Gran Premio d'Austria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la corsa motociclistica, vedi Gran Premio motociclistico d'Austria.
Gran Premio d'Austria
Altri nomi(DE) Großer Preis von Österreich
SportCasco Kubica BMW.svg Automobilismo
CategoriaFormula 1
FederazioneFIA
PaeseAustria Austria
LuogoRed Bull Ring
OrganizzatoreFédération Internationale de l’Automobile
CadenzaAnnuale
FormulaGran Premio di Formula 1
Storia
Fondazione1963; valevole per il mondiale dal GP 1964
Numero edizioni41 (di cui 35 valevoli per il mondiale di Formula 1)
DetentoreMonaco Charles Leclerc
Ultima edizioneGP 2022

Il Gran Premio d'Austria è una gara automobilistica che si è svolta a partire dal 1963 e che ha ammesso al via dapprima le monoposto di Formula 1 per le prime due edizioni, poi le vetture sport e i prototipi, per poi ritornare alla massima formula a partire dal 1970.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione si disputò nel 1963 su un circuito ricavato sull'aeroporto militare nei pressi di Zeltweg, ma non fu valida quale prova del campionato del mondo, per venire poi inserita nel calendario mondiale a partire dall'edizione successiva. L'anno seguente il GP d'Austria fu disputato sulla stessa pista su una distanza di 200 miglia, ma fu riservato alle vetture sport e alle Granturismo[1], poiché la superficie sconnessa del tracciato si era rivelata inadatta alle monoposto della massima serie, causando parecchie rotture alle sospensioni[2], mentre dalla stagione 1966 la gara fu inclusa nel mondiale marche e portata alla canonica distanza di 500 km, tipica di altre gare della serie[3]. La gara rimase in campionato fino al 1969, quando si disputò sull'Österreichring[2] (allora appena costruito su un terreno collinare adiacente all'aeroporto), di cui fu la gara inaugurale sulla distanza di 1000 km[4], tipica di gare più prestigiose. La disponibilità di un autodromo permanente attrasse di nuovo la Formula 1 in Austria, cosicché l'anno seguente il titolo di Gran Premio d'Austria fu riservato alle monoposto, mentre la gara riservata alle vetture a ruote coperte assunse la denominazione di 1000-km-Rennen von Österreich (1000 km d'Austria, conosciuta in Italia come 1000 km di Zeltweg).

La presenza di questa gara nel calendario mondiale di F1 è sempre stata subordinata alle condizioni del circuito nazionale sito in Stiria, chiamato prima Österreichring poi A1-Ring, dopo i lavori di ammodernamento avvenuta negli anni novanta e che ne hanno stravolto il tracciato. Il circuito è stato riaperto in seguito a profondi lavori di ristrutturazione dopo anni di abbandono e, anche se la forte presenza di uno sponsor austriaco nella Formula 1 (la Red Bull) abbia fatto immaginare che nel futuro una gara mondiale si sarebbe nuovamente tenuta in Austria, nell'ottobre 2008 il proprietario Dietrich Mateschitz aveva escluso che il circuito potesse in futuro ospitare nuovamente la Formula 1 o il Motomondiale mentre aveva affermato che il DTM sarebbe stata la maggiore categoria a gareggiare sull'impianto, por poi fare in seguito parziali aperture nei confronti dei principali campionati mondiali sia su quattro che su due ruote[5].

Effettivamente il 23 luglio 2013 Bernie Ecclestone e Dietrich Mateschitz, titolare della Red Bull Racing, hanno annunciato, tramite una dichiarazione congiunta, il ritorno dal 2014 del Gran Premio d'Austria nel calendario iridato sul Red Bull Ring, nome attuale del circuito sito a Spielberg bei Knittelfeld, già sede della gara coi nomi di Österreichring e A-1 Ring, anche se diversamente rimaneggiato. La data era stata inizialmente fissata al 6 luglio, per poi essere spostata al 22 giugno dopo l'annuncio datone il 27 settembre 2013 dalla FIA. La gara, valida 26 volte per il campionato Mondiale, mancava in calendario dal 2003.[6] L'edizione del 2022 ha stabilito il nuovo record di presenze con 303 000 spettatori.[7]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Le edizioni indicate con sfondo rosa non appartenevano al Campionato mondiale di Formula 1.

anno circuito pilota vettura resoconto
1963 Aerodromo di Zeltweg Australia Jack Brabham Regno Unito Brabham-Climax Resoconto
1964 Aerodromo di Zeltweg Italia Lorenzo Bandini Italia Ferrari Resoconto
1965 Aerodromo di Zeltweg Austria Jochen Rindt Italia Ferrari Resoconto
1966 Aerodromo di Zeltweg Germania Gerhard Mitter
Germania Hans Herrmann
Germania Porsche Resoconto
1967 Aerodromo di Zeltweg Australia Paul Hawkins Stati Uniti Ford Resoconto
1968 Aerodromo di Zeltweg Svizzera Jo Siffert Germania Porsche Resoconto
1969 Österreichring Svizzera Jo Siffert
Germania Kurt Ahrens
Germania Porsche Resoconto
1970 Österreichring Belgio Jacky Ickx Italia Ferrari Resoconto
1971 Österreichring Svizzera Jo Siffert Regno Unito BRM Resoconto
1972 Österreichring Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito Lotus-Ford Cosworth Resoconto
1973 Österreichring Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth Resoconto
1974 Österreichring Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Brabham-Ford Cosworth Resoconto
1975 Österreichring Italia Vittorio Brambilla Regno Unito March-Ford Cosworth Resoconto
1976 Österreichring Regno Unito John Watson Stati Uniti Penske-Ford Cosworth Resoconto
1977 Österreichring Australia Alan Jones Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth Resoconto
1978 Österreichring Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth Resoconto
1979 Österreichring Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth Resoconto
1980 Österreichring Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault Resoconto
1981 Österreichring Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra Resoconto
1982 Österreichring Italia Elio De Angelis Regno Unito Lotus-Ford Cosworth Resoconto
1983 Österreichring Francia Alain Prost Francia Renault Resoconto
1984 Österreichring Austria Niki Lauda Regno Unito McLaren-TAG Porsche Resoconto
1985 Österreichring Francia Alain Prost Regno Unito McLaren-TAG Porsche Resoconto
1986 Österreichring Francia Alain Prost Regno Unito McLaren-TAG Porsche Resoconto
1987 Österreichring Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams-Honda Resoconto
1988
-
1996
Non disputato
1997 A1-Ring Canada Jacques Villeneuve Regno Unito Williams-Renault Resoconto
1998 A1-Ring Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
1999 A1-Ring Regno Unito Eddie Irvine Italia Ferrari Resoconto
2000 A1-Ring Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
2001 A1-Ring Regno Unito David Coulthard Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
2002 A1-Ring Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
2003 A1-Ring Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
2004
-
2013
Non disputato
2014 Red Bull Ring Germania Nico Rosberg Germania Mercedes Resoconto
2015 Red Bull Ring Germania Nico Rosberg Germania Mercedes Resoconto
2016 Red Bull Ring Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
2017 Red Bull Ring Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes Resoconto
2018 Red Bull Ring Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull-TAG Heuer Resoconto
2019 Red Bull Ring Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull-Honda Resoconto
2020 Red Bull Ring Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes Resoconto
2021 Red Bull Ring Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull-Honda Resoconto
2022 Red Bull Ring Monaco Charles Leclerc Italia Ferrari Resoconto

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Le statistiche si riferiscono alle sole edizioni valide per il campionato del mondo di Formula 1 e sono aggiornate al Gran Premio d'Austria 2022.

Pole position per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore Pole
1 Italia Ferrari 8
2 Germania Mercedes 5
3 Regno Unito Lotus 4
= Regno Unito McLaren 4
5 Francia Renault 3
= Regno Unito Williams 3
7 Regno Unito BRM 2
= Regno Unito Brabham 2
= Regno Unito Benetton 2
= Austria Red Bull 2

Pole position per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Motore Pole
1 Italia Ferrari 8
= Germania Mercedes 8
3 Stati Uniti Ford-Cosworth 5
4 Francia Renault 4
5 Germania BMW 3
6 Regno Unito BRM 2
= Giappone Honda 2
8 Germania TAG Porsche 1
= Italia Playlife 1
= Austria RBPT 1

Giri veloci per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore GPV
1 Regno Unito McLaren 9
2 Italia Ferrari 5
3 Regno Unito Brabham 3
= Francia Renault 3
= Germania Mercedes 3
= Austria Red Bull 3
7 Regno Unito Williams 2
8 Regno Unito BRM 1
= Regno Unito Surtees 1
= Regno Unito March 1
= Regno Unito Lotus 1
= Francia Ligier 1
= Regno Unito Benetton 1
= India Force India 1

Giri veloci per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Motore GPV
1 Germania Mercedes 8
2 Stati Uniti Ford-Cosworth 5
= Italia Ferrari 5
= Francia Renault 5
5 Giappone Honda 3
6 Germania BMW 2
= Germania TAG Porsche 2
8 Regno Unito Climax 1
= Regno Unito BRM 1
= Italia Alfa Romeo 1
= Francia Matra 1
= Austria RBPT 1

Podi per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore Podi[9]
1 Italia Ferrari 27
2 Regno Unito McLaren 17
3 Regno Unito Williams 11
4 Germania Mercedes 10
5 Regno Unito Brabham 8
6 Regno Unito Lotus 7
7 Austria Red Bull 6
8 Francia Ligier 4
9 Francia Renault 3
10 Regno Unito BRM 2
= Regno Unito Tyrell 2
= Regno Unito Hesketh 2
= Stati Uniti Shadow 2

Podi per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Motore Podi[9]
1 Stati Uniti Ford-Cosworth 28
2 Italia Ferrari 27
3 Germania Mercedes 22
4 Francia Renault 7
5 Giappone Honda 4
6 Francia Matra 3
= Germania BMW 3
= Germania TAG Porsche 3
= Svizzera Tag Heuer 3
10 Regno Unito BRM 2

Punti per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos.[10] Costruttore Punti
1 Italia Ferrari 342,5
2 Germania Mercedes 285
3 Regno Unito McLaren 209,5
4 Austria Red Bull 170
5 Regno Unito Williams 131
6 Regno Unito Lotus 71
7 Regno Unito Brabham 54
8 Stati Uniti Haas 50
9 India Force India 44
10 Francia Renault 34

Punti per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos.[10] Motore Punti
1 Germania Mercedes 507
2 Italia Ferrari 404,5
3 Stati Uniti Ford-Cosworth 223
4 Francia Renault 123
5 Giappone Honda 111
6 Svizzera Tag Heuer 68
7 Austria RBPT 31
8 Germania BMW 30
9 Regno Unito BRM 29
10 Germania TAG Porsche 28

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Zeltweg 200 Miles 1965, su racingsportscars.com, www.racingsportscars.com. URL consultato il 27 marzo 2014.
  2. ^ a b (EN) Scheda sull'Österreichring, su circuitsofthepast.nl, www.circuitsofthepast.nl. URL consultato il 27 marzo 2014.
  3. ^ (EN) Zeltweg 500 Kilometres 1966, su racingsportscars.com, www.racingsportscars.com. URL consultato il 27 marzo 2014.
  4. ^ (EN) Zeltweg 1000 Kilometres 1969, su racingsportscars.com, www.racingsportscars.com. URL consultato il 27 marzo 2014.
  5. ^ (DE) Das wird der neue Österreich-Ring! - Mateschitz redet, su krone.at, www.krone.at, 26 aprile 2009. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  6. ^ F1: dal 2014 torna Gran Premio d'Austria, su ansa.it, 23 luglio 2013. URL consultato il 23 luglio 2013.
  7. ^ (EN) View from the paddock: All the ingredients are there for a mouth-watering Austrian GP – but who has the recipe for success?, su formula1.com, 7 luglio 2022.
  8. ^ Minimo 3 podi
  9. ^ a b Minimo 2 podi
  10. ^ a b c Prime 10 posizioni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1