Gran Premio di Monaco 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monaco Gran Premio di Monaco 2017
962º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 20 del Campionato 2017
Monte Carlo Formula 1 track map.svg
Data 28 maggio 2017
Nome ufficiale LXXV Grand Prix de Monaco
Circuito Monte Carlo
Percorso 3,337 km / 2,073 US mi
Circuito cittadino
Distanza 78 giri, 260,286 km/ 161,734 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Kimi Räikkönen Messico Sergio Pérez
Ferrari in 1'12"178 Force India-Mercedes in 1'14"820
(nel giro 76)
Podio
1. Germania Sebastian Vettel
Ferrari
2. Finlandia Kimi Räikkönen
Ferrari
3. Australia Daniel Ricciardo
Red Bull Racing-TAG Heuer

Il Gran Premio di Monaco 2017 è stata la sesta prova della stagione 2017 del campionato mondiale di Formula 1. La gara, corsa domenica 28 maggio 2017 sul circuito di Monte Carlo a Monaco, è stata vinta da Sebastian Vettel su Ferrari. Per il pilota tedesco si è trattato del quarantacinquesimo successo nel mondiale; Vettel ha preceduto sul traguardo il suo compagno di squadra, il pilota finlandese Kimi Räikkönen e il pilota australiano Daniel Ricciardo su Red Bull Racing-TAG Heuer.

Questo gran premio segna l'ultima gara in F1 per Jenson Button.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

È prevista una sola zona in cui i piloti possono attivare il DRS, posta lungo il rettifilo dei box. Il detection point, ovvero il punto per la determinazione del distacco tra i piloti, necessario per consentire l'uso del dispositivo, è stabilito poco prima della curva Rascasse.[1]

Per questa gara la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, porta l'opzione di gomme ultrasoft, supersoft e soft. Da questa gara, per la prima volta in stagione, la scelta del numero di set dei diversi tipi di mescola, da portare, spetta alle singole scuderie.[2]

A seguito del grave incidente accaduto al pilota inglese Billy Monger, in una gara di F4, la FIA impone ai costruttori la modifica della zona di attacco dei diffusori, alla zona del cambio.[3] Vengono alzati i cordoli, in prossimità della chicane della Piscina, al fine di evitare dei tagli di traiettoria. Sulla pista, in diversi punti, è stato inoltre steso un nuovo asfalto.[4]

La Red Bull Racing presenta, da questa gara, l'appendice aerodinamica denominata T wing.[5]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

A seguito del contatto con Felipe Massa nel corso del Gran Premio precedente, il pilota della McLaren, Stoffel Vandoorne viene penalizzato di tre posti in griglia.[6]

L'altro pilota della McLaren, Fernando Alonso, annuncia che parteciperà alla 500 Miglia di Indianapolis, al volante di una Dallara-Honda, gestita dalla McLaren, col supporto del team di Michael Andretti. La scuderia britannica aveva partecipato, per l'ultima volta, alla gara statunitense nel 1976, vinta con Johnny Rutherford.[7] Vista la contemporaneità col Gran Premio di Monaco, la McLaren indica, come suo sostituto, la terza guida Jenson Button, già pilota del team dal 2010 al 2016.[8]

La scuderia statunitense Haas presenta, da questa gara, una nuova livrea, per la sua monoposto. La nuova colorazione prevede la presenza del grigio in luogo del rosso.[9] La Renault celebra i suoi 40 anni nella massima formula (debutto nel Gran Premio di Gran Bretagna 1977), facendo provare il tracciato ad Alain Prost e Jean-Pierre Jabouille, ex piloti della casa francese, rispettivamente alla guida di una Renault RE40 e una Renault RS01.[10]

L'ex pilota di Formula 1, il britannico Derek Warwick, è nominato commissario aggiunto per la gara. Ha svolto già in passato tale funzione, l'ultima al Gran Premio d'Australia. Warwick fu steward anche nell'edizione 2014 della gara monegasca.[11]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione di libere Lewis Hamilton ottiene, con le ultrasoft, un tempo inferiore alla pole position della stagione 2016. Il britannico precede di 196 millesimi Sebastian Vettel. Al terzo posto s'inserisce Max Verstappen, che però ha perduto parte della sessione dopo aver danneggiato il fondo della sua vettura passando al di sopra di un cordolo. Dietro all'olandese ha chiuso Bottas, seguito da Ricciardo e Daniil Kvjat, che ha utilizzato la mescola supersoft.

Romain Grosjean ha effettuato un testacoda alla curva della Santa Devota, mentre non ha potuto effettuare giri cronometrati Nico Hülkenberg, per problemi alla batteria della sua Renault. Anche Marcus Ericsson è stato limitato nell'impegno a soli 3 giri, per la rottura della trasmissione della Sauber.[5]

Sebastian Vettel, nella sessione pomeridiana, ottiene il nuovo record della pista. Il tedesco precede Daniel Ricciardo, e l'altro pilota della Ferrari, Kimi Räikkönen. Al quarto e al quinto posto si classificano le due Toro Rosso, che precedono Verstappen, che è stato penalizzato da un problema al volante, impossibilitato a inviare le informazioni sulle marce. La temperatura dell'asfalto è aumentata di 10 gradi, rispetto alle libere del mattino.

Le Mercedes hanno chiuso con l'ottavo e decimo tempo, facendo segnare tempi peggiori rispetto a quelli della prima sessione. La sessione stessa è stata interrotta con bandiere rosse, per un incidente di Lance Stroll al Massenet. Anche Esteban Ocon ha perduto il controllo della sua vettura, dopo il tornate della Vecchia Stazione, potendo però rientrare autonomamente ai box. Infine Ericsson ha toccato il guard-rail al Casino, ma anch'egli senza riportare troppi danni alla monoposto. Jolyon Palmer, della Renault, è stato limitato, in sessione, da un cedimento del propulsore.[12] Al termine delle prove la McLaren sostituisce la MGU-H e il turbo sulla vettura di Jenson Button, che viene così penalizzato di 15 posizioni sulla griglia di partenza. Altre sostituzioni, già previste, avvengono anche sulla vettura del compagno di team Vandoorne, che però non subisce altre penalizzazioni, oltre a quella già prevista, per l'incidente in Spagna con Massa.[13]

Al sabato Vettel batte ancora il record del tracciato, precedendo di tre decimi il compagno di team, Räikkönen. L'asfalto del circuito non consuma particolarmente le gomme, tanto che i piloti possono inanellare diverso giri rapidi, anche con gomme di mescola ultrasoft. Terzo si è posto Valtteri Bottas, con la Mercedes che ha maggiore difficoltà a mandare in temperatura gli pneumatici. Ocon è stato nuovamente protagonista di un incidente, nella zona delle Piscine. I danni alla sua monoposto hanno messo in dubbio la sua partecipazione alla sessione di qualifiche.[14]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del giovedì[15] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'13"425 40
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'13"621 +0"196 34
3 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'13"771 +0"346 32

Nella seconda sessione del giovedì[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'12"720 38
2 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'13"207 +0"487 35
3 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'13"283 +0"563 46

Nella sessione del sabato mattina[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'12"395 23
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'12"740 +0"345 26
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'12"830 +0"435 29

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Già in Q1 tutti i piloti sfruttano due giri di riscaldamento delle gomme, prima di cercare la prestazione più veloce. Tutti le vetture affrontano subito le prove, per evitare il traffico e possibili incidenti. La lotta per il primo posto coinvolge, oltre a Bottas e Ferrari, anche le Red Bull Racing. Lewis Hamilton presenta maggior difficoltà a essere competitivo, mentre lo sono le Toro Rosso e le McLaren. Romain Grosjean è autore di un testacoda, ma senza conseguenze per la vettura e il pilota. Vengono eliminati, al termine della fase, le due Sauber, Esteban Ocon, Jolyon Palmer e Lance Stroll.

Anche nella seconda fase tutti i piloti si portano subito in pista, tranne le Red Bull e Felipe Massa. Le due Mercedes optano per un solo giro di riscaldamento, prima di cercare il tempo, mentre gli altri ne affrontano due in fila. Lewis Hamilton continua a soffrire problemi di aderenza, mentre Grosjean effettua ancora un testacoda, questa volta alla Santa Devota. Il francese ha il sesto tempo, ma poi colpisce i guard-rail. Con l'ultimo tentativo Hamilton cerca di passare in Q3, ma poco prima di segnare il tempo, Stoffel Vandoorne termina a muro, alle Piscine: l'esposizione delle bandiere gialle non permette al britannico di migliorarsi, e così esce dalla fase decisiva. Oltre lui, vengono eliminati anche Daniil Kvjat, Nico Hülkenberg, Kevin Magnussen e Felipe Massa.

La fase finale vede al via solo 9 vetture, in quanto Vandoorne ha danneggiato irreparabilmente la sospensione anteriore destra della sua McLaren. Kimi Räikkönen si pone al comando, davanti a Daniel Ricciardo, staccato di 7 decimi. Anche Vettel non riesce a battere il tempo del suo compagno di scuderia, dopo aver rallentato nel secondo settore. Poco dopo è Bottas a portarsi al secondo posto, staccato di soli due decimi dal suo connazionale. Nell'ultimo tentativo torna secondo Vettel, più lento di soli 43 millesimi dal tempo della pole position, mentre Bottas è terzo, staccato di soli due millesimi da Vettel.

Kimi Räikkönen conquista la sua prima pole position dopo oltre 8 anni (l'ultima è stata nel Gran Premio di Francia 2008), mentre una prima fila tutta Ferrari a Montecarlo non si verificava dal 2008.[18] L'intervallo tra le due partenze al palo per Kimi Räikkönen è la più lunga nella storia del mondiale, 8 anni, 11 mesi e 6 giorni, pari a 169 gare.[19]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[20] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'13"117 1'12"231 1'12"178 1
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'13"090 1'12"449 1'12"221 2
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'13"325 1'12"901 1'12"223 3
4 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'13"078 1'12"697 1'12"496 4
5 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'13"219 1'13"011 1'12"998 5
6 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 1'13"526 1'13"397 1'13"162 6
7 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'13"530 1'13"430 1'13"329 7
8 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'13"786 1'13"203 1'13"349 8
9 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 1'13"723 1'13"453 1'13"613 PL[13]
10 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 1'13"476 1'13"249 senza tempo 12[6]
11 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 1'13"899 1'13"516 N.D. 9
12 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 1'13"787 1'13"628 N.D. 10
13 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 1'13"531 1'13"959 N.D. 11
14 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'13"640 1'14"106 N.D. 13
15 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'13"796 1'20"529 N.D. 14
16 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 1'14"101 N.D. N.D. 15
17 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 1'14"696 N.D. N.D. 16
18 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 1'14"893 N.D. N.D. 17
19 94 Germania Pascal Wehrlein Svizzera Sauber-Ferrari 1'15"159 N.D. N.D. 18
20 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'15"276 N.D. N.D. 19
Tempo limite 107%: 1'18"193

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Il vincitore Sebastian Vettel durante il giro d'onore

Al via Kimi Räikkönen mantiene il comando, davanti al compagno di scuderia Sebastian Vettel, che riesce a difendere la seconda piazza da Valtteri Bottas. Seguono poi le due Red Bull Racing, Carlos Sainz Jr. e Romain Grosjean.

Tutte le posizioni rimangono congelate fino al giro 15 quando Nico Hülkenberg (decimo) è costretto al ritiro, per un guasto al cambio. Davanti, Bottas, riesce a ridurre la distanza dalla due Ferrari, rallentate da dei doppiaggi, mentre Max Verstappen sfiora la collisione con le barriere, alla Piscine.

L'olandese è il primo dei piloti di testa ad effettuare la sosta, al giro 32. Un giro dopo tocca a Bottas, e, al giro 35, anche al battistrada, Räikkönen. Daniel Ricciardo attende il trentottesimo passaggio, e rientra in pista terzo, davanti a Bottas, mentre Kimi Räikkönen recupera la seconda posizione.

Sebastian Vettel, ora al comando, effettua il cambio degli pneumatici al giro 39, e rientra in gara ancora primo, davanti al suo compagno di squadra. Chi invece allunga ancora il momento del suo pit stop, è Lewis Hamilton, partito tredicesimo, che sceglie di fermarsi solo al giro 46. Al rientro in pista è settimo, dietro a Carlos Sainz Jr..

Col passare della gara si forma, alla prima curva, un avvallamento sull'asfalto, che rende scivoloso il tratto di pista. Al sessantesimo giro vi è un contatto, alla seconda curva del Portier, tra Jenson Button e Pascal Wehrlein: la Sauber del tedesco viene ribaltata, e termina contro le barriere. Il pilota è incolume, ma la direzione di gara decide l'invio in pista della Safety Car. Al giro 64, in regime di vettura di sicurezza, l'altra Sauber, quella di Marcus Ericsson, termina contro le barriere alla santa Devota, proprio nel punto nel quale l'asfalto presenta dei problemi.

Alla ripartenza della gara i primi mantengono le posizioni, mentre Stoffel Vandoorne, che era decimo, passato da Sergio Pérez, termina la sua gara contro le protezioni, alla Rascasse. Pochi giri dopo, sempre nello stesso punto, il messicano colpisce la vettura di Daniil Kvjat, che è costretto al ritiro.

Sebastian Vettel riporta alla vittoria la Ferrari nel Gran Premio di Monaco dopo 16 anni. Per la casa di Maranello si tratta inoltre della prima doppietta dal Gran Premio di Germania 2010.[21]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[22] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 78 1h44'44"340 2 25
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 78 +3"145 1 18
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 78 +3"745 5 15
4 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 78 +5"517 3 12
5 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 78 +6"199 4 10
6 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 78 +12"038 6 8
7 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 78 +15"801 13 6
8 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 78 +18"150 8 4
9 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 78 +19"445 14 2
10 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 78 +21"443 11 1
11 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 78 +22"737 16
12 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 78 +23"725 15
13 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 78 +49"089[23] 7
14 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 71 Collisione con S.Pérez[24] 9
15 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 71 Freni[24] 17
Rit 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 66 Incidente 12
Rit 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 63 Freni/Incidente 19
Rit 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 57 Collisione con P.Wehrlein PL
Rit 94 Germania Pascal Wehrlein Svizzera Sauber-Ferrari 57 Collisione con J.Button[25] 18
Rit 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 15 Cambio 10

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Italia Ferrari 196
2 Germania Mercedes 179
3 Austria Red Bull-TAG Heuer 97
4 India Force India-Mercedes 53
5 Italia Toro Rosso 29
6 Regno Unito Williams-Mercedes 20
7 Francia Renault 14
8 Stati Uniti Haas-Ferrari 14
9 Svizzera Sauber-Ferrari 4

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 3
2 Finlandia Valtteri Bottas 1
3 Germania Sebastian Vettel 1
4 Finlandia Kimi Räikkönen 1

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della gara, il pilota della McLaren, Jenson Button, è stato penalizzato di tre posizioni sulla griglia di partenza, della prossima gara a cui prenderà parte, in quanto ritenuto colpevole per il contatto con Pascal Wehrlein, avvenuto al giro 60 del gran premio.[26]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) FORMULA 1 GRAND PRIX DE MONACO 2017, su formula1.com. URL consultato il 22 maggio 2017.
  2. ^ Fabiano Polimeni, Formula 1, a Monaco torna la scelta libera delle gomme, su autosprint.corrieredellosport.it, 16 maggio 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.
  3. ^ Massimo Costa, Il dramma di Monger insegna Modificati i diffusori posteriori, su italiaracing.net, 25 maggio 2017. URL consultato il 30 maggio 2017.
  4. ^ Jonathan Noble, Monaco: molto più alto il cordolo alle Piscine per evitare tagli!, su it.motorsport.com, 24 maggio 2017. URL consultato il 30 maggio 2017.
  5. ^ a b Franco Nugnes, Monaco, Libere 1: Hamilton subito da record davanti a Vettel, su it.motorsport.com, 25 maggio 2017. URL consultato il 26 maggio 2017.
  6. ^ a b Marco Di Marco, Vandoorne retrocesso di 3 posizioni in griglia a Monaco per il contatto con Massa, su it.motorsport.com, 14 maggio 2017. URL consultato il 16 maggio 2017.
  7. ^ Massimo Costa, CLAMOROSO - Alonso alla 500 Miglia con il supporto McLaren-Honda-Andretti, su italiaracing.net, 12 aprile 2017. URL consultato il 13 aprile 2017.
  8. ^ F1, Gp Monaco 2017: ufficiale, Jenson Button sostituirà Fernando Alonso, in Sportface.it, 14 aprile 2017. URL consultato il 18 aprile 2017.
  9. ^ Giacomo Rauli, Haas: dal GP di Monaco le VF-17 avranno una nuova livrea, su it.motorsport.com, 19 maggio 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.
  10. ^ Fabiano Polimeni, Renault celebra a Montecarlo i primi 40 anni in Formula 1, su autosprint.corrieredellosport.it, 26 maggio 2017. URL consultato il 30 maggio 2017.
  11. ^ (EN) Derek Warwick-Formula 1 steward, su sidepodcast.com. URL consultato il 30 maggio 2017.
  12. ^ Franco Nugnes, Monaco, Libere 1: Vettel esalta la Ferrari, le Mercedes si nascondono!, su it.motorsport.com, 25 maggio 2017. URL consultato il 26 maggio 2017.
  13. ^ a b Jenson Button penalizzato di 15 posizioni sulla griglia di partenza, per la sostituzione di alcune parti della power unit. A causa di una modifica all'assetto della sua vettura parte dalla pit lane. Matt Beer, Button perde 15 posizioni in griglia per un problema al motore, su it.motorsport.com, 27 maggio 2017. URL consultato il 28 maggio 2017.
  14. ^ Franco Nugnes, Monaco, Libere 3: due Ferrari davanti e le Mercedes fanno fatica, su it.motorsport.com, 27 maggio 2017. URL consultato il 28 maggio 2017.
  15. ^ Prima sessione di prove libere del giovedì
  16. ^ Seconda sessione di prove libere del giovedì
  17. ^ Sessione di prove libere del sabato
  18. ^ (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Räikkönen signe à Monaco sa première pole depuis neuf ans, su nextgen-auto.com, 27 maggio 2017. URL consultato il 28 maggio 2018.
  19. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Pole positions-Intervalle entre deux, su statsf1.com. URL consultato il 28 maggio 2018.
  20. ^ Sessione di qualifiche
  21. ^ Massimo Costa, Monte-Carlo - La cronaca Doppietta Ferrari, vince Vettel, su italiaracing.net, 28 maggio 2017. URL consultato il 30 maggio 2017.
  22. ^ Gara
  23. ^ Sergio Pérez riceve una penalità di dieci secondi sul tempo di gara per aver causato una collisione con Daniil Kvjat.
  24. ^ a b Daniil Kvjat e Lance Stroll sono comunque classificati avendo coperto almeno il 90% della distanza di gara.
  25. ^ Pascal Wehrlein riceve una penalità di cinque secondi sul tempo di gara per la non uscita in sicurezza dopo un pit stop.
  26. ^ Francesco Corghi, Wehrlein: "Button? Mossa stupida, che paura". Jenson punito, su it.motorsport.com, 28 maggio 2017. URL consultato il 30 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2017
Flag of Australia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2016
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
2018
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1