Williams FW37

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Williams FW37
Valtteri Bottas 2015 Malaysia FP3.jpg
Bottas al volante della FW37 in Malesia
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Williams F1
Squadra Williams Martini Racing
Progettata da Pat Symonds
Sostituisce Williams FW36
Sostituita da Williams FW38
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Williams, monoscocca in fibra di carbonio a nido d'ape
Motore Mercedes PU106A Hybrid 1.6 litri V6 [1]
Trasmissione Cambio a 8 rapporti + retromarcia
Dimensioni e pesi
Lunghezza 5000 mm
Larghezza 1800 mm
Altezza 950 mm
Passo 3500 mm
Peso 702 kg
Altro
Carburante Petrobrás
Pneumatici Pirelli
Avversarie Vetture di Formula 1 2015
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 2015
Piloti 19. Brasile Felipe Massa
77. Finlandia Valtteri Bottas
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
19 0 0 0

La Williams FW37 è un'automobile monoposto sportiva di Formula 1, costruita dalla Williams per partecipare al Campionato mondiale di Formula 1 2015.

Livrea e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Come nella stagione precedente, le vetture della Williams scesero in pista con la livrea bianca con fascia rosso-blu-azzurra della Martini Racing. Perso l'appoggio del Banco do Brasil, sponsor personale di Felipe Nasr, passato alla Sauber, sulle fiancate delle monoposto britanniche apparve il marchio Rexona (Unilever).

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Piloti ufficiali
Nazione Nome Numero
Brasile Felipe Massa 19
Finlandia Valtteri Bottas 77
Collaudatori
Nazione Nome Numero
Germania Adrian Sutil
Regno Unito Susie Wolff 41
Regno Unito Alex Lynn

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nelle prime gare della stagione la FW37 si piazzò stabilmente nella zona punti, non ripetendo però i numerosi piazzamenti a podio della precedente FW36. Nel Gran Premio d'apertura, in Australia, Bottas fu costretto all'abbandono prima del via per un problema alla schiena. Massa, sull'altra monoposto, conquistò un quarto posto, alle spalle delle Mercedes di Lewis Hamilton e Nico Rosberg e della Ferrari di Sebastian Vettel. Nelle gare seguenti Bottas tornò al volante, conquistando una serie di risultati utili insieme al compagno di squadra.

Dopo una battuta d'arresto nel Gran Premio di Monaco, nel quale la monoposto si dimostrò poco competitiva ed entrambi i piloti terminarono fuori dalla zona punti, in Canada Bottas ottenne il primo podio stagionale, chiudendo al terzo posto alle spalle di Hamilton e Rosberg. Il risultato fu ripetuto da Massa nel successivo Gran Premio d'Austria. A Silverstone Massa e Bottas, scattati dalla seconda fila, condussero la gara fino alla prima serie di pit stop, venendo poi sopravanzati da Lewis Hamilton. Nella seconda parte di gara, disputata sotto la pioggia, i due piloti furono passati anche da Rosberg e Vettel, chiudendo in quarta e quinta posizione. Nel Gran Premio d'Ungheria né Massa né Bottas (penalizzato da una foratura nelle ultime fasi di gara) ottennero punti, fatto che si verificò anche nel Gran Premio degli Stati Uniti, nel quale entrambi furono costretti al ritiro per un guasto alle sospensioni[2]. Nelle altre gare almeno uno dei due piloti entrò nei primi dieci, con altri due terzi posti (ad opera di Massa in Italia e di Bottas in Messico) come migliori risultati.

In classifica costruttori la Williams confermò il terzo posto della stagione precedente, seppur con meno punti (257 contro 320).

Risultati F1[modifica | modifica wikitesto]

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
2015 Williams F1 Mercedes PU106B Hybrid V6 P Brasile Massa 4 6 5 10 6 15 6 3 4 12 6 3 Rit 17 4 Rit 6 SQ 8 257
Finlandia Bottas NP 5 6 4 4 14 3 5 5 13 9 4 5 5 12 Rit 3 5 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Williams F1 Team and Mercedes-Benz announce long-term engine partnership, in WilliamsF1.com, Williams F1 Team, 30 maggio 2013. URL consultato il 30 maggio 2013 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2014).
  2. ^ (EN) F1 United States Grand Prix: Double DNF disaster 'disappoints' Williams, in crash.net, 26 ottobre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1