TAG Heuer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TAG Heuer SA
Logo
StatoSvizzera Svizzera
Forma societariaSussidiaria
Fondazione1860
Fondata daEdouard Heuer
Sede principaleLa Chaux-de-Fonds
GruppoLVMH Moët Hennessy Louis Vuitton S.A.
Persone chiaveJean-Claude Biver, CEO
SettoreOrologeria
ProdottiOrologi
Slogan«Swiss Avant-Garde since 1860»
Sito web
Autavia, 1962
Carrera, 1963

TAG Heuer è una compagnia svizzera del settore dell'orologeria, particolarmente conosciuta per i suoi orologi e cronografi di lusso. È una divisione della holding LVMH.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda è nata dall'acquisizione di Heuer da parte di Techniques d'Avant Garde (TAG), società di proprietà dell'imprenditore franco-saudita Mansour Ojjeh. Il marchio deve parte della notorietà alla partecipazione nel mondo delle corse automobilistiche, principalmente Formula 1, in cui è stato il fornitore ufficiale dei sistemi di cronometraggio in numerose stagioni, oltre ad avere fornito supporto economico dapprima a Williams, poi a McLaren e quindi, dal 2016, a Red Bull. Dal 1983 al 1987 ha prestato il proprio nome ai motori Porsche utilizzati dalla McLaren. La stessa cosa si ripete dal 2016 con i motori Renault della Red Bull, dopo aver concluso la partnership trentennale con la McLaren.

Dal 2017 è partner e cronometrista delle corse ciclistiche organizzate da RCS, tra cui il Giro d'Italia.

Tra i vari testimonial si ricordano Steve McQueen, Leonardo DiCaprio, Cara Delevigne, Jo Siffert, Ayrton Senna, Kimi Räikkönen, Cristiano Ronaldo, Lewis Hamilton e Martin Garrix.[1]

Profilo[modifica | modifica wikitesto]

TAG Heuer è specializzata nei cronografi. I nomi di alcune delle linee sono: Monaco, Carrera, Monza, Link, Aquaracer, Kirium, Autavia.

I movimenti montati sugli orologi TAG Heuer sono a carica automatica, al quarzo e a movimento elettro-meccanico; quest'ultimo è brevettato dalla stessa TAG Heuer ed è presente, per esempio, sul modello Link Calibre S[2] o Aquaracer Calibre S[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MARTIN GARRIX - TAG Heuer, su TAG HEUER. URL consultato il 04 dicembre 2015.
  2. ^ TAG Heuer Link Calibre S Archiviato il 1º marzo 2010, in Internet Archive.
  3. ^ Copia archiviata, su tagheuer.com. URL consultato il 19 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2010).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN295461959 · LCCN (ENnb2011010067 · GND (DE5557325-3
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera