Valtteri Bottas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valtteri Bottas
Bottas Valtteri.JPG
Nazionalità Finlandia Finlandia
Altezza 173 cm
Peso 70 kg
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Formula 1
Carriera
Carriera in Formula 1
Esordio 17 marzo 2013
Stagioni 2013-2015
Scuderie Williams
Miglior risultato finale 4º (2014)
GP disputati 57 (56 partenze)
Podi 8
Punti ottenuti 326
Giri veloci 1
Statistiche aggiornate al Gran Premio di Abu Dhabi 2015

Valtteri Bottas (Nastola, 28 agosto 1989) è un pilota automobilistico finlandese, dal 2013 pilota della Williams in Formula 1.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 2006 Bottas milita in vari campionati finlandesi, vincendo nel 2004 il campionato finlandese ICA Junior. Nel 2007 compete nella britannica Formula Renault 2.0 Winter Series, riportando tre vittorie e un secondo posto nelle quattro gare in programma. Questi risultati lo avrebbero reso vincitore del campionato, ma non essendo in possesso della licenza della Motor Sports Association per partecipare ai campionati motoristici del Regno Unito non gli vengono assegnati punti. Nel 2008 ha vinto la Formula Renault Eurocup.

Passato a correre nel 2009 per il team ART Grand Prix in Formula 3 Euroseries, pur non vincendo alcuna gara, è arrivato terzo in campionato, conquistando anche due pole position. Nel 2010 è diventato terzo pilota della Williams e ha corso nuovamente in F3 Euro Series, chiudendo al terzo posto finale con due vittorie all'attivo.

Nel 2011 è passato alla GP3 Series sempre con la ART.[1] Dopo un inizio di campionato deludente, dovuto per lo più a problemi nella ricerca dell'assetto ideale,[2] riesce a imporsi in quattro gare e a vincere il titolo piloti.

Nel 2012 Bottas fa il suo debutto in una competizione ufficiale di Formula 1, sostituendo il titolare Bruno Senna nella prima sessione di prove libere in quindici dei venti Gran Premi stagionali. A fine stagione viene promosso titolare a scapito proprio del brasiliano, venendo affiancato a Pastor Maldonado per la stagione 2013.

Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

2013[modifica | modifica wikitesto]

Bottas alla guida della sua vettura nel corso della seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Malesia.

Bottas ha un debutto difficile in Formula 1, in gran parte a causa della scarsa competitività della sua FW35. Nelle prime gare della stagione il pilota finlandese riesce sempre a giungere al traguardo, reggendo il confronto con il più esperto compagno di squadra, ma rimanendo sempre confinato nella seconda metà del gruppo. Si mette in luce nelle qualifiche del Gran Premio del Canada, disputate su pista bagnata: il finlandese riesce a entrare per la prima volta nel gruppo dei primi dieci, cogliendo un sorprendente terzo posto. La gara viene, però, disputata in condizioni di asciutto, nelle quali la vettura si dimostra ancora una volta poco competitiva, e Bottas taglia il traguardo addirittura fuori dalla zona punti.

Nel prosieguo della stagione il pilota finlandese continua a giungere al traguardo fuori dalla zona punti, con l'eccezione di un ritiro per problemi meccanici nel Gran Premio d'Ungheria. Conquista i primi punti in carriera solo nella penultima gara del campionato, il Gran Premio degli Stati Uniti, nel quale giunge ottavo al traguardo dopo essere scattato dalla settima posizione. Bottas chiude quindi il campionato in diciassettesima posizione, con quattro punti.

2014[modifica | modifica wikitesto]

La stagione seguente inizia in modo migliore, con la nuova Williams FW36 motorizzata Mercedes che si rivela nettamente più competitiva della vettura precedente. Nel Gran Premio d'apertura Bottas conquista il suo miglior risultato in carriera, tagliando il traguardo in sesta posizione e venendo poi promosso al quinto posto per la squalifica di Daniel Ricciardo. Il pilota finlandese coglie punti anche nelle tre gare seguenti, ottenendo un settimo e due ottavi posti. Ripete poi il suo miglior piazzamento in Spagna, dove giunge quinto. A Monaco invece è costretto al ritiro.

Bottas a Singapore

In Canada Bottas si qualifica in quarta posizione, ma in gara deve accontentarsi del settimo posto, dopo essere stato rallentato da problemi tecnici nella seconda metà della corsa. Nel successivo Gran Premio d'Austria, invece, il pilota finlandese conquista il primo podio in carriera, tagliando il traguardo in terza posizione dopo essere scattato dalla prima fila. Nel Gran Premio di Gran Bretagna ottiene il suo miglior risultato in carriera con un secondo posto, risultato bissato nel successivo Gran Premio di Germania. In Belgio ottiene il suo quarto podio, concludendo la gara in terza posizione dopo aver sorpassato nelle ultime tornate il connazionale Kimi Räikkönen.

Nel Gran Premio di Russia Bottas ottiene il quinto podio stagionale, facendo anche segnare il primo giro veloce in carriera. Dopo due piazzamenti a punti negli Stati Uniti e in Brasile, Bottas chiude la stagione con un altro podio, tagliando il traguardo al terzo posto nel Gran Premio di Abu Dhabi. Il pilota finlandese si piazza al quarto posto nella classifica generale, con 186 punti.

2015[modifica | modifica wikitesto]

Bottas in Malesia

Nel primo Gran Premio della stagione, in Australia, Bottas si qualifica in sesta posizione, infortunandosi però alla schiena durante le qualifiche[3]. In seguito ad un controllo medico il giorno successivo il pilota finlandese non ottiene il permesso di prendere parte alla gara[3].

Bottas torna al volante della Williams nel successivo Gran Premio della Malesia, tagliando il traguardo in quinta posizione. Giunge a punti anche in Cina, in Bahrein e in Spagna, cogliendo rispettivamente un sesto e due quarti posti.

La serie di piazzamenti a punti si interrompe nel Gran Premio di Monaco, nel quale la Williams si dimostra poco competitiva sia in qualifica sia in gara. Nel successivo Gran Premio del Canada le monoposto britanniche recuperano terreno e Bottas conquista il primo podio stagionale, chiudendo la gara in terza posizione. In Gran Bretagna il pilota finlandese arriva ad occupare la seconda posizione nelle prime fasi di gara, alle spalle del compagno di squadra. Sceso in terza posizione dopo il primo cambio gomme, Bottas perde ulteriormente terreno nella seconda parte di gara, disputata sul bagnato, venendo superato da Nico Rosberg e Sebastian Vettel e chiudendo al quinto posto.

Nel successivo Gran Premio d'Ungheria Bottas è penalizzato da una foratura nelle fasi finali della gara e non fa segnare punti, chiudendo tredicesimo. Anche in Belgio la gara del pilota finlandese è piuttosto movimentata: scattato dalla terza posizione, nelle prime tornate il pilota perde alcune posizioni, retrocedendo ulteriormente a causa di un drive through inflittogli perché al cambio gomme i meccanici avevano erroneamente montato una gomma di mescola diversa dalle altre. Bottas riesce, comunque, a chiudere in zona punti, conquistando il nono posto. Dopo aver fatto segnare punti nelle tre gare seguenti, in Russia il pilota finlandese è costretto al ritiro in seguito a un contatto con Kimi Räikkönen, con il quale si stava contendendo la terza posizione. Dopo la gara i commissari giudicano Räikkönen responsabile per la collisione, penalizzandolo.

Dopo un ritiro per problemi tecnici nel Gran Premio degli Stati Uniti, nel Gran Premio del Messico Bottas conquista il terzo posto, dopo essere uscito indenne da un altro contatto con Räikkönen, costato invece il ritiro al pilota della Ferrari. Bottas chiude la stagione con un quinto posto in Brasile e un arrivo fuori dalla zona punti ad Abu Dhabi, in una gara compromessa da una cattiva partenza e da un contatto con Jenson Button in corsia dei box. Il pilota finlandese conquista il quinto posto nella classifica finale, con 136 punti.

Risultati in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

2012 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Williams FW34 SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP
2013 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of South Korea.svg Flag of Japan.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Williams FW35 14 11 13 14 16 12 14 12 16 Rit 15 15 13 12 17 16 15 8 Rit 4 17º
2014 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Williams FW36 5 8 8 7 5 Rit 7 3 2 2 8 3 4 11 6 3 5 10 3 186
2015 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Williams FW37 NP 5 6 4 4 14 3 5 5 13 9 4 5 5 12 Rit 3 5 13 136
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bottas prosegue con ART anche in GP3, 422race.com
  2. ^ Gran finale col Bottas, in Autosprint, nº 37, 13 settembre 2011, p. 70.
  3. ^ a b Australia, la schiena mette k.o. Bottas: niente GP, in gazzetta.it, 15 marzo 2015. URL consultato il 1 dicembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]