Gran Premio di Spagna 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spagna Gran Premio di Spagna 2015
921º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 5 di 19 del Campionato 2015
Catalunya.svg
Data 10 maggio 2015
Nome ufficiale LVII Gran Premio de España Pirelli
Circuito Barcellona
Percorso 4,655 km / 2,892 US mi
Pista permanente
Distanza 66 giri, 307,104 km/ 190,826 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Nico Rosberg Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes in 1'24"681 Mercedes in 1'28"270
(nel giro 54)
Podio
1. Germania Nico Rosberg
Mercedes
2. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
3. Germania Sebastian Vettel
Ferrari

Il Gran Premio di Spagna 2015 è stata la quinta prova della stagione 2015 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è disputata domenica 10 maggio 2015 sul circuito di Catalogna a Barcellona. La gara è stata vinta dal pilota tedesco Nico Rosberg su Mercedes; per il vincitore si tratta del nono successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il compagno di scuderia, il britannico Lewis Hamilton, e il connazionale Sebastian Vettel su Ferrari.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Viene resa nota una prima bozza di calendario per il 2016. La novità principale sarebbe l'esordio ad aprile per il mondiale, e non più a marzo, ciò al fine di compattare le gare in un periodo di tempo più corto. Vi sarebbe l'esordio per il Gran Premio dell'Azerbaigian, il ritorno del Gran Premio di Germania e l'anticipo del Gran Premio di Russia in primavera e il posticipo di quello di Malesia in settembre.[1]

Viene esteso fino al 2019 l'accordo per ospitare il mondiale di F1 sulla pista di Barcellona.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, annuncia che, per il Gran Premio, fornirà coperture di mescola media e dura.[3] La Federazione Internazionale dell'Automobile stabilisce, per questa gara, due zone di attivazione del Drag Reduction System: la prima lungo il rettilineo principale, con punto per la determinazione del distacco fra piloti posto prima dell'ultima curva, mentre la seconda zona è indicata tra la curva 9 (Campsa) e la curva 10 (La Caixa), con detection point fissato prima della curva 9.[4]

La Renault, che fornisce i motori alla Red Bull Racing e alla Scuderia Toro Rosso, porta per questa gara una versione evoluta del suo propulsore.[5] Anche la Honda, che supporta la McLaren, da questa gara fornisce un propulsore più avanzato. A ciò si aggiunge la fornitura di un nuovo tipo di benzina da parte della Mobil.[6]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Gli organizzatori del Gran Premio avevano proposto di modificare, dal 2015, l'intitolazione della gara. Da Gran Premio di Spagna a Gran Premio di Barcellona, al fine di sfruttare meglio la notorietà internazionale della città catalana.[7] La proposta non ha poi avuto seguito.

La FIA nomina per questa gara, quale commissario aggiunto, l'ex campione del mondo di Formula 1 Alan Jones. L'australiano ha già svolto in passato tale funzione, l'ultima nel Gran Premio di Singapore 2014. Jones aveva occupato tale posizione anche nell'edizione 2013 del Gran Premio di Spagna.[8]

Da questa gara la McLaren modifica la livrea della sua vettura MP4-30, con una colorazione più scura, in cui risaltano maggiormente gli inserti in color rosso-arancione.[9]

Nelle prime prove del venerdì Raffaele Marciello ha sostituito Felipe Nasr alla Sauber, Susie Wolff ha preso il posto di Valtteri Bottas alla Williams e Jolyon Palmer quello di Romain Grosjean in Lotus.[10]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La pista si presenta poco gommata, tanto che dopo la prima mezz'ora in cui molti piloti testano il tracciato, l'attività in pista si riduce, nell'attesa di un miglioramento delle condizioni.

Il pilota tedesco Nico Rosberg segna il tempo migliore nella prima sessione di prove del venerdì. Rosberg ha preceduto di 7 centesimi l'altro pilota della Mercedes, Lewis Hamilton. Più staccate, a circa un secondo, le due Ferrari, che hanno conquistato il terzo e quarto tempo, con Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen, rispettivamente. Hanno scontato dei problemi tecnici Daniel Ricciardo e Pastor Maldonado, col venezuelano che ha potuto compiere solo 7 giri.[10][11]

Nella seconda sessione vi è un aumento significativo della temperatura dell'asfalto, che tocca i 50 gradi. Ciò porta a un peggioramento delle prestazioni sul giro. Lewis Hamilton è, in questa sessione, il più rapido, utilizzando gomme a mescola media. Sebastian Vettel si è posizionato al secondo posto, davanti a Nico Rosberg, staccato di circa 4 decimi da Hamilton. Daniel Ricciardo ha potuto compiere solo quattro giri, a causa del tempo perso per il montaggio del retrotreno della sua Red Bull Racing, necessario dopo la sostituzione della quarta power unit Renault. Sulla Lotus di Romain Grosjean si è verificato invece una rottura del propulsore durante le prove: ciò ha richiesto anche l'esposizione della bandiera rossa.[12]

Nico Rosberg è stato nuovamente il pilota più veloce nella terza sessione di prove libere. Il pilota della Mercedes ha distanziato di circa un decimo e mezzo il suo connazionale Sebastian Vettel, mentre terzo ha chiuso l'altro pilota della Mercedes, Lewis Hamilton. L'inglese è stato autore di un testacoda alla curva 3, riuscendo però a evitare il contatto col muro.[13]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[14] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'26"828 28
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'26"898 +0"070 27
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'27"806 +0"978 21

Nella seconda sessione del venerdì[15] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'26"852 26
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'27"260 +0"408 37
3 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'27"616 +0"764 35

Nella sessione del sabato mattina[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'26"021 19
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'26"177 +0"156 14
3 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'26"222 +0"201 10

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Le due vetture Mercedes, pur utilizzando solo gomme di mescola dura, si portano in cima alla lista dei tempi nella prima parte delle qualifiche. Kimi Räikkönen, terzo, ha invece optato subito per le gomme di mescola più morbida. Le due McLaren hanno preso la pista solo negli ultimi 8 muniti della sessione, ma sono riuscite a ottenere la qualificazione alla fase successiva. Rimangono invece fuori le due Marussia, le due Force India e Marcus Ericsson.[17][18]

Nella seconda fase occorre attendere diversi minuti prima che il primo pilota faccia segnare un tempo valido. Anche in questa fase le due vetture migliori sono le Mercedes, che però optano per le gomme a mescola media. Negli ultimi istanti della sessione tutti i piloti, tranne i migliori, cercano di limare i tempi del primo tentativo: risultano eliminati i due della Lotus, i due della McLaren e Felipe Nasr.[19][20]

Nella fase decisiva Nico Rosberg si pone subito al comando, precedendo di cinque decimi il compagno di team Lewis Hamilton. Il tempo del tedesco non viene più avvicinato, nemmeno nel secondo tentativo, così che Rosberg conquista la sedicesima pole position in F1, la prima dal Gran Premio di Abu Dhabi 2014. La prima fila è completata dall'altro pilota della Mercedes, Hamilton. La seconda fila è per Sebastian Vettel e Valtteri Bottas.[21][22][23]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[24] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'26"490 1'25"166 1'24"681 1
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'26"382 1'25"740 1'24"948 2
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'27"534 1'26"167 1'25"458 3
4 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 1'27"262 1'26"197 1'25"694 4
5 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia STR-Renault 1'26"773 1'26"475 1'26"136 5
6 33 Paesi Bassi Max Verstappen Italia STR-Renault 1'27"393 1'26"441 1'26"249 6
7 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'26"637 1'26"016 1'26"414 7
8 26 Russia Daniil Kvjat Austria Red Bull Racing-Renault 1'27"833 1'26"889 1'26"629 8
9 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'27"165 1'26"147 1'26"757 9
10 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 1'26"611 1'26"692 1'26"770 10
11 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Mercedes 1'27"383 1'27"375 N.D. 11
12 13 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Lotus-Mercedes 1'27"281 1'27"450 N.D. 12
13 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1'27"941 1'27"760 N.D. 13
14 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 1'27"813 1'27"854 N.D. 14
15 12 Brasile Felipe Nasr Svizzera Sauber-Ferrari 1'27"625 1'28"005 N.D. 15
16 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'28"112 N.D. N.D. 16
17 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'28"365 N.D. N.D. 17
18 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'28"442 N.D. N.D. 18
19 28 Regno Unito Will Stevens Regno Unito Marussia-Ferrari 1'31"200 N.D. N.D. 19
20 98 Spagna Roberto Merhi Regno Unito Marussia-Ferrari 1'32"038 N.D. N.D. 20
Tempo limite 107%: 1'32"428

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La Formula 1 approda in Europa;come ormai da diversi anni,il primo Gp che si tiene nel vecchio continente è quello di Barcellona.

Nico Rosberg, partito dalla pole position, mantiene il comando della corsa al via, mentre Lewis Hamilton, viene passato da Sebastian Vettel, ma resiste all'attacco di Valtteri Bottas. Dietro al pilota della Williams si pone il suo connazionale Kimi Räikkönen, poi le due Toro Rosso e Felipe Massa.

Le due vetture della scuderia faentina perdono diverse posizioni nei primi giri, tanto da venir risucchiate a centro classifica. Salgono invece Pastor Maldonado, che si pone al settimo posto, davanti a Max Verstappen, e Daniel Ricciardo e Romain Grosjean, che precedono Carlos Sainz Jr.

Al giro 13 Hamilton, che si era avvicinato a Vettel, effettua il primo cambio gomme. Nei due giri seguenti effettuano una sosta anche Vettel, Rosberg e Bottas. Pastor Maldonado danneggia il supporto dell'ala posteriore, ma viene fatto proseguire, pur con un solo supporto rimasto integro. La classifica rimane però invariata per le prima posizioni, col solo venezuelano che abbandona la zona dei punti. Al giro 17 anche Räikkönen va al cambio gomme, ma monta ancora gomme dure, mentre tutti gli altri piloti di testa hanno scelto ancora gomme medie.

Al giro 27 Fernando Alonso, a causa di un guasto ai freni, al momento della sosta, va lungo e rischia di investire il meccanico addetto al cavalletto che alza le monoposto quando ferme al pit stop. Lo spagnolo è costretto al ritiro. Al giro 32 Lewis Hamilton effettua la sua seconda sosta, e monta gomme dure. Rientrato in pista al quinto posto, recupera presto la quarta posizione, passando Kimi Räikkönen. Dopo pochi giri il britannico passa anche Valtteri Bottas, per il terzo posto. Al quarantesimo passaggio Vettel monta gomme dure.

Al giro 41 anche Romain Grosjean va lungo al momento del pit stop, rischiando di travolgere i meccanici del suo team. Tre meccanici sono comunque dovuti ricorrere alle cure del centro medico, al termine della gara.[25] Un giro dopo Bottas effettua la seconda sosta, mentre al giro 45 è il turno del battistrada Nico Rosberg. Lewis Hamilton guida così la gara fino al giro 51, quando effettua la terza e ultima sosta. Il britannico rientra in pista davanti a Sebastian Vettel, conquistando così il secondo posto.

Negli ultimi giri la classifica non muta anche se Kimi Räikkönen si avvicina a Bottas, senza essere capace di superarlo. Nico Rosberg ottiene la nona vittoria in F1, la prima dal Gran Premio del Brasile 2014. Per la Mercedes è la diciannovesima doppietta.[26]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[27] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 66 1h41'12"555 1 25
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 66 +17"551 2 18
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 66 +45"342 3 15
4 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 66 +59"217 4 12
5 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 66 +1'00"002 7 10
6 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 66 +1'21"314 9 8
7 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 65 +1 giro 10 6
8 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Mercedes 65 +1 giro 11 4
9 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia STR-Renault 65 +1 giro 5 2
10 26 Russia Daniil Kvjat Austria Red Bull Racing-Renault 65 +1 giro 8 1
11 33 Paesi Bassi Max Verstappen Italia STR-Renault 65 +1 giro 6
12 12 Brasile Felipe Nasr Svizzera Sauber-Ferrari 65 +1 giro 15
13 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 65 +1 giro 18
14 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 65 +1 giro 16
15 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 65 +1 giro 17
16 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 65 +1 giro 14
17 28 Regno Unito Will Stevens Regno Unito Marussia-Ferrari 63 +3 giri 19
18 98 Spagna Roberto Merhi Regno Unito Marussia-Ferrari 62 +4 giri 20
Rit 13 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Lotus-Mercedes 45 Collisione con R.Grosjean 12
Rit 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 26 Freni 13

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Germania Mercedes 202
2 Italia Ferrari 132
3 Regno Unito Williams-Mercedes 81
4 Austria Red Bull Racing-Renault 30
5 Svizzera Sauber-Ferrari 19
6 Regno Unito Lotus-Mercedes 16
7 Italia STR-Renault 14
8 India Force India-Mercedes 11

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 4
2 Germania Nico Rosberg 1

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

Carlos Sainz Jr. è stato oggetto d'indagine, da parte della commissione degli steward, per aver tagliato il tracciato, nelle ultime fasi di gara, per difendersi dall'attacco di Daniil Kvjat, per il nono posto. La manovra del pilota spagnolo è stata considerata corretta.[28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Nugnes, Calendario 2016 "sfuggito" alla FOM, ma da approvare, omnicorse.it, 30 aprile 2015. URL consultato il 1º maggio 2015.
  2. ^ Franco Nugnes, Il Gp di Spagna resta a Barcellona fino al 2019, omnicorse.it, 8 maggio 2015. URL consultato il 9 maggio 2015.
  3. ^ Pirelli annuncia le mescole per i prossimi quattro Gp, omnicorse.it, 22 aprile 2015. URL consultato il 1º maggio 2015.
  4. ^ (EN) FORMULA 1 GRAN PREMIO DE ESPAÑA PIRELLI 2015, formula1.com. URL consultato il 7 maggio 2015.
  5. ^ Matteo Nugnes, La Renault porta un motore evoluto a Barcellona, omnicorse.it, 7 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  6. ^ Franco Nugnes, La Honda modifica il motore, ma non usa i gettoni, omnicorse.it, 8 maggio 2015. URL consultato il 9 maggio 2015.
  7. ^ Matteo Nugnes, Barcellona vuole cambiare la titolazione del suo Gp, omnicorse.it, 7 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  8. ^ (EN) Race Preview, fia.com, 6 maggio 2015. URL consultato l'8 maggio 2015.
  9. ^ Fabiano Polimeni, GP Spagna, ecco la nuova livrea McLaren, autosprint.corrieredellosport.it, 6 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  10. ^ a b Franco Nugnes, Barcellona, Libere 1: Rosberg davanti, Ferrari staccata, omnicorse.it, 8 maggio 2015. URL consultato l'8 maggio 2015.
  11. ^ (FR) Daniel Thys, F1 - Barcelone L1 : Rosberg et Hamilton aux avant-postes. Les Ferrari suivent à distance respectable..., nextgen-auto.com, 8 maggio 2015. URL consultato l'8 maggio 2015.
  12. ^ Franco Nugnes, Barcellona, Libere 2: dietro a Hamilton c'è la Ferrari, omnicorse.it, 8 maggio 2015. URL consultato l'8 maggio 2015.
  13. ^ Franco Nugnes, Barcellona, Libere 3: Rosberg rispunta ma incalza Vettel, omnicorse.it, 9 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  14. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  15. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  16. ^ Sessione di prove libere del sabato
  17. ^ (FR) Benjamin Vinel, Q1 - Mercedes au top, Force India éliminé, fr.motorsport.com, 9 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  18. ^ Franco Nugnes, Barcellona, Q1: le Mercedes stupiscono con le dure!, omnicorse.it, 9 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  19. ^ Matteo Nugnes, Barcellona, Q2: Rosberg risponde ad Hamilton, omnicorse.it, 9 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  20. ^ (FR) Benjamin Vinel, Q2 - Rosberg plus rapide, fin de série pour Grosjean, fr.motorsport.com, 9 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  21. ^ Franco Nugnes, Rosberg in pole si rilancia in Spagna. Ferrari lontana, omnicorse.it, 9 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  22. ^ (FR) Benjamin Vinel, Qualifications - Première pole position en 2015 pour Rosberg !, fr.motorsport.com, 9 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  23. ^ (FR) Daniel Thys, F1 - Rosberg signe la pole position à Barcelone Q3 - 12 minutes, motorsport.nextgen-auto.com, 9 maggio 2015. URL consultato il 9 maggio 2015.
  24. ^ Sessione di qualifica
  25. ^ Franco Nugnes, Lotus: i tre meccanici contusi hanno concluso i pit stop, omnicorse.it, 10 maggio 2015. URL consultato il 12 maggio 2015.
  26. ^ Antonio Caruccio, Montmelò - La cronaca-Dominio di Rosberg, Vettel terzo, italiaracing.net, 10 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  27. ^ Risultati del Gran Premio
  28. ^ Franco Nugnes, Sainz non è stato penalizzato dai commissari, omnicorse.it, 10 maggio 2015. URL consultato il 12 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2015
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2014
Gran Premio di Spagna
Edizione successiva:
2016
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1