Gran Premio d'Austria 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Austria Gran Premio d'Austria 2017
965º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 9 di 20 del Campionato 2017
Circuit Red Bull Ring.svg
Data 9 luglio 2017
Nome ufficiale XXXVI Großer Preis von Österreich
Luogo Red Bull Ring
Percorso 4,318 km / 2,683 US mi
Circuito permanente
Distanza 71 giri, 306,452 km/ 190,420 US mi
Clima Parzialmente nuvoloso
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes in 1'04"251 Mercedes in 1'07"411
(nel giro 69)
Podio
1. Finlandia Valtteri Bottas
Mercedes
2. Germania Sebastian Vettel
Ferrari
3. Australia Daniel Ricciardo
Red Bull Racing-TAG Heuer

Il Gran Premio d'Austria 2017 è stata la nona prova della stagione 2017 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è tenuta domenica 9 luglio 2017 sul Red Bull Ring di Spielberg bei Knittelfeld ed è stata vinta dal pilota finlandese Valtteri Bottas su Mercedes, al secondo successo in carriera. Bottas ha preceduto all'arrivo il pilota tedesco Sebastian Vettel su Ferrari e il pilota australiano Daniel Ricciardo su Red Bull Racing-TAG Heuer.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

La Williams annuncia che, dal 17 luglio, Dave Redding assumerà il ruolo di nuovo team manager, subentrando a Steve Nielsen, arrivato, nel 2014, dalla Toro Rosso.[1] La scuderia Force India decide di modificare la sua denominazione in Force One, a partire dalla stagione 2018. Il team passerà a correre con licenza britannica.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, porta, per questo gran premio le mescole di tipo soft, supersoft e ultrasoft. Un extra set di questa mescola sarà fornito ai piloti che affronteranno la Q3, che andrà restituito al termine delle qualifiche. Tale set resterà a disposizione degli altri piloti.[3]

La Federazione Internazionale dell'Automobile, per questa gara, stabilisce due zone ove i piloti possono attivare il Drag Reduction System: la prima è posta sul rettilineo dei box, con detection point stabilito dopo la curva Jochen Rindt, mentre la seconda è fissata tra le curve Remus e Schlossgold, con punto di distacco fra i piloti posto prima della seconda curva.[4] La FIA modifica la numerazione delle curve del tracciato, al fine di allinearlo a quanto avviene nel Motomondiale. Viene considerata come curva e numerata col numero 2, la piega poco prima della curva Remus. Vengono riprofilati i cordoli di molte curve e aggiunte delle protezioni alle curve Gösser, Lauda e Rindt.[5]

La Honda porta la terza specifica per la sua power unit, che motorizza le McLaren. Questa evoluzione era stata già testata, durante le prove libere, da Fernando Alonso, nel Gran Premio di Baku.[6]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell'incidente con Hamilton, nel precedente gran premio, Sebastian Vettel è stato penalizzato di tre punti sulla Superlicenza FIA; avendo già subito una decurtazione di 9 punti in un anno solare, qualora, in questa gara, dovesse perdere anche i 3 punti rimasti, verrebbe sanzionato con l'esclusione da un gran premio.[7]

Successivamente la Federazione decide di aprire un nuovo procedimento disciplinare nei confronti del pilota tedesco, la cui udienza si tiene il 3 luglio.[8] Nel corso dell'incontro il pilota tedesco si è scusato per l'episodio, venendo poi coinvolto in iniziative per la sicurezza stradale, che la FIA organizza.[9]

Alfonso Celis Jr. ha preso il posto di Sergio Pérez alla Force India, nella prima sessione di prove libere, così come Sergej Sirotkin quello di Nico Hülkenberg alla Renault.[10]

L'ex pilota di Formula 1 Mika Salo è nominato commissario aggiunto per la gara; il finlandese ha svolto già in passato tale funzione, l'ultima al Gran Premio di Russia.

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Lewis Hamilton fa segnare il tempo migliore, nelle prime prove libere. L'inglese, utilizzando le gomme della mescola più dura portata dalla Pirelli, ovvero le soft, ha staccato Max Verstappen di meno di due decimi. L'olandese ha anche sfiorato la collisione col muretto, alla curva 7, dopo un'uscita dal tracciato. Questo incidente ha anche costretto a lungo la vettura ai box, per delle riparazioni.

Al terzo posto si è classificato Valtteri Bottas, autore anche di un testacoda. Il finlandese ha montato gomme supersoft. Nella parte finale della sessione, le Mercedes, hanno simulato un long run, con pieno di carburante, al fine di evitare che l'arrivo della pioggia potesse, nelle libere seguenti, non permettere un test affidabile. Le Ferrari hanno chiuso col quarto e sesto tempo, mentre hanno dimostrato competitività le due McLaren, entrambe tra i primi dieci.[10]

Il vicecampione del mondo ha confermato la sua performance anche nella seconda sessione, in cui, con gomme ultrasoft, ha girato mezzo secondo più veloce, rispetto alla sessione mattutina. Sebastian Vettel si è piazzato secondo, staccato di meno di due decimi dal britannico. Bottas ha confermato il terzo posto, sfiorando però anche lui l'incidente, dopo un testacoda. Al quarto e quinto posto di sono classificate le due Red Bull Racing. Sulla vettura di Verstappen si sono verificati altri guai tecnici, che ne hanno limitato la presenza nella sessione: prima un problema al brake-by-wire, poi un suo errore di guida ha danneggiato l'ala anteriore. Altri problemi sono stati subiti da Sergio Pérez, sulla cui vettura è stata sostituita la batteria.[11]

Al termine delle prove la Mercedes sostituisce il cambio sulla vettura di Lewis Hamilton, che così subisce una penalizzazione di 5 posti sulla griglia di partenza.[12] La FIA decide di modificare i cordoli posti all'esterno delle ultime due curve del tracciato; in giornata, molti piloti, avevano danneggiato le loro monoposto, andando lunghi nel punto.[13] La McLaren decide di montare nuovamente, sulla vettura di Fernando Alonso, la vecchia specifica della power unit Honda, dopo alcuni problemi tecnici rilevati nella prima giornata.[14] Lance Stroll, della Williams, subisce una reprimenda, da parte dei commissari, per aver oltrepassato, in maniera giudicata pericolosa, la linea di entrata ai box.[15]

Nelle libere del sabato è Sebastian Vettel il più veloce, che ottiene il record della pista; il tedesco precede le due Mercedes, mentre quarto è Kimi Räikkönen. Hamilton non ha potuto completare la sessione, dopo un lungo alla curva 3, dovuta al cedimento del freno anteriore destro. Vi sono stati dei problemi di natura elettrica invece sulla Toro Rosso di Carlos Sainz Jr., che si è trovato, appena uscito per il suo primo giro, con motore spento. Risultano in difficoltà le Williams.[16]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'05"975 38
2 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'06"165 +0"190 23
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'06"345 +0"370 35

Nella seconda sessione del venerdì[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'05"483 30
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'05"630 +0"147 50
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'05"699 +0"216 41

Nella sessione del sabato[19] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'05"092 18
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'05"361 +0"269 21
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'05"515 +0"423 19

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Anche le qualifiche, come le libere, si svolgono con pista asciutta e tempo sereno. Vanno in testa, nella prima fase, diversi piloti, prima che Lewis Hamilton faccia segnare il tempo migliore della sessione. Kevin Magnussen ottiene un tempo valido per entrare nella seconda fase, ma, passando sopra un cordolo, rovina una sospensione, e non può, di fatto, partecipare alla Q2. Sono eliminati i piloti della Sauber, quelli della Williams e Jolyon Palmer.

Le Mercedes ottengono i migliori tempi nella Q2, con Lewis Hamilton che opta per le coperture supersoft, in luogo di quelle ultrasoft, utilizzate dagli altri piloti. Tale scelta incide sul tipo di gomme che il pilota britannico dovrà utilizzare in partenza, ed è legata alla penalizzazione subita da Hamilton. Negli ultimi istanti della Q2 Vettel soffia la seconda posizione all'inglese. Sono eliminati, oltre a Magnussen, anche le due McLaren, Nico Hülkenberg e Daniil Kvjat.

Max Verstappen e Daniel Ricciardo si portano subito sulla linea di uscita dei box all'inizio della Q3, forse temendo l'arrivo della pioggia, e per tentare tre giri lanciati nella sessione decisiva. Al termine del primo tentativo Valtteri Bottas è primo, seguito da Sebastian Vettel e da Lewis Hamilton. Quando i piloti sono nel corso dell'ultimo giro, Romain Grosjean parcheggia la sua Haas in traiettoria; le bandiere gialle esposte impediscono così ai piloti di migliorare la prima prestazione. Poco dopo Verstappen esce di pista, senza però conseguenze. Valtteri Bottas ottiene così la seconda pole position in carriera.[20] Il tempo ottenuto dal finnico è il più basso, tra quelli ottenuti nelle qualifiche, dai tempi del Gran Premio del Sud Africa 1985, corso sul Circuito di Kyalami, quando Nigel Mansell chiuse la qualifica con 1'02"366.[21]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[22] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'05"760 1'04"316 1'04"251 1
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'05"585 1'04"772 1'04"293 2
3 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'05"064 1'04"800 1'04"424 8[12]
4 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'05"148 1'05"004 1'04"779 3
5 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'05"854 1'05"161 1'04"896 4
6 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'05"779 1'04"948 1'04"983 5
7 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'05"902 1'05"319 1'05"480 6
8 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'05"975 1'05"435 1'05"605 7
9 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 1'06"033 1'05"550 1'05"674 9
10 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 1'05"675 1'05"544 1'05"726 10
11 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 1'06"174 1'05"597 N.D. 11
12 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1'06"158 1'05"602 N.D. 12
13 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 1'06"316 1'05"741 N.D. 13
14 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 1'05"990 1'05"884 N.D. 14
15 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 1'06"143 senza tempo N.D. 15
16 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 1'06"345 N.D. N.D. 16
17 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'06"534 N.D. N.D. 17
18 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 1'06"608 N.D. N.D. 18
19 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'06"857 N.D. N.D. 19
20 94 Germania Pascal Wehrlein Svizzera Sauber-Ferrari 1'07"011 N.D. N.D. PL[23]
Tempo limite 107%: 1'09"618

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Alla partenza Valtteri Bottas mantiene il comando, davanti a Sebastian Vettel; dietro Kimi Räikkönen sembra riuscire a tenere dietro Daniel Ricciardo, che però passa alla Remus; il pilota della Scuderia Ferrari esce dal tracciato, tanto da venir passato anche da Romain Grosjean. Nelle retrovie, Daniil Kvjat sbaglia il punto di frenata alla prima curva, e colpisce la vettura di Fernando Alonso, che a sua volta finisce contro quella di Max Verstappen. Gli ultimi due piloti sono costretti al ritiro, mentre il pilota della Toro Rosso è penalizzato con un drive through. Vettel chiede alla direzione di gara di verificare se Bottas ha effettuato una partenza anticipata, ma i sensori annegati nell'asfalto fanno segnare un tempo di reazione all'interno dei limiti di regolamento.

Al terzo giro Räikkönen passa Grosjean; il francese della Haas cede ancora una posizione, al giro 8, a Lewis Hamilton. La classifica rimane immutata per diversi giri: Hamilton cerca di avvicinarsi a Räikkönen, ma senza esito. L'inglese effettua la sosta per il cambio degli pneumatici al trentunesimo giro, passando a gomme ultrasoft. Due giri dopo tocca a Daniel Ricciardo, e, al giro 34, anche a Sebastian Vettel. Entrambi optano per le supersoft. La stessa scelta è fatta da Grosjean, al giro 37.

Il leader della corsa, Bottas, attende il giro 41: cede la prima posizione a Kimi Räikkönen, che però viene ripassato dal pilota della Mercedes, dopo soli due giri. Il ferrarista attende il giro 44 per il pit stop, rientrando in pista dopo Hamilton, scalando così quinto.

Negli ultimi giri Vettel si avvicina a Bottas, così come Hamilton si approssima a Ricciardo. Nessuno dei due però sarà in grado di effettuare sorpassi. Valtteri Bottas vince per la seconda volta nel mondiale di F1.[24]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[25] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 71 1h21'48"523 1 25
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 71 +0"658 2 18
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 71 +6"012 4 15
4 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 71 +7"430 8 12
5 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 71 +20"370 3 10
6 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 71 +1'13"160 6 8
7 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 70 +1 giro 7 6
8 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 70 +1 giro 9 4
9 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 70 +1 giro 17 2
10 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 70 +1 giro 18 1
11 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 70 +1 giro 16
12 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 70 +1 giro 13
13 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 70 +1 giro 11
14 94 Germania Pascal Wehrlein Svizzera Sauber-Ferrari 70 +1 giro PL
15 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 69 +2 giri 19
16 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 68 +3 giri 14
Rit 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 44 Motore 10
Rit 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 29 Problemi idraulici 15
Rit 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1 Collisione con M.Verstappen e D.Kvjat 12
Rit 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 0 Collisione con F.Alonso e D.Kvjat 5

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Germania Mercedes 287
2 Italia Ferrari 254
3 Austria Red Bull-TAG Heuer 152
4 India Force India-Mercedes 89
5 Regno Unito Williams-Mercedes 40
6 Italia Toro Rosso 33
7 Stati Uniti Haas-Ferrari 29
8 Francia Renault 18
9 Svizzera Sauber-Ferrari 5
10 Regno Unito McLaren-Honda 2

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 5
2 Finlandia Valtteri Bottas 2
3 Germania Sebastian Vettel 1
4 Finlandia Kimi Räikkönen 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacopo Rubino, Redding nuovo team manager della Williams, su italiaracing.net, 30 giugno 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  2. ^ Massimo Costa, Force India sarà Force One, su italiaracing.net, 28 giugno 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  3. ^ Giacomo Rauli, GP d'Austria: scelte di gomme diverse tra piloti Ferrari e Mercedes, su it.motorsport.com, 27 giugno 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  4. ^ (EN) FORMULA 1 GROSSER PREIS VON ÖSTERREICH 2017, su formula1.com. URL consultato il 4 luglio 2017.
  5. ^ Jonathan Noble, La F.1 modifica la numerazione delle curve del Red Bull Ring, su it.motorsport.com, 5 luglio 2017. URL consultato il 6 luglio 2017.
  6. ^ Simone Valtieri, F1 Honda conferma lo step del motore per l'Austria, su formulapassion.it, 4 luglio 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  7. ^ Roberto Chinchero, Vettel: il gesto di reazione deliberato. E ora Seb rischia grosso!, su it.motorsport.com, 25 giugno 2017. URL consultato il 27 giugno 2017.
  8. ^ Franco Nugnes, Vettel: ci sarà lunedì 3 luglio il processo della FIA. Ecco cosa rischia..., su it.motorsport.com, 28 giugno 2017. URL consultato il 29 giugno 2017.
  9. ^ Massimo Costa, Caso Vettel, nessuna punizione, su italiaracing.net, 3 luglio 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  10. ^ a b Franco Nugnes, Red Bull Ring, Libere 1: Hamilton davanti a Verstappen. Ferrari quarta, su it.motorsport.com, 7 luglio 2017. URL consultato l'8 luglio 2017.
  11. ^ Franco Nugnes, Red Bull Ring, Libere 2: Vettel si infila fra le due Mercedes!, su it.motorsport.com, 7 luglio 2017. URL consultato l'8 luglio 2017.
  12. ^ a b Lewis Hamilton penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza, per la sostituzione del cambio. Roberto Chinchero, Hamilton perde 5 posizioni in griglia per la sostituzione del cambio, su it.motorsport.com, 7 luglio 2017. URL consultato l'8 luglio 2017.
  13. ^ Adam Cooper, La FIA modifica i cordoli del Red Bull Ring dopo i problemi di ieri, su it.motorsport.com, 8 luglio 2017. URL consultato il 9 luglio 2017.
  14. ^ Jonathan Noble, Alonso torna alla vecchia specifica del motore Honda, su it.motorsport.com, 8 luglio 2017. URL consultato il 9 luglio 2017.
  15. ^ Lance Stroll punito con una reprimenda al termine della FP2, su it.motorsport.com, 8 luglio 2017. URL consultato il 9 luglio 2017.
  16. ^ Franco Nugnes, Red Bull Ring, Libere 3: Vettel si mette alle spalle le due Mercedes!, su it.motorsport.com, 8 luglio 2017. URL consultato il 9 luglio 2017.
  17. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  18. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  19. ^ Sessione di prove libere del sabato, su formula1.com.
  20. ^ (FR) D. Thys, Bottas signe la pole position à Spielberg, su nextgen-auto.com, 8 luglio 2017. URL consultato il 9 luglio 2017.
  21. ^ Adam Cooper, Analisi: in Austria ci sarà il tempo della pole più basso degli ultimi 30 anni?, su nextgen-auto.com, 5 luglio 2017. URL consultato il 9 luglio 2017.
  22. ^ Sessione di qualifiche, su formula1.com.
  23. ^ Pascal Wehrlein parte dalla pit lane per aver sostituito la power unit.
  24. ^ Spielberg - La cronaca-Bottas batte un grande Vettel, su italiaracing.net, 9 luglio 2017. URL consultato il 10 luglio 2017.
  25. ^ Gara, su formula1.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2017
Flag of Australia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2016
Gran Premio d'Austria
Edizione successiva:
2018
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1