Gran Premio d'Austria 2020

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Austria Gran Premio d'Austria 2020
1019º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 1 di 8 del Campionato 2020
Circuit Red Bull Ring.svg
Data 5 luglio 2020
Nome ufficiale XXXIX Rolex Großer Preis von Österreich
Luogo Red Bull Ring
Percorso 4,318 km / 2,683 US mi
Circuito permanente
Distanza 71 giri, 306,452 km/ 190,420 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Lando Norris
Mercedes in 1'02"939 McLaren-Renault in 1'07"475
(nel giro 71)
Podio
1. Finlandia Valtteri Bottas
Mercedes
2. Monaco Charles Leclerc
Ferrari
3. Regno Unito Lando Norris
McLaren-Renault

Il Gran Premio d'Austria 2020 è stata la prima prova della stagione 2020 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è corsa domenica 5 luglio sul Red Bull Ring di Spielberg ed è stata vinta dal finlandese Valtteri Bottas su Mercedes, all'ottavo successo in carriera; Bottas ha preceduto all'arrivo il monegasco Charles Leclerc su Ferrari e il britannico Lando Norris su McLaren-Renault.

Il britannico Lewis Hamilton su Mercedes, secondo all'arrivo, è penalizzato di cinque secondi sul tempo di gara per aver causato una collisione con Alexander Albon. Scala pertanto in quarta posizione.[1]

La gara avrebbe dovuto essere l'undicesima della stagione ma, a seguito della pandemia di COVID-19, la Federazione Internazionale dell'Automobile è stata costretta a modificare il calendario mondiale, posizionando così la gara austriaca come il primo appuntamento della stagione.[2] La gara è anche la prima che si è tenuta a porte chiuse, sempre per limitare la diffusione del virus.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Per questa gara, la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, porta gomme di mescola C2, C3 e C4.[3]

La Federazione stabilisce tre zone ove i piloti possono attivare il Drag Reduction System: la prima zona è fissata tra le curve Castrol Edge (curva 1) e Remus (curva 3), con punto di distacco fra i piloti posto prima della Castrol Edge; la seconda zona tra le curve Remus e Schlossgold (curva 4), con il punto di determinazione del distacco fissato prima della Remus; la terza zona è sul rettilineo dei box, con detection point prima della Red Bull Mobile (curva 10).[4]

Rispetto alle edizioni precedenti, vengono eliminati i dissuasori alle curve 9 e 10. Al posto di essi sono stati collocati dei sensori per far rispettare i limiti della pista.[5]

La Red Bull Racing richiede alla FIA un chiarimento in merito alla conformità al regolamento del nuovo dispositivo montato sulle Mercedes, denominato DAS (Dual Axis Steering) che, agendo sul sistema dello sterzo, consente ai piloti di modificare l'angolo di convergenza, muovendolo su un secondo asse. Tale richiesta era pronta già prima del Gran Premio d'Australia, poi annullato. Secondo la scuderia anglo-austriaca il sistema vìola la norma che vieta la variazione di alcune parti aerodinamiche in movimento, e quella che impedisce di effettuare regolazioni sul sistema delle sospensioni, mentre l'auto è in movimento.[6] La Federazione rigetta il ricorso, considerando il sistema come parte dello sterzo, e quindi non avendo influenze su aerodinamica e sospensioni.[7]

Dopo l'annullamento delle prime dieci gare inizialmente previste nel calendario iridato, i motoristi decidono di congelare lo sviluppo delle power unit, dopo la prima gara. La Honda, che supporta Red Bull Racing e la Scuderia AlphaTauri, porta una versione aggiornata, rispetto a quella presentata al Gran Premio d'Australia, così come la Mercedes che, oltre alla propria scuderia, sostiene Racing Point e Williams. La Renault (che oltre al proprio team è la fornitrice della power unit anche per la McLaren), decide invece di confermare la specifica già prevista per la gara inaugurale in Australia, poi non disputatasi.[8]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La gara inaugurale della stagione avrebbe dovuto essere il Gran Premio d'Australia, il 15 marzo, che venne però annullato poco prima dell'inizio della prima sessione di prove libere a seguito della scoperta di alcune persone infette al SARS-CoV-2.[9]

La FIA, in reazione al diffondersi della pandemia, è stata costretta a rivoluzionare il calendario per la stagione 2020, con l'annullamento dei gran premi d'Olanda, di Monaco, d'Azerbaigian, di Francia, di Singapore e del Giappone. La Federazione ha stilato, il 2 giugno, un primo calendario, in cui sono previste otto gare, tutte in Europa, decidendo di iniziare col Gran Premio d'Austria, nella sua già prevista data del 5 luglio.[2] Per la prima volta, così, una stagione iridata inizia con tale gara, ed è la prima volta dal 1966 che la stagione inizia con una gara europea.

L'ex Scuderia Toro Rosso cambia il suo nome in Scuderia AlphaTauri per promuovere l'omonimo marchio di moda creato nel 2016, come estensione dell'universo Red Bull, abbandonando così dopo quattordici anni la precedente denominazione: il nuovo nome deriva da Aldebaran, stella rossa della costellazione del Toro e rende omaggio alla società fondatrice.[10]

La Williams promuove Nicholas Latifi, pilota di riserva, quale nuovo pilota titolare, assieme al confermato George Russell. Il canadese prende il posto di Robert Kubica.[11] Il polacco diventa pilota di riserva all'Alfa Romeo Racing.[12] Latifi sceglie come numero di gara il 6, utilizzato per l'ultima volta dal campione del mondo 2016 Nico Rosberg, in omaggio alla sua città natale Toronto.[13] Per la prima volta dal Gran Premio di Las Vegas 1981 due piloti canadesi (oltre a Latifi è presente anche Lance Stroll alla Racing Point) sono iscritti a una stessa gara del mondiale di Formula 1.

Rientra nel campionato il francese Esteban Ocon, che diventa pilota titolare alla Renault, in luogo di Nico Hülkenberg, dopo una stagione da pilota di riserva alla Mercedes e alla Racing Point. Ocon ha già disputato 50 gran premi di Formula 1, tra il 2016 e il 2018, con Manor e Force India.[14]

Da questa stagione, Rolex diviene title sponsor del Gran Premio.[4]

Sulle vetture della Ferrari appare il logo #forzaAlex, per sostenere Alex Zanardi, ex pilota di Formula 1, vittima di un incidente stradale in handbike.[15]

La Mercedes abbandona la tradizionale livrea colore argento, utilizzata nei test e prevista anche per il Gran Premio d'Australia, poi annullato a causa della pandemia di COVID-19, per adottare una livrea nera, quale messaggio contro le proteste razziali negli Stati Uniti.[16] La McLaren, invece, aderisce all'iniziativa #WeRaceAsOne, che raccoglie fondi per le organizzazioni che lottano contro il COVID-19 e presenta una livrea leggermente aggiornata con l'aggiunta di alcuni dettagli.[17][18]

La Ferrari viene iscritta all'evento, come accaduto nel 2019 e come era successo al Gran Premio d'Australia, poi annullato a causa della pandemia di COVID-19, solo come "Scuderia Ferrari",[19] senza il title sponsor Mission Winnow, in quanto sarebbe una forma indiretta di pubblicità al tabacco.[20]

La Williams, dopo che era stata iscritta al Gran Premio d'Australia, poi annullato a causa della pandemia di COVID-19, come "ROKiT Williams Racing",[19] a causa dello scioglimento del contratto con il title sponsor per dissidi circa la competitività della squadra, viene iscritta solo come "Williams Racing".[20][21]

L'ex pilota di Formula 1 Vitantonio Liuzzi è nominato commissario aggiunto da parte della FIA. L'italiano ha svolto in passato tale funzione al Gran Premio di Gran Bretagna 2019.[22]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La prima sessione del venerdì inizia su pista bagnata, tanto da costringere i piloti a utilizzare le gomme intermedie. Col passare dei minuti la situazione migliora, consentendo ai piloti di passare alle gomme slick.

Il più rapido è stato Lewis Hamilton, che ha preceduto di tre decimi Valtteri Bottas, sull'altra Mercedes, e di sei decimi Max Verstappen su Red Bull Racing. L'olandese è stato autore anche di un testacoda: la vettura anglo-austriaca ha mostrato una certa difficoltà a mandare in temperatura gli pneumatici. Le McLaren hanno chiuso col quarto e sesto tempo, divise, in classifica, da Sergio Pérez, su Racing Point.

Tutti i migliori hanno utilizzato la mescola più morbida, mentre le Ferrari, che hanno chiuso col decimo e dodicesimo tempo, hanno optato per la mescola media. Le vetture italiane hanno mostrato una migliore competitività sul passo di gara, che sul giro secco.

Non ha fatto segnare tempi con gomme slick Romain Grosjean, su Haas, per un problema all'impianto dei freni, che è stato risolto solo a fine sessione.[23]

Le due Mercedes sono state le più veloci anche nella sessione del venerdì pomeriggio. Anche in questo caso il campione del mondo Hamilton ha preceduto il compagno di team, Bottas, per meno di due decimi. Il finlandese ha commesso un piccolo errore nel suo giro migliore ed è stato poi penalizzato da un problema al cambio. Al terzo posto si è issata un'altra vettura motorizzata dalla casa tedesca, la Racing Point di Pérez. Al quarto posto è risalito Sebastian Vettel, con un distacco di sei decimi dal tempo del migliore.

A causa della rottura dell'ala anteriore nel suo giro migliore, Max Verstappen si è dovuto accontentare dell'ottavo tempo, mentre l'altro pilota della Red Bull Racing, Albon, è quindicesimo.[24]

Anche al sabato mattina le due vetture anglo-tedesche hanno comandato la lista dei tempi. Per la terza volta Lewis Hamilton è stato il migliore, battendo di un decimo e mezzo Valtteri Bottas e di quasi tre Max Verstappen. La pista non è risultata particolarmente veloce, tanto che il tempo del campione del mondo è comunque più alto di quello fatto segnare nell'analoga sessione dell'edizione 2019.

Sergio Pérez ha confermato ancora la competitività della Racing Point, portandosi al quarto posto, davanti a Charles Leclerc e Alexander Albon, l'altro pilota della Red Bull Racing, che però dispone di una vettura meno evoluta di quella di Verstappen.

La sessione è stata anche interrotta dalla bandiera rossa: Nicholas Latifi ha perso il controllo della sua Williams alla prima curva, sbattendo contro le barriere.[25]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[26] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'04"816 42
2 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'05"172 +0"356 38
3 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda 1'05"418 +0"602 37

Nella seconda sessione del venerdì[27] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'04"304 42
2 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'04"501 +0"197 37
3 11 Messico Sergio Pérez Regno Unito Racing Point-BWT Mercedes 1'04"945 +0"641 48

Nella sessione del sabato[28] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'04"130 21
2 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'04"277 +0"147 22
3 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda 1'04"413 +0"283 20

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Le prime vetture che affrontano la pista nelle qualifiche sono le Alfa Romeo Racing, che però vedono il loro tempo presto battuto da Lance Stroll su Racing Point.

Con l'arrivo in pista di Max Verstappen il tempo di riferimento s'abbassa a 1'04"326: l'olandese sopravanza Carlos Sainz Jr., Sergio Pérez, Lando Norris, Pierre Gasly e Alexander Albon; tutti si piazzano davanti a Stroll, con un margine tra Verstappen e il canadese di soli 352 millesimi.

Il primo tentativo delle Mercedes non rivoluziona la classifica, con Valtteri Bottas quarto e Lewis Hamilton solo dodicesimo. Nel tentativo successivo il campione del mondo migliora e si piazza secondo.

Anche Stroll migliora, prima di essere battuto da Verstappen e Bottas. La lotta per entrare in Q2 è molto serrata, e vede spuntarla Romain Grosjean. Non passano, invece, il compagno di team del francese, Kevin Magnussen, i due piloti della Williams e i due dell'Alfa Romeo Racing.

Nella seconda fase le Mercedes optano per le gomme morbide, ottenendo con Hamilton 1'03"325: Bottas resta staccato di due decimi. Chi opta per un tentativo in gomme medie è Max Verstappen, che però è solo ottavo, in mezzo ai tempi fatti dalle Ferrari. Terzo è Norris, davanti al duo della Racing Point.

L'altra Red Bull Racing di Albon è fuori dalla top 10, pur utilizzando gomme morbide. Nel frattempo Verstappen, sempre con coperture medie, scala sesto.

Nella fase finale della Q2 Esteban Ocon non si migliora, e resta quattordicesimo, mentre Bottas scalza Hamilton dalla vetta dei tempi (1'03"015). Alexander Albon scala terzo, eliminando di fatto Sebastian Vettel, battuto di poco anche dal compagno di team, Leclerc.

Daniel Ricciardo, le McLaren e le Racing Point abbassano i loro tempi, mentre Verstappen rinuncia all'ultimo tentativo, restando così l'unico dei primi dieci piloti in griglia a poter montare gomme di mescola media al via della gara. Vengono eliminati, oltre a Vettel, anche le due AlphaTauri, Ocon e Grosjean.

In Q3 Valtteri Bottas fa fermare i cronometri su 1'02"939, nuovo record della pista, ma soprattutto precedendo Lewis Hamilton, che resta sopra il minuto e tre secondi. Lando Norris abortisce il suo tentativo, mentre il suo compagno di squadra della McLaren, Sainz Jr., si piazza terzo, alle spalle delle due Mercedes.

Alle spalle dello spagnolo c'è Sergio Pérez, seguito da Charles Leclerc. Poco dopo le due Red Bull Racing s'intercalano tra le due vetture anglo-tedesche. Lance Stroll chiude il suo primo giro veloce col sesto tempo.

Con il secondo tentativo Leclerc strappa il sesto tempo, mentre Bottas commette un errore, sporcando il suo giro. Hamilton però, per soli 12 millesimi, non è capace di battere il finlandese, che conquista la sua dodicesima pole position nel mondiale. Verstappen è terzo, davanti a Norris, che col suo solo giro veloce è quarto.[29]

Al termine della sessione di qualifica Lewis Hamilton viene convocato dai commissari, in quanto non avrebbe rispettato le bandiere gialle in Q3 e per aver superato i limiti della pista, alla curva 10. Inizialmente non penalizzato,[30] viene riconvocato dai commissari dopo una richiesta di revisione da parte della Red Bull Racing, ricevendo una penalità di tre posizioni sulla griglia di partenza.[31]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[32] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'04"111 1'03"015 1'02"939 1
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'04"198 1'03"096 1'02"951 5[31]
3 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda 1'04"024 1'04"000 1'03"477 2
4 4 Regno Unito Lando Norris Regno Unito McLaren-Renault 1'04"606 1'03"819 1'03"626 3
5 23 Thailandia Alexander Albon Austria Red Bull Racing-Honda 1'04"661 1'03"746 1'03"868 4
6 11 Messico Sergio Pérez Regno Unito Racing Point-BWT Mercedes 1'04"543 1'03"860 1'03"868 6
7 16 Monaco Charles Leclerc Italia Ferrari 1'04"500 1'04"041 1'03"923 7
8 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Regno Unito McLaren-Renault 1'04"537 1'03"971 1'03"971 8
9 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Racing Point-BWT Mercedes 1'04"309 1'03"955 1'04"029 9
10 3 Australia Daniel Ricciardo Francia Renault 1'04"556 1'04"023 1'04"239 10
11 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'04"554 1'04"206 N.D. 11
12 10 Francia Pierre Gasly Italia AlphaTauri-Honda 1'04"603 1'04"305 N.D. 12
13 26 Russia Daniil Kvjat Italia AlphaTauri-Honda 1'05"031 1'04"431 N.D. 13
14 31 Francia Esteban Ocon Francia Renault 1'04"933 1'04"643 N.D. 14
15 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'05"094 1'04"691 N.D. 15
16 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 1'05"164 N.D. N.D. 16
17 63 Regno Unito George Russell Regno Unito Williams-Mercedes 1'05"167 N.D. N.D. 17
18 99 Italia Antonio Giovinazzi Svizzera Alfa Romeo Racing-Ferrari 1'05"175 N.D. N.D. 18
19 7 Finlandia Kimi Räikkönen Svizzera Alfa Romeo Racing-Ferrari 1'05"224 N.D. N.D. 19
20 6 Canada Nicholas Latifi Regno Unito Williams-Mercedes 1'05"757 N.D. N.D. 20
Tempo limite 107%: 1'08"505

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Prima della gara i piloti, sulla pit lane, indossano una maglietta che invita alla lotta contro il razzismo. Alcuni si inginocchiano anche sulla pista.

Al via Valtteri Bottas permane al comando, mentre Max Verstappen deve difendersi da Lando Norris e da Alexander Albon. Seguono poi Lewis Hamilton, Sergio Pérez, Charles Leclerc, Carlos Sainz Jr. e Lance Stroll. Nel corso del terzo giro Albon passa Norris, che viene superato, poco dopo, anche da Hamilton.

Hamilton, all'ottavo giro, supera anche Albon, e si pone alle spalle di Verstappen. L'olandese è costretto presto al ritiro: al decimo giro la sua Red Bull Racing sconta problemi al cambio. Verstappen va ai box, cambia il volante e le gomme, ma non riesce a ripartire. Lewis Hamilton scala al secondo posto, staccato di 7 secondi dal compagno di scuderia Bottas.

Al quindicesimo giro Lance Stroll comunica di avere dei problemi di potenza alla power unit, che lo costringeranno a cedere diverse posizioni, nei giri seguenti. Due giri dopo anche sulla Renault di Daniel Ricciardo si presentano delle noie tecniche: l'australiano, che era in zona punti, è costretto all'abbandono. Anche Stroll si ritira, al giro 20. Nello stesso passaggio Romain Grosjean è autore di un'uscita di pista, dopo un testacoda, ma il francese è capace di guadagnare i box e cambiare gli pneumatici.

Al venticinquesimo giro Esteban Ocon attacca Kevin Magnussen alla seconda curva; il danese sconta un problema ai freni, va lungo nella via di fuga, e deve abbandonare la gara. La direzione di gara invia in pista la safety car. Rientrano ai box quasi tutti i piloti rimasti in gara, per montare gomme dure, tranne Pérez che opta per le medie. Dopo cinque giri riprende il gran premio: Valtteri Bottas mantiene la vetta, mentre alla sue spalle rimane Lewis Hamilton. Vi sono poi Albon, Norris, Pérez, Leclerc, Sainz Jr., Vettel, Gasly e Kvjat. Sainz Jr. cerca l'attacco a Leclerc, ma senza successo; Vettel tenta di approfittarne, ma colpisce la vettura dello spagnolo, si gira e cede diverse posizioni.

Nei giri successivi si accende la lotta tra le due Mercedes, con Bottas e Hamilton che si alternano nel segnare diversi giri veloci, nonostante il muretto della scuderia anglo-tedesca esprima preoccupazione per la condizione di entrambe le vetture ed inviti i piloti ad evitare i cordoli. Al trentatreesimo giro Sergio Pérez passa Norris.

Al cinquantesimo giro si ritirano sia Romain Grosjean (dopo un'uscita di pista) che George Russell (per problemi al motore). La safety car è nuovamente rimandata in pista, al fine di consentire ai commissari di recuperare la vettura di Russell. Effettuano la sosta, tra i primi, Alexander Albon, Lando Norris e Charles Leclerc. Albon monta gomme morbide, mentre Norris e Leclerc scelgono le medie. Il giro seguente si ferma anche Sainz Jr., per montare mescole medie.

La gara riprende sempre col duo della Mercedes Bottas-Hamilton al comando, seguiti da Albon, Pérez, Norris, Leclerc e Gasly. Alla ripartenza Albon attacca Pérez, mentre si sfila la gomma anteriore destra sull'Alfa Romeo Racing di Kimi Räikkönen: lo pneumatico termina, senza conseguenze, in una via di fuga. La vettura di sicurezza viene ancora fatta rientrare sul tracciato. I piloti, per evitare i detriti lasciati dalla vettura del finlandese, passano all'interno della corsia dei box. In regime di safety car Pérez cede la posizione ad Albon, perché il messicano aveva sopravanzato il pilota della Red Bull dopo l'esposizione del cartello che indicava il rientro della vettura di sicurezza.

Quando il gran premio riprende nella sua valenza sportiva Alexander Albon attacca Lewis Hamilton, ma le due monoposto vanno a contatto, col primo dei due che finisce fuori pista cedendo diverse posizioni, ma può proseguire la gara. Bottas comanda con oltre un secondo di margine su Hamilton, mentre Sergio Pérez è staccato di 2"8, poi Lando Norris a 3"2 e Charles Leclerc a 4". Il monegasco passa Norris al giro 63 e, due giri dopo, anche Pérez.

La direzione di gara penalizza Hamilton di 5 secondi, giudicandolo responsabile del contatto con Albon, il quale, nel frattempo, è definitivamente costretto a fermarsi per via di un problema elettrico. Anche Sergio Pérez subisce la stessa penalità, per aver superato il limite di velocità, nella corsia dei box. Il pilota della Racing Point è in crisi con le gomme, avendo effettuato un solo pit stop, tanto da venir passato da Norris al sessantanovesimo passaggio. Al giro 70 cede la gomma posteriore sinistra sull'AlphaTauri di Daniil Kvjat, che esce di pista.

Valtteri Bottas vince per l'ottava volta in carriera, davanti a Lewis Hamilton che, a causa della penalità, scala quarto. Salgono così sul podio Charles Leclerc e Lando Norris. Per Norris è il primo podio della carriera; il britannico coglie, proprio nell'ultimo giro, il suo primo giro veloce.[33] L'AlphaTauri, grazie al settimo posto di Pierre Gasly, arriva per la prima volta a punti con la nuova denominazione dal suo esordio in Formula 1 (quando si chiamava ancora Toro Rosso). Esteban Ocon arriva a punti per la prima volta dal suo rientro in Formula 1 dal Gran Premio del Giappone 2018 quando si piazzò in nona posizione alla guida dalla Force India.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[34] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 71 1h30'55"739 1 25
2 16 Monaco Charles Leclerc Italia Ferrari 71 +2"700 7 18
3 4 Regno Unito Lando Norris Regno Unito McLaren-Renault 71 +5"491 3 16
4 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 71 +5"689[35] 5 12
5 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Regno Unito McLaren-Renault 71 +8"903 8 10
6 11 Messico Sergio Pérez Regno Unito Racing Point-BWT Mercedes 71 +15"092[36] 6 8
7 10 Francia Pierre Gasly Italia AlphaTauri-Honda 71 +16"682 12 6
8 31 Francia Esteban Ocon Francia Renault 71 +17"456 14 4
9 99 Italia Antonio Giovinazzi Svizzera Alfa Romeo Racing-Ferrari 71 +21"146 18 2
10 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 71 +24"545 11 1
11 6 Canada Nicholas Latifi Regno Unito Williams-Mercedes 71 +31"650 20
12 26 Russia Daniil Kvjat Italia AlphaTauri-Honda 67 Foratura[37] 13
13 23 Thailandia Alexander Albon Austria Red Bull Racing-Honda 67 Problemi elettrici[37] 4
Rit 7 Finlandia Kimi Räikkönen Svizzera Alfa Romeo Racing-Ferrari 53 Perdita pneumatico 19
Rit 63 Regno Unito George Russell Regno Unito Williams-Mercedes 49 Pressione benzina 17
Rit 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 49 Freni 15
Rit 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 24 Freni 16
Rit 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Racing Point-BWT Mercedes 20 Motore 9
Rit 3 Australia Daniel Ricciardo Francia Renault 17 Surriscaldamento 10
Rit 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda 11 Problemi elettrici 2

Lando Norris riceve un punto addizionale per aver segnato il giro più veloce della gara.

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della gara la FIA multa di 5 000 euro l'Alfa Romeo Racing per aver fissato male la ruota anteriore destra che Kimi Räikkönen ha perso costringendolo al ritiro.[38]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Nugnes, Hamilton: "Accetto la penalità, ma era un contatto di gara", su it.motorsport.com, 5 luglio 2020. URL consultato il 5 luglio 2020.
  2. ^ a b Formula 1, calendario 2020: primi 8 GP in Europa, su sport.sky.it, 2 giugno 2020. URL consultato il 2 giugno 2020.
  3. ^ Salvo Sardina, F1, ecco le gomme Pirelli per i primi 8 GP della stagione 2020, su motorbox.com, 11 giugno 2020. URL consultato il 29 giugno 2020.
  4. ^ a b (EN) Formula 1 Rolex Grosser Preis Von Österreich 2020, su formula1.com. URL consultato il 29 giugno 2020.
  5. ^ Marco Belloro, GP Austria 2020: eliminati i dissuasori alle curve 9 e 10, su formulapassion.it, 1º luglio 2020. URL consultato il 3 luglio 2020.
  6. ^ Luke Smith, Red Bull chiederà un chiarimento alla FIA sul DAS Mercedes, su it.motorsport.com, 3 luglio 2020. URL consultato il 3 luglio 2020.
  7. ^ Roberto Chinchero, Rigettato il reclamo Red Bull contro il DAS Mercedes, su it.motorsport.com, 4 luglio 2020. URL consultato il 4 luglio 2020.
  8. ^ Luke Smith, Renault: niente power unit evoluta in Austria e nel 2020, su it.motorsport.com, 3 luglio 2020. URL consultato il 3 luglio 2020.
  9. ^ Matteo Nugnes, Ora è ufficiale: il GP d'Australia di Formula 1 è cancellato, su it.motorsport.com, 13 marzo 2020. URL consultato il 13 marzo 2020.
  10. ^ Stefano Ollanu, Nel 2020 la Toro Rosso si chiamerà Scuderia Alpha Tauri, su formulapassion.it, 16 ottobre 2019. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  11. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: la Williams promuove Latifi accanto a Russell nel 2020, su it.motorsport.com, 28 novembre 2019. URL consultato il 28 novembre 2019.
  12. ^ Luca Manacorda, Kubica: cinque sessioni di libere con l'Alfa Romeo, su motorbox.com, 13 gennaio 2020. URL consultato il 15 gennaio 2020.
  13. ^ Francesco Corghi, Nicholas Latifi correrà in F1 col numero 6 in omaggio a Toronto, su it.motorsport.com, 20 gennaio 2020. URL consultato il 20 gennaio 2020.
  14. ^ Nicoletta Floris, Esteban Ocon torna in F1: con la Renault inizia la sua seconda vita, su sportface.it, 1º gennaio 2020. URL consultato il 15 gennaio 2020.
  15. ^ Ferrari per Zanardi: la scritta «Forza Alex» sulle macchine di Leclerc e Vettel nel Gp d’Austria, su corriere.it, 20 giugno 2020. URL consultato il 2 luglio 2020.
  16. ^ Jacopo Rubino, La livrea Mercedes F1 si fa nera:un messaggio contro le discriminazioni, su italiaracing.it, 29 giugno 2020.
  17. ^ F1: 'End Racism' e arcobaleno su monoposto McLaren, su ansa.it, 1º luglio 2020. URL consultato il 2 luglio 2020.
  18. ^ Valerio Barretta, McLaren, nuova livrea contro le discriminazioni, su formulapassion.it, 1º luglio 2020.
  19. ^ a b (EN) 2020 Australian Grand Prix – Entry List (PDF), su fia.com, 12 marzo 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  20. ^ a b (EN) 2020 Austrian Grand Prix – Entry List (PDF), su fia.com, 2 luglio 2020. URL consultato il 2 luglio 2020.
  21. ^ Giacomo Rauli, Williams: il team in vendita. Intanto perde lo sponsor ROKiT, su it.motorsport.com, 29 maggio 2020.
  22. ^ (EN) 2020 Austrian Grand Prix – Event&Timing Information, su fia.com, 1º luglio 2020. URL consultato il 1º luglio 2020.
  23. ^ Franco Nugnes, F1, GP Austria, Libere 1: Mercedes davanti, Ferrari disperse, su it.motorsport.com, 3 luglio 2020. URL consultato il 3 luglio 2020.
  24. ^ Franco Nugnes, F1, GP Austria, Libere 2: due Mercedes più quella Rosa, su it.motorsport.com, 3 luglio 2020. URL consultato il 3 luglio 2020.
  25. ^ Franco Nugnes, F1, GP Austria, Libere 3: Mercedes e poi spunta Verstappen, su it.motorsport.com, 4 luglio 2020. URL consultato il 4 luglio 2020.
  26. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  27. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  28. ^ Sessione di prove libere del sabato
  29. ^ (FR) Emmanuel Touzot, Bottas bat Hamilton pour la pole en Autriche, Norris 4e, su motorsport.nextgen-auto.com, 4 luglio 2020. URL consultato il 4 luglio 2020.
  30. ^ Luke Smith, I commissari scagionano Hamilton: rimane in prima fila, su it.motorsport.com, 4 luglio 2020. URL consultato il 4 luglio 2020.
  31. ^ a b Lewis Hamilton penalizzato di tre posizioni sulla griglia di partenza per avere ignorato le bandiere gialle durante l'ultima sessione di qualifiche. GP Austria, Red Bull protesta, Hamilton penalizzato, su autosprint.corrieredellosport.it, 5 luglio 2020. URL consultato il 5 luglio 2020. (EN) BREAKING: Hamilton handed three-place grid penalty for Austrian GP after Red Bull protest, su formula1.com, 5 luglio 2020. URL consultato il 5 luglio 2020.
  32. ^ Sessione di qualifica
  33. ^ Spielberg, la cronaca Gara pazza, vince Bottas sul podio Leclerc e Norris, su italiaracing.net, 5 luglio 2020. URL consultato il 5 luglio 2020.
  34. ^ Risultati del Gran Premio
  35. ^ Lewis Hamilton penalizzato di cinque secondi sul tempo di gara per aver causato una collisione con Alexander Albon. Il britannico, giunto secondo all'arrivo, scala in quarta posizione. (EN) Offence Doc50 – L.Hamilton (Incident with A.Albon) (PDF), su fia.com, 5 luglio 2020. URL consultato il 5 luglio 2020.
  36. ^ Sergio Pérez penalizzato di cinque secondi sul tempo di gara per aver superato il limite di velocità in pit lane. La sua posizione d'arrivo non cambia. (EN) Offence Doc49 – S.Perez (Pit lane speeding) (PDF), su fia.com, 5 luglio 2020. URL consultato il 5 luglio 2020.
  37. ^ a b Daniil Kvjat e Alexander Albon risultano classificati avendo coperto almeno il 90% della distanza di gara.
  38. ^ Lewis Duncan, Alfa Romeo multata per la ruota persa da Raikkonen, su it.motorsport.com, 5 luglio 2020. URL consultato il 5 luglio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2020
Flag of Austria.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Hungary.svg Flag of the United Kingdom.svg Bandiera 70° anniversario gp.gif Flag of Spain.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg
Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2019
Gran Premio d'Austria
Edizione successiva:
2021
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1