terreno e viene avvicinato da Räikkönen.

Sebastian Vettel vince così per la quarantottesima volta in carriera in F1, cogliendo anche il suo centesimo podio.

Gran Premio del Bahrein[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Bahrein 2018.

Al via Sebastian Vettel mantiene il comando, mentre Kimi Räikkönen viene scavalcato da Valtteri Bottas. Dietro Nico Hülkenberg spinge fuori Kevin Magnussen, che però resiste al quinto posto. Daniel Ricciardo è quarto, davanti a Pierre Gasly, Magnussen, Esteban Ocon, Hülkenberg, Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Max Verstappen.

Al secondo giro Max Verstappen attacca Lewis Hamilton ma, per via di un contatto, subisce la foratura della gomma posteriore sinistra della sua RB14; l'olandese ritorna lentamente ai box per montare gomme supersoft, ma subito dopo è costretto al ritiro per la perdita di una gomma. La direzione di gara, intanto, decide per la Virtual Safety Car. Nel primo giro si era anche ritirato il suo compagno di team, Daniel Ricciardo, per un guasto al motore elettrico.

La classifica vede ancora il tedesco della Ferrari al comando, con Bottas e Räikkönen a seguire. Hamilton, dopo una partenza cauta, riesce ad effettuare un triplo sorpasso al quarto giro, passando Alonso, Hülkenberg e Ocon, portandosi al sesto posto. Alla fine dell'undicesimo giro, dopo aver passato Magnussen e Gasly, il campione del mondo scala in quarta posizione.

Tra i giri 13 e 16, i team minori effettuano dei pit-stop, mentre al giro 18 la Ferrari ferma Sebastian Vettel, che monta gomme soft, che tenterà di portare fino alla fine del Gran Premio. All'uscita dai box si trova a 8 secondi di ritardo da Hamilton. Davanti vi sono i due finnici Bottas e Räikkönen. Il ferrarista si ferma al giro 19. Al ventesimo passaggio Valtteri Bottas monta gomme nuove, medie, anch'egli per una strategia ad un solo pit-stop. Al venteseiesimo giro Vettel recupera la testa della gara, passando Hamilton, alla prima curva.

Lewis Hamilton attende il giro 35 per la sua sosta, rientrando in pista sempre quarto. Il giro seguente effettua la seconda sosta Räikkönen: il pilota finlandese parte prima che la gomma posteriore sinistra sia sostituita, a causa di un'errata indicazione, e travolge un meccanico, che rimane infortunato. Räikkönen è così costretto al ritiro.

Intanto, dopo il ritiro del pilota numero 7, la Scuderia Ferrari modifica la strategia di Vettel, per andare fino in fondo con le gomme soft, superando di molti giri il limite di utilizzo di tale gomma. Al giro 42 Hülkenberg passa Ericsson per il sesto posto. Due giri dopo lo svedese cede una posizione anche a Fernando Alonso. Davanti Valtteri Bottas incomincia una progressiva rimonta sulla prima posizione. Anche Lewis Hamilton cerca di scalare avanti, colmando sempre di più il gap col compagno di squadra, senza però riuscire a impensierirlo, mentre il finlandese della Mercedes cerca di attaccare la prima posizione tenuta da Vettel.

Negli ultimi giri Bottas riesce a portare il suo distacco sotto il secondo rispetto al tedesco della Ferrari, in difficoltà a causa della gomma pesantemente usurata, ma, alla fine, dopo un accenno di sorpasso all'inizio dell'ultimo giro, non riesce a scavalcare il ferrarista, che va a vincere la quarantanovesima gara in carriera. La Ferrari torna a vincere le prima due gare delle stagione. Non accadeva dal 2004. Subito fuori dal podio Pierre Gasly con la Toro Rosso motorizzata Honda, che ottiene il suo miglior risultato in F1, oltre che il miglior risultato per la casa nipponica nell'era ibrida. A punti anche Magnussen, Nico Hülkenberg, Fernando Alonso, Stoffel Vandoorne, Marcus Ericsson (che porta i primi punti stagionali in casa Sauber), ed Esteban Ocon.

Gran Premio di Cina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Cina 2018.
Daniel Ricciardo, qui impegnato nelle prove libere, si aggiudica il Gran Premio di Cina, la sua sesta vittoria nel mondiale di F1.

In partenza Sebastian Vettel stringe su un lato Kimi Räikkönen, permettendo così a Valtteri Bottas di sfilare il suo compagno di team; anche Max Verstappen riesce a passare Räikkönen, che tiene dietro Lewis Hamilton. Seguono poi Daniel Ricciardo e le due Renault.

La classifica resta immutata per diversi giri, fino al dodicesimo passaggio, quando Carlos Sainz Jr. monta gomme medie, seguito, dopo un giro, dal suo compagno di team, Nico Hülkenberg. Le due Red Bull Racing attendono il diciassettesimo giro per il pit stop, che viene effettuato dalla due monoposto in sequenza: entrambi i piloti optano per le gomme medie. Il giro seguente tocca a Lewis Hamilton, che rientra in pista davanti a Kevin Magnussen: il danese, poco dopo, viene passato da Ricciardo. Valtteri Bottas effettua la sosta al giro 19, mentre attende il giro 20 Vettel. Una piccola imprecisione nel cambio gomme fa rientrare il tedesco dietro a Bottas.

Si porta al comando Kimi Räikkönen che però, a causa di gomme deteriorate, cede la testa a Bottas al giro 27; il ferrarista lascia passare anche Vettel, che così resta vicino alla testa della gara. Poco dopo Kimi Räikkönen effettua la sosta. Al trentesimo giro Brendon Hartley viene tamponato dal compagno di scuderia Pierre Gasly, al termine del lungo rettilineo. La presenza di molti detriti in pista costringe la direzione di gara a inviare in pista la Safety Car. La Red Bull decide di far rientrare ai box le due vetture, per montare gomme soft. Alla ripartenza della gara Valtteri Bottas è sempre al comando, seguito da Sebastian Vettel, Lewis Hamilton, Max Verstappen, Kimi Räikkönen e Daniel Ricciardo.

Le vetture anglo-austriache sfruttano le gomme fresche, e sono autrici di una bella rimonta. Al giro 37 Ricciardo passa Kimi Räikkönen; poco dopo Hamilton resiste a Verstappen, che è costretto a uscire dal tracciato, venendo passato da Ricciardo. L'australiano passa Hamilton al giro 40, che un giro dopo cede la posizione anche a Verstappen. Al quarantatreesimo giro Max Verstappen colpisce Vettel, nel tentativo di sorpasso. Il tedesco cede diverse posizioni, finendo sesto, con una vettura però non in perfetta condizione. Al giro 44 Ricciardo passa anche Bottas, prendendo il comando della gara. Kimi Räikkönen, sfruttando le gomme in crisi di Hamilton, passa al terzo posto. Vettel cede la sesta posizione a Nico Hülkenberg.

Nei giri finali il britannico cede una posizione anche a Verstappen, mentre Vettel è passato da Alonso a due giri dal termine. Max Verstappen si avvicina, senza successo a Räikkönen, a sua volta vicino a Bottas. Vince, per la sesta volta nel mondiale, Daniel Ricciardo. Lewis Hamilton ottiene il ventottesimo arrivo a punti consecutivo, nuovo record nel mondiale di F1.

Gran Premio d'Azerbaigian[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Azerbaigian 2018.
Lewis Hamilton, dopo una gara rocambolesca, si aggiudica il Gran Premio a Baku.

Il poleman Sebastian Vettel mantiene il comando della gara, alla partenza, davanti alle due Mercedes; c'è un contatto tra Kimi Räikkönen ed Esteban Ocon, col primo che è costretto subito ai box per sostituire il musetto, mentre Sergej Sirotkin colpisce Fernando Alonso: lo spagnolo riesce a ritornare ai box su due sole ruote, mentre il russo è costretto all'abbandono. La direzione di gara decide per la Safety Car. La classifica vede Vettel davanti alle due Mercedes, poi seguono le due Red Bull Racing, Carlos Sainz Jr., Lance Stroll, Nico Hülkenberg e Pierre Gasly. Dopo 5 tornate in regime di vettura di sicurezza Vettel riesce a difendere la sua prima posizione, mentre Max Verstappen e Carlos Sainz Jr. passano Daniel Ricciardo, ponendosi quarto e quinto, rispettivamente. Nico Hülkenberg passa Stroll, per la settima piazza.

Lo spagnolo della Renault riesce anche a passare Verstappen, sul rettifilo, ma l'olandese recupera subito la posizione. Solo al nono passaggio Sainz Jr. riesce a passare nuovamente Verstappen, mentre anche l'altro pilota della Renault, Hülkenberg, riesce a sopravanzare i due della Red Bull, trovandosi alle spalle del compagno di team, quinto. La gara del pilota tedesco termina al decimo giro, quando tocca un muretto con la gomma posteriore destra, distruggendo la sospensione.

Inizia un bel duello tra le due Red Bull Racing, con Ricciardo che tenta a più riprese di passare Verstappen, anche se entrambe le vetture angloaustriache denunciano dei problemi con la ricarica delle batterie. Al giro 16 Sainz Jr. si ferma per montare gomme soft, mentre Räikkönen passa prima Stroll poi Charles Leclerc, cogliendo il sesto posto. Al ventunesimo passaggio Stroll cede ancora una posizione, venendo sorpassato da Sergio Pérez.

Dopo un paio di errori di guida che lo hanno fatto allontanare da Vettel, Lewis Hamilton effettua la sosta al giro 23. Il britannico rientra terzo, trovandosi per subito alle sue spalle Verstappen. L'olandese deve però continuare a difendersi dal compagno di team Ricciardo, che lo attacca però senza successo. Al trentesimo giro c'è anche la sosta del capoclassifica Sebastian Vettel, che rientra in pista secondo, fra le due Mercedes.

Al giro 35 Daniel Ricciardo passa Max Verstappen, alla prima staccata. L'australiano si ferma ai box al giro 37, montando gomme ultrasoft. La stessa scelta è fatta da Verstappen, nel giro seguente. Ricciardo rientra in pista quinto, dietro all'olandese. Un giro dopo i due sono protagonisti di un incidente, lungo il rettilineo dei box. Ricciardo, in un tentativo di sorpasso, tampona Verstappen: entrambi sono costretti al ritiro. Viene nuovamente inviata in pista la Safety Car.

Valtteri Bottas, leader della gara, che non ha ancora cambiato le gomme, va alla sosta, seguito subito da Sebastian Vettel, che era secondo, ma che aveva già effettuato il cambio gomme. Si fermano anche Räikkönen, Sergio Pérez, Charles Leclerc e Romain Grosjean, fra i primi. Durante il regime di vettura di sicurezza Grosjean, che era sesto, termina a muro, mentre stava scaldando le gomme, ed è costretto al ritiro. I piloti criticano la direzione di gara per la mancata esposizione della bandiera rossa, vista la presenza in pista di un autogru che deve spostare la Haas incidentata.

La classifica, alla ripartenza della gara, vede Valtteri Bottas in testa, davanti a Vettel, Hamilton, Räikkönen, Pérez, Sainz Jr., Leclerc e Stroll. Al termine del periodo di gara neutralizzata Vettel tenta subito l'attacco a Bottas, anche per difendersi da Hamilton, ma giunge però lungo alla prima staccata, scalando quarto. Il tedesco perde inoltre un'ulteriore posizione il giro dopo, venendo passato da Pérez.

Al giro 48 Valtteri Bottas colpisce un detrito sul lungo rettilineo, che affloscia la sua gomma posteriore destra, costringendolo ad abbandonare il gran premio, a tre giri dal termine. Passa al comando Lewis Hamilton che così vince la sua sessantatreesima gara in F1. Completano il podio Kimi Räikkönen e Sergio Pérez. Il finlandese ottiene il record di gran premi di diversa denominazione, 26, a cui è andato a podio.

Gran Premio di Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Spagna 2018.

Lewis Hamilton è capace di mantenere il comando della gara al via, con Sebastian Vettel che passa l'altro pilota della Mercedes, Valtteri Bottas, portandosi al secondo posto. Nelle retrovie Romain Grosjean esce di pista, tenta di riprendere la vettura ma si ritrova al centro del tracciato, dopo aver alzato una grande nuvola di fumo. La sua Haas è colpita da Nico Hülkenberg e Pierre Gasly. I tre piloti sono incolumi, ma sono anche costretti all'abbandono. Per la grande quantità di detriti presente in pista la direzione di gara decide per l'utilizzo della Safety Car, che si protrae fino al settimo giro.

Alla ripartenza Hamilton comanda il plotone, davanti a Vettel, Bottas, Kimi Räikkönen, Max Verstappen, Daniel Ricciardo, Kevin Magnussen e Carlos Sainz Jr.. Le posizioni rimangono congelate fino al diciassettesimo giro, quando Vettel effettua la sua prima sosta, passando a gomme medie. Il tedesco rientra in gara settimo. Due giri dopo tocca anche a Bottas, che però rientra alle spalle di Vettel. Il tedesco della Ferrari passa anche Magnussen, passato da Bottas al ventunesimo giro. La graduatoria così vede Räikkönen e il duo della Red Bull Racing alle spalle di Hamilton, e davanti a Vettel e Bottas.

Al ventiquattresimo passaggio Lewis Hamilton effettua la sua sosta, mentre, poco dopo, Kimi Räikkönen sconta una perdita di potenza, che lo costringe al ritiro. In testa ora si trova Verstappen, davanti a Hamilton e Ricciardo. Più dietro Sainz Jr., dopo la sosta, si trova a duellare con Marcus Ericsson, per l'ottava piazza.

Al giro 32 c'è la sosta di Kevin Magnussen (che era sesto), seguito, nei due giri successivi, dalle due Red Bull. Lewis Hamilton torna al comando, davanti a Vettel, Bottas, Verstappen, Ricciardo e Magnussen. Al giro 38 Esteban Ocon si ritira per una perdita di potenza del motore, che costringe la direzione di gara a stabilire la Virtual Safety Car. La Ferrari richiama ai box Sebastian Vettel, per montare gomme medie. Il tedesco scala da secondo a quarto, in mezzo alle due Red Bull.

Al termine della Safety Car virtuale Sergej Sirotkin compie un errore di guida, mentre Verstappen danneggia l'alettone anteriore, in un contatto con Lance Stroll.

La classifica non cambia fino al termine, in quanto nessuno dei piloti di testa effettua una seconda sosta, strategia seguita da Vettel. Lewis Hamilton conquista la sua sessantaquattresima vittoria nel mondiale, la Mercedes ottiene la sua quarantunesima doppietta.

Gran Premio di Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Monaco 2018.

La partenza è regolare, con Daniel Ricciardo che si porta in testa, seguito da Sebastian Vettel, Lewis Hamilton, Kimi Räikkönen, Valtteri Bottas ed Esteban Ocon. Nelle retrovie Max Verstappen, partito ultimo, è capace di guadagnare diverse posizioni, mentre Sergej Sirotkin è penalizzato con un drive-through per il ritardo con cui le gomme sono state fissate, quando la vettura era sulla griglia di partenza.

Al nono giro, l'altro pilota della Williams, Lance Stroll, subisce una foratura ed è costretto a una sosta ai box. Al dodicesimo giro Hamilton anticipa la sua sosta, montando gomme ultrasoft. Quando rientra in pista, il britannico passa Ocon, subito dopo il tunnel. Tra il sedicesimo e il diciassettesimo passaggio effettuano la sosta anche Vettel, Ricciardo e Bottas. La classifica non muta.

Attorno al ventottesimo giro la Red Bull Racing di Ricciardo presenta dei problemi di potenza, che consentono a Vettel di avvicinarsi all'australiano. Il tedesco però non ha la velocità sufficiente per attaccare il leader della gara, cosa che fa avvicinare ai due anche Hamilton. Anche Bottas si è nel frattempo avvicinato a Kimi Räikkönen. Al giro 47 si ferma anche Verstappen, per la sua sosta; l'olandese esce dalla zona punti.

Tre giri dopo effettua la sosta anche Nico Hülkenberg, che scala al decimo posto. Al giro 52 termina la gara per Fernando Alonso, che è costretto all'abbandono per un guasto al cambio, mentre lottava con Gasly per la sesta posizione. Sainz Jr. fa passare il compagno di team Hülkenberg, per l'ottavo posto. Lo spagnolo cerca così di proteggerlo dall'arrivo di Verstappen. Il pilota della Red Bull passa lo spagnolo al cinquantasettesimo giro, dopo il tunnel, e conquista la posizione.

La gara rimane con posizione congelate fino al giro 70, quando Charles Leclerc, per un problema ai freni, tampona Brendon Hartley dopo il tunnel: entrambi sono costretti al ritiro. La direzione di gara impone la Virtual safety car. Al termine della stessa Ricciardo vede ampliato il margine su Vettel.

Daniel Ricciardo s'impone per la settima volta in carriera (la prima partendo dalla pole), davanti a Vettel e Hamilton.

Gran Premio del Canada[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Canada 2018.

Sebastian Vettel mantiene il comando della gara, precedendo Valtteri Bottas e Max Verstappen; Lewis Hamilton è quarto, mentre Daniel Ricciardo passa Kimi Räikkönen per il quinto posto. Nel corso del primo giro c'è un incidente tra Lance Stroll e Brendon Hartley, con le due vetture che si agganciano e finiscono fuori pista. Il neozelandese è anche portato in un ospedale di Montréal, senza che però siano riscontrati danni fisici. Per tre giri la gara è neutralizzata dalla safety car. Alla ripartenza le posizioni rimangono quelle già definite.

Al decimo giro Esteban Ocon, settimo, effettua la sua sosta, che però è un po' lenta e lo fa retrocedere in quattordicesima posizione. Al giro 15 c'è il pit stop anche di Carlos Sainz Jr., mentre al giro 17 è il turno di Verstappen e Hamilton (che da inizio gara è limitato da un problema alla power unit), che rientrano quinto e sesto. Un primo cambiamento alla classifica c'è il giro dopo, quando Ricciardo, dopo la sua sosta, si trova davanti a Hamilton, e alle spalle di Verstappen.

Al giro 25 Nico Hülkenberg passa Romain Grosjean per il settimo posto. Tre giri dopo il francese è passato anche da Sainz Jr. Grosjean, che si mantiene in pista ancora con gomme vecchie, cede poi, al giro 32, anche a Ocon. Al trentatreesimo passaggio Räikkönen effettua la sosta, rientrano in gara ancora dietro a Hamilton. Al giro 37 Valtteri Bottas va al cambio gomme, seguito il giro dopo anche da Vettel. Il tedesco mantiene la prima posizione.

Solo al giro 49 Grosjean effettua il suo cambio gomme. Bottas cerca di avvicinarsi a Vettel, ma compie un errore di guida che lo riallontana dal leader della gara. Dietro si crea una terzetto di tre piloti molto vicini: Verstappen, Ricciardo e Hamilton. Negli ultimi giri Bottas si trova a dover limitare la prestazione, per non terminare il carburante.

A un giro dal termine viene mostrata, per errore, la bandiera a scacchi, dopo il passaggio di Vettel sul traguardo. L'errore è stata spiegato con un difetto di comunicazione tra la direzione di gara e chi doveva autorizzare l'uso della bandiera. La gara prosegue fino al termine, ma la classifica è redatta sulla base dei risultati a due giri dal termine.

Sebastian Vettel vince il suo cinquantesimo gran premio di F1, riportando alla vittoria la Ferrari a Montréal dopo 14 anni.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Risultato dei Gran Premi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio Circuito Pole position Giro veloce Pilota vincitore Scuderia vincitrice Resoconto
1 Australia Gran Premio d'Australia Melbourne Regno Unito Lewis Hamilton Australia Daniel Ricciardo Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari Resoconto
2 Bahrein Gran Premio del Bahrein Sakhir Germania Sebastian Vettel Finlandia Valtteri Bottas Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari Resoconto
3 Cina Gran Premio di Cina Shanghai Germania Sebastian Vettel Australia Daniel Ricciardo Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer Resoconto
4 Azerbaigian Gran Premio d'Azerbaigian Baku Germania Sebastian Vettel Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
5 Spagna Gran Premio di Spagna Montmeló Regno Unito Lewis Hamilton Australia Daniel Ricciardo Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
6 Monaco Gran Premio di Monaco Monte Carlo Australia Daniel Ricciardo Paesi Bassi Max Verstappen Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer Resoconto
7 Canada Gran Premio del Canada Montréal Germania Sebastian Vettel Paesi Bassi Max Verstappen[94] Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari Resoconto
8 Francia Gran Premio di Francia Le Castellet Regno Unito Lewis Hamilton Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
9 Austria Gran Premio d'Austria Spielberg
10 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna Silverstone
11 Germania Gran Premio di Germania Hockenheim
12 Ungheria Gran Premio d'Ungheria Magyoród
13 Belgio Gran Premio del Belgio Spa-Francorchamps
14 Italia Gran Premio d'Italia Monza
15 Singapore Gran Premio di Singapore Singapore
16 Russia Gran Premio di Russia Soči
17 Giappone Gran Premio del Giappone Suzuka
18 Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti Austin
19 Messico Gran Premio del Messico Città del Messico
20 Brasile Gran Premio del Brasile San Paolo
21 Emirati Arabi Uniti Gran Premio di Abu Dhabi Yas Marina

Risultato delle qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
2 Belgio Stoffel Vandoorne 11 14 14 16 11 12 15 17
3 Australia Daniel Ricciardo 8+3 4 6 4 6 1 6 5
5 Germania Sebastian Vettel 3 1 1 1 3 2 1 3
7 Finlandia Kimi Räikkönen 2 2 2 6 4 4 5 6
8 Francia Romain Grosjean 6 16 10 20+5[95] 10 18+3 20[96] 10
9 Svezia Marcus Ericsson 17 17 20+5[97] 18 17 16 18 15
10 Francia Pierre Gasly 20 5 17 17 12 10 19+10 14
11 Messico Sergio Pérez 12 12 8 8 15 9 10 13
14 Spagna Fernando Alonso 10 13 13 12 8 7 14 16
16 Monaco Charles Leclerc 18 19 19 13 14 14 13 8
18 Canada Lance Stroll 13 20 18 10 18 17 16 19
20 Danimarca Kevin Magnussen 5 6 11 15 7 19 11 9
27 Germania Nico Hülkenberg 7 7 7 14+5 16 11 7 12
28 Nuova Zelanda Brendon Hartley 16 11 15 19[98] 20+5[99] 15 12 20+35
31 Francia Esteban Ocon 14 8 12 7 13 6 8 11
33 Paesi Bassi Max Verstappen 4 15 5 5 5 20+15[100] 3 4
35 Russia Sergej Sirotkin 19 18 16 11 19+3 13 17 18
44 Regno Unito Lewis Hamilton 1 9+5 4 2 1 3 4 1
55 Spagna Carlos Sainz Jr. 9 10 9 9 9 8 9 7
77 Finlandia Valtteri Bottas 15+5 3 3 3 2 5 2 2
Pilota Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
Legenda + – Precede il numero di posizioni di penalità sulla griglia di partenza.
§ – Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi in fondo alla griglia di partenza.
P – Indica quei piloti che hanno preso il via dalla pit lane.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Sistema di punteggio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sistema di punteggio della Formula 1.
Posizione                             10ª 
Punti 25 18 15 12 10 8 6 4 2 1

Classifica piloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
1 Regno Unito Lewis Hamilton 2 3 4 1 1 3 5 1 145
2 Germania Sebastian Vettel 1 1 8 4 4 2 1 5 131
3 Australia Daniel Ricciardo 4 Rit 1 Rit 5 1 4 4 96
4 Finlandia Valtteri Bottas 8 2 2 14 * 2 5 2 7 92
5 Finlandia Kimi Räikkönen 3 Rit 3 2 Rit 4 6 3 83
6 Paesi Bassi Max Verstappen 6 Rit 5 Rit 3 9 3 2 68
7 Germania Nico Hülkenberg 7 6 6 Rit Rit 8 7 9 34
8 Spagna Fernando Alonso 5 7 7 7 8 Rit Rit 16 * 32
9 Spagna Carlos Sainz Jr. 10 11 9 5 7 10 8 8 28
10 Danimarca Kevin Magnussen Rit 5 10 13 6 13 13 6 27
11 Francia Pierre Gasly Rit 4 18 12 Rit 7 11 Rit 18
12 Messico Sergio Pérez 11 16 12 3 9 12 14 Rit 17
13 Francia Esteban Ocon 12 10 11 Rit Rit 6 9 Rit 11
14 Monaco Charles Leclerc 13 12 19 6 10 18 * 10 10 11
15 Belgio Stoffel Vandoorne 9 8 13 9 Rit 14 16 12 8
16 Canada Lance Stroll 14 14 14 8 11 17 Rit 17 * 4
17 Svezia Marcus Ericsson Rit 9 16 11 13 11 15 13 2
18 Nuova Zelanda Brendon Hartley 15 17 20 * 10 12 19 * Rit 14 1
19 Francia Romain Grosjean Rit 13 17 Rit Rit 15 12 11 0
20 Russia Sergej Sirotkin Rit 15 15 Rit 14 16 17 15 0
Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato

* – Indica i piloti ritirati ma ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

Classifica costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore Pilota Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
1 Germania Mercedes Hamilton 2 3 4 1 1 3 5 1 237
Bottas 8 2 2 14* 2 5 2 7
2 Italia Ferrari Vettel 1 1 8 4 4 2 1 5 214
Räikkönen 3 Rit 3 2 Rit 4 6 3
3 Austria Red Bull Racing-TAG Heuer Ricciardo 4 Rit 1 Rit 5 1 4 4 164
Verstappen 6 Rit 5 Rit 3 9 3 2
4 Francia Renault Hülkenberg 7 6 6 Rit Rit 8 7 9 62
Sainz Jr. 10 11 9 5 7 10 8 8
5 Regno Unito McLaren-Renault Alonso 5 7 7 7 8 Rit Rit 16* 40
Vandoorne 9 8 13 9 Rit 14 16 12
6 India Force India-Mercedes Pérez 11 16 12 3 9 12 14 Rit 28
Ocon 12 10 11 Rit Rit 6 9 Rit
7 Stati Uniti Haas-Ferrari Grosjean Rit 13 17 Rit Rit 15 12 11 27
Magnussen Rit 5 10 13 6 13 13 6
8 Italia Scuderia Toro Rosso-Honda Hartley 15 17 20* 10 12 19* Rit 14 19
Gasly Rit 4 18 12 Rit 7 11 Rit
9 Svizzera Sauber-Ferrari Ericsson Rit 9 16 11 13 11 15 13 13
Leclerc 13 12 19 6 10 18* 10 10
10 Regno Unito Williams-Mercedes Stroll 14 14 14 8 11 17 Rit 17* 4
Sirotkin Rit 15 15 Rit 14 16 17 15
Pos. Costruttore Pilota Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato

 * – Indica i piloti ritirati ma ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Il Trofeo Pole FIA è assegnato al pilota che nella stagione ottiene il più alto numero di pole position. Nel caso in cui due o più piloti ottengano lo stesso numero di partenze al palo, la discriminante della classifica sarà il numero di secondi posti in qualifica. Se anche tale numero dovesse essere uguale si procederà controllando il numero di terzi posti, fino al raggiungimento di una differenza. Non viene comunque assegnato nessun punto supplementare, per la classifica piloti, a chi ottiene la pole position.

Pos. Pilota Pole
1 Germania Sebastian Vettel 4
2 Regno Unito Lewis Hamilton 3
3 Australia Daniel Ricciardo 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Elisabeth Nay, F1 - La date du GP de Russie modifiée à cause du foot, su nextgen-auto.com, 21 giugno 2017. URL consultato il 21 giugno 2017.
  2. ^ Jonathan Noble, La Formula 1 correrà anche tre weekend di fila nel 2018!, su it.motorsport.com, 19 giugno 2017. URL consultato il 20 giugno 2017.
  3. ^ Stefano Ollanu, F1 Possibile inversione Bahrain-Cina nel calendario 2018, su formulapassion.it, 23 settembre 2017. URL consultato il 26 settembre 2017.
  4. ^ La FIA conferma il calendario 2018 della F.1 con 21 GP, su it.motorsport.com, 6 dicembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) New weekend schedule includes later race starts for 2018, in Formula 1® - The Official F1® Website, 1º febbraio 2018. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  6. ^ Formula 1: ecco tutti gli orari (locali) dei Gran Premi 2018, in Motorsport.com, 1º febbraio 2018. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  7. ^ a b c F1 | Pirelli: mescole scelte per Australia, Bahrain e Cina, in FormulaPassion.it, 11 dicembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  8. ^ a b c d Sky Sport, Solo su Sky LIVE i 40 GP di Formula 1 e MotoGP. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  9. ^ F1 | Pirelli: mescole scelte per l'Azerbaijan, in FormulaPassion.it, 11 gennaio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2018.
  10. ^ a b Simone Valtieri, Rai, acquisiti da Sky i diritti per Monza, in FormulaPassion.it, 25 gennaio 2018.
  11. ^ Sky Sport, Solo su Sky LIVE i 40 GP di Formula 1 e MotoGP. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  12. ^ a b c d (EN) Haas F1 Team Unveils Racecar for 2018 FIA Formula One World Championship, su haasf1team.com, 14 febbraio 2018.
  13. ^ a b (EN) Haas F1 Team, Bigger. Better. Faster. Lighter. Introducing, the #VF18., su @HaasF1Team, 14 febbraio 2018. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  14. ^ a b c Franco Nugnes, Sorpresa Haas: ecco le prime immagini della VF-18 prima F.1 2018!, in Motorsport.com, 14 febbraio 2018. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  15. ^ a b Post di Instagram di Williams Martini Racing • Gen 3, 2018 at 3:10 UTC, su Instagram. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  16. ^ a b Luca Ferrari, F1 | Williams: lancio FW41 previsto per il 15 febbraio, in FormulaPassion.it, 26 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  17. ^ a b c Red Bull Racing, pic.twitter.com/cvNc8Tvt3P, su @redbullracing, 12 febbraio 2018. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  18. ^ a b Giacomo Rauli, Red Bull: la RB14 di Ricciardo e Verstappen sarà svelata il 19 febbraio, in Motorsport.com, 12 febbraio 2018. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  19. ^ (EN) Red Bull Racing Formula One Team, The RB14: Special Edition | Red Bull Racing Formula One Team, su Red Bull Racing Formula One Team, 19 febbraio 2018. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  20. ^ a b c d (EN) Sauber F1 Team, CONFIRMED: The official online launch of our #C37 2018 #F1 car is set for the 20th of February. Who's excited?, su @SauberF1Team, 29 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  21. ^ a b c F1 | Confermata la data di presentazione della nuova Alfa Romeo Sauber per la stagione 2018 - News Formula 1, su f1grandprix.motorionline.com. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  22. ^ a b c (EN) Renault Sport F1, The rumours were true... The covers will officially come off on 20 February. Tune in on the day!, su @RenaultSportF1, 29 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  23. ^ a b Simone Valtiero, F1 | Renault, il 20 febbraio la presentazione, in FormulaPassion.it, 29 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  24. ^ a b c (EN) Mercedes-Benz by Daimler AG, Mercedes-AMG Petronas Motorsport - NEWS: Mercedes-AMG F1 W09 EQ Power+ To Be Unleashed On 22 February, su www.mercedesamgf1.com. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  25. ^ a b Marco Belloro, F1 | La Mercedes ha scelto la stessa data della Ferrari, in FormulaPassion.it, 18 gennaio 2018.
  26. ^ a b c (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Mercedes, McLaren et Toro Rosso annoncent leurs dates de présentation, su nextgen-auto.com, 18 gennaio 2018. URL consultato il 18 gennaio 2018.
  27. ^ a b c Scuderia Ferrari - presentazione nuova F1, su sf71h.ferrari.com. URL consultato il 22 febbraio 2018.
  28. ^ a b Luca Ferrari, F1 | Nuova Ferrari il 22 febbraio | FormulaPassion.it, in FormulaPassion.it, 18 dicembre 2017.
  29. ^ a b c (EN) McLaren, History assembles. #MCL33 launch 23.02.18. #BeBrave, su @McLarenF1, 18 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  30. ^ a b Marco Belloro, F1 | McLaren svelata il 23 febbraio al grido di #BeBrave, in FormulaPassion.it, 18 gennaio 2018.
  31. ^ McLaren, Be Brave | Unveiling the McLaren MCL33, 22 febbraio 2018. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  32. ^ McLaren, McLaren MCL33 LIVE, 23 febbraio 2018. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  33. ^ a b c d (EN) Toro Rosso, #STR13, the unveiling, su @ToroRosso, 6 febbraio 2018. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  34. ^ a b c Giacomo Rauli, Toro Rosso posticipa la presentazione della STR13 al 26 febbraio, su motorsport.com, 30 gennaio 2018. URL consultato il 31 gennaio 2018.
  35. ^ a b F1, il calendario delle presentazioni, in sportmediaset.mediaset.it, 14 febbraio 2018.
  36. ^ a b Lawrence Barreto, I test in stagione della F.1 2018 saranno a Barcellona e Budapest, su it.motorsport.com, 18 luglio 2017. URL consultato il 24 luglio 2017.
  37. ^ (EN) F1's 2018 testing schedule revealed, in Eurosport UK, 18 luglio 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  38. ^ Jacopo Rubino, È ufficiale, dal 2018 Sauber con motori Honda, su italiaracing.net, 30 aprile 2017. URL consultato il 1º maggio 2017.
  39. ^ Chiara Rainis, Saltata la partnership tra Sauber e Honda, c'è un rilancio Ferrari?, su it.motorsport.com, 27 luglio 2017. URL consultato il 28 luglio 2017.
  40. ^ La Sauber utilizzerà ancora i motori Ferrari, su gpupdate.net, 28 luglio 2017. URL consultato il 28 luglio 2017.
  41. ^ Roberto Chinchero, L'accordo Alfa-Sauber è ufficiale, ma per i piloti bisogna aspettare, su it.motorsport.com, 29 novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  42. ^ F1 Ufficiale: McLaren e Honda si separano a fine anno, su f1grandprix.motorionline.com, 12 settembre 2017. URL consultato il 13 settembre 2017.
  43. ^ Roberto Chinchero, Ufficiale: McLaren rompe con Honda e passa ai motori Renault dal 2018, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  44. ^ Roberto Chinchero, Toro Rosso-Honda, ora è ufficiale: hanno firmato un accordo triennale, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  45. ^ Ufficiale: il Banco Santander saluta la Ferrari alla fine del 2017, su it.motorsport.com, 29 novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  46. ^ Giacomo Rauli, Ufficiale: Aston Martin diverrà title sponsor della Red Bull dal 2018, su omnicorse.it, 25 settembre 2017. URL consultato il 26 settembre 2017.
  47. ^ Massimo Costa, Force India sarà Force One, su italiaracing.net, 28 giugno 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  48. ^ F1 | Force India, bocciata la denominazione “Force One” per il 2018 - News Formula 1, su f1grandprix.motorionline.com. URL consultato il 30 novembre 2017.
  49. ^ Stefano Ollanu, Bivio Force India: nuovo nome entro l’Australia o nel 2019, su formulapassion.it, 26 febbraio 2018. URL consultato il 13 marzo 2018.
  50. ^ Roberto Chinchero, Ufficiale: i piloti Toro Rosso per il 2018 saranno Gasly e Hartley, su it.motorsport.com, 16 novembre 2017. URL consultato il 21 novembre 2017.
  51. ^ Massimo Costa, Norris tester e riserva McLaren, su italiaracing.net, 6 novembre 2017. URL consultato l'8 novembre 2017.
  52. ^ (FR) Olivier Ferret, F1 - L’accord entre Button et McLaren ne sera pas renouvelé, su nextgen-auto.com, 8 novembre 2017. URL consultato il 9 novembre 2017.
  53. ^ F1, la McLaren ingaggia un campione di videogames, su corrieredellosport.it, 22 novembre 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  54. ^ a b Ufficiale: Daniil Kvyat è un nuovo pilota della Ferrari - MotorSport Italia, in MotorSport Italia, 10 gennaio 2018. URL consultato il 10 gennaio 2018.
  55. ^ Jacopo Rubino, La Alfa-Sauber si presenta-Leclerc ed Ericsson i titolari, su italiaracing.net, 2 dicembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  56. ^ a b F1, Pascal Wehrlein collaudatore in Mercedes, su corrieredellosport.it, 26 gennaio 2018. URL consultato il 28 gennaio 2018.
  57. ^ (EN) WILLIAMS MARTINI RACING CONFIRMS SERGEY SIROTKIN TO JOIN LANCE STROLL IN 2018, su williamsf1.com. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  58. ^ F1, Williams: Kubica ingaggiato come terzo pilota - Sportmediaset, su sportmediaset.it. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  59. ^ (FR) Olivier Ferret, F1 - Sirotkin a choisi son numéro de course, su nextgen-auto.com, 19 gennaio 2018. URL consultato il 19 gennaio 2018.
  60. ^ Formula 1, Kubica: bene anche la seconda sessione di test con Williams, su autosprint.corrieredellosport.it. URL consultato il 17 novembre 2017.
  61. ^ Formula 1: Ecco chi sono i tester per i Team nel 2018, su altervista.org, 19 marzo 2018. URL consultato il 28 marzo 2018.
  62. ^ Luca Ferrari, F1 | Ferrari: Daniil Kvyat nuovo 'development driver', in FormulaPassion.it, 10 gennaio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2018.
  63. ^ (EN) Nicholas Latifi joins Sahara Force India as reserve and test driver | Force India F1, su www.forceindiaf1.com. URL consultato il 5 gennaio 2018.
  64. ^ (EN) Williams F1, su www.williamsf1.com. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  65. ^ a b (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Aitken et Markelov seront les pilotes d’essai de Renault, su nextgen-auto.com, 20 febbraio 2018. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  66. ^ F1 Toro Rosso, Sean Gelael confermato collaudatore del team, su f1grandprix.motorionline.com, 10 gennaio 2018. URL consultato il 10 gennaio 2018.
  67. ^ Haas conferma Santino Ferrucci come development driver per il 2018, su motorsport.com, 28 marzo 2018. URL consultato il 28 marzo 2018.
  68. ^ (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Haas confirme également Arjun Maini comme essayeur, su nextgen-auto.com, 29 marzo 2018. URL consultato il 30 marzo 2018.
  69. ^ Giacomo Rauli, Tatiana Calderon promossa test driver del team Alfa Romeo Sauber, su it.motorsport.com, 6 marzo 2018. URL consultato il 13 marzo 2018.
  70. ^ Jacopo Rubino, La Malesia saluta la F1-Quest'anno ultima gara a Sepang, su italiaracing.net, 7 aprile 2017. URL consultato l'8 aprile 2017.
  71. ^ Marco Belloro, F1 Rinnovo fino al 2020 per il Gran Premio della Cina, su formulapassion.it, 29 settembre 2017. URL consultato il 29 settembre 2017.
  72. ^ Giacomo Rauli, Ufficiale: il GP di Singapore fino al 2021 nel calendario di F.1, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  73. ^ Fabiano Polimeni, GP Francia, Ecclestone conferma: si farà, su autosprint.corrieredellosport.it, 2 dicembre 2016. URL consultato il 2 dicembre 2016.
  74. ^ a b Ufficiale: la Formula 1 in esclusiva Sky, sulla Rai solo Monza, in Autosprint.it, 25 gennaio 2018. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  75. ^ Luca Manacorda, Confermato: addio Rai, F1 tutta su Sky, in FormulaPassion.it, 25 gennaio 2018. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  76. ^ Roberto Valenti, Formula 1 | Bandiera a scacchi sulla F1 in chiaro: Rai saluta definitivamente il Circus. Diritti in esclusiva a Sky - News Formula 1, su f1grandprix.motorionline.com, 16 gennaio 2018.
  77. ^ Franco Nugnes, La RAI ha perso la Formula 1. I GP in chiaro si vedranno su TV8, in Motorsport.com, 16 gennaio 2018.
  78. ^ Formula 1, Ecclestone critica il puritanesimo di Liberty Media. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  79. ^ Ecclestone contro l'addio alle "ombrelline": "Ora il mondo è troppo pudico", su gazzettadiparma.it, 1º febbraio 2018.
  80. ^ F1, Vettel: "Basta ombrelline? Scelta ridicola", su sportmediaset.mediaset.it, 3 febbraio 2018.
  81. ^ (EN) F1 pushes ahead with 2018 three-engine plan, in Autoweek, 25 settembre 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  82. ^ Adam Cooper e Franco Nugnes, Direttiva tecnica FIA sui motori: tutte le power unit devono essere uguali, in Motorsport.com, 23 febbraio 2018. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  83. ^ Luca Ferrari, F1 | Pinne sui cofani: il no McLaren porta l'abolizione, in FormulaPassion.it, 25 novembre 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  84. ^ (EN) Horner criticises oil burn allowance in ‘green’ F1 - Speedcafe, su www.speedcafe.com, 14 ottobre 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  85. ^ Marco Belloro, F1 | Ufficiale: dal 2018 le vetture avranno l'Halo come protezione, in FormulaPassion.it, 19 luglio 2017. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  86. ^ Luca Ferrari, F1 | Halo: spuntano i primi profili aggiuntivi | FormulaPassion.it, in FormulaPassion.it, 4 dicembre 2017. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  87. ^ Stefano Ollanu, F1 | Vettel: secca bocciatura per lo Shield | FormulaPassion.it, in FormulaPassion.it, 14 luglio 2017. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  88. ^ Luca Manacorda, F1 | Pirelli: ufficiale la sesta mescola nel 2018 | FormulaPassion.it, in FormulaPassion.it, 13 novembre 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  89. ^ Pirelli's rainbow to light up Formula in 2018, su news.pirelli.com, 23 novembre 2017.
  90. ^ L'arcobaleno Pirelli illumina la Formula 1 2018 | FP, in FormulaPassion.it, 23 novembre 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  91. ^ Maurizio Voltini, Gomme Formula 1 2018: Pirelli lancia un arcobaleno di mescole, in Autosprint.it, 23 novembre 2017.
  92. ^ (EN) Stricter F1 jump start rules in 2018 - Speedcafe, su www.speedcafe.com, 23 settembre 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  93. ^ Jonathan Noble, La F.1 esperimenta dei guanti biometrici da adottare nel 2018, in Motorsport.com, 6 ottobre 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  94. ^ Il giro veloce del Gran Premio del Canada è stato compiuto da Daniel Ricciardo al 70º e ultimo giro. A causa di un errore nell'esposizione della bandiera a scacchi, la gara è stata neutralizzata dopo 68 giri e il giro veloce spetta a Max Verstappen, compiuto al 65º giro.
  95. ^ Romain Grosjean non ottiene tempi validi per la qualificazione nel Gran Premio d'Azerbaigian. Viene autorizzato alla partenza dai commissari, ma è penalizzato di 5 posizioni in griglia. Partendo al ventesimo e ultimo posto, la penalizzazione non incide, di fatto, sulla sua posizione di partenza.
  96. ^ Romain Grosjean non ottiene tempi validi per la qualificazione nel Gran Premio del Canada. Viene autorizzato alla partenza dai commissari.
  97. ^ Marcus Ericsson penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza del Gran Premio di Cina. Essendosi qualificato al ventesimo e ultimo posto, tale penalizzazione non incide, di fatto, sulla sua posizione di partenza.
  98. ^ Brendon Hartley non ottiene tempi validi per la qualificazione nel Gran Premio d'Azerbaigian. Viene autorizzato alla partenza dai commissari.
  99. ^ Brendon Hartley non prende parte alle qualifiche del Gran Premio di Spagna. Viene autorizzato alla partenza dai commissari, ma è penalizzato di 5 posizioni in griglia. Partendo al ventesimo e ultimo posto, la penalizzazione non incide, di fatto, sulla sua posizione di partenza.
  100. ^ Max Verstappen non prende parte alle qualifiche del Gran Premio di Monaco. Viene autorizzato alla partenza dai commissari, ma è penalizzato di 15 posizioni in griglia. Partendo al ventesimo e ultimo posto, la penalizzazione non incide, di fatto, sulla sua posizione di partenza.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1