Oscar Piastri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Oscar Piastri
Oscar Piastri nel 2023
NazionalitàBandiera dell'Australia Australia
Altezza178 cm
Peso68 kg
Automobilismo
CategoriaFormula 1
RuoloPilota
SquadraMcLaren
Carriera
Carriera in Formula 1
Esordio5 marzo 2023
Stagioni2023-
ScuderieMcLaren 2023-
Miglior risultato finale9º (2023)
GP disputati34
Podi4
Punti ottenuti221
Giri veloci3
Statistiche aggiornate al Gran Premio di Gran Bretagna 2024

Oscar Jack Piastri (Melbourne, 6 aprile 2001) è un pilota automobilistico australiano attivo in Formula 1 con la scuderia McLaren. In carriera ha vinto la Formula Renault Eurocup 2019, la Formula 3 nel 2020 e la Formula 2 l'anno successivo.

Come suggerisce il suo cognome, Oscar ha origini italiane, dato che un suo trisavolo ossia Giovanni Attilio Piastri si trasferì in Australia partendo da Licciana Nardi in provincia di Massa e Carrara, in Toscana, durante i primi anni del XX secolo.[1]

Inizia a correre nei kart nel 2011, gareggiando nei campionati dal 2014. Vince varie competizioni di karting locali, e nel 2016 debutta in Europa.

Formula 4 e Formula Renault

[modifica | modifica wikitesto]
Piastri durante il round di Monza del Formula Renault Eurocup 2018

Alla fine del 2016 viene ingaggiato dal team Dragon per correre nel campionato di Formula 4 UAE, campionato dove Oscar si piazzerà ottavo. Nel 2017 viene dunque notato da Arden International, team di Christian Horner, con il quale fa il suo debutto nel Campionato britannico di Formula 4.[2] Chiude il campionato in seconda posizione, dietro a Jamie Caroline, vincendo sei gare e conquistando quindici podi, oltre a 6 Pole Position.[3]

Nel 2018, sempre con Arden, Piastri fa il suo debutto in Formula Renault Eurocup arrivando ottavo in classifica generale, collezionando tre podi, uno a Spa e due al Nürburgring.[4] Contemporaneamente partecipa ad alcune gare, da Wild card, nella Formula Renault NEC, senza mai andare a punti.

Nel 2019 passa al team R-ace GP,[5][6] con il quale vince la categoria davanti a Victor Martins per sette punti e mezzo, vincendo sette gare e totalizzando altri quattro podi, oltre a cinque Pole.[7]

Nel 2020 viene ingaggiato dalla Prema insieme a Frederik Vesti e Logan Sargeant per il Campionato di Formula 3[8]. Vince la gara al debutto, in Austria sotto al diluvio[9], per poi ripetersi in Gara 2 in Spagna davanti al connazionale Alex Peroni[10]. Nel resto della stagione conquista altri quattro podi, un terzo posto a Monza e tre secondi posti, due al Hungaroring e il terzo in Gara 1 di Silverstone dietro a Liam Lawson. Vince il campionato da Rookie all'ultima gara stagionale, con soli tre punti di vantaggio su Théo Pourchaire e quattro sul compagno di scuderia Sargeant[11].

Piastri con la Dallara F2 2018 sul Circuito di Silverstone

A inizio dicembre 2020 Prema ufficializza il passaggio dell'australiano nel team di Formula 2 per la stagione 2021[12]. Nella Sprint Race 2 del Bahrain conquista la sua prima vittoria in categoria[13]. Ritorna a podio il weekend successivo con due secondi posti nelle gare di Monaco[14]. Nella Feature Race di Baku arriva secondo dietro il pilota estone, Jüri Vips[15]. Dopo il terzo posto nella Feature Race di Silverstone conquista la testa del campionato, torna alla vittoria nella Feature Race di Monza[16]. A Soči in Russia conquista la sua terza Pole position di fila nella categoria, partito in testa domina la Feature Race e vince davanti a Théo Pourchaire[17][18]. A Gedda conquista la quarta pole position consecutiva[19], dopo un ottavo posto in Gara 1 riesce a tornare alla vittoria nella seconda e nella terza gara[20]. Anche sul Circuito di Yas Marina il pilota australiano si dimostra il più veloce conquistando la pole position davanti a Jack Doohan[21], con il terzo posto in Gara 1 il pilota australiano si laurea campione da debuttante con due gare d'anticipo[22]. Inoltre viene premiato anche con il premio Anthoine Hubert, premio che viene assegnato al miglior debuttante della stagione in Formula 2[23].

A inizio 2020 Renault ufficializza l'entrata di Piastri nella Renault Sport Academy.[24] Nell'agosto del 2021 Piastri partecipa ad un test sul Circuito di Monza alla guida della Renault R.S.18.[25] Il 16 novembre Piastri diventa terzo pilota della Alpine per la stagione 2022.

Il 2 agosto 2022 il team Alpine ufficializza Piastri come suo pilota ufficiale per la stagione 2023, in sostituzione del due volte campione del mondo Fernando Alonso.[26] L'annuncio viene tuttavia smentito poche ore dopo dallo stesso Piastri tramite i propri profili social.[27] Il caso viene portato davanti alla Commissione per il Riconoscimento dei Contratti della FIA,[28] che il 2 settembre convalida il contratto del pilota australiano con il team McLaren.[29] Lo stesso giorno il team di Woking ufficializza Piastri per le stagioni 2023 e 2024[30].

McLaren (2023-)

[modifica | modifica wikitesto]
Piastri con la McLaren MCL60 al Gran Premio d'Austria
Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2023.

L'australiano sceglie il numero 81 per il suo esordio nella massima serie.[31] Dopo le difficoltà nei primi due Gran Premi ottiene i suoi primi punti in F1 nel Gran Premio di casa, arrivando ottavo.[32] Dopo una serie di risultati negativi, dovuti alla assenza di esperienza su circuiti nuovi e alla mancanza di prestazioni della vettura, le cose migliorano notevolmente a partire dal Gran Premio di Gran Bretagna, con l'aggiornamento della MCL60 (che il suo compagno di squadra Lando Norris aveva già ottenuto in precedenza in Austria). Piastri si qualifica in seconda fila sia a Silverstone che all'Hungaroring, cogliendo in gara un quarto e un quinto posto. Nella sprint race del Gran Premio del Belgio, Piastri dopo un undercut finisce al 1º posto e conduce fin quando viene sorpassato da Max Verstappen, alla fine arriverà secondo entrando per la prima volta in top 3.[33] Dopo alcune gare costantemente in zona punti (eccezion fatta per il Gran Premio d'Italia, dove conquista comunque il suo primo giro più veloce in F1), nel Gran Premio del Giappone, in una pista simile a quella di Silverstone e quindi favorevole alla sua macchina, parte per la prima volta secondo e sale sul podio insieme al suo compagno di squadra Norris concludendo terzo e ottenendo quindi il suo primo podio in una gara lunga.[34] Nel Gran Premio del Qatar ottiene la pole nella qualifica riservata alla gara corta e vince la Sprint Race.[35] Infine, la domenica stupisce tutti concludendo in seconda posizione, preceduto dal solo Verstappen e seguito dal suo compagno di squadra. Al Gran Premio di Las Vegas è autore di un'ottima rimonta dal fondo della griglia, dovendosi, però, fermare ai box a pochi giri dal termine per il cambio mescola della gomma, riuscendo a chiudere in decima posizione con il giro veloce, il secondo della carriera.

Il 20 settembre Piastri rinnova con la McLaren fino al 2026.[36]

Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2024.

Piastri inizia la stagione 2024 con costanza chiudendo in zona punti in sei delle prime sette gare stagionali sfiorando per tre volte il podio arrivando quarto. A Monaco riesce a centrare il primo podio stagionale e il terzo in Formula 1 arrivando secondo dietro Charles Leclerc.

Stagione Categoria Team Gare Vittorie Pole GPV Podi Punti Pos.
2016-2017 Formula 4 UAE Dragon F4 11 0 0 0 2 94
2017 Campionato britannico di F4 TRS Arden Junior Team 30 6 6 5 13 376,5
2018 Formula Renault Eurocup Arden International 20 0 0 0 3 110
Formula Renault NEC 8 0 0 0 0 0 NC†
2019 Formula Renault Eurocup R-ace GP 19 7 5 6 11 320
2020 Formula 3 Prema Powerteam 18 2 0 4 6 164
2021 Formula 2 Prema Powerteam 23 6 5 4 11 252,5
2022 Formula 1 Alpine F1 Team Terzo pilota
2023 Formula 1 McLaren F1 Team 22 0 0 2 2 97
2024 Formula 1 McLaren F1 Team 10 0 0 1 1 87*

† In quanto pilota ospite, Piastri non aveva diritto a prendere punti.
* Stagione in corso.

Risultati nella Formula 4 britannica

[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Le gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Punti Pos.
2017 Bandiera del Regno Unito TRS Arden BHI
Bandiera del Regno Unito
DON
Bandiera del Regno Unito
THR
Bandiera del Regno Unito
OLT
Bandiera del Regno Unito
CRO
Bandiera del Regno Unito
SNE
Bandiera del Regno Unito
KNO
Bandiera del Regno Unito
ROC
Bandiera del Regno Unito
SIL
Bandiera del Regno Unito
BRH
Bandiera del Regno Unito
376.5
3 6 2 5 5 2 7 3 6 6 1 C 2 2 3 1 7 1 1 6 8 1 RIt 10 Rit 3 3 1 4 5 5

Risultati nella Eurocup Formula Renault 2.0

[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Le gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Punti Pos.
2018 Bandiera del Regno Unito Arden LEC
Bandiera della Francia
MNZ
Bandiera dell'Italia
SIL
Bandiera del Regno Unito
MON
Bandiera di Monaco
RBR
Bandiera dell'Austria
SPA
Bandiera del Belgio
HUN
Bandiera dell'Ungheria
NÜR
Bandiera della Germania
HOC
Bandiera della Germania
CAT
Bandiera della Spagna
110
6 5 12 Rit 11 4 13 12 6 9 3 9 7 4 15 7 3 2 16 11
2019 Bandiera della Francia R-ace GP MNZ
Bandiera dell'Italia
SIL
Bandiera del Regno Unito
MON
Bandiera di Monaco
LEC
Bandiera della Francia
SPA
Bandiera del Belgio
NÜR
Bandiera della Germania
HUN
Bandiera dell'Ungheria
CAT
Bandiera della Spagna
HOC
Bandiera della Germania
YMC
Bandiera degli Emirati Arabi Uniti
320
18 4 1 1 4 5 2 6 1 4 1 1 NP 1 5 3 2 2 1 4

Risultati nella Formula 3

[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Le gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Punti Pos.
2020 Bandiera dell'Italia Prema Racing RBR1
Bandiera dell'Austria
RBR2
Bandiera dell'Austria
HUN
Bandiera dell'Ungheria
SIL1
Bandiera del Regno Unito
SIL2
Bandiera del Regno Unito
CAT
Bandiera della Spagna
SPA
Bandiera del Belgio
MNZ
Bandiera dell'Italia
MUG
Bandiera dell'Italia
164
1 8 4* 5 2 2 2 Rit 7 6 6 1 5 6 3 Rit 11 7

*Viene assegnato metà punteggio perché non è stato completato almeno il 75% della gara.

Risultati nella Formula 2

[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Le gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Punti Pos.
2021 Bandiera dell'Italia Prema Racing BHR
Bandiera del Bahrein
MON
Bandiera di Monaco
BAK
Bandiera dell'Azerbaigian
SIL
Bandiera del Regno Unito
MNZ
Bandiera dell'Italia
SOC
Bandiera della Russia
JED
Bandiera dell'Arabia Saudita
YMC
Bandiera degli Emirati Arabi Uniti
252,5
5 1 19† 8 2 2 Rit 8 2 6 4 3 4 7 1 9 C 1 9 1 1 3 Rit 1

†Il pilota non ha terminato la gara, ma è stato classificato poiché ha completato oltre il 90% della distanza di gara.

Risultati in Formula 1

[modifica | modifica wikitesto]
2023 Scuderia Vettura Punti Pos.
McLaren MCL60 Rit 15 8 11 19 10 13 11 16 4 5 Rit2 9 12 7 3 21 Rit 8 14 10 6 97
2024 Scuderia Vettura Punti Pos.
McLaren MCL38 8 4 4 8 87 136 4 2 5 7 22 4 124
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Sprint (A punti)
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota
  1. ^ https://sport.sky.it/formula-1/f1-oscar-piastri-chi-e.
  2. ^ (EN) Peter Allen, Arden nomina quattro piloti per la F4 britannica, su formulascout.com, 8 febbraio 2017. URL consultato il 29 novembre 2022.
  3. ^ British F4 a Brands Hatch Alla fine Caroline è campione, su italiaracing.net, 2 ottobre 2017. URL consultato il 18 marzo 2021.
  4. ^ Piastri prima scelta Arden, su italiaracing.net, 22 dicembre 2016. URL consultato il 18 marzo 2021.
  5. ^ (EN) Peter Allen, Oscar Piastri passa al GP R-ace per la Formula Renault Eurocup 2019, su formulascout.com, 21 dicembre 2018. URL consultato il 31 marzo 2022.
  6. ^ Pilota australiano ma iscritto alla campionato con licenza della Gran Bretagna
  7. ^ F. Renault Eurocup: Piastri si laurea campione ad Abu Dhabi, su it.motorsport.com. URL consultato il 14 settembre 2020.
  8. ^ Piastri completes Prema line-up for 2020, su fiaformula3.com, 26 gennaio 2020. URL consultato il 18 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2020).
  9. ^ Spielberg - Gara 1 Vesti vince nel diluvio, su italiaracing.net, 11 luglio 2020. URL consultato il 18 marzo 2021.
  10. ^ Montmelò - Gara 2 Piastri risponde di forza, su italiaracing.net, 16 agosto 2020. URL consultato il 18 marzo 2021.
  11. ^ Sky Sport, La Formula 3 2020 ha il suo campione, su sport.sky.it. URL consultato il 14 settembre 2020.
  12. ^ F2 | "Piastri in Formula 2, su gazzetta.it, 6 dicembre 2020. URL consultato il 9 dicembre 2020.
  13. ^ Sakhir - Gara 2Piastri la spunta nella lotta tra i piloti Alpine, su italiaracing.net, 27 marzo 2021. URL consultato il 27 marzo 2021.
  14. ^ Montecarlo - Gara 2 Lawson vince su pista umida, su italiaracing.net, 22 maggio 2021. URL consultato il 22 maggio 2021.
  15. ^ Jacopo Rubino, Baku - Gara 3 Vips bis, doppio podio Prema, su italiaracing.net, 6 giugno 2021. URL consultato il 6 giugno 2021.
  16. ^ Monza - Gara 3 Piastri vince e allunga, su italiaracing.net, 12 settembre 2021. URL consultato il 16 settembre 2021.
  17. ^ Luca Bassoo, Sochi - Qualifica Terza pole di fila per Piastri e Prema, su italiaracing.net, 24 settembre 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  18. ^ Luca Basso, Sochi - Gara 2 Piastri domina e allunga, su italiaracing.net, 26 settembre 2021. URL consultato il 27 settembre 2021.
  19. ^ Jeddah - Qualifica Poker Piastri e 1-2 Prema, su italiaracing.net, 3 dicembre 2021. URL consultato il 4 dicembre 2021.
  20. ^ Jacopo Rubino, Jeddah - Gara 2 Piastri e Prema sempre più primi, su italiaracing.net, 4 dicembre 2021. URL consultato il 4 dicembre 2021.
  21. ^ Jacopo Rubino, Abu Dhabi - Qualifica Piastri arriva a 5 pole di fila, su italiaracing.net, 10 dicembre 2021. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  22. ^ Jacopo Rubino, Abu Dhabi - Gara 1 Piastri campione con il podio, su italiaracing.net, 11 dicembre 2021. URL consultato l'11 dicembre 2021.
  23. ^ formula2, The Anthoine Hubert Award, su instagram.com, 11 dicembre 2021. URL consultato l'11 dicembre 2021.
  24. ^ RENAULT SPORT ACADEMY: ECCO LA PROMOZIONE 2020, su ninicar.it, 6 febbraio 2020. URL consultato il 14 settembre 2020.
  25. ^ Terminata la 2 giorni di test Alpine F1, su monzainpista.com, 3 agosto 2021. URL consultato l'8 agosto 2021.
  26. ^ Ufficiale: Piastri al posto di Alonso in Alpine dal 2023, su sport.sky.it, 2 agosto 2022. URL consultato il 2 agosto 2022.
  27. ^ Jacopo Rubino, Clamoroso, Piastri rompe con Alpine: "Nel 2023 non correrò per loro" C'è dietro la McLaren?, su italiaracing.net, 2 agosto 2022. URL consultato il 3 agosto 2022.
  28. ^ Mattia Zucchiatti, F1, al via l’udienza FIA sul caso Piastri tra Alpine e McLaren, su sportface.it, 29 agosto 2022. URL consultato il 29 agosto 2022.
  29. ^ Marco Belloro, Ufficiale: il contratto valido per Piastri è quello con McLaren, su formulapassion.it, 2 settembre 2022. URL consultato il 2 settembre 2022.
  30. ^ (EN) We have signed 2021 F2 champion OscarPiastri, su instagram.com, 2 settembre 2022. URL consultato il 2 settembre 2022.
  31. ^ Francesco Corghi, Piastri sceglie il numero 81 per la sua McLaren: ecco perché, su it.motorsport.com, 27 settembre 2022. URL consultato il 27 settembre 2022.
  32. ^ Fabrizio Testa, F1, Piastri: “Una gara folle, sono felice di essere arrivato in zona punti”, 2 aprile 2023.
  33. ^ Gianluca D'Alessandro, McLaren: le scelte tecniche dietro al primo podio di Piastri, su it.motorsport.com, 30 luglio 2023. URL consultato il 20 settembre 2023.
  34. ^ Piastri: "Ottimo secondo posto, ma potevo ancora migliorare", Piastri: "Ottimo secondo posto, ma potevo ancora migliorare", su it.motorsport.com, 23 settembre 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  35. ^ Franco Nugnes, Piastri in pole per la gara Sprint: a Doha prima fila McLaren, su it.motorsport.com, 7 ottobre 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  36. ^ Massimo Costa, Piastri e McLaren assieme fino al 2026, su italiaracing.net, 20 settembre 2023. URL consultato il 20 settembre 2023.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN39162299512820062855 · GND (DE1285122968