Gran Premio di Cina 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cina Gran Premio di Cina 2015
919º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 19 del Campionato 2015
Shanghai International Racing Circuit track map.svg
Data 12 aprile 2015
Nome ufficiale XII Chinese Grand Prix
Circuito Circuito di Shanghai
Percorso 5,451 km / 3,387 US mi
Pista permanente
Distanza 56 giri, 305,066 km/ 189,559 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes in 1'35"782 Mercedes in 1'42"208
(nel giro 31)
Podio
1. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
2. Germania Nico Rosberg
Mercedes
3. Germania Sebastian Vettel
Ferrari

Il Gran Premio di Cina 2015 è stata la terza prova della stagione 2015 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è disputata domenica 12 aprile 2015 sul circuito di Shanghai. La gara è stata vinta dal pilota britannico Lewis Hamilton su Mercedes; per il vincitore si tratta del trentacinquesimo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il compagno di scuderia, il tedesco Nico Rosberg, e l'altro pilota tedesco Sebastian Vettel su Ferrari.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, ha deciso di portare per questa gara gomme di tipo medio e di tipo morbido, come nella stagione precedente.[1]

La Federazione Internazionale dell'Automobile modifica il regolamento tecnico, introducendo la possibilità di controllare la pressione di carburante non solo prima del flussometro, ma anche dopo l'apparecchio, che serve per controllare il consumo istantaneo della benzina, ovvero prima che il carburante giunga agli iniettori. Il provvedimento è stato adottato dopo la protesta della Total, fornitrice delle scuderie spinte dal motore Renault.[2]

La Federazione stabilisce due zone dove i piloti possono attivare il Drag Reduction System, confermando quelle della stagione 2014: il rettifilo dei box, con punto per la determinazione del distacco fra piloti posto all'ultima curva, e sul lungo rettilineo tra le curve 13 e 14, con detection point stabilito alla curva 12.[3]

Viene asfaltata la via di fuga all'inizio della corsia dei box. In tale punto, nel 2007, si fermò Lewis Hamilton, allora in lotta per il titolo mondiale.[4]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La Marussia conferma anche per questa gara la coppia di piloti finora utilizzati: Will Stevens e Roberto Merhi.[5] Jolyon Palmer, figlio dell'ex pilota di Formula 1 Jonathan Palmer, campione della GP2 Series 2014, sostituisce Romain Grosjean alla Lotus, nella prima sessione di prove del venerdì.[6]

Mark Blundell è il commissario aggiunto, nominato dalla FIA, per il Gran Premio. L'ex pilota di F1 ha già svolto in passato questa funzione, l'ultima nel Gran Premio del Brasile 2013. Era stato nominato anche per l'edizione 2013 del Gran Premio cinese.[7]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La temperatura della prima sessione di prove del venerdì è rigida, poco sopra i 10 °C. Nico Rosberg è il pilota che fa segnare il primo tempo di riferimento, con 1'40"412. Rosberg è poi capace di abbassare, sotto il muro dell'1 e 40, il rilievo cronometrico. Solo Lewis Hamilton, il suo compagno di scuderia, riesce poi a precedere in classifica il tedesco, di circa mezzo secondo. Dietro al duo della Mercedes si sono classificate le due Ferrari di Sebastian Vettel, staccato però di oltre un secondo dal campione del mondo, e Kimi Räikkönen.[6]

La seconda sessione è stata caratterizzata dall'invasione di pista di un tifoso, che ha tentato di attraversare il circuito all'altezza della linea d'arrivo, per infilarsi nel box della Ferrari. Kimi Räikkönen si è portato in cima alla lista dei tempi quando i piloti hanno iniziato a utilizzare gomme morbide, prima di essere scavalcato da Lewis Hamilton. Poco dopo, un'uscita di pista di Felipe Massa ha costretto gli steward a esporre le bandiere rosse, per interrompere la sessione. Nessun altro pilota è stato poi capace di migliorare il tempo fatto segnare dal campione del mondo.[8][9]

Fernando Alonso è costretto, all'inizio della terza sessione, ad abbandonare la vettura per un guasto al motore. Nella prima fase della sessione i piloti testano le gomme medie, e il più rapido è Lewis Hamilton, l'unico sotto il minuto e quaranta. Il britannico della Mercedes si conferma il più veloce nell'ultima fase della sessione, quando i piloti utilizzano le gomme morbide. Hamilton precede i piloti tedeschi Nico Rosberg e Sebastian Vettel.[10]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[11] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'39"033 21
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'39"574 +0"541 21
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'40"157 +1"124 18

Nella seconda sessione del venerdì[12] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'37"219 32
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'37"662 +0"443 35
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 1'38"311 +1"092 24

Nella sessione del sabato mattina[13] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'37"615 14
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'37"841 +0"226 16
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'38"313 +0"698 17

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio delle qualifiche i piloti affrontano la pista montando gomme di mescola media. Le due Mercedes si confermano come le vetture più veloci. Nella parte finale della Q1 molti piloti optano per un tentativo con gomme morbide: si pone al comando Valtteri Bottas, della Williams, battuto poi da Sebastian Vettel su Ferrari; le due Mercedes decidono di non utilizzare nessun treno di gomme soft. Vengono eliminati i piloti della Marussia, quelli della McLaren e Nico Hülkenberg.

Nella seconda fase tutte le vetture montano gomme morbide, ma il risultato non varia rispetto al resto del weekend di gara: le due Mercedes risultano ancora le vetture più rapide del lotto. Nella fase terminale vi è una serrata lotta per l'accesso alla fase decisiva. Pastor Maldonado è il primo degli esclusi, separato di soli dal decimo tempo di Marcus Ericsson. Assieme al venezuelano sono eliminati i piloti della Scuderia Toro Rosso, Daniil Kvjat e Sergio Pérez.

Nella fase decisiva Lewis Hamilton prende subito il comando della classifica, dopo il primo tentativo, mettendosi alle spalle Nico Rosberg; il terzo tempo è fatto segnare da Felipe Massa, staccato di un secondo e mezzo dal tempo del campione del mondo. Nel secondo, e ultimo tentativo, Rosberg si avvicina al tempo di Hamilton, senza essere capace però di batterlo; Sebastian Vettel scavalca Massa, mentre Valtteri Bottas precede il connazionale Kimi Räikkönen. Per Hamilton è la quarantunesima pole position nel mondiale di F1, la trentottesima per la sua scuderia, la quattordicesima consecutiva per la Mercedes.[14]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[15] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'38"285 1'36"423 1'35"782 1
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'38"496 1'36"747 1'35"824 2
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'37"502 1'36"957 1'36"687 3
4 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'38"433 1'37"357 1'36"954 4
5 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 1'38"014 1'37"763 1'37"143 5
6 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'37"790 1'37"109 1'37"232 6
7 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 1'38"534 1'37"939 1'37"540 7
8 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Mercedes 1'38"209 1'38"063 1'37"905 8
9 12 Brasile Felipe Nasr Svizzera Sauber-Ferrari 1'38"521 1'38"017 1'38"067 9
10 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'38"941 1'38"127 1'38"158 10
11 13 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Lotus-Mercedes 1'38"563 1'38"134 N.D. 11
12 26 Russia Daniil Kvjat Austria Red Bull Racing-Renault 1'39"051 1'38"209 N.D. 12
13 33 Paesi Bassi Max Verstappen Italia STR-Renault 1'38"387 1'38"393 N.D. 13
14 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia STR-Renault 1'38"622 1'38"538 N.D. 14
15 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'38"903 1'39"290 N.D. 15
16 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'39"216 N.D. N.D. 16
17 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 1'39"276 N.D. N.D. 17
18 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1'39"280 N.D. N.D. 18
19 28 Regno Unito Will Stevens Regno Unito Marussia-Ferrari 1'42"091 N.D. N.D. 19
20 98 Spagna Roberto Merhi Regno Unito Marussia-Ferrari 1'42"842 N.D. N.D. 20
Tempo limite 107%: 1'44"327

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Il poleman Lewis Hamilton mantiene al via il comando della gara, seguito dai due piloti tedeschi Nico Rosberg e Sebastian Vettel. Subito dietro Kimi Räikkönen è capace di passare le due Williams, che precedono, a loro volta, Romain Grosjean e le due Sauber.

Le posizioni di testa restano congelate fino alla prima tornata di cambi gomme. Sebastian Vettel cambia al giro 14, rientrando in pista con gomme morbide. Allo stesso giro cambia Massa, mentre nei due giri seguenti vanno al pit stop anche le Mercedes. Le posizioni rimangono invariate. Al giro 16 Daniil Kvjat si ritira col motore della sua Red Bull in fiamme, mentre era in zona punti. Tre giri dopo Verstappen passa Felipe Nasr per il nono posto.

Nei giri seguenti le due Ferrari sembrano potersi avvicinare al duo della Mercedes, mentre le altre vetture risultano staccate nettamente. Vettel effettua la seconda sosta al giro 31, un giro dopo tocca a Rosberg, che rientra in pista davanti al ferrarista. Nei giri subito seguenti effettuano la seconda sosta anche Hamilton e Räikkönen, ma il britannico mantiene il comando del Gran Premio.

Nella parte finale della gara le Mercedes controllano la situazione, mentre Kimi Räikkönen s'avvicina al compagno di team Vettel. A due giri dal termine la Toro Rosso di Verstappen si pianta sul rettilineo dei box, con la direzione di corsa che è costretta a inviare in pista la vettura di sicurezza. Con tale vettura la gara si conclude: Lewis Hamilton conquista il secondo successo della stagione, il trentacinquesimo in totale. Grazie al secondo posto di Nico Rosberg la Mercedes conquista la sua diciottesima doppietta.[16]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[17] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 56 1h39'42"008 1 25
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 56 +0"714 2 18
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 56 +2"988 3 15
4 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 56 +3"835 6 12
5 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 56 +8"544 4 10
6 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 56 +9"885 5 8
7 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Mercedes 56 +19"008 8 6
8 12 Brasile Felipe Nasr Svizzera Sauber-Ferrari 56 +22"625 9 4
9 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 56 +32"117 7 2
10 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 55 +1 giro 10 1
11 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 55 +1 giro 15
12 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 55 +1 giro 18
13 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia STR-Renault 55 +1 giro 14
14 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 55 +1 giro[18] 17
15 28 Regno Unito Will Stevens Regno Unito Marussia-Ferrari 54 +2 giri 19
16 98 Spagna Roberto Merhi Regno Unito Marussia-Ferrari 54 +2 giri[19] 20
17 33 Paesi Bassi Max Verstappen Italia STR-Renault 52 Trasmissione[20] 13
Rit 13 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Lotus-Mercedes 49 Freni 11
Rit 26 Russia Daniil Kvjat Austria Red Bull Racing-Renault 15 Power unit 12
Rit 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 9 Cambio 16

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Germania Mercedes 119
2 Italia Ferrari 79
3 Regno Unito Williams-Mercedes 48
4 Svizzera Sauber-Ferrari 19
5 Austria Red Bull Racing-Renault 13
6 Italia STR-Renault 12
7 India Force India-Mercedes 7
8 Regno Unito Lotus-Mercedes 6

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 3

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della gara Jenson Button, giunto tredicesimo, è penalizzato di 5 secondi per un contatto con Pastor Maldonado, retrocedendo così in quattordicesima posizione. All'inglese vengono decurtati due punti sulla Superlicenza FIA.[18] Roberto Merhi subisce la stessa penalizzazione per non aver rispettato la distanza imposta dalla vettura di sicurezza, in regime di safety car. Anche lo spagnolo perde due punti sulla Superlicenza.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F1 Gp Cina, la Pirelli porta gomme medie e soft, tuttosport.com, 6 aprile 2015. URL consultato il 7 aprile 2015.
  2. ^ Franco Nugnes, Caso benzine: era la Ferrari il team tenuto d'occhio, omnicorse.it, 10 aprile 2015. URL consultato il 10 aprile 2015.
  3. ^ Roberto Valenti, Doppia zona DRS per il Gran Premio di Cina, formulapassion.it, 3 aprile 2015. URL consultato il 10 aprile 2015.
  4. ^ Franco Nugnes, Shanghai: non c'è più la sabbia all'ingresso dei box, omnicorse.it, 9 aprile 2015. URL consultato il 9 aprile 2015.
  5. ^ Matteo Sala, F1 Manor Marussia con Merhi e Stevens anche in Cina, formulapassion.it, 8 aprile 2015. URL consultato il 9 aprile 2015.
  6. ^ a b (FR) D. Thys, F1 - Shanghai L1 : Hamilton prend les devants, nextgen-auto.com, 10 aprile 2015. URL consultato il 10 aprile 2015.
  7. ^ (EN) 2015 CHINESE GRAND PRIX (PDF), fia.com, 9 aprile 2015. URL consultato il 10 aprile 2015.
  8. ^ (FR) D. Thys, F1 - Shanghai L2 : Hamilton persiste et signe, nextgen-auto.com, 10 aprile 2015. URL consultato il 10 aprile 2015.
  9. ^ Ecco l'invasore cinese che ha attraversato la pista, omnicorse.it, 10 aprile 2015. URL consultato il 10 aprile 2015.
  10. ^ (FR) D. Thys, F1 - Shanghai L3 : Hamilton ne lâche rien, nextgen-auto.com, 11 aprile 2015. URL consultato il 13 aprile 2015.
  11. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  12. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  13. ^ Sessione di prove libere del sabato
  14. ^ (FR) D. Thys, F1 - Shanghai : Hamilton bat Rosberg sur le fil pour la pole, nextgen-auto.com, 11 aprile 2015. URL consultato il 13 aprile 2015.
  15. ^ Sessione di qualifica
  16. ^ Shanghai - La cronaca-Hamilton domina poi Rosberg e Vettel, italiaracing.net, 12 aprile 2015. URL consultato il 13 aprile 2015.
  17. ^ Risultati del Gran Premio
  18. ^ a b Jenson Button penalizzato di cinque secondi per un contatto di gara. Classificato tredicesimo retrocede di una posizione. Matteo Nugnes, Button penalizzato per il contatto con Maldonado, omnicorse.it, 12 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  19. ^ a b Roberto Merhi penalizzato di cinque secondi per non aver rispettato la distanza dalla vettura di sicurezza. Gran Premio di Cina: penalizzazione per Button e Mehri, f1grandprix.motorionline.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.
  20. ^ Max Verstappen risulta comunque classificato avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2015
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2014
Gran Premio di Cina
Edizione successiva:
2016
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1