Gran Premio di Cina 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cina Gran Premio di Cina 2017
958º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 2 di 20 del Campionato 2017
Shanghai International Racing Circuit track map.svg
Data 9 aprile 2017
Nome ufficiale XIV Heineken Chinese Grand Prix
Circuito Circuito di Shanghai
Percorso 5,451 km / 3,387 US mi
Pista permanente
Distanza 56 giri, 305,066 km/ 189,559 US mi
Clima Coperto
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes in 1'31"678 Mercedes in 1'35"378
(nel giro 44)
Podio
1. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
2. Germania Sebastian Vettel
Ferrari
3. Paesi Bassi Max Verstappen
Red Bull Racing-TAG Heuer

Il Gran Premio di Cina 2017 è stata la seconda prova della stagione 2017 del campionato mondiale di Formula 1. Corsa domenica 9 aprile sul circuito di Shanghai, è stata vinta da Lewis Hamilton su Mercedes. Per il britannico si è trattato del cinquantaquattresimo successo nel mondiale; Hamilton ha preceduto sul traguardo il tedesco Sebastian Vettel su Ferrari e l'olandese Max Verstappen su Red Bull Racing-TAG Heuer.

Lewis Hamilton ha realizzato il suo terzo Grand Chelem della carriera in F1, con pole position, giro veloce in gara, vittoria, con comando della gara per tutta la sua durata.[1]

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Si tiene il 31 marzo una riunione, promossa dalla Federazione Internazionale dell'Automobile, a cui sono invitate tutte le case che forniscono motori alle monoposto di F1, al fine di valutare l'evoluzione del regolamento tecnico, a partire dal 2021. Alla riunione partecipa anche il gruppo Volkswagen, rappresentato da Stefano Domenicali, oltre che la Ilmor, la Cosworth e l'Alfa Romeo.[2][3] La riunione auspica che i motori, adottati dal 2021, siano più semplici e meno costosi da produrre, con un suono più potente.[4]

Viene annunciato che l'edizione 2017 del Gran Premio della Malesia sarà l'ultima in programma nel calendario iridato. Il contratto tra gli organizzatori della gara e quelli del mondiale sarebbe scaduto dopo l'edizione 2018, ma le parti hanno deciso di chiudere il rapporto in anticipo.[5]

La Sauber esclude la possibilità, già in corso di stagione, di passare dai motori Ferrari a quelli di un altro fornitore, segnatamente la Honda.[6]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Per questo gran premio la Pirelli offre la scelta tra gomme di mescola media, morbida e supermorbida. Per le prime gare del campionato, fino al Gran Premio di Spagna, le allocazioni delle gomme, per mescole, saranno identiche, e decise dal fornitore.[7]

La Federazione stabilisce due zone dove i piloti possono attivare il Drag Reduction System, confermando quelle della stagione 2015 e 2016: il rettifilo dei box, con punto per la determinazione del distacco fra piloti posto all'ultima curva, e sul lungo rettilineo tra le curve 13 e 14, con detection point stabilito alla curva 12.[8]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

A differenza del calendario 2016 la gara in Cina è anticipata rispetto a quella in Bahrain.[9] Da questa stagione, l'azienda produttrice di birra Heineken sponsorizza, oltre al Gran Premio d'Italia, anche quello di Cina.[8]

Dopo aver saltato il precedente Gran Premio d'Australia, per problemi fisici, il pilota tedesco Pascal Wehrlein non ritorna al volante della Sauber; l'italiano Antonio Giovinazzi sostituisce ancora il tedesco, anche se, almeno inizialmente era stato annunciato che Wehrlein avrebbe ripreso il suo posto, almeno nelle prove libere del venerdì.[10][11]

Mika Salo è nominato commissario aggiunto per la gara. L'ex pilota di F1 ha svolto già in passato tale funzione, l'ultima al Gran Premio del Brasile 2016.[12]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La prima sessione del venerdì è martoriata dalla pioggia, tanto da essere interrotta, per ben due volte con bandiera rossa. La sessione è stata infine interrotta anzitempo, in quanto l'elicottero medico sarebbe stato impossibilitato ad alzarsi in volo. Il più rapido della sessione è stato comunque Max Verstappen, seguito dalle due Williams. Solo 14 piloti hanno fatto segnare un tempo valido, mentre si sono registrati diversi testacoda.[13] Le avverse condizioni meteorologiche non permettono l'operatività all'elicottero medico nel pomeriggio, tanto che la seconda sessione di prove libere non viene disputata.[14] Viste le previsioni, era stata ipotizzata l'opportunità che le qualifiche e la gara si concentrassero tutte e due nella giornata del sabato; tale proposta è stata poi respinta.[15]

La sessione di libere del sabato mattina vede il duo della Scuderia Ferrari Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen ai primi due posti della classifica, col finlandese staccato di soli 53 millesimi. Vettel ha anche ottenuto il record della pista. A seguire vi sono i due piloti della Mercedes, che si sono fortemente concentrati sullo studio delle diverse mescole delle gomme, per la gara. Valtteri Bottas, terzo, ha svolto la sessione, in gran parte, senza l'appendice denominata T wing, volata via dalla monoposto, in piena velocità. La scuderia ha deciso, per consentire al pilota di svolgere il più alto numero di giri possibili, di non procedere alla sostituzione dello strumento.[16]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'50"491 4
2 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'52"086 +1"595 7
3 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 1'52"507 +2"016 7

Nella sessione del sabato[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'33"336 20
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'33"389 +0"053 19
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'33"707 +0"371 26

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La sessione di qualifica si effettua senza la pioggia. Nei primi minuti della prima fese, Romain Grosjean, vittima di una foratura, va in testacoda all'ultima curva, e sfiora il muretto a bordo pista: la vettura è salva, e il francese può rientrare ai box. Chi soffre problemi tecnici più gravi è Max Verstappen, che non riesce a far marcare dei tempi validi. In altro della graduatoria, invece, Sebastian Vettel si pone al comando davanti alle due Mercedes, prima che anche l'altro ferrarista, Kimi Räikkönen, si interponga tra i due piloti del team tedesco.

Negli ultimi istanti della sessione, Antonio Giovinazzi, in lotta per l'accesso alla fase seguente, esce di pista, e sbatte contro le barriere, violentemente; la sessione è interrotta, e non più ripresa. Vengono eliminati Stoffel Vandoorne, Romain Grosjean (penalizzato dall'incidente dell'italiano, mentre stava per concludere un giro che avrebbe potuto consentirgli di entrare nella seconda fase), Max Verstappen, Jolyon Palmer ed Esteban Ocon.

La seconda fase riprende dopo un quarto d'ora d'interruzione, necessario affinché i commissari di pista possano pulire il tracciato, dopo l'incidente di Giovinazzi. Il pilota italiano della Sauber non potrà prendere parte alla Q2, in quanto la sua vettura non è riparabile. Anche nella seconda fase i piloti di Ferrari e Mercedes lottano per i primi 4 posti, mentre gli altri conduttori sono relegati a più di un secondo. Hamilton decide di non completare, fino al termine, la seconda fase, mentre i due piloti del team italiano provano anche negli ultimi minuti della Q2, al fine di testare gli pneumatici da usare nella fase decisiva per la pole position. Gli ultimi istanti della sessione consentono a Nico Hülkenberg di scalare tra i qualificati alla Q3, mentre vengono eliminati Carlos Sainz Jr., Kevin Magnussen, Fernando Alonso, e i due della Sauber.

In Q3 Lewis Hamilton si pone subito in testa, precedendo di tre decimi Valtteri Bottas e di sette Kimi Räikkönen. Al termine del suo primo tentativo, Vettel è secondo, a due decimi dal vicecampione del mondo.

Col secondo, e ultimo tentativo, Hamilton si migliora, così come Bottas, che è ora secondo, fino all'arrivo di Vettel, che batte il finlandese della Mercedes per un millesimo. Le prime due file sono identiche a quelle del Gran Premio d'Australia. Ricciardo è quinto, a un secondo e mezzo dal poleman. Lewis Hamilton conquista la sua sesta pole position consecutiva, la sessantatreesima in totale.[19] Al termine delle qualifiche Jolyon Palmer e Romain Grosjean sono stati penalizzati di 5 posizioni sulla griglia di partenza per non aver rispettato le bandiere gialle in Q1,[20] mentre Antonio Giovinazzi subisce la stessa penalizzazione, ma per la sostituzione del cambio.[21]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[22] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'33"333 1'32"406 1'31"678 1
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'33"078 1'32"391 1'31"864 2
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'33"684 1'32"552 1'31"865 3
4 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'33"341 1'32"181 1'32"140 4
5 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'34"041 1'33"546 1'33"033 5
6 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'34"205 1'33"759 1'33"507 6
7 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 1'34"453 1'33"636 1'33"580 7
8 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'34"657 1'33"920 1'33"706 8
9 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 1'34"440 1'34"034 1'33"719 9
10 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 1'33"986 1'34"090 1'34"220 10
11 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 1'34"567 1'34"150 N.D. 11
12 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 1'34"942 1'34"164 N.D. 12
13 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1'34"499 1'34"372 N.D. 13
14 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'34"892 1'35"046 N.D. 14
15 36 Italia Antonio Giovinazzi Svizzera Sauber-Ferrari 1'34"963 senza tempo N.D. 18[21]
16 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 1'35"023 N.D. N.D. 15
17 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'35"223 N.D. N.D. 19[20]
18 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 1'35"279 N.D. N.D. 20[20][23]
19 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'35"433 N.D. N.D. 16
20 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 1'35"496 N.D. N.D. 17
Tempo limite 107%: 1'39"593

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La partenza avviene su pista umida, tanto che tutti i piloti, ad eccezione di Carlos Sainz Jr. adottano gomme da bagnato intermedio. Al termine del giro di schieramento, Jolyon Palmer va direttamente ai box, per montare gomme da asciutto.

Alla partenza Lewis Hamilton si pone subito al comando, seguito da Sebastian Vettel, dal compagno di team Valtteri Bottas e da Kimi Räikkönen, che duella con Daniel Ricciardo. Dietro Lance Stroll finisce nella ghiaia, spinto da una Force India. La direzione di gara impone la Virtual Safety Car. Molti piloti approfittano della situazione per cambiare gli pneumatici: rimangono in pista le due Mercedes, così come Räikkönen e Ricciardo.

Poco dopo Antonio Giovinazzi rovina contro le barriera, dopo l'ultima curva, poco dopo un lungo, nella stessa curva, del suo compagno di team, Marcus Ericsson. In questo caso viene deciso l'utilizzo della Safety Car, con le vetture che sfilano nella corsia dei box: anche in questo caso molti sfruttano la pausa forzata della gara per cambiare gli pneumatici.

All'ottavo giro riprende la gara: Lewis Hamilton precede Daniel Ricciardo e Max Verstappen, che era partito sedicesimo. Seguono le due Ferrari, poi Carlos Sainz Jr., Fernando Alonso, Sergio Pérez e Kevin Magnussen. Bottas è undicesimo, autore di un testacoda.

Al giro 11 Verstappen passa Ricciardo, mentre l'australiano riesce a difendersi, nei giri seguenti, da Kimi Räikkönen, che lamenta problemi al propulsore. La situazione rimane inalterata, fino al giro 20: qui Sebastian Vettel passa il compagno di scuderia e, due giri dopo, anche Ricciardo. La rimonta del tedesco prosegue al giro 28, quando sfrutta un errore di Verstappen, scalando secondo. L'olandese va ai box, con una gomma rovinata, e scende in sesta posizione, dietro anche Bottas.

Al trentatreesimo giro Max Verstappen passa Valtteri Bottas ed è quinto. Nei giri successivi effettuano la sosta tutti gli altri battistrada: Verstappen guadagna così un'altra posizione, su Ricciardo. Al giro 40 sosta anche per Räikkönen, che rientra dietro le due Red Bull Racing e Sainz. Il ferrarista passa lo spagnolo nel giro successivo. Al quarantaquattresimo giro Bottas sorpassa Sainz, ed è sesto.

Lewis Hamilton vince, per la cinquantaquattresima volta nel mondiale, conquistando il suo terzo Grand Chelem, con pole position, giro più veloce, vittoria, e gran premio comandato per tutta la sua lunghezza.[24][1] Hamilton ha ottenuto il podio numero 106 nel mondiale, raggiungendo così, nella classifica di tutti i tempi, Alain Prost.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[25] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 56 1h37'36"158 1 25
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 56 +6"250 2 18
3 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 56 +45"192 16 15
4 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 56 +46"035 5 12
5 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 56 +48"076 4 10
6 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 56 +48"808 3 8
7 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 56 +1'12"893 11 6
8 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 55 +1 giro 12 4
9 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 55 +1 giro 8 2
10 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 55 +1 giro 17 1
11 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 55 +1 giro 19
12 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 55 +1 giro 5
13 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 55 +1 giro 20
14 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 55 +1 giro 6
15 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 55 +1 giro 14
Rit 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 33 Albero motore 13
Rit 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 18 Problemi idraulici 9
Rit 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 17 Pressione della benzina 15
Rit 36 Italia Antonio Giovinazzi Svizzera Sauber-Ferrari 3 Incidente 18
Rit 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 0 Collisione con S.Perez 10

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Germania Mercedes 66
2 Italia Ferrari 65
3 Austria Red Bull-TAG Heuer 37
4 Italia Toro Rosso 12
5 India Force India-Mercedes 10
6 Regno Unito Williams-Mercedes 8
7 Stati Uniti Haas-Ferrari 4

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) Statistiques Pilotes-Divers-Grand Chelem-Hamilton Lewis, su statsf1.com, 9 aprile 2017. URL consultato il 10 aprile 2017.
  2. ^ Stefano Semeraro, Anche Volkswagen alla riunione Fia sui motori F.1 post 2020, su italiaracing.net, 30 marzo 2017. URL consultato il 3 aprile 2017.
  3. ^ Massimo Costa, L'Alfa Romeo alla riunione FIA per discutere i motori dal 2021, su italiaracing.net, 1° aprile 2017. URL consultato il 3 aprile 2017.
  4. ^ Jacopo Rubino, Motori più semplici ed economici-I punti del meeting FIA per il 2021, su italiaracing.net, 1° aprile 2017. URL consultato il 3 aprile 2017.
  5. ^ Jacopo Rubino, La Malesia saluta la F1-Quest'anno ultima gara a Sepang, su italiaracing.net, 7 aprile 2017. URL consultato l'8 aprile 2017.
  6. ^ (FR) Oliver Ferret, F1 - Sauber exclut de passer au moteur Honda cette année, su nextgen-auto.com, 31 marzo 2017. URL consultato il 3 aprile 2017.
  7. ^ F1 Pirelli: anteprima GP d'Australia 2017, su formulapassion.it, 20 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  8. ^ a b (EN) 2017 FORMULA 1 HEINEKEN CHINESE GRAND PRIX, su formula1.com. URL consultato il 3 aprile 2017.
  9. ^ Luca Ferrari, F1 Confermati gli orari dei 20 GP 2017, su formulapassion.it, 21 gennaio 2017. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  10. ^ Formula 1, Sauber: Wehrlein farà le prove del venerdì; Giovinazzi allertato, su gazzetta.it, 31 marzo 2017. URL consultato il 3 aprile 2017.
  11. ^ Massimo Costa, La Sauber annuncia Giovinazzi per la Cina, Wehrlein ancora out, su italiaracing.net, 3 aprile 2017. URL consultato il 4 aprile 2017.
  12. ^ (EN) Chinese Grand Prix-Season 2017, su fia.com. URL consultato il 7 aprile 2017.
  13. ^ Franco Nugnes, Shanghai, Libere 1: Verstappen nella sessione bloccata per il maltempo, su it.motorsport.com, 7 aprile 2017. URL consultato il 7 aprile 2017.
  14. ^ Franco Nugnes, Shanghai, Libere 2: l'elicottero non vola e i piloti non girano!, su it.motorsport.com, 7 aprile 2017. URL consultato l'8 aprile 2017.
  15. ^ Roberto Chinchero, GP della Cina: non si cambiano i piani, la FIA blocca i team manager, su it.motorsport.com, 7 aprile 2017. URL consultato l'8 aprile 2017.
  16. ^ Franco Nugnes, Shanghai, Libere 3: le Ferrari ancora davanti alle Mercedes!, su it.motorsport.com, 8 aprile 2017. URL consultato l'8 aprile 2017.
  17. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  18. ^ Terza sessione di prove libere del sabato
  19. ^ (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Shanghai : Hamilton de nouveau en pole devant Vettel, nextgen-auto.com, 8 aprile 2017. URL consultato il 9 aprile 2017.
  20. ^ a b c Romain Grosjean e Jolyon Palmer penalizzati di cinque posizioni sulla griglia di partenza per non aver rispettato le bandiere gialle in qualifica. Massimo Costa, Penalizzati Grosjean e Palmer, su italiaracing.net, 8 aprile 2017. URL consultato il 10 aprile 2017.
  21. ^ a b Antonio Giovinazzi penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per la sostituzione del cambio. Roberto Chinchero, Giovinazzi è stato penalizzato per la sostituzione del cambio, su it.motorsport.com, 8 aprile 2017. URL consultato il 10 aprile 2017.
  22. ^ Sessione di qualifica
  23. ^ Jolyon Palmer, al termine del giro di formazione, per il cambio degli pneumatici, si è portato ai box, da dove ha preso il via.
  24. ^ Shanghai - La cronaca-Hamilton batte Vettel, su italiaracing.net, 9 aprile 2017. URL consultato il 10 aprile 2017.
  25. ^ Risultati del Gran Premio

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2017
Flag of Australia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2016
Gran Premio di Cina
Edizione successiva:
2018
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1