La Chaux-de-Fonds

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Chaux-de-Fonds
comune
La Chaux-de-Fonds – Stemma
La Chaux-de-Fonds – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Neuenburg matt.svg Neuchâtel
Distretto La Chaux-de-Fonds
Amministrazione
Lingue ufficiali Francese
Territorio
Coordinate 47°06′04.8″N 6°49′30″E / 47.101333°N 6.825°E47.101333; 6.825 (La Chaux-de-Fonds)Coordinate: 47°06′04.8″N 6°49′30″E / 47.101333°N 6.825°E47.101333; 6.825 (La Chaux-de-Fonds)
Altitudine 992 m s.l.m.
Superficie 55,66 km²
Abitanti 39 027 (2014)
Densità 701,17 ab./km²
Frazioni La Cibourg, Le Crêt-du-Locle, Le Valanvron, Les Bulles, Les Eplatures, Les Joux-Derrière
Comuni confinanti Fontaines, Fournet-Blancheroche (FR-25), Grand'Combe-des-Bois (FR-25), La Ferrière (BE), La Sagne, Le Locle, Les Bois (JU), Les Fontenelles (FR-25), Les Hauts-Geneveys, Les Planchettes, Renan (BE)
Altre informazioni
Cod. postale 2300
Prefisso 032
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 6421
Targa NE
Nome abitanti Chauxois, Chauxoise, Chaux-de-Fonnier, Chaux-de-Fonnière
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
La Chaux-de-Fonds
La Chaux-de-Fonds
La Chaux-de-Fonds – Mappa
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall’UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Pianificazione urbana di La Chaux-de-Fonds/Le Locle
(EN) La Chaux-de-Fonds / Le Locle, watchmaking town planning
La chaux de fond1-ag.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2009
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La Chaux-de-Fonds è una città svizzera, che si trova nel Canton Neuchâtel, nella regione del Giura. È nota per la presenza di diverse industrie orologiere.

UNESCO[modifica | modifica wikitesto]

L'urbanismo di La Chaux-de-Fonds e Le Locle è stato riconosciuto dall'UNESCO, che nel 2009 lo ha inserito tra i patrimoni dell'umanità per il suo valore universale eccezionale. È il decimo sito svizzero ad arricchire il patrimonio mondiale dell'umanità, alla stessa stregua della città vecchia di Berna, della ferrovia retica e dell'abbazia di San Gallo.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

È la terza città in quanto a popolazione della Svizzera romanda dopo Ginevra e Losanna. È situata ad un'altitudine di 1000 metri: la seconda città svizzera più alta dietro a Davos.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le vie del centro di La Chaux-de-Fonds

Il comune di La Chaux-de-Fonds è stato fondato nel 1656, in una valle situata nel cuore delle montagne della zona di Neuchâtel. È stata distrutta completamente da un incendio che la colpì nel 1794 e fu ricostruita secondo un piano a scacchiera.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La Chaux-de-Fonds, assieme alla città vicina di Le Locle, è la grande capitale dell'orologeria e della micromeccanica. Vi hanno infatti sede numerose manifatture orologiere, come ad esempio la Eberhard & C. e la Corum. Vi si trova un'importante comunità di immigrati italiani che nei primi decenni del secondo dopoguerra rappresentava quasi un quarto della popolazione attiva.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

La città è diretta, dal 1936, da un esecutivo di cinque membri (Conseil communal - Consiglio comunale), formato da 2 socialisti, 1 democristiano, 1 liberale e 1 UDC.
Il potere legislativo è rappresentato dal Conseil géneral (Consiglio generale) di 41 membri. I partiti di sinistra sono in maggioranza a partire dalle elezioni del 1912 (escluso il periodo 1915-18).
La presidenza della città, ormai annuale, è stata affidata nella stagione 2004-05 a Claudine Stähli-Wolf (democristiana) e nel 2005-06 a Didier Berberat (socialista).

Loro predecessori sono stati i socialisti:

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Il Grand temple di La Chaux-de-Fonds

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 la città di La Chaux-de-Fonds ottiene il Premio Wakker.

Arte e cultura[modifica | modifica wikitesto]

  • È l'unica città svizzera che può essere considerata un centro dell'arte moderna.
  • La vita culturale è molto ricca, specialmente grazie al Centro di cultura ABC - che raggruppa un cinema, un teatro e un ristorante -, a Bikini Test - una sala per concerti -, al Teatro Popolare Romand, a L'heure bleue - che raggruppa un teatro all'italiana costruito nel 1837 e una sala di musica conosciuta a livello internazionale e la Kultura Centro Esperantista - un centro culturale esperantista.
  • Nel 2009, assieme a Le Locle, La Chaux-de-Fonds è stata dichiarata patrimonio mondiale dell'umanità dall'UNESCO.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Un museo in cui i pezzi più prestigiosi dell'orologeria romanda vengono presentati in un quadro eccezionale, che ripercorre la storia della misurazione del tempo dagli inizi ai giorni nostri. Degli artigiani al lavoro nell'atelier di restauro in orologeria antica, una presentazione audiovisiva, un programma multimediale e degli orologi interattivi rendono piacevole la visita al museo.

Presenta molte collezioni permanenti, tra cui quella delle opere di Léopold Robert. Con le sue esposizioni temporanee, si posiziona tra i musei svizzeri che hanno una buona reputazione.

È situato in un'autentica casa padronale della metà del XIX secolo, a due passi dal Museo internazionale d'orologeria e dal Museo delle Belle-Arti. Il museo è stato recentemente ristrutturato e la nuova museografia moderna e sobria, offre al visitatore un percorso cronologico e tematico della città e della regione attraverso testi, oggetti, fotografie, cartoline d'epoca e video costituiti da estratti di film d'archivio con un'intera sala dedicata a Le Corbusier. Passando di sala in sala, il visitatore viene immerso nella storia della città e negli usi e costumi degli abitanti. Tra questi, i tanti italiani che hanno contribuito in modo sostanziale allo sviluppo del patrimonio urbanistico di La Chaux-de-Fonds tra l'Ottocento e l'inizio del Novecento, epoca in cui gli immigrati italiani erano reclutati a centinaia per costruire fabbriche e case, contribuendo così alla forte espansione dell'industria orologiera. La missione che si prefigge il museo è di attirare l'attenzione sugli uomini e sulle donne che hanno fatto e fanno La Chaux-de-Fonds, di costituire un ponte tra passato e presente.

Sono previste durante tutto l'anno varie attività riguardo alle mostre, indirizzate sia ai bambini che agli adulti. In particolare per i bambini è stato predisposto un libretto-guida illustrato, che permette loro di scoprire il museo con giochi tematici collocati in ogni sala della mostra permanente. I tabelloni e le didascalie delle esposizioni sono tradotti in inglese e tedesco ed il libretto con i testi in italiano è disponibile all'accoglienza.

Il museo si prende cura anche del benessere dei visitatori mettendo a loro disposizione una caffetteria, un vestiario ed un ascensore per un migliore accesso alle persone con mobilità ridotte.

Visitando questa parte della città, si viene a contatto con animali viventi e impagliati, con un riccamente fornito Museo di Storia naturale, con il Parco zoologico del Bosco del Piccolo Castello, e il Vivarium. Ogni anno vi fanno visita migliaia di turisti.

Nel 1999 si aprivano le porte di Villa Margherita. Questo casamento, acquisito nel 1998 dalla Manufacture Girard-Perregaux, è stato restaurato per accogliere il suo museo privato. Vi sono presentate le collezioni antiche e contemporanee de la Marque, testimoniando così il suo passato più che bicentenario.

Nell'atmosfera calorosa di una fattoria del Giura degli inizi del XVII secolo, si riesce ad immaginare come potesse essere la vita di un contadino orologiaio all'origine dell'orologeria nelle montagne di Neuchâtel.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione superiore e ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

  • La Chaux-de-Fonds fa parte del paese della precisione.
    • Watch Valley è una nuova destinazione turistica che utilizza la tematica dell'orologeria per differenziarsi dalle altre regioni svizzere.
    • È una città tappa della «Strada dell'Orologeria» che da Ginevra, attraverso le Jura svizzero ci porta a Basilea
    • Tappe cittadine:
      • Museo internazionale dell'orologeria
      • Villa Margherita
      • Museo di storia
      • Museo contadino e artigianale
  • Dal 2005, La Chaux-de-Fonds è anche città tappa principale sull'itinerario "Arte & Architettura" del Turismo Svizzero.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

A La Chaux-de-Fonds è presente la squadra di football americano dei La Chaux-de-Fonds Hornets, che milita nella lega indipendente NSFL.

Persone legate a La Chaux-de-Fonds[modifica | modifica wikitesto]

Persone nate a La Chaux-de-Fonds[modifica | modifica wikitesto]

Persone che hanno vissuto a La Chaux-de-Fonds[modifica | modifica wikitesto]

Originario della Germania, si recò a La Chaux-de-Fonds per imparare il francese e per diventare apprendista presso Mairet e Sandoz, mercante di metalli e di forniture da orologeria. Fondò un banco d'orologeria e inventò l'orologio semplice e a buon mercato nel 1867.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Arte e cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione e ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN145384504 · LCCN: (ENn50055390 · GND: (DE4033953-1 · BNF: (FRcb11988404x (data)