Gran Premio di Russia 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Russia Gran Premio di Russia 2017
960º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 20 del Campionato 2017
Circuit Sochi.svg
Data 30 aprile 2017
Nome ufficiale VI VTB Russian Grand Prix
Circuito Autodromo di Soči
Percorso 5,848 km / 3,633 US mi
Pista semipermanente
Distanza 52[1] giri, 304,096 km/ 188,956 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Finlandia Kimi Räikkönen
Ferrari in 1'33"194 Ferrari in 1'36"844
(nel giro 49)
Podio
1. Finlandia Valtteri Bottas
Mercedes
2. Germania Sebastian Vettel
Ferrari
3. Finlandia Kimi Räikkönen
Ferrari

Il Gran Premio di Russia 2017 è stata la quarta prova della stagione 2017 del campionato mondiale di Formula 1. La gara, corsa domenica 30 aprile 2017 sul circuito di Soči, è stata vinta da Valtteri Bottas su Mercedes. Per il pilota finlandese si è trattato del primo successo nel mondiale; Bottas ha preceduto sul traguardo il pilota tedesco Sebastian Vettel su Ferrari e il suo compagno di squadra, il pilota finlandese Kimi Räikkönen.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Durante una riunione dello Strategy Group, facente parte della F1 Commission, viene stabilito che, dal 2018, le vetture potranno utilizzare un solo tipo di lubrificante, nel corso di un weekend di gara. Viene deciso anche di limitare l'uso di pinne sul cofano e dell'appendice denominata T-wing, sempre a partire dal 2018. Dalle prossime riunioni del gruppo strategico parteciperanno rappresentanti di tutte le scuderie.[2]

La scuderia elvetica Sauber annuncia che, dal 2018, adotterà propulsori della Honda, in luogo degli attuali Ferrari.[3]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Per questo gran premio la Pirelli offre la scelta tra gomme di mescola ultramorbida, supermorbida e morbida. Per le prime gare del campionato, fino al Gran Premio di Spagna, le allocazioni delle gomme, per mescole, saranno identiche, e decise dal fornitore.[4]

Sono due le zone indicate dalla Federazione Internazionale dell'Automobile ove i piloti possono usare il Drag Reduction System: la prima è posta dopo la curva 1, con punto per la determinazione del distacco fra piloti posto poco prima di tale curva, mentre la seconda zona è stabilita tra le curve 11 e 13, con detection point fissato prima della curva 10.[5] Vengono aggiunti dei cordoli alla curva 2, al fine di evitare che i piloti possano avvantaggiarsi dal taglio del cordolo, alla stessa curva.[6]

La Honda fornitrice della power unit alla McLaren, porta, da questo gran premio, una versione aggiornata della componete denominata MGU-H.[7] Sebastian Vettel testa, in questa gara, un nuovo tipo di calzatura, fornitagli dalla Puma.[8]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Il pilota locale Sergej Sirotkin disputa la prima sessione di prove libere, al volante della Renault di Nico Hülkenberg.[9] Per lui sarà la quarta presenza in prove libere, dopo le gare di Russia del 2014 e 2016 e il Gran Premio del Brasile 2016.

L'ex pilota di Formula 1 Mika Salo è nominato commissario aggiunto per la gara; il finlandese ha svolto già in passato tale funzione, l'ultima al Gran Premio di Cina.[10]

Il pilota della Toro Rosso, Carlos Sainz Jr., è penalizzato di tre posizioni sulla griglia di partenza, per aver causato un incidente nel precedente Gran Premio del Bahrein.[11]

Da questa stagione, il gran premio gode della sponsorizzazione della banca russa VTB Bank.[12]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La prima sessione del venerdì vede in testa i due piloti finlandesi Kimi Räikkönen e Valtteri Bottas, separati da soli 45 millesimi. L'altro pilota della Mercedes, Lewis Hamilton ha chiuso a sei decimi dal primo tempo. Quinto invece Sebastian Vettel, penalizzato, nel suo primo tentativo veloce, da bandiere rosse, che hanno portato all'interruzione della sessione. Il tedesco ha anche effettuato un testacoda, nella parte finale delle libere. Stoffel Vandoorne ha scontato dei problemi alla power unit della sua McLaren, mentre Sergej Sirotkin, che ha sostituito Nico Hülkenberg in Force India, non ha potuto far segnare nessun tempo valido, sempre per problemi tecnici.[13]

Nella seconda sessione del venerdì, le due Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen precedono le due Mercedes di circa sette decimi; le due vetture italiane hanno maggiore capacità di portare in temperatura le gomme Ultrasoft, rispetto a quelle tedesche; inoltre le due Ferrari dimostrano anche un notevole passo di gara. Il tempo di Vettel è già inferiore a quello ottenuto, quale pole position, nel 2016. Il passaggio ai freni Carbon Industries da parte dell'Haas, non evita che Romain Grosjean sia autore di un testacoda.

La McLaren sostituisce la power unit sulla vettura di Vandoorne, che così subisce una penalizzazione di quindici posizioni sulla griglia di partenza.[14]

Anche nelle libere del sabato le Ferrari si confermano le vetture più rapide, grazie alla capacità di mandare più rapidamente in temperatura gli pneumatici. Vettel precede di tre decimi Räikkönen, mentre Bottas è staccato di pochi millesimi dal suo connazionale; più lontano risulta Hamilton. Dietro alle quattro vetture di testa si pone Max Verstappen, mentre chiude quinto Felipe Massa. Jolyon Palmer ha potuto compiere solo pochi giri: nella notte la sua scuderia ha provveduto ha sostituirgli il telaio e, al termine delle libere, decide anche per la sostituzione della power unit. Da questa sessione la Haas ritorna all'utilizzo dei freni della Brembo.[15]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'36"074 19
2 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'36"119 +0"045 24
3 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'36"681 +0"607 23

Nella seconda sessione del venerdì[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'34"120 36
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'34"383 +0"263 36
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'34"790 +0"670 36

Nella sessione del sabato[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'34"001 17
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'34"338 +0"337 16
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'34"364 +0"363 20

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Il primo tempo significativo è di Valtteri Bottas, che precede di un secondo Sebastian Vettel; le vetture della Ferrari sono però le sole, in questa prima fase, a utilizzare gomme Supersoft; tutti gli altri piloti optano per coperture Ultrasoft. L'altro pilota della Mercedes, Lewis Hamilton, compie un errore nel suo primo tentativo di tempo. Successivamente il britannico s'installa al secondo posto, dietro al compagno di team, e davanti alle Ferrari.

Fernando Alonso riesce, negli istanti finali della sessione, a entrare nei primi 15, anche perché, poco dopo, a sessione già conclusa, ma con vetture ancora in pista, Pascal Wehrlein termina in testacoda e Jolyon Palmer contro le barriere. Vengono esposte le bandiere gialle che rallentano i piloti ancora alla ricerca del tempo sufficiente per la Q2. Risultano eliminati i due piloti della Sauber, Stoffel Vandoorne, Jolyon Palmer e Romain Grosjean.

La Q2 inizia quando i commissari di pista stanno ancora rimuovendo la Renault incidentata di Palmer, tanto che nel punto della pista sono ancora agitate doppie bandiere gialle. Anche in questa fase il più rapido risulta ancora Bottas, che precede Hamilton e le due Ferrari. Sono molto distanti gli altri piloti: Max Verstappen, quinto, è oltre un secondo. In questa fase le Ferrari iniziano a utilizzare le Ultrasoft.

La lotta per l'accesso alla fase finale è intesa: Esteban Ocon riesce a entrare nei primi dieci, per la prima volta in carriera. Sono eliminati i due piloti della Toro Rosso, Lance Stroll, Kevin Magnussen e Fernando Alonso.

La Q3 si apre con un'incomprensione tra Hamilton e Nico Hülkenberg, coi due piloti che si sfiorano in un incidente. Kimi Räikkönen si pone al comando della graduatoria, davanti al compagno di scuderia Sebastian Vettel. Bottas s'inserisce al secondo posto, mentre Hamilton è solo quarto. Restano staccate le altre vetture, con le Red Bull Racing quinta e sesta, distanziate di un secondo e mezzo.

Nell'ultimo tentativo Räikkönen cade in errore nell'ultima parte del tracciato, e cede così la pole position al compagno di team. Per la Ferrari è la prima partenza al palo dal Gran Premio di Singapore 2015 e la prima doppietta in qualifica dal Gran Premio di Francia 2008. S'interrompe così una striscia di 18 pole position consecutive per la Mercedes e di 30 gare con almeno una vettura in prima fila.[19][20][21]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[22] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'34"493 1'34"038 1'33"194 1
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'34"953 1'33"663 1'33"253 2
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'34"041 1'33"264 1'33"289 3
4 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'34"409 1'33"760 1'33"767 4
5 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'35"560 1'35"483 1'34"905 5
6 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'35"828 1'35"049 1'35"110 6
7 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'35"301 1'35"221 1'35"161 7
8 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 1'35"507 1'35"328 1'35"285 8
9 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'36"185 1'35"513 1'35"337 9
10 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 1'35"372 1'35"729 1'35"430 10
11 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 1'35"827 1'35"948 N.D. 14[11]
12 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 1'36"279 1'35"964 N.D. 11
13 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 1'35"984 1'35"968 N.D. 12
14 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 1'36"408 1'36"017 N.D. 13
15 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1'36"353 1'36"660 N.D. 15
16 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 1'36"462 N.D. N.D. 16
17 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 1'37"070 N.D. N.D. 20[14]
18 94 Germania Pascal Wehrlein Svizzera Sauber-Ferrari 1'37"332 N.D. N.D. 17
19 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'37"507 N.D. N.D. 18
20 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'37"620 N.D. N.D. 19
Tempo limite 107%: 1'40"623

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nel giro di ricognizione la McLaren di Fernando Alonso si ferma all'imbocco della corsia dei box: viene ripetuta la procedura, e la gara viene accorciata di un giro.

Alla partenza Valtteri Bottas riesce a passare le due Ferrari, ponendosi al comando. Sebastian Vettel è secondo, davanti al compagno di team Kimi Räikkönen, che resiste al tentativo di sorpasso di Lewis Hamilton, che si protegge anche dalle Red Bull Racing. Nel primo giro vi è un contatto tra Jolyon Palmer e Romain Grosjean: la direzione di gara decide per l'invio in pista della Safety Car. Alla ripartenza la classifica rimane invariata, con Bottas davanti alle due Ferrari e a Hamilton.

Al quinto giro Daniel Ricciardo, a causa di problemi ai freni, rallenta, prima di ritirarsi, mentre era settimo. La gara prosegue con Lewis Hamilton che lamenta problemi di potenza alla sua vettura. La classifica rimane congelata fino al giro 20, quando iniziano i cambi gomme dei piloti di testa: il primo è Felipe Massa. Al giro 27 tocca al leader della gara, e due giri dopo a Räikkönen. Al comando si trova così Vettel, con 19 secondi e mezzo di margine su Bottas. Lewis Hamilton effettua la sosta al giro 30, mentre il tedesco della Ferrari prova ad allungare il margine di vantaggio su Bottas, fermandosi solo al giro 34.

La classifica, dopo le soste, vede sempre primo Valtteri Bottas, con 4 secondi e 4 di vantaggio su Sebastian Vettel; seguono i due compagni di scuderia dei primi due, poi Max Verstappen.

Al giro 37 Bottas arriva lungo in una curva, consentendo a Vettel di avvicinarsi. Negli ultimi giri il tedesco lima il distacco dal primo, portandosi anche a meno di un secondo di distanza. Nell'ultimo giro, Vettel sfiora la collisione con Felipe Massa, al momento del doppiaggio, perdendo così l'opportunità di attaccare Bottas nelle ultime curve della gara.

Valtteri Bottas si aggiudica, per la prima volta, una gara valida per il campionato mondiale di F1, precedendo Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen, al primo podio in stagione. Lewis Hamilton, quarto, per la prima volta nel 2017, manca invece l'arrivo nei primi tre.[23] Bottas è il centosettesimo pilota ad aver vinto una gara iridata,[24] ed è il primo vincitore che proviene dalla GP3 Series. È stata anche la prima vittoria di una vettura che porta il numero 77.[25] Vettel ha conquistato il suo novantesimo podio,[26] mentre la Mercedes ha fatto segnare il quattrocentesimo podio, come motorista.[27]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[28] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 52 1h28'08"743 3 25
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 52 +0"617 1 18
3 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 52 +11"000 2 15
4 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 52 +36"320 4 12
5 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 52 +1'00"416 7 10
6 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 52 +1'26"788 9 8
7 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 52 +1'35"004 10 6
8 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 52 +1'36"188 8 4
9 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 51 +1 giro 6 2
10 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 51 +1 giro 14 1
11 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 51 +1 giro 11
12 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 51 +1 giro 12
13 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 51 +1 giro 13
14 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 51 +1 giro 20
15 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 51 +1 giro 18
16 94 Germania Pascal Wehrlein Svizzera Sauber-Ferrari 50 +2 giri 17
Rit 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 5 Freni 5
Rit 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 0 Collisione con R.Grosjean 16
Rit 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 0 Collisione con J.Palmer 19
NP 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 0 Power unit[29]

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Germania Mercedes 136
2 Italia Ferrari 135
3 Austria Red Bull-TAG Heuer 57
4 India Force India-Mercedes 31
5 Regno Unito Williams-Mercedes 18
6 Italia Toro Rosso 13
7 Stati Uniti Haas-Ferrari 8
8 Francia Renault 6

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 2
2 Finlandia Valtteri Bottas 1
3 Germania Sebastian Vettel 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La gara, prevista su 53 giri, pari a 309,745 km, è stata ridotta di un giro, a seguito dell'annullamento della procedura di partenza.
  2. ^ Matteo Nugnes, F.1 Commission: l'olio non può essere utilizzato come combustibile, su it.motorsport.com, 25 aprile 2017. URL consultato il 26 aprile 2017.
  3. ^ Jacopo Rubino, È ufficiale, dal 2018 Sauber con motori Honda, su italiaracing.net, 30 aprile 2017. URL consultato il 1º maggio 2017.
  4. ^ F1, Pirelli comunica gomme per Gp Bahrain e Russia, su corrieredellosport.it, 12 gennaio 2017. URL consultato l'11 aprile 2017.
  5. ^ (EN) 2017 FORMULA 1 VTB RUSSIAN GRAND PRIX, su formula1.com. URL consultato il 26 aprile 2017.
  6. ^ Aggiunto un cordolo alla curva 2 a Sochi, su gpupdate.net, 27 aprile 2017. URL consultato il 27 aprile 2017.
  7. ^ Lawrence Barretto, McLaren: la Honda porta una MGU-H aggiornata in Russia, su it.motorsport.com, 24 aprile 2017. URL consultato il 26 aprile 2017.
  8. ^ Curiosità Formula 1. Sebastian Vettel porta al debutto in Russia una nuova innovativa Calzatura: la Puma Evoknit Driver Pro!!!, su scuderiaferrariclubcostadelvesuvio.it, 27 aprile 2017. URL consultato il 28 aprile 2017.
  9. ^ Jacopo Rubino, Sirotkin nella FP1 a Sochi al volante della Renault, su italiaracing.net, 25 aprile 2017. URL consultato il 26 aprile 2017.
  10. ^ (EN) Russian Grand Prix Season 2017 Event&Timing Information, su fia.com. URL consultato il 29 aprile 2017.
  11. ^ a b Carlos Sainz Jr. riceve una penalità di tre posizioni sulla griglia di partenza per aver causato l'incidente con Lance Stroll nel precedente Gran Premio del Bahrein. Gianluca Zippo, F1 GP Bahrain 2017: Sainz sanzionato di 3 posizioni in griglia per l'incidente con Stroll, su stadiosport.it, 17 aprile 2017. URL consultato il 1º maggio 2017.
  12. ^ (EN) VTB Group becomes title partner for Russia, su formula1.com, 23 febbraio 2017. URL consultato il 26 aprile 2017.
  13. ^ Matteo Nugnes, Sochi, Libere 1: Raikkonen mette la Ferrari in vetta per un soffio, su it.motorsport.com, 28 aprile 2017. URL consultato il 28 aprile 2017.
  14. ^ a b Stoffel Vandoorne penalizzato di 15 posizioni sulla griglia di partenza, per aver montato la quinta power unit diversa, in stagione. Franco Nugnes, Sochi, Libere 2: Vettel trascina le due Ferrari. Le Mercedes staccate!, su it.motorsport.com, 28 aprile 2017. URL consultato il 28 aprile 2017.
  15. ^ Franco Nugnes, Sochi, Libere 3: la Ferrari svetta, ma la Mercedes è più vicina, su it.motorsport.com, 29 aprile 2017. URL consultato il 30 aprile 2017.
  16. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  17. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  18. ^ Prove libere del sabato
  19. ^ (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Vettel en pole, monopole pour Ferrari à Sotchi !, su nextgen-auto.com, 29 aprile 2017. URL consultato il 30 aprile 2017.
  20. ^ (FR) Statistiques Constructeurs-Grand Prix-Premières lignes consécutives, su statsf1.com. URL consultato il 30 aprile 2017.
  21. ^ (FR) Statistiques Constructeurs-Pole positions-Consécutivement, su statsf1.com. URL consultato il 30 aprile 2017.
  22. ^ Sessione di qualifiche
  23. ^ Sochi - La cronaca-Bottas in volata su Vettel, su italiaracing.net, 30 aprile 2017. URL consultato il 1° maggio 2017.
  24. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Victoires-Chronologie, su statsf1.com. URL consultato il 1° maggio 2017.
  25. ^ (FR) Statistiques Numéro-Victoires-Par nombre-n° 77, su statsf1.com. URL consultato il 1° maggio 2017.
  26. ^ (FR) Sebastian Vettel-Podiums, su statsf1.com. URL consultato il 1° maggio 2017.
  27. ^ (FR) Mercedes-Podiums, su statsf1.com. URL consultato il 1° maggio 2017.
  28. ^ Risultati del gran premio
  29. ^ Fernando Alonso non ha preso parte alla gara per un problema tecnico.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2017
Flag of Australia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2016
Gran Premio di Russia
Edizione successiva:
2018
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1