Gran Premio di Monaco 1974

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monaco Gran Premio di Monaco 1974
241º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 15 del Campionato 1974
Circuit de Monaco 1973.png
Data 26 maggio 1974
Nome ufficiale XXXII Grand Prix Automobile de Monaco
Luogo Montecarlo
Percorso 3,278 km
Distanza 78 giri, 255,684 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Austria Niki Lauda Svezia Ronnie Peterson
Ferrari in 1'26"3 Lotus-Ford Cosworth in 1'27"9
(nel giro 57)
Podio
1. Svezia Ronnie Peterson
Lotus-Ford Cosworth
2. Sudafrica Jody Scheckter
Tyrrell-Ford Cosworth
3. Francia Jean-Pierre Jarier
Shadow-Ford Cosworth

Il Gran Premio di Monaco 1974 è stata la sesta prova della stagione 1974 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 26 maggio 1974 sul Circuito di Montecarlo. La gara è stata vinta dallo svedese Ronnie Peterson su Lotus-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò del quinto successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il sudafricano Jody Scheckter su Tyrrell-Ford Cosworth e il francese Jean-Pierre Jarier su Shadow-Ford Cosworth. Per quest'ultimo si trattò de primo podio in una gara valida per il mondiale di F1.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dei deludenti risultati del modello 76 la Lotus decise di riproporre il vecchio modello 72E.[1]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Solo a gennaio venne confermata la tenuta del gran premio, per il 26 maggio, dopo che, per la crisi petrolifera, era stato invece cancellato il Rally di Montecarlo.[2]

Dopo le 34 vetture iscritte al precedente Gran Premio del Belgio, l'Automobile Club de Monaco (ACM) decise di limitare a sole 28 vetture quelle ammesse alle qualifiche. Non si presentarono così la Lyncar, la Token, nonché la scuderie private Finotto e AAW; la Williams iscrisse una sola vettura, per Arturo Merzario, mentre la Brabham limitò la sua presenza a sole due vetture. Dichiarò forfait anche la scuderia nipponica Maki, che avrebbe dovuto esordire nel mondiale. Si rivide, invece, la Amon, che aveva saltato la gara di Nivelles.[1][3]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Niki Lauda fu il più rapido, nella prima giornata di prove del giovedì. L'austriaco della Scuderia Ferrari chiuse con 1'28"4, e precedette Mike Hailwood su McLaren di due decimi e il francese Jean-Pierre Beltoise, su BRM di 5. Più staccato risultò l'altro ferrarista Clay Regazzoni, che fu nono, con 1'30"7.

Lauda fu anche protagonista di un incidente alle Piscine. La vettura colpì le barriere, e risultò danneggiata, tanto che per le prove successive la scuderia italiana decise di impiegare la vettura di riserva.[4]

Al venerdì l'austriaco migliorò ancora, abbassando il tempo a 1'26"3, nuovo record del tracciato monegasco. L'anno precedente Jackie Stewart aveva ottenuto la pole position con 1'27"5. Lauda attribuì l'abbassamento del tempo alle modifiche che erano stato suggerite dopo le prove del giorno precedente. Al secondo posto si piazzò Ronnie Peterson, staccato di 5 decimi dal tempo di Lauda. Si confermò terzo Beltoise, il cui tempo però, 1'27"1, venne fatto anche dalle due Tyrrell di Patrick Depailler e Jody Scheckter. Regazzoni chiuse quinto, senza aver avuto a disposizione le nuove gomme portate dalla Goodyear.[5]

Nelle prove conclusive del sabato Niki Lauda non migliorò i suoi tempi, ma conquistò comunque la pole position. Fu la quarta partenza al palo per la Scuderia Ferrari, la prima sul circuito monegasco dal 1956. L'ottima prestazione delle vetture di Maranello fu completata dal secondo posto di Clay Regazzoni, che spinse Peterson in seconda fila, a fianco di Depailler.[6]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati delle qualifiche[7] furono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 12 Austria Niki Lauda Italia Ferrari 1'26"3 1
2 11 Svizzera Clay Regazzoni Italia Ferrari 1'26"6 2
3 1 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'26"8 3
4 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'27"1 4[8]
5 3 Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'27"1 5
6 17 Francia Jean-Pierre Jarier Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth 1'27"5 6
7 24 Regno Unito James Hunt Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 1'27"8 7
8 7 Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'27"8 8
9 9 Germania Hans-Joachim Stuck Regno Unito March-Ford Cosworth 1'28"0 9
10 33 Regno Unito Mike Hailwood Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'28"1 10
11 14 Francia Jean-Pierre Beltoise Regno Unito BRM 1'28"1 11
12 6 Nuova Zelanda Denny Hulme Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'28"2 12
13 5 Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'28"2 13
14 20 Italia Arturo Merzario Italia Iso Marlboro-Ford Cosworth 1'28"5 14
15 10 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito March-Ford Cosworth 1'28"7 15
16 16 Regno Unito Brian Redman Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth 1'28"8 16
17 19 Germania Jochen Mass Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'28"8 NP[9]
18 18 Brasile Carlos Pace Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'29"1 18
19 2 Belgio Jacky Ickx Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'29"4 19
20 30 Nuova Zelanda Chris Amon Regno Unito Amon-Ford Cosworth 1'29"8 NP[9]
21 26 Regno Unito Graham Hill Regno Unito Lola-Ford Cosworth 1'30"0 21
22 37 Francia François Migault Regno Unito BRM 1'30"0 22
23 28 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'30"0 23
24 23 Australia Tim Schenken Regno Unito Trojan-Ford Cosworth 1'30"2 24
25 22 Australia Vern Schuppan Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'30"3 25
26 27 Regno Unito Guy Edwards Regno Unito Lola-Ford Cosworth 1'30"4 26
27 15 Francia Henri Pescarolo Regno Unito BRM 1'30"7 27
NQ 8 Liechtenstein Rikky von Opel Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'31"1 NQ

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Jochen Mass e Chris Amon non poterono prendere il via alla gara, per dei problemi tecnici alle loro monoposto. Anche Patrick Depailler scontò dei problemi sulla sua Tyrrell 007, che non poté essere riparata per il gran premio: il francese dovette ripiegare su una 006, e fu costretto a partire ultimo in griglia.

Alla partenza Clay Regazzoni bruciò Niki Lauda ponendosi in testa alla prima curva; subito dietro si posizionò al terzo posto Jean-Pierre Jarier. Sulla salita del Beau Rivage Jean-Pierre Beltoise tentò il sorpasso su Denny Hulme, ma le due vetture andarono in collisione. Il neozelandese finì conto le barriere, mentre molte vetture, alle sue spalle, per evitare la sua vettura, si tamponarono. Merzario, Pace, Redman, Brambilla, Schuppan e Schenken finirono nel caos, e solo Hulme e Merzario poterono proseguire con le vetture ancora funzionanti, mentre Schuppan poté proseguire solo dopo aver cambiato uno pneumatico.

In testa, alle spalle del duo della Ferrari e di Jarier, si trovavano Ronnie Peterson, Carlos Reutemann, Jody Scheckter e James Hunt. Al terzo giro Peterson prese la terza posizione a Jarier, mentre Mike Hailwood passò Hunt. Al quarto giro Hunt venne attaccato anche da Hans-Joachim Stuck: anche in questo caso ci fu un contatto tra le monoposto, al Mirabeau, con Stuck che finì contro le barriere e fu costretto al ritiro.

Al quinto giro François Migault terminò contro le barriere alla chicane fuori dal Tunnel: il pilota risultò illeso. Un giro dopo Pterson terminò in testacoda alla Rascasse: la sua Lotus venne tamponata dal sopraggiungente Reutemann. Lo svedese poté continuare, scalando al sesto posto, a differenza dell'argentino che ruppe una sospensione.

Al dodicesimo giro terminò la gara anche per Hailwood. Il pilota della McLaren perse il controllo della vettura su una macchia d'olio nella salità verso il Casino e finì contro le barriere. Ronnie Peterson recuperò la quarta piazza al giro 19, quando sorpassò Scheckter. Due giri dopo Regazzoni compì lo stesso errore di Peterson, alla Rascasse. L'elvetico venne passato da Lauda, Jarier, Peterson e Scheckter.

Jarier cedette la sua posizione a Peterson, al giro 25. Il francese commise un errore di guida al Loews, consentendo allo svedese di innalzarsi al secondo posto. Jarier cedette ancora una posizione, due giri dopo, a favore di Scheckter. Al giro 28 terminò il gran premio anche per Hunt, che era sesto, per un guasto alla trasmissione della sua Hesketh.

Al trentatreesimo giro cambiò il leader della gara. Lauda rallentò nella discesa verso il Mirabeau, dando via libera a Peterson. Poco dopo l'austriaco fu costretto all'abbandono, per un problema all'accensione. Peterson portò il suo vantaggio su Scheckter a una quindicina di secondi. Il sudafricano, a sua volta, precedeva di dieci secondi Jarier. Al giro 54 Patrick Depailler, che stava recuperando, fu costretto a fermarsi ai box per far fissare meglio una gomma. Ripartì ultimo, staccato di 3 giri dal primo.

La classifica non mutò più e Peterson conquistò la sua quinta vittoria nel mondiale. Jody Scheckter chiuse al secondo posto, e Jean-Pierre Jarier ottenne il primo podio nel mondiale. Emerson Fittipaldi, quinto, si confermò in testa alla classifica mondiale, con 2 punti di vantaggio su Clay Regazzoni.[1][10]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[11] sono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 1 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 78 1h58'03"7 3 9
2 3 Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 78 + 28"8 5 6
3 17 Francia Jean-Pierre Jarier Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth 78 + 48"9 6 4
4 11 Svizzera Clay Regazzoni Italia Ferrari 78 + 1'03"1 2 3
5 5 Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 77 + 1 giro 13 2
6 28 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 77 + 1 giro 23 1
7 26 Regno Unito Graham Hill Regno Unito Lola-Ford Cosworth 76 + 2 giri 21  
8 27 Regno Unito Guy Edwards Regno Unito Lola-Ford Cosworth 75 + 3 giri 26  
9 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 74 + 4 giri 4[8]  
Rit 15 Francia Henri Pescarolo Regno Unito BRM 62 Cambio 27  
Rit 2 Belgio Jacky Ickx Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 34 Motore 19  
Rit 12 Austria Niki Lauda Italia Ferrari 32 Iniezione 1  
Rit 24 Regno Unito James Hunt Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 27 Trasmissione 7  
Rit 33 Regno Unito Mike Hailwood Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 11 Incidente 10  
Rit 7 Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 5 Sospensione 8  
Rit 37 Francia François Migault Regno Unito BRM 4 Incidente 22  
Rit 22 Australia Vern Schuppan Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 4 Incidente 25  
Rit 9 Germania Hans-Joachim Stuck Regno Unito March-Ford Cosworth 3 Collisione 9  
Rit 14 Francia Jean-Pierre Beltoise Regno Unito BRM 0 Collisione 11  
Rit 6 Nuova Zelanda Denny Hulme Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 0 Collisione 12  
Rit 20 Italia Arturo Merzario Italia Iso Marlboro-Ford Cosworth 0 Collisione 14  
Rit 10 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito March-Ford Cosworth 0 Collisione 15  
Rit 16 Regno Unito Brian Redman Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth 0 Collisione 16  
Rit 18 Brasile Carlos Pace Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 0 Collisione 18  
Rit 23 Australia Tim Schenken Regno Unito Trojan-Ford Cosworth 0 Collisione 24  
NP 19 Germania Jochen Mass Regno Unito Surtees-Ford Cosworth Non parte
per un guasto
17
NP 30 Nuova Zelanda Chris Amon Regno Unito Amon-Ford Cosworth Non parte
per un guasto
20
NQ 8 Liechtenstein Rikky von Opel Regno Unito Brabham-Ford Cosworth
NA 25 Nuova Zelanda Howden Ganley Giappone Maki-Ford Cosworth

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Piloti

Costruttori

  • 55° vittoria per la Lotus

Motori

Giri al comando

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (FR) 6. Monaco 1974, su statsf1.com. URL consultato il 23 aprile 2019.
  2. ^ (ES) El 26 de Mayo el G.P. de Monaco (PDF), in El Mundo Deportivo, 23 gennaio 1974, p. 24. URL consultato il 1º febbraio 2019.
  3. ^ Montecarlo chiama Ferrari (e gli italiani) (PDF), in Stampa Sera, 22 maggio 1974, p. 12. URL consultato il 23 aprile 2019.
  4. ^ Michele Fenu, Ha sbagliato anche lui (PDF), in La Stampa, 24 maggio 1974, p. 17. URL consultato il 23 aprile 2019.
  5. ^ Lauda fantastico nelle prove (PDF), in La Stampa, 25 maggio 1974, p. 19. URL consultato il 24 aprile 2019.
  6. ^ Sulla roulette di Montecarlo uscirà il rosso? (PDF), in La Stampa, 26 maggio 1974, p. 21. URL consultato il 24 aprile 2019.
  7. ^ Risultati delle qualifiche
  8. ^ a b Patrick Depailler, qualificatosi quarto, non poté utilizzare la sua vettura, per un problema tecnico. Costretto a ripiegare sul muletto, partì in ultima posizione. Ciò non modificò la posizione in griglia degli altri piloti.
  9. ^ a b Jochen Mass e Chris Amon non partirono, per problemi tecnici alle loro monoposto. La griglia di partenza non venne modificata.
  10. ^ Giorgio Viglino, Peterson vince, Lauda deve ritirarsi (PDF), in Stampa Sera, 27 maggio 1974, p. 14. URL consultato il 1º maggio 2019.
  11. ^ Risultati del gran premio
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1974
Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of South Africa (1928–1994).svg Flag of Spain (1945–1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1973
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
1975
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1