Gran Premio d'Europa 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Europa Gran Premio d'Europa 2016
943º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 21 del Campionato 2016
Baku-F1-Street-Circuit-rev1.png
Data 19 giugno 2016
Nome ufficiale LVII Grand Prix of Europe
Circuito Baku
Percorso 6,003 km / 3,730 US mi
Circuito cittadino
Distanza 51 giri, 306,049 km/ 190,170 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Nico Rosberg Germania Nico Rosberg
Mercedes in 1'42"758 Mercedes in 1'46"485
(nel giro 48)
Podio
1. Germania Nico Rosberg
Mercedes
2. Germania Sebastian Vettel
Ferrari
3. Messico Sergio Pérez
Force India-Mercedes

Il Gran Premio d'Europa 2016 è stata l'ottava prova della stagione 2016 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è disputata domenica 19 giugno 2016 sul Circuito stradale di Baku, capitale dell'Azerbaigian. La gara è stata vinta dal tedesco Nico Rosberg su Mercedes; per il vincitore si è trattato del diciannovesimo successo. Ha preceduto sul traguardo il connazionale Sebastian Vettel su Ferrari e il messicano Sergio Pérez su Force India-Mercedes.

In questa gara Nico Rosberg ha ottenuto il suo personale secondo Grand Chelem, avendo conquistato la pole position, la vittoria e il giro veloce, disputando il Gran Premio sempre in testa.[1]

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli si accorda con la Federazione Internazionale dell'Automobile per rinnovare, fino al 2019, il contratto da fornitrice unica degli pneumatici per il campionato mondiale di F1. Il precedente contratto sarebbe scaduto al termine della stagione 2017. La casa italiana svolge tale funzione dal 2011. La Pirelli avrà inoltre 25 giorni di test per la nuova generazione di gomme, che verrà utilizzata, a partire dal 2017. Inizialmente i test verranno effettuati su vetture con motori aspirati (e a dimensione di gomme attuali), poi su vetture ibride, con pneumatici della dimensione di quelli introdotti nel 2017.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli, unica fornitrice di pneumatici, annuncia che, per il Gran Premio, fornirà coperture di mescola supersoft, soft e medium. Per la Q3 è assegnato un extra set di gomme supersoft, che andrà restituito al termine delle qualifiche mentre sarà a disposizione per la gara per tutti gli altri piloti che non avranno accesso all'ultima sessione di qualifica.[3]

Il mondiale di F1 fa il suo esordio sul Circuito di Baku, tracciato stradale, lungo 6,003 km (il secondo più lungo del mondiale dopo quello di Spa), disegnato lungo le vie perimetrali al centro storico della città e la zona del porto.[4] Il primo test, per una monoposto (una vettura di GP3 Series), su questo tracciato, è avvenuto il 3 giugno, con alla guida il pilota locale Gulhuseyn Abdullayev.[5] L'8 giugno Charlie Whiting, delegato della FIA, ha dato il via libera per la tenuta della gara, a seguito dell'ultimo sopralluogo. Whiting si è detto piacevolmente sorpreso dalla completezza del tracciato.[6] La Federazione stabilisce due aree lungo il tracciato dove i piloti possono impiegare il DRS: la prima è lungo il rettilineo dei box, mentre la seconda è stabilita lungo il rettilineo tra la curva 2 e 3. Vi è un solo punto per la determinazione del distacco fra piloti, posto alla curva 20.[7]

A seguito delle richieste dei piloti, la direzione di gara decide alcuni interventi migliorativi della pista. I cordoli all'uscita delle curve 6 e 12 vengono eliminati, e sostituiti con la vernice. A causa di un avvallamento sul rettifilo d'arrivo i piloti non riescono a vedere bene l'entrata nella corsia dei box: questa viene anticipata e spostata verso sinistra.[8]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Il Gran Premio d'Europa, originariamente introdotto, quale gara autonoma, e non titolo onorifico per una gara europea, nel 1983, si è regolarmente tenuto dal 1999 al 2012, per consentire a una seconda sede, in uno dei Paesi in cui si correva già un gran premio nazionale, di poter ospitare una gara di F1.

Il più recente circuito su cui si è corso è stato quello di Valencia in Spagna, che ha ospitato il Gran Premio dal 2008 al 2012.

Già nel maggio del 2014 il ministro dello Sport dell'Azerbaigian aveva annunciato che, dal 2015, il suo Paese avrebbe ospitato una gara del campionato mondiale, da tenersi su un circuito cittadino disegnato per le vie della capitale, Baku.[9] Successivamente è stato annunciato che il Gran Premio sarebbe stato inserito nel calendario, per la stagione 2016.[10] È la prima gara di F1 che si tiene nel Paese, che diventa il trentaduesimo ad essere visitato dal campionato mondiale.

La decisione di correre la gara il 19 giugno è stata aspramente criticata da una parte del mondo dei motori, a causa della coincidenza con la celebre 24 ore di Le Mans,[11] che comporta la perdita di pubblico per la gara di durata, e l'impossibilità per i piloti della massima serie di ripetere l'impresa di Nico Hülkenberg, vincitore dell'edizione 2015. Nonostante ciò Jean Todt, presidente della FIA, ha sostenuto la decisione presa dal consiglio definendola come "l'unica soluzione possibile".[12]

L'orario di inizio del gran premio è stato confermato per le 18 locali, anche da parte degli organizzatori, quindi un'ora dopo la fine della gara di Le Mans, visto il fuso orario.[13]

L'ex pilota di F1, l'irlandese Derek Daly, è nominato commissario aggiunto, per la gara, da parte della federazione. Il Gran Premio di Russia 2015 è stata l'ultima gara in cui svolse tale funzione.[7]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La necessità, per i piloti, di conoscere bene il nuovo tracciato porta molti a commettere degli errori. Daniel Ricciardo impatta con la sua vettura contro le barriere alla curva 15; la direzione di gara espone le bandiere rosse per spostare la Red Bull. La sessione riprende dopo circa quindici minuti. Il migliore della prima sessione di libere è Lewis Hamilton, che ottiene il tempo utilizzando le supersoft. Il britannico, dopo l'incidente di Ricciardo, non ha più affrontato la pista, avendo spiattellato una gomma di un treno sempre di gomme a mescola supersoft. Il campione del mondo uscente ha anche toccato le barriere, in una occasione, con la sua vettura. Al secondo posto si è classificato l'altro pilota della Mercedes, Nico Rosberg, che ha preceduto una terza vettura a motore Mercedes, ovvero la Williams di Valtteri Bottas. Il finlandese ha toccato una velocità di punta di 350,9999 km/h. Il primo, non motorizzato dalla casa tedesca, è Fernando Alonso, quarto. Più indietro si sono classificate le Ferrari, che hanno affrontato questa prima giornata di prove libere con un motore di vecchia generazione, al fine di preservare il numero di motori ammesso in campionato.[14] Ha invece compito solo sette giri Max Verstappen, per una perdita d'olio riscontrata sul motore della monoposto.[15]

Hamilton e Rosberg si confermano al primo e secondo posto della graduatoria, anche nella sessione pomeridiana. I due piloti della Mercedes sono gli unici a portarsi sotto il tempo del 1:45.000. Hamilton risulta anche il più costante nella simulazione di gara, mentre Rosberg è il pilota che ha ottenuto il picco di velocità maggiore. Dietro ai due ci sono altre vetture motorizzate dalla casa tedesca: le due Force India, inframmezzate dalla Williams di Bottas. Ancora in difficoltà le Ferrari: oltre all'impossibilità a mettere in temperatura le gomme in tempi rapidi, sulla vettura di Kimi Räikkönen si è verificato un problema al cambio, mentre su quella di Vettel vi sono dei guasti al motore.[16]

La stessa situazione si ripropone anche nella sessione del sabato. Lewis Hamilton precede, di circa due decimi, il compagno di scuderia Nico Rosberg. Il campione del mondo, dopo aver testato la pista nei primi minuti, ha deciso di lanciarsi in un giro da qualifica, dopo una modifica alla barra antirollio, ed ha ottenuto la miglior prestazione di sessione. Al terzo posto si è ancora classificato un pilota con una vettura a motore Mercedes, ovvero Nico Hülkenberg, su Force India. L'aumento delle temperature, rispetto al venerdì, ha però avvicinato, ai tempi del duo di testa, anche altre monoposto: Daniel Ricciardo ha chiuso a un secondo e due decimi dal leader. Sergio Pérez ha chiuso col quinto tempo, ma ha anche commesso un errore che lo ha portato a danneggiare gravemente la sua monoposto. Non ha ottenuto tempi Valtteri Bottas, in quanto, al termine del giro d'installazione, ha subito la lacerazione del fondo della sua Williams, causata dal distacco di una griglia di scolo dei box.[17] Al termine delle prove, per consentire a Pérez di effettuare le qualifiche dopo l'incidente al retrotreno della sua vettura, viene sostituita la trasmissione sulla sua vettura. Per tale ragione il pilota messicano parte con 5 posizione di penalità sulla griglia di partenza.[18]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[19] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'46"435 23
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'46"812 +0"377 32
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 1'47"096 +0"661 34

Nella seconda sessione del venerdì[20] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'44"223 33
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'44"913 +0"690 26
3 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'45"336 +1"113 37

Nella sessione del sabato[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'44"352 17
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'44"610 +0"258 22
3 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'45"540 +1"188 18

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Già nella prima fase della Q1 le due Mercedes fanno segnare dei tempi competitivi, relegando il terzo, Valtteri Bottas, a un secondo. Solo Daniel Ricciardo riesce ad avvicinarsi al duo della casa tedesca, con un tempo di quattro decimi più alto. Molti piloti effettuano degli errori, con Romain Grosjean che rovina i suoi tentativi entrando in molte vie di fuga, e Jenson Button che sfiora il muretto alla curva 15. Nel corso della sessione Nico Rosberg migliora ancora il suo riferimento cronometrico, mentre Sergio Pérez scala in terza posizione. Le due Renault occupano i due ultimi posti della classifica, e sono eliminate così come Marcus Ericsson, Jenson Button, e i due piloti della Manor.

La stessa battaglia, interna alla Mercedes, si riproduce anche nella seconda fase. Nico Hülkenberg, va in testacoda, ma senza provocare danni alla vettura; viene però penalizzato Lewis Hamilton, che ha solo il quinto tempo. L'altro pilota della Force India, Pérez, è secondo, seguito da Sebastian Vettel. Max Verstappen affronta la pista, per un solo tentativo, nella parte finale della sessione, e ottiene facilmente un crono valido per la Q3. Anche Hamilton riaffronta la pista, essendo scalato fino alla decima posizione, ma rovina il primo tentativo con una uscita dal tracciato; nel tentativo seguente il britannico viene, in parte, penalizzato da un'altra uscita di pista, effettuata da Romain Grosjean. Al termine della sessione sono eliminati, oltre al francese, anche Nico Hülkenberg, Carlos Sainz Jr., Fernando Alonso, Esteban Gutiérrez e Felipe Nasr.

Nella fase decisiva Daniel Ricciardo commette un errore al primo giro, e viene facilmente scavalcato dalle due Ferrari e da Daniil Kvjat. C'è un'incomprensione alla prima curva tra Max Verstappen e Valtteri Bottas, tanto che i due sfiorano la collisione. Lewis Hamilton commette ancora un errore, alla curva 15, che rovina il suo primo tentativo, mentre Sergio Pérez si pone al comando della graduatoria. Poco dopo Nico Rosberg si issa in prima posizione, mentre Hamilton è costretto al ritiro dalle qualifiche, per un errore alla chicane del castello, che provoca la rottura della sua sospensione anteriore destra. La sessione è interrotta con bandiera rossa, quando mancano poco più di due minuti, al termine della stessa. Tutti i piloti, tranne il duo della Mercedes, riprendono la pista per cercare di migliorare il tempo. Pérez conserva il secondo tempo, mentre Daniel Ricciardo e Sebastian Vettel ottengono lo stesso tempo, al millesimo, con l'australiano favorito per aver ottenuto il tempo per primo.

Nico Rosberg ottiene la venticinquesima pole position, la sessantesima per la Mercedes, come costruttore.[18][22] Al termine delle qualifiche sia Carlos Sainz Jr. che Kevin Magnussen sono penalizzati di 5 posizioni sulla griglia di partenza, per aver sostituito il cambio.[23]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[24] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'43"685 1'42"520 1'42"758 1
2 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'44"462 1'43"939 1'43"515 7[18]
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'44"570 1'44"141 1'43"966 2
4 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'45"062 1'44"461 1'43"966 3
5 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'44"936 1'44"533 1'44"269 4
6 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'45"494 1'44"696 1'44"483 5
7 26 Russia Daniil Kvjat Italia STR-Ferrari 1'44"694 1'44"687 1'44"717 6
8 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 1'44"706 1'44"477 1'45"246 8
9 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'44"939 1'44"387 1'45"570 9
10 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'44"259 1'43"526 2'01"954 10
11 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'45"507 1'44"755 N.D. 11
12 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'44"860 1'44"824 N.D. 12
13 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia STR-Ferrari 1'44"827 1'45"000 N.D. 18[23]
14 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1'45"525 1'45"270 N.D. 13
15 21 Messico Esteban Gutiérrez Stati Uniti Haas-Ferrari 1'45"300 1'45"349 N.D. 14
16 12 Brasile Felipe Nasr Svizzera Sauber-Ferrari 1'45"549 1'46"048 N.D. 15
17 88 Indonesia Rio Haryanto Regno Unito Manor-Mercedes 1'45"665 N.D. N.D. 16
18 94 Germania Pascal Wehrlein Regno Unito Manor-Mercedes 1'45"750 N.D. N.D. 17
19 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 1'45"804 N.D. N.D. 19
20 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'46"231 N.D. N.D. 20
21 20 Danimarca Kevin Magnussen Francia Renault 1'46"348 N.D. N.D. PL[23]
22 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 1'46"394 N.D. N.D. 21
Tempo limite 107%: 1'50"942

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Kevin Magnussen parte dalla pit lane, per aver modificato gli assetti della sua Renault.[23]

Alla partenza Nico Rosberg tiene il comando della gara, davanti a Daniel Ricciardo, seguito dal duo della Ferrari, poi Sergio Pérez, che passa presto Felipe Massa. Seguono Max Verstappen, Daniil Kvjat, Valtteri Bottas e Lewis Hamilton. Il russo della Toro Rosso è passato prima da Bottas poi da Hamilton, tra il secondo e terzo giro.

La rimonta dei due piloti prosegue dopo un giro, quando entrambi passano anche Verstappen, che vai ai box, già al sesto giro. Sempre in questo passaggio Sebastian Vettel prende la seconda piazza a Ricciardo. L'australiano si ferma ai box il giro successivo. Al nono giro anche Kimi Räikkönen effettua la sua sosta: il finlandese viene, poco dopo, messo sotto indagine dai commissari, per aver tagliato la corsia di entrata ai box, in un passaggio sulla pista. Al pilota della ferrari viene comminata una penalizzazione di cinque secondi.

Tra il sedicesimo e il diciassettesimo passaggio vanno al cambio gomme sia Lewis Hamilton, che si lamenta per delle vibrazioni della sua vettura, che Sergio Pérez. Vettel attende il giro 21 per cambiare le gomme, dopo aver rifiutato una richiesta di pit stop, fatta dal suo muretto, nei giri precedenti. Un giro dopo anche il leader della corsa, Rosberg, cambia gli pneumatici. La classifica, dopo il tedesco della Mercedes, vede Kimi Räikkönen davanti al compagno di team Vettel, poi Pérez, Ricciardo, Hamilton, e il duo della Williams. Poco dopo Ricciardo viene attaccato sia da Hamilton che da Felipe Massa, perdendo così due posizioni. Sale in classifica invece Nico Hülkenberg, che passa Sainz, ed è ottavo.

Al giro 28 c'è lo scambio di posizioni tra i due piloti della Ferrari e, subito dopo, Vettel riesce a ridurre il gap di distanza dal battistrada Rosberg, che effettua alcuni giri a ritmo lento, prima di trovare il passo, della prima parte di gara. Massa effettua ancora un cambio gomme al giro 29, scendendo in nona posizione.

Al trentatreesimo giro si ritira Carlos Sainz Jr. per un problema a una sospensione, mentre Hamilton si lamenta coi box per la perdita di potenza del motore della sua vettura.

Nella parte finale di gara Sergio Pérez si avvicina a Kimi Räikkönen, ottenendo il terzo posto virtuale, stante la penalizzazione che incombe sul tempo del ferrarista. Al giro 45 Verstappen conquista la nona posizione di Massa. Le due Red Bull superano, negli ultimi giri, Nico Hülkenberg, piazzandosi settima e ottava. Proprio all'ultimo giro Pérez supera, anche fisicamente, Räikkönen, per il terzo posto.

Nico Rosberg si aggiudica la gara, ottenendo il secondo Grand Chelem nel mondiale di F1, ovvero vittoria, pole position, giro veloce e conduzione della gara per tutta la sua interezza.[1][25]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[26] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 51 1h32'52"366 1 25
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 51 +16"696 3 18
3 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 51 +25"241 7 15
4 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 51 +33"102[27] 4 12
5 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 51 +56"335 10 10
6 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 51 +1'00"886 8 8
7 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull-TAG Heuer 51 +1'09"229 2 6
8 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull-TAG Heuer 51 +1'10"696 9 4
9 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 51 +1'17"708 12 2
10 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 51 +1'25"375 5 1
11 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Honda 51 +1'44"817 19
12 12 Brasile Felipe Nasr Svizzera Sauber-Ferrari 50 +1 giro 15
13 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 50 +1 giro 11
14 20 Danimarca Kevin Magnussen Francia Renault 50 +1 giro PL
15 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 50 +1 giro 21
16 21 Messico Esteban Gutiérrez Stati Uniti Haas-Ferrari 50 +1 giro 14
17 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 50 +1 giro 20
18 88 Indonesia Rio Haryanto Regno Unito Manor-Mercedes 49 +2 giri 16
Rit 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 42 Cambio 13
Rit 94 Germania Pascal Wehrlein Regno Unito Manor-Mercedes 39 Freni 17
Rit 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia STR-Ferrari 31 Sospensione 18
Rit 26 Russia Daniil Kvjat Italia STR-Ferrari 6 Sospensione 6

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Germania Mercedes AMG 258
2 Italia Ferrari 177
3 Austria Red Bull-TAG Heuer 140
4 Regno Unito Williams-Mercedes 90
5 India Force India-Mercedes 59
6 Italia Toro Rosso-Ferrari 32
7 Regno Unito McLaren-Honda 24
8 Stati Uniti Haas-Ferrari 22
9 Francia Renault 6

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 4
2 Germania Nico Rosberg 3
3 Australia Daniel Ricciardo 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) Statistiques Pilotes-Divers-Grand Chelem-Nico Rosberg, su statsf1.com. URL consultato il 21 giugno 2016.
  2. ^ F1 Pirelli rinnova fino al 2019, su f1sport.it, 17 giugno 2016. URL consultato il 18 giugno 2016.
  3. ^ Luca Ferrari, F1 Pirelli: scelte le mescole per il gran premio d'Europa a Baku, su formulapassion.it, 3 marzo 2016. URL consultato il 15 giugno 2016.
  4. ^ F1 | Rettilineo e imbuto: a Baku spazio alle esagerazioni, su formulapassion.it. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  5. ^ Luca Manacorda, F1 Primo test per una monoposto da corsa sul circuito di Baku, su formulapassion.it, 3 giugno 2016. URL consultato il 15 giugno 2016.
  6. ^ Whiting dà l'ok al circuito di Baku, su gpupdate.net, 8 giugno 2016. URL consultato il 15 giugno 2016.
  7. ^ a b (EN) 2016 European Grand Prix Preview, su fia.com, 15 giugno 2016. URL consultato il 19 giugno 2016.
  8. ^ Adam Cooper, La FIA modificherà i cordoli e l'entrata della pitlane di Baku, su motorsport.com, 17 giugno 2016. URL consultato il 18 giugno 2016.
  9. ^ F1 GP a Baku nel 2015 o già nel 2014 al posto di Sochi?, su formulapassion.it, 7 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  10. ^ F1, Ecclestone presenta Gp Baku 2016: Circuito innovativo, su sportevai.it, 8 ottobre 2014. URL consultato il 18 novembre 2014.
  11. ^ WEC | Neveu: Concomitanza con Baku è un attacco a Le Mans, su formulapassion.it. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  12. ^ F1 | Todt: "Impossibile evitare concomitanza Baku - Le Mans", su formulapassion.it. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  13. ^ F1 | Orario Gp Baku: nessun problema per lo staff, su formulapassion.it. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  14. ^ Roberto Chinchero, Ferrari: domani ritornerà il motore con il turbo evoluto, su it.motorsport.com, 17 giugno 2016. URL consultato il 18 giugno 2016.
  15. ^ Franco Nugnes, Baku, Libere 1: Hamilton impara in fretta, sbatte Ricciardo, su it.motorsport.com, 17 giugno 2016. URL consultato il 18 giugno 2016.
  16. ^ Franco Nugnes, Baku, Libere 2: Hamilton come il vento, Ferrari in crisi?, su it.motorsport.com, 17 giugno 2016. URL consultato il 18 giugno 2016.
  17. ^ Franco Nugnes, Baku, Libere 3: il guizzo di Hamilton, Mercedes in fuga, su it.motorsport.com, 18 giugno 2016. URL consultato il 19 giugno 2016.
  18. ^ a b c Sergio Pérez penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza, per aver sostituito la trasmissione. Franco Nugnes, Rosberg in pole a Baku, Hamilton a muro e Ricciardo in prima fila!, su it.motorsport.com, 18 giugno 2016. URL consultato il 19 giugno 2016.
  19. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  20. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  21. ^ Sessione di prove libere del sabato
  22. ^ (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Rosberg en pole à Bakou devant Ricciardo, Hamilton dans le mur, su nextgen-auto.com, 18 giugno 2016. URL consultato il 19 giugno 2016.
  23. ^ a b c d Carlos Sainz Jr. penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza, per aver sostituito il cambio. La stessa penalizzazione è inflitta a Kevin Magnussen, che parte però dai box per aver modificato l'assetto della sua vettura. Baku-Penalità in griglia per Sainz e Magnussen, su italiaracing.net, 19 giugno 2016. URL consultato il 21 giugno 2016.
  24. ^ Sessione di qualifiche
  25. ^ Jacopo Rubino, Baku - Cronaca-Rosberg fra il grand chelem, su italiaracing.net, 19 giugno 2016. URL consultato il 21 giugno 2016.
  26. ^ Gara
  27. ^ Kimi Räikkönen è penalizzato di 5 secondi, sul tempo di gara, per aver tagliato la corsia di entrata ai box.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2016
Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2012
Gran Premio d'Europa
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1