Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Max Verstappen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Max Verstappen
Max Verstappen 2016 Malaysia 2.jpg
Verstappen nel 2016
Nome Max Emilian Verstappen
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 180 cm
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Formula 1
Squadra Red Bull
Carriera
Carriera in Formula 1
Esordio 15 marzo 2015
Stagioni 2015-
Scuderie Toro Rosso 2015-2016
Red Bull 2016-
Miglior risultato finale 5º (2016)
GP disputati 54
GP vinti 1
Podi 8
Punti ottenuti 321
Giri veloci 1
Statistiche aggiornate al Gran Premio di Singapore 2017

Max Emilian Verstappen (Hasselt, 30 settembre 1997) è un pilota automobilistico belga con cittadinanza olandese.

Considerato uno dei talenti più promettenti nel circus della Formula 1, è noto per la grandissima abilità nei sorpassi che gli consente spesso di effettuare straordinarie rimonte, come ad Interlagos 2016 quando, sotto la pioggia, passò da 15° a 3° effettuando 11 sorpassi in 15 giri. In particolare mostra una certa predisposizione per i sorpassi all'esterno, generalmente rari in Formula 1. La sua guida aggressiva è tuttavia oggetto di critica da parte di piloti e commentatori.[1]

Debutta in Formula 1 nel 2015 al volante della Toro Rosso con la quale gareggia anche per i primi quattro Gran Premi del 2016, per poi essere promosso a seconda guida Red Bull.

È il più giovane pilota ad aver vinto una gara del campionato del mondo di Formula 1 a soli 18 anni, 7 mesi e 15 giorni (battendo il precedente record di Sebastian Vettel), nonché il primo olandese a trionfare nella massima competizione.[2] Il suo numero di gara è il 33.

Biografia

Suo padre Jos ha gareggiato in Formula 1 mentre sua madre Sophie Kumpen, di nazionalità belga, ha corso come pilota di kart;[3] quest'ultima è nipote di Paul Kumpen e cugina di Anthony Kumpen, anch'essi piloti automobilistici professionisti.[4]

Verstappen, che corre con licenza dei Paesi Bassi, possiede sia la nazionalità belga sia quella olandese, ed è cresciuto nella cittadina belga di Bree.[5]

Carriera

Gli inizi

Max Verstappen in Formula 3 ad Hockenheim nel 2014

Verstappen ha iniziato a gareggiare nei kart[6] nel 2005 in campionati belgi e olandesi; nell'ambito delle competizioni WSK ha vinto nel 2010 l'Euro Series KF3, la Nations Cup KF3 e la World Series KF3, nel 2011 l'Euro Series KF3, nel 2012 la Master Series KF2 e nel 2013 l'Euro Series KZ1 e la Master Series KZ2; in quest'ultima annata ha inoltre ottenuto la vittoria dell'europeo KF2 e KZ e del mondiale KZ.[7] Dopo aver testato vetture di Formula Renault 2.0 e 3.0 passa alle monoposto di Formula 3, nel 2014 ha preso parte al campionato europeo FIA di Formula 3 con il team Van Amersfoort Racing, concludendo al terzo posto in classifica con dieci vittorie in gara,[7] tra cui il Masters di Formula 3 sul circuito di Zandvoort.[8] Nello stesso anno è entrato a far parte del Red Bull Junior Team dopo aver testato una vettura di Formula Renault 3.5. È stato annunciato come pilota della Toro Rosso in Formula 1 per il 2015.[9] Il 3 ottobre 2014, all'età di 17 anni e 3 giorni, ha esordito in un fine settimana di Formula 1 nelle prove del venerdì del Gran Premio del Giappone,[10] partecipando successivamente anche alle prove libere dei Gran Premi degli Stati Uniti e del Brasile.

Formula 1

2014

Dopo aver annunciato il suo ingresso nel programma piloti Red Bull Junior Team ed aver presenziato nel box della Scuderia Toro Rosso durante il Gran Premio del Belgio per apprendere le dinamiche del team, Il 3 ottobre 2014, all'età di 17 anni e 3 giorni, ha esordito in un fine settimana di Formula 1 nelle prove del venerdì del Gran Premio del Giappone. Partecipa alle prove libere del venerdì, alternandosi con i piloti titolari, anche nei Gran Premi di Stati Uniti e del Brasile, mettendosi particolarmente in evidenza in quest'ultimo appuntamento.

2015: Toro Rosso

Verstappen ha debuttato in qualità di pilota titolare il 15 marzo 2015 al Gran Premio d'Australia, conclusosi con un ritiro a causa di un problema al motore; all'età di 17 anni e 166 giorni Verstappen ha stabilito il record di pilota più giovane alla partenza di una gara di Formula 1.[11] Nel successivo Gran Premio della Malesia, chiuso in settima posizione, Verstappen ha battuto un altro record, risultando il pilota più giovane ad aver fatto segnare punti in Formula 1.[12] A partire da questo momento incomincia però una serie di cinque risultati negativi, dovuti sia a problemi tecnici, come in Cina in cui si ritira a due giri dal traguardo mentre era ottavo, sia alla poca competitivià mostrata in certi casi dalla sua vettura. Torna a segnare punti al Gran Premio d'Austria, in cui conquista un ottavo posto, mentre in Ungheria, complice una gara ricca di colpi di scena, Verstappen ottiene il suo primo miglior risultato dell'anno tagliando il traguardo in quarta posizione. Va a punti anche nel successivo Gran Premio del Belgio, nel quale chiude ottavo dopo essere stato retrocesso in diciottesima posizione sulla griglia di partenza per aver sostituito la power unit.

Verstappen è nuovamente protagonista a Singapore, dove per tutto il fine settimana si mostra competitivo: in qualifica riesce a ottenere l'ottava piazza, ma al via commette un errore che lo costringe a rientrare in pit lane ed a riavviare il motore; nonostante ciò riesce a recuperare diverse posizioni, anche grazie alla safety car che gli permette di sdoppiarsi, fino a giungere ottavo davanti al compagno di squadra Sainz, rallentato da un problema al cambio, dopo aver disubbidito a un ordine di scuderia che lo invitava a lasciargli strada e tentando invece l'attacco su Sergio Perez che li precedeva. In seguito alla gara il Team Principal Franz Tost dà infine ragione a Verstappen. A partire da questa gara ottiene sei risultati utili consecutivi, tra cui un altro quarto posto negli Stati Uniti (dove è stato brevemente in lotta per podio), che lo proiettano al dodicesimo posto in classifica piloti con 49 punti.

2016: Toro Rosso e Red Bull

Verstappen su Toro Rosso al Gran Premio del Bahrein 2016, prima della promozione alla Red Bull

Inizia la seconda stagione in Formula 1 con un decimo posto in Australia, dietro al compagno di squadra Carlos Sainz Jr, dopo che in qualifica aveva ottenuto il quinto riscontro cronometrico. Conclude il Gran Premio del Bahrein in sesta posizione e quello della Cina in ottava. Durante la gara a Sochi è vittima di un guasto alla vettura mentre era in sesta posizione.

Verstappen festeggia dopo aver vinto il Gran Premio di Spagna 2016

Il 5 maggio 2016 viene promosso in Red Bull Racing al posto di Daniil Kvjat, retrocesso in Scuderia Toro Rosso. All'esordio con la squadra austriaca, in Spagna, ottiene il 4º posto in qualifica. Il giorno dopo, complice il ritiro delle due Mercedes di Hamilton e Rosberg e grazie anche ad una strategia vincente e ad un buon ritmo di gara, riesce a vincere il Gran Premio, resistendo nel finale di gara alla pressione di Kimi Räikkönen. Con la vittoria in Spagna è il più giovane pilota ad aver vinto una gara del campionato del mondo di Formula 1.[13] Nel Gran Premio di Monaco, Verstappen si ritira per un incidente. In Canada chiude quarto, dopo aver resistito su Rosberg negli ultimi giri. Dopo una gara deludente a Baku, conclusa in ottava posizione, torna a podio nel Gran Premio d'Austria, secondo, approfittando dei problemi di Nico Rosberg e resistendo a Kimi Raikkonen. In Gran Bretagna arriva secondo, grazie a una penalità di dieci secondi inflitta a Nico Rosberg per aver ricevuto degli aiuti radio vietati dal regolamento, di conseguenza retrocesso in terza posizione. In Ungheria, dopo il quarto posto in qualifica, chiude quinto, dopo aver resistito strenuamente a Kimi Raikkonen nel finale. In Germania, dopo essere stato in seconda posizione per buona parte della gara, chiude terzo, preceduto dal suo compagno di squadra Daniel Ricciardo. Nel successivo Gran Premio, in Belgio, non va a punti con un undicesimo posto, mentre in Italia e Singapore ottiene rispettivamente un settimo e sesto posto. In Malesia ottiene il secondo posto, dopo una lotta col compagno di squadra Daniel Ricciardo, riportando così la Red Bull alla doppietta, a distanza dal Gran Premio del Brasile 2013. Nel successivo Gran Premio bissa il medesimo risultato del precedente, mentre nel Gran Premio degli Stati Uniti è costretto al ritiro per la perdita di potenza del motore della sua vettura. Nel Gran Premio del Messico arriva terzo al traguardo, ma per via del taglio della chicane riceve 5 secondi di penalizzazione, venendo così retrocesso al quinto posto dietro Sebastian Vettel e Ricciardo, successivamente viene penalizzato anche Vettel con 10 secondi, per una difesa considerata scorretta nei confronti di Ricciardo. A seguito quindi delle decisioni della Fia, Verstappen viene considerato come quarto classificato. In Brasile arriva terzo a seguito di un'ottima gara. Ad Abu Dhabi chiude quarto nonostante un contatto al primo giro che lo fa sprofondare nelle retrovie,[14] conquistando gli ultimi 12 punti che gli permettono di giungere quinto nella classifica piloti, con all'attivo 204 punti.

Risultati in Formula 1

2014 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Toro Rosso STR9 SP SP SP
2015 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Toro Rosso STR10 Rit 7 17 Rit 11 Rit 15 8 Rit 4 8 12 8 9 10 4 9 9 16 49 12º
2016 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Toro Rosso/Red Bull[15] STR11 / RB12 10 6 8 Rit 1 Rit 4 8 2 2 5 3 11 7 6 2 2 Rit 4 3 4 204
2017 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Red Bull RB13 5 3 Rit 5 Rit 5 Rit Rit Rit 4 5 Rit 10 Rit 68
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note

  1. ^ (EN) Jonathan McEvoy, Max Verstappen warned not to ruin F1 title race with reckless driving ahead of crucial Brazilian Grand Prix, Daily Mail, 11 novembre 2016. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  2. ^ Risultati GP di Spagna, vince Verstappen davanti alle Ferrari - Tutto Sui Motori, su Tutto Sui Motori, 15 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  3. ^ (NL) Geen rijbewijs, wel in de F1, in nieuwsblad.be, 17 agosto 2014. URL consultato il 24 marzo 2015.
  4. ^ (DE) Die Verstappens: Eine schrecklich schnelle Familie, in motorsport-total.com, 31 ottobre 2014. URL consultato il 24 marzo 2015.
  5. ^ (EN) Column: Jos Verstappen - More Dutch than Belgian, in verstappen.nl, 11 aprile 2015. URL consultato il 14 aprile 2015.
  6. ^ Max Verstappen, un successo che nasce dai kart - Tutto Sui Motori, su Tutto Sui Motori, 16 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  7. ^ a b (EN) Max Verstappen, in driverdb.com. URL consultato il 24 marzo 2015.
  8. ^ F3 MASTERS A ZANDVOORT: POLE E VITTORIA PER VERSTAPPEN, in paddock.it, 6 luglio 2014. URL consultato il 7 ottobre 2014.
  9. ^ Max Verstappen in Toro Rosso nel 2015, in redbull.com, 18 agosto 2014. URL consultato il 7 ottobre 2014.
  10. ^ Suzuka, guidano le Mercedes. Alonso leone. Verstappen già brilla, in gazzetta.it, 3 ottobre 2014. URL consultato il 7 ottobre 2014.
  11. ^ (EN) Verstappen: ICE issue costs record-breaking points, in en.f1i.com, 15 marzo 2015. URL consultato il 24 marzo 2015.
  12. ^ Statistiche piloti - Punti - Per età, statsf1.com. URL consultato il 1º aprile 2015.
  13. ^ F1 Spagna, Verstappen fa la storia! È il più giovane re dei GP. Ferrari sul podio, Gazzetta dello Sport, 15 maggio 2016. URL consultato il 15 maggio 2016.
  14. ^ Formula 1 2016, risultato gara di Abu Dhabi: Rosberg vince il campionato. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  15. ^ Con la Red Bull dal GP di Spagna

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN490147266802135481560