Gran Premio di Russia 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Russia Gran Premio di Russia 2016
939º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 21 del Campionato 2016
Circuit Sochi.svg
Data 1º maggio 2016
Nome ufficiale V Russian Grand Prix
Luogo Autodromo di Soči
Percorso 5,848 km / 3,634 US mi
Pista semipermanente
Distanza 53 giri, 309,745 km/ 192,467 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Nico Rosberg Germania Nico Rosberg
Mercedes in 1'35"417 Mercedes in 1'39"094
(nel giro 52)
Podio
1. Germania Nico Rosberg
Mercedes
2. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
3. Finlandia Kimi Räikkönen
Ferrari

Il Gran Premio di Russia 2016 è stata la quarta prova della stagione 2016 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è disputata domenica 1º maggio 2016 sul circuito di Soči. La gara è stata vinta dal pilota tedesco Nico Rosberg su Mercedes; per il vincitore si è trattato del diciottesimo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il britannico Lewis Hamilton, anch'egli su Mercedes e il finlandese Kimi Räikkönen, su Ferrari. La scuderia italiana ha ottenuto così il settecentesimo podio, in una gara valida per il campionato mondiale di F1.[1]

Nico Rosberg ha ottenuto anche pole position, giro veloce in gara e ha condotto il gran premio per tutta la sua durata, ottenendo così il primo Grand Chelem in F1.[2]

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Al fine di consentire il test delle nuove gomme, che la Pirelli, fornirà a partire dal 2017, il Consiglio Mondiale dell FIA stabilisce 25 giornate di prove, con le attuali vetture di F1, da effettuarsi durante le stagione 2016, 2017 e 2018. Nel 2016 vi sarà anche la possibilità di testare le mescole 2017, ma su pneumatici della misura di quelli del 2016, su vetture però delle stagioni 2013 e 2014.[3]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Per questo gran premio la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, porta pneumatici di mescola media, morbida e supermorbida. Le mescole assegnate per la gara sono la media e la morbida. Per la Q3 è assegnato un set obbligatorio di gomme supersoft. Tale set andrà restituito a Pirelli dai 10 piloti che si qualificano per Q3 mentre sarà a disposizione per la gara per tutti gli altri piloti.[4][5]

Sono due le zone indicate dalla Federazione Internazionale dell'Automobile ove i piloti possono usare il Drag Reduction System: la prima è posta dopo la curva 1, con punto per la determinazione del distacco fra piloti posto poco prima di tale curva, mentre la seconda zona è stabilita tra le curve 11 e 13, con detection point fissato prima della curva 10.[6] A seguito dei problemi sorti nell'edizione del 2015 per liberare dalla vettura incidentata, alla curva 13, Carlos Sainz Jr., gli organizzatori asfaltano la via di fuga e modificano le protezioni.[7]

Dopo aver riscontrato dei problemi alla vettura nelle prime gare, la Sauber sostituisce il telaio a disposizione di Felipe Nasr.[8] La Mercedes aggiorna tutti i motori da lei forniti nel mondiale, spendendo due dei gettoni permessi dal regolamento. L'intervento, che ha riguardato il sistema di alimentazione, non ha comportato la sostituzione di nessun propulsore.[9] Anche la Ferrari ha annunciato di aver utilizzato tre gettoni, per la modifica della camera di combustione.[10]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta, da quando la gara è inserita nel calendario del mondiale, il gran premio viene spostato, dalla sua collocazione in autunno, a maggio.

Emanuele Pirro è nominato commissario aggiunto per questo gran premio, da parte della FIA. L'ex pilota di F1 ha già svolto spesso in passato tale funzione, l'ultima al Gran Premio del Giappone 2015.[11]

Nella prima sessione di prove libere il messicano Alfonso Celis Jr. ha sostituito Nico Hülkenberg, mentre alla Renault, in questa sessione, ha esordito, nel corso di un weekend del mondiale di F1, il pilota russo Sergej Sirotkin, che ha utilizzato la vettura in luogo di Kevin Magnussen.[12]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Le due Mercedes di Nico Rosberg e Lewis Hamilton comandano la classifica della prima sessione di prove libere. Il tedesco precede il compagno di squadra di 7 decimi, e stacca di oltre un secondo, il terzo della graduatoria, Sebastian Vettel. Quarto ha chiuso l'altro ferrarista Räikkönen, penalizzato da un problema all'ala mobile. Altri guai tecnici hanno limitato anche Felipe Massa, alla frizione. La pista, poco gommata, è stata infida per alcuni piloti, che hanno compiuto dei testacoda.[12] Nel corso di questa sessione la Red Bull ha testato, sulla vettura di Daniel Ricciardo, un suo proprio sistema di protezione del volto del pilota, un cupolino di plexiglass, posto di fronte al pilota e fissato sulla vettura. Il dispositivo è stato apprezzato dal pilota, che ne ha promosso la funzionalità.[13]

Nella seconda sessione Lewis Hamilton ha ottenuto il miglior rilievo di tempo, precedendo il duo tedesco Vettel-Rosberg. Il tempo del campione del mondo è di sei decimi più basso rispetto a quello del ferrarista, mentre Rosberg si è maggiormente concentrato sulla messa a punto della monoposto per il gran premio. Vettel invece ha subito un problema al cambio, che non ha potuto essere risolto entro il termine della sessione stessa. L'altro pilota della Ferrari, Kimi Räikkönen, ha chiuso quarto e ha svolto il lavoro di simulazione per la gara. Nell'utilizzo delle gomme supersoft, ha ottenuto il tempo dopo due giri di riscaldamento. Oltre a Vettel altri problemi tecnici hanno coinvolto Pascal Wehrlein.[14] Al termine di questa sessione la Ferrari decide di sostituire il cambio sulla monoposto di Vettel: il pilota tedesco è così penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza.[15]

Lewis Hamilton ottiene ancora il tempo più basso, nella terza sessione di prove libere. Il campione del mondo precede il compagno di team Nico Rosberg (per soli 68 millesimi), e le due Ferrari. La sessione è stata movimentata dalla introduzione della Virtual Safety Car, dopo un'uscita di pista, senza conseguenze per il pilota, di Sergio Pérez alla curva 13. Alla stessa curva anche Rosberg commette un errore, senza però impattare contro le protezioni, seguito poi anche da Romain Grosjean e da Lewis Hamilton. Anche questa sessione Vettel ha dovuto limitare la sua presenza, per problemi tecnici.[16][17]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'38"127 32
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'38"849 +0"722 31
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'39"175 +1"048 19

Nella seconda sessione del venerdì[19] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'37"583 30
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'38"235 +0"652 10
3 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'38"450 +0"867 37

Nella sessione del sabato[20] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'36"403 17
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'36"471 +0"068 22
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'37"007 +0"604 28

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Durante le qualifiche molti piloti fanno segnare il miglior rilievo cronometrico dopo 2 o 3 giri di lancio. Il duo della Mercedes è il più rapido in pista, con Lewis Hamilton che precede Nico Rosberg di poco più di un decimo. Il britannico viene messo sotto indagine, da parte dei commissari, per non aver rispettato quanto deciso in merito all'utilizzo della pista in corrispondenza della seconda curva, ove Hamilton allarga troppo la traiettoria, rispetto al limite del tracciato.

Le altre scuderia di punta, come Ferrari, Red Bull e Williams attendono la fase finale della sessione per far segnare i loro tempi. Vengono eliminati, in questa fase, le coppie di piloti di Sauber, Manor e Renault.

La stessa situazione si riproduce nella seconda fase, con le Mercedes che sono le uniche vetture capaci di scendere sotto il muro del minuto e trentasei secondi, anche se questa volta Rosberg precede Hamilton. Anche in questo caso, sia la Ferrari che la Williams, decidono di affrontare la pista solo nei minuti finali della sessione. E proprio negli ultimi secondi Daniil Kvjat ottiene un tempo valido per il passaggio nella fase decisiva. Risultano, invece, esclusi i due piloti della Haas, i due della McLaren, Nico Hülkenberg e Carlos Sainz Jr..

Lewis Hamilton non partecipa alla Q3 per un grave problema al motore: il britannico è costretto alla sua sostituzione. Ciò da via libera a Nico Rosberg, che si pone al comando, precedendo il duo della Ferrari, dopo il primo tentativo. Poco dopo Valtteri Bottas strappa la terza posizione al connazionale Kimi Räikkönen. Rosberg commette un errore nel suo secondo tentativo, tanto da abortire il giro. Vettel mantiene il secondo tempo, dall'assalto di Bottas. Il tedesco della Ferrari parte comunque settimo, per la penalizzazione per la sostituzione del cambio.

Nico Rosberg fa sua la pole position, per la ventiquattresima volta nel mondiale, come Niki Lauda e Nelson Piquet; per la Mercedes è la decima partenza al palo in fila.[21][22]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[23] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'36"119 1'35"337 1'35"417 1
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'36"555 1'36"623 1'36"123 7[15]
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 1'37"746 1'37"140 1'36"536 2
4 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'36"976 1'36"741 1'36"663 3
5 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'37"753 1'37"230 1'37"016 4
6 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'38"091 1'37"569 1'37"125 5
7 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'38"006 1'37"282 1'37"212 6
8 26 Russia Daniil Kvjat Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'38"265 1'37"606 1'37"459 8
9 33 Paesi Bassi Max Verstappen Italia STR-Ferrari 1'38"123 1'37"510 1'37"583 9
10 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'36"006 1'35"820 senza tempo 10
11 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia STR-Ferrari 1'37"784 1'37"652 N.D. 11
12 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 1'38"332 1'37"701 N.D. 12
13 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'38"562 1'37"771 N.D. 13
14 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1'37"791 1'37"807 N.D. 14
15 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'38"383 1'38"055 N.D. 15
16 21 Messico Esteban Gutiérrez Stati Uniti Haas-Ferrari 1'38"678 1'38"115 N.D. 16
17 20 Danimarca Kevin Magnussen Francia Renault 1'38"914 N.D. N.D. 17
18 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 1'39"009 N.D. N.D. 18
19 12 Brasile Felipe Nasr Svizzera Sauber-Ferrari 1'39"018 N.D. N.D. 19
20 94 Germania Pascal Wehrlein Regno Unito Manor-Mercedes 1'39"399 N.D. N.D. 20
21 88 Indonesia Rio Haryanto Regno Unito Manor-Mercedes 1'39"463 N.D. N.D. 21
22 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'39"519 N.D. N.D. 22
Tempo limite 107%: 1'42"726

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nico Rosberg mantiene il comando della gara alla partenza, seguito da Kimi Räikkönen, le due Williams, Lewis Hamilton e Max Verstappen. Nelle retrovie Sebastian Vettel viene tamponato, due volte, da Daniil Kvjat, ed è costretto al ritiro. A seguito di altri incidenti sono costretti all'abbandono anche Nico Hülkenberg e Rio Haryanto. La direzione di gara, al fine di consentire la pulizia della pista, fa entrare la Safety Car.

Alla ripartenza della gara Bottas passa Räikkönen e Hamilton Massa. Al settimo giro, dopo aver fallito il controsorpasso su Bottas, Räikkönen cede la terza posizione a Hamilton. La direzione di gara, intanto, penalizza i piloti ritenuti responsabili degli incidenti al via: Kvjat subisce uno stop and go di dieci secondi, mentre Esteban Gutiérrez un drive through.

Valtteri Bottas effettua la sua sosta al giro 17, seguito dopo un giro da Lewis Hamilton: il pilota della Williams mantiene la posizione sull'inglese, per un giro, prima di cedere al campione del mondo. Nello stesso giro c'è la sosta anche di Felipe Massa. Kimi Räikkönen si ferma, per il cambio gomme, solo al giro 21, rientrando in pista dietro a Hamilton, ora secondo, ma davanti a Bottas e Max Verstappen. L'olandese si ferma poco dopo, scende in settima posizione, ma passa Sergio Pérez, al giro 27.

Nei giri seguenti, approfittando dei doppiaggi, Hamilton lima a otto secondi il distacco da Rosberg. La classifica rimane immutata fino al giro 34, quando Verstappen si ritira per un guasto al propulsore. Scala così sesto Fernando Alonso, seguito da Kevin Magnussen e Romain Grosjean.

Hamilton riceve l'annuncio di un problema tecnico con la temperatura dell'acqua, ed è costretto a interrompere il recupero sul battistrada. Negli ultimi giri Jenson Button passa Carlos Sainz Jr., ed entra in zona punti.[24]

Nico Rosberg vince la settima gara consecutiva, la quarta gara dall'inizio della stagione, cogliendo anche il primo Grand Chelem della sua carriera, nella massima serie. La McLaren porta entrambe le vetture a punti per la prima volta dal Gran Premio d'Ungheria 2015, mentre la Renault ottiene i primi punti iridati del 2016;[2] per la scuderia francese si tratta di un ritorno a punti dopo cinque anni, vale a dire dal Gran Premio del Brasile 2011.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[25] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 53 1h32'41"997 1 25
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 53 +25"022 10 18
3 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 53 +31"998 3 15
4 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 53 +50"217 2 12
5 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 53 +74"427 4 10
6 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 52 +1 giro 14 8
7 20 Danimarca Kevin Magnussen Francia Renault 52 +1 giro 17 6
8 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 52 +1 giro 15 4
9 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 52 +1 giro 6 2
10 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 52 +1 giro 12 1
11 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull-TAG Heuer 52 +1 giro 5
12 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso-Ferrari 52 +1 giro[26] 11
13 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 52 +1 giro 18
14 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 52 +1 giro 22
15 26 Russia Daniil Kvjat Austria Red Bull-TAG Heuer 52 +1 giro 8
16 12 Brasile Felipe Nasr Svizzera Sauber-Ferrari 52 +1 giro[27] 19
17 21 Messico Esteban Gutiérrez Stati Uniti Haas-Ferrari 52 +1 giro 16
18 94 Germania Pascal Wehrlein Regno Unito Manor-Mercedes 51 +2 giri 20
Rit 33 Paesi Bassi Max Verstappen Italia Toro Rosso-Ferrari 33 Power Unit 9
Rit 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 0 Collisione con D.Kvjat 7
Rit 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 0 Collisione con R.Haryanto 13
Rit 88 Indonesia Rio Haryanto Regno Unito Manor-Mercedes 0 Collisione con N.Hülkenberg 21

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell'incidente con Sebastian Vettel, Daniil Kvjat è stato penalizzato di tre punti dalla Superlicenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) 4. Russie 2016, su statsf1.com. URL consultato il 2 maggio 2016.
  2. ^ a b (FR) Statistiques Pilotes-Divers-Grand Chelem-Nico Rosberg, su statsf1.com. URL consultato il 2 maggio 2016.
  3. ^ Pablo Elizalde, Il Consiglio Mondiale approva 25 giorni di test per le Pirelli 2017, su it.motorsport.com, 20 aprile 2016. URL consultato il 24 aprile 2016.
  4. ^ Cristiano Sponton, PIRELLI ANNUNCIA LA SCELTA DI MESCOLE E I SET OBBLIGATORI DAL GP AUSTRALIA AL GP DI SPAGNA, su f1analisitecnica.com, 10 marzo 2016. URL consultato l'11 marzo 2016.
  5. ^ Giacomo Rauli, Mercedes più spregiudicata di Ferrari nella scelta gomme per Sochi, su it.motorsport.com, 19 aprile 2016. URL consultato il 2 maggio 2016.
  6. ^ (EN) 2016 FORMULA 1 RUSSIAN GRAND PRIX, su formula1.com. URL consultato il 24 aprile 2016.
  7. ^ (FR) Oliver Ferret, F1 - Des modifications sur le circuit de Sotchi, su nextgen-auto.com, 28 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.
  8. ^ Nasr conferma che avrà un nuovo telaio per Sochi, su gpupdate.net, 28 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.
  9. ^ Roberto Chinchero, La Mercedes aggiorna la sua power unit con due gettoni, su it.motorsport.com, 29 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.
  10. ^ Cristiano Sponton, GP Sochi: 3 gettoni per Ferrari, 2 per Mercedes, su f1analisitecnica.com, 29 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.
  11. ^ (EN) Race Preview 2016 Formula 1 Russian Grand Prix, su fia.com. URL consultato il 29 aprile 2016.
  12. ^ a b Franco Nugnes, Sochi, Libere 1: Rosberg in fuga, la Ferrari si nasconde, su it.motorsport.com, 29 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.
  13. ^ Matteo Nugnes, Ricciardo promuove la visibilità del parabrezza Red Bull, su it.motorsport.com, 29 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.
  14. ^ Franco Nugnes, Sochi, Libere 2: Hamilton svetta, la Ferrari si ammutolisce, su it.motorsport.com, 29 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.
  15. ^ a b Sebastian Vettel è penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza, per aver sostituito il cambio. Roberto Chinchero, La Ferrari sostituisce il cambio a Vettel: perde 5 posizioni in griglia, su it.motorsport.com, 29 aprile 2016. URL consultato il 1º maggio 2016.
  16. ^ (FR) Alexandre Side, F1 - Sotchi, L3 : Hamilton d’un souffle devant Rosberg, su nextgen-auto.com, 30 aprile 2016. URL consultato il 1º maggio 2016.
  17. ^ Franco Nugnes, Sochi, Libere 3: Hamilton sfida Rosberg. Vettel è terzo, su it.motorsport.com, 30 aprile 2016. URL consultato il 1º maggio 2016.
  18. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  19. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  20. ^ Prove libere del sabato, su formula1.com.
  21. ^ (FR) Oliver Ferret, F1 - Pole pour Rosberg à Sotchi, nouveau problème moteur pour Hamilton, su nextgen-auto.com, 30 aprile 2016. URL consultato il 1º maggio 2016.
  22. ^ Franco Nugnes, Rosberg vuole essere lo zar di Russia con Hamilton ko, su it.motorsport.com, 30 aprile 2016. URL consultato il 1º maggio 2016.
  23. ^ Sessione di qualifiche, su formula1.com.
  24. ^ Sochi - La cronaca-Rosberg vince in solitaria, su italiaracing.net, 1º maggio 2016. URL consultato il 2 maggio 2016.
  25. ^ Risultati del gran premio, su formula1.com.
  26. ^ Carlos Sainz Jr. penalizzato di 10 secondi sul tempo di gara e di due punti sulla Superlicenza per aver costretto Jolyon Palmer al di fuori del tracciato.
  27. ^ Felipe Nasr è penalizzato di 5 secondi sul tempo totale per non aver seguito le istruzioni dei commissari di gara su come affrontare la curva 2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2016
Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2015
Gran Premio di Russia
Edizione successiva:
2017
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1