Gran Premio di Singapore 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Singapore Gran Premio di Singapore 2017
970º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 14 di 20 del Campionato 2017
Marina bay circuit.svg
Data 17 settembre 2017
Nome ufficiale XVIII Singapore Airlines Singapore Grand Prix
Circuito Singapore Street Circuit
Percorso 5,065 km / 3,147 US mi
Circuito cittadino
Distanza 58[1] giri, 293,907 km/ 182,625 US mi
Clima Piovoso a inizio gara, asciutto successivamente
Note Gara in notturna
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Regno Unito Lewis Hamilton
Ferrari in 1'39"491 Mercedes in 1'45"008
(nel giro 55)
Podio
1. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
2. Australia Daniel Ricciardo
Red Bull Racing-TAG Heuer
3. Finlandia Valtteri Bottas
Mercedes

Il Gran Premio di Singapore 2017 è stata la quattordicesima prova della stagione 2017 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è corsa domenica 17 settembre 2017 sul circuito di Singapore, per la prima volta con la pioggia. È stata vinta dal pilota britannico Lewis Hamilton su Mercedes, al sessantesimo successo nel mondiale; Hamilton ha preceduto all'arrivo il pilota australiano Daniel Ricciardo su Red Bull Racing-TAG Heuer e il suo compagno di scuderia, il pilota finlandese Valtteri Bottas.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

La McLaren decide di non proseguire, dalla stagione 2018, il rapporto di collaborazione col motorista Honda.[2] Al suo posto, la scuderia britannica, trova un accordo, biennale, con la Renault, che mai aveva motorizzato la McLaren.[3] La casa nipponica passa a motorizzare, sempre dal 2018, la Scuderia Toro Rosso, che nella stagione 2017 è spinta dalla power unit proprio della Renault. L'accordo è triennale.[4] Le due parti avevano già tentato ad agosto, senza successo, di concludere l'accordo.[5]

La Mercedes annuncia il prolungamento, per un anno, del rapporto con Valtteri Bottas, quale pilota titolare.[6] La Renault annuncia l'ingaggio di Carlos Sainz Jr., quale pilota titolare, per la stagione 2018, in luogo di Jolyon Palmer. Era stato ipotizzato che il pilota spagnolo potesse passare alla scuderia francese già nel corso del 2017.[7][8] Al volante della Renault era stato avvicinato anche Robert Kubica.[9] Il polacco, che sceglie come manager Nico Rosberg, effettuerà comunque dei test con la Williams.[10] La Force India conferma la coppia di piloti titolari, Sergio Pérez ed Esteban Ocon, anche per il 2018.[11]

Viene prolungato, fino al 2021, il contratto che lega la Formula 1 con gli organizzatori del Gran Premio di Singapore. La tenuta della gara, nel calendario iridato, era stata messa in dubbio nei mesi precedenti.[12]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Per questa gara la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, porta pneumatici di mescola morbida, supermorbida e ultramorbida.[13]

La FIA stabilisce due zone ove i piloti possono attivare il Drag Reduction System: il primo è posto sul Raffles Boulevard, con punto per la determinazione del distacco fra piloti stabilito alla curva 4; la seconda zona è fissata sul rettilineo dei box, e detection point indicato tra le curve 21 e 22.[14]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La FIA stabilisce che alla curva 2 i piloti, qualora non riescano a rimanere all'interno del tracciato e siano costretti a utilizzare la via di fuga, potranno rientrare in pista solo transitando dietro un apposito segnale. È confermata, inoltre, la riasfaltatura di alcuni punti della pista: le curve 1 e 2, una zona di 100 metri dopo la curva 5, il tratto compreso tra la 12 e la 13 e quello dalla 15 alla 17. La pit lane, grazie allo spostamento di alcuni tombini, risulta più larga.[15]

Antonio Giovinazzi ha sostituito, nel corso della prima sessione di libere, Kevin Magnussen, alla Haas, mentre Sean Gelael, alla Scuderia Toro Rosso, ha preso il posto di Carlos Sainz Jr., per la prima volta. Gelael è il secondo pilota indonesiano a partecipare a un weekend del mondiale di F1, dopo Rio Haryanto.[16]

L'ex pilota di F1 Emanuele Pirro è nominato, dalla FIA, quale commissario aggiunto per la gara. Ha già svolto in passato tale funzione, l'ultima al Gran Premio d'Italia 2017.

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Daniel Ricciardo è il pilota più rapido della prima sessione di prove libere. Montando gomme ultrasoft ha preceduto Sebastian Vettel di 109 millesimi, e di 121 il compagno di team, Max Verstappen. La pista era resa scivolosa dalla pioggia caduta nella nottata. Sulla monoposto di Vettel sono state sostituite, nel corso della sessione, l'ala posteriore e le barre della sospensione anteriore. Il leader del mondiale, Lewis Hamilton, ha chiuso col quarto tempo, mentre l'altro pilota della Mercedes, Valtteri Bottas, è stato preceduto anche da Sergio Pérez. Le due vetture tedesche lamentano un consumo eccessivo delle coperture a mescola ultrasoft. Lance Stroll è stato limitato, nella sessione, da un problema al cambio.

Verstappen, Kimi Räikkönen e Stoffel Vandoorne hanno testato, con un giro d'installazione, l'Halo.[16]

Ricciardo si è confermato anche nella sessione della sera, in cui è stato l'unico pilota a scendere sotto il muro del minuto e quarantuno. L'australiano ha anche fissato il nuovo record della pista. Il secondo tempo è stato fatto da Max Verstappen, l'altro pilota della Red Bull Racing. A sette decimi ha chiuso Hamilton, davanti all'altro pilota della Mercedes, Bottas. Verstappen, nel secondo giro, in assetto da qualifica, ha anche picchiato contro le protezioni, non potendo più migliorare la sua prestazione.

Il primo dei ferraristi è Kimi Räikkönen, nono, che però sconta problemi di bilanciamento, che non gli permettono di mandare in temperatura gli pneumatici anteriori. Vettel è solo undicesimo, dopo aver dovuto abortire i due tentativi veloci, prima per la presenza sulla pista di un'altra vettura, poi nel secondo tentativo, per una toccata alle protezioni. Cosa capitata anche a Fernando Alonso e Romain Grosjean.[17]

Al sabato la Red Bull Racing conferma la sua velocità, col miglior tempo di Max Verstappen; l'olandese ha ottenuto un tempo di un secondo più alto di quello del venerdì, a causa della pioggia della notte, che ha ridotto il grip della pista. Sulla vettura di Verstappen si è anche verificato un problema al cambio. Secondo, staccato di meno di un decimo, è Sebastian Vettel, che precede Lewis Hamilton, e, a sorpresa, le due McLaren.

L'altro pilota della Red Bull, Ricciardo, ha strisciato la vettura contro le barriere, ed ha chiuso col sesto tempo. Molti piloti hanno commesso errori simili, come Kimi Räikkönen, Lance Stroll e Marcus Ericsson. A causa dell'incidente di quest'ultimo, che è andato in testacoda, prima di sbattere contro i muretti, la sessione è stata interrotta per diversi minuti.[18] Sulla vettura dello svedese viene sostituito il cambio, cosa che lo penalizza di cinque posizioni, sulla griglia di partenza.[19]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[20] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'42"489 21
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'42"598 +0"109 21
3 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'42"610 +0"121 23

Nella seconda sessione del venerdì[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'40"852 33
2 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'41"408 +0"556 28
3 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'41"555 +0"703 36

Nella sessione del sabato[22] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'41"829 12
2 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'41"901 +0"072 13
3 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'41"971 +0"142 16

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i piloti affrontano la pista subito, al fine di far segnare un tempo valido, nel caso che la sessione sia poi interrotta da bandiere rosse. Dopo le due Ferrari, prende il comando della classifica Stoffel Vandoorne. In seguito è il turno delle Red Bull Racing, con Vettel che si piazza terzo. Lewis Hamilton sale secondo, mentre Felipe Massa danneggia la vettura, sbattendo contro le barriere; i meccanici sono capaci di rimandare in pista la Williams del brasiliano, che però non riesce a lottare per l'entrata nella fase successiva.

A metà sessione le prime 10 posizioni sono monopolizzate da coppie di 5 scuderie: prima le due Red Bull, poi le due Mercedes, le due Ferrari, le due Force India e le due McLaren. Carlos Sainz Jr. si eleva fino al terzo posto, così come Jolyon Palmer che scala quinto, Nico Hülkenberg sale nono. Vengono eliminate le due Williams, le due Sauber e Kevin Magnussen.

Nella seconda fase Max Verstappen fa segnare il record della pista, sopravanzando le due Ferrari. Le due Mercedes sono quarte e quinte, fino al tempo di Vandoorne, che s'installa fra le due vetture tedesche. Anche Ricciardo è veloce, ponendosi terzo. Nella parte finale della Q2 s'intensifica la lotta per il passaggio alla fase decisiva: Fernando Alonso fa segnare l'ottavo tempo, l'altro spagnolo, Sainz, solo il decimo, prima che Hülkenberg scali settimo, addirittura davanti a Bottas. Le due Force India, invece, non migliorano, e sono eliminate. Kimi Räikkönen fa segnare il secondo tempo, prima che Verstappen migliori ancora il record del tracciato. Palmer è solo undicesimo, mentre Bottas non si migliora, chiudendo ottavo. Sono eliminati, oltre ai piloti della Force India e Palmer, anche Daniil Kvjat e Romain Grosjean.

Le prime due vettura a far segnare un tempo, in Q3, sono le McLaren, che vengono battute da Kimi Räikkönen; dietro al finlandese si portano le due Mercedes. Max Verstappen si porta al comando, battuto, poco dopo, da Sebastian Vettel; l'altro pilota della Red Bull, Daniel Ricciardo, è terzo. Nel secondo tentativo veloce Nico Hülkenberg si pone settimo, davanti alle McLaren, Kimi Räikkönen sbaglia nel suo giro, Lewis Hamilton migliora, ma resta quinto, con le due Red Bull che non riescono a scavalcare Vettel. Il tedesco conquista la sua quarantanovesima pole position, nel mondiale di F1.[19] È anche la duecentotredicesima pole position per una vettura a motore Ferrari, che così eguaglia il numero di partenze al palo conquistate da vetture a motore Renault.[23]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[24] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'43"336 1'40"529 1'39"491 1
2 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'42"010 1'40"332 1'39"814 2
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'42"063 1'40"385 1'39"840 3
4 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'43"328 1'40"525 1'40"069 4
5 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'42"455 1'40"577 1'40"126 5
6 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'43"137 1'41"409 1'40"810 6
7 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 1'42"586 1'41"277 1'41"013 7
8 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 1'42"086 1'41"442 1'41"179 8
9 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 1'42"222 1'41"227 1'41"398 9
10 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 1'42"176 1'41"826 1'42"056 10
11 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 1'42"472 1'42"107 N.D. 11
12 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'43"594 1'42"246 N.D. 12
13 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 1'42"544 1'42"338 N.D. 13
14 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 1'43"626 1'42"760 N.D. 14
15 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'43"627 1'43"883 N.D. 15
16 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 1'43"756 N.D. N.D. 16
17 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'44"014 N.D. N.D. 17
18 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 1'44"728 N.D. N.D. 18
19 94 Germania Pascal Wehrlein Svizzera Sauber-Ferrari 1'45"059 N.D. N.D. 19
20 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'45"570 N.D. N.D. 20[19]
Tempo limite 107%: 1'49"150

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Poco prima del via fa la comparsa sul tracciato la pioggia, che non scendeva in 10 anni nella Formula 1. Tutti i piloti optano per gomme da bagnato copioso, anche se i primi sei della griglia, oltre a Carlos Sainz Jr., Daniil Kvjat, Romain Grosjean e Lance Stroll optano per le coperture da bagnato intermedio, e non estremo.

La partenza comunque avviene da fermo, senza un giro dietro alla safety car prima. Al via Sebastian Vettel mantiene il comando, mentre dietro Kimi Räikkönen insidia Max Verstappen: la Red Bull Racing finisce stretta tra le due Ferrari, che poi si toccano fra loro. Räikkönen, su una vettura fuori controllo finisce sull'accorrente Fernando Alonso, che è l'unico, dei quattro piloti coinvolti nell'incidente, che può proseguire. Verstappen e Räikkönen, infatti, terminano la loro corsa alla prima curva, mentre sulla vettura di Vettel la collisione provoca una perdita di liquidi, che vanno a finire sugli pneumatici posteriori: il pilota tedesco finisce in testacoda poco dopo la quarta curva, danneggiando ulteriormente la sua Ferrari e dovendo ritirarsi.

La direzione di gara invia in pista la safety car, con Lewis Hamilton al comando, seguito da Daniel Ricciardo, Nico Hülkenberg, Sergio Pérez, Valtteri Bottas, Jolyon Palmer, Stoffel Vandoorne, Esteban Ocon e Carlos Sainz Jr.. Dopo quattro giri, col regime di vettura di sicurezza, riprende la gara, con Palmer che supera subito Bottas. Al giro ottavo si ritira Alonso, per la perdita di potenza del motore, mentre Sainz prende l'ottavo posto a Ocon. Già all'undicesimo giro la gara vede nuovamente l'invio in pista della vettura di sicurezza, dopo l'incidente di Daniil Kvjat, finito contro le barriere.

Vanno ai box, Daniel Ricciardo, che monta gomma da bagnato intermedio, poi Pérez e Ocon, che fanno la stessa scelta dell'australiano. La gara riprende nella sua valenza agonistica, al giro 15. La classifica è sempre comandata da Lewis Hamilton, davanti a Daniel Ricciardo, Valtteri Bottas, Carlos Sainz Jr., poi Nico Hülkenberg, Sergio Pérez e Jolyon Palmer. Al ventesimo giro Vandoorne passa Stroll, per l'ottavo posto.

Al giro 26 Kevin Magnussen e Felipe Massa, nelle retrovie, azzardano la scelta di gomme slick; poco dopo, effettuano la stessa scelta anche Stroll e Grosjean. Da questo momento tutti i piloti passano a questo tipo di coperture. Sainz si ferma al giro 27, come Vandoorne. Un giro dopo si fermano Ricciardo, Bottas, Pérez e Nico Hülkenberg; tutti optano per gomme da asciutto. Dopo la sosta di Lewis Hamilton, la classifica vede sempre in testa il britannico, seguito ancora da Ricciardo e da Bottas. Nico Hülkenberg è salito quarto, davanti a Sainz; seguono Pérez, Palmer e Vandoorne.

Al trentottesimo giro Marcus Ericsson finisce in testacoda; la direzione di gara invia, per la terza volta, la vettura di sicurezza in pista. Nico Hülkenberg torna ai box, per un problema tecnico, perdendo così diversi secondi. Il tedesco rientra in pista solo decimo, e così Sainz recupera il quarto posto. Hülkenberg si ritira al giro 48; il tedesco diventa il pilota col maggior numero di gran premi corsi, 129, senza nessun arrivo a podio.

Negli ultimi giri Ricciardo non impensierisce Hamilton, che vince per la sessantesima volta nel mondiale, anche se la gara è interrotta dopo 58 dei 61 giri previsti, per il raggiungimento delle due ore di gara. Carlos Sainz Jr. ottiene, col quarto posto, la sua miglior prestazione in F1.[25]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[26] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 58 2h03'23"544 5 25
2 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 58 +4"507 3 18
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 58 +8"800 6 15
4 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Italia Toro Rosso 58 +22"822 10 12
5 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 58 +25"359 12 10
6 30 Regno Unito Jolyon Palmer Francia Renault 58 +27"259 11 8
7 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Honda 58 +30"388 9 6
8 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 58 +41"696 18 4
9 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 58 +43"282 15 2
10 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 58 +44"795 14 1
11 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 58 +46"536 17
12 94 Germania Pascal Wehrlein Svizzera Sauber-Ferrari 56 +2 giri 19
Rit 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 50 Problema elettrico 16
Rit 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 48 Perdita d'olio 7
Rit 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 35 Testacoda 20
Rit 26 Russia Daniil Kvjat Italia Toro Rosso 10 Incidente 13
Rit 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Honda 8 Danni da incidente 8
Rit 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 0 Collisione con K. Räikkönen 1
Rit 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 0 Collisione con K. Räikkönen e F. Alonso 2
Rit 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 0 Collisione con M. Verstappen e S. Vettel 4

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Germania Mercedes 475
2 Italia Ferrari 373
3 Austria Red Bull-TAG Heuer 230
4 India Force India-Mercedes 124
5 Regno Unito Williams-Mercedes 59
6 Italia Toro Rosso 52
7 Francia Renault 42
8 Stati Uniti Haas-Ferrari 37
9 Regno Unito McLaren-Honda 17
10 Svizzera Sauber-Ferrari 5

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 8
2 Germania Sebastian Vettel 3
3 Finlandia Valtteri Bottas 2
4 Finlandia Kimi Räikkönen 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il gran premio, previsto su 61 giri, pari a 308,828 km, è ridotto a 58 giri, per il raggiungimento delle due ore di gara.
  2. ^ F1 Ufficiale: McLaren e Honda si separano a fine anno, su f1grandprix.motorionline.com, 12 settembre 2017. URL consultato il 13 settembre 2017.
  3. ^ Roberto Chinchero, Ufficiale: McLaren rompe con Honda e passa ai motori Renault dal 2018, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  4. ^ Roberto Chinchero, Toro Rosso-Honda, ora è ufficiale: hanno firmato un accordo triennale, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  5. ^ Roberto Chinchero, La trattativa tra Toro Rosso e Honda è naufragata, su it.motorsport.com, 17 agosto 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  6. ^ Ufficiale: Bottas ha rinnovato con Mercedes per il Mondiale 2018 di F.1, su it.motorsport.com, 13 settembre 2017. URL consultato il 14 settembre 2017.
  7. ^ Giacomo Rauli, Renault ha annunciato Sainz Jr. come pilota titolare per il 2018, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  8. ^ Roberto Chinchero, Clamoroso: Sainz in Renault al posto di Palmer dal GP della Malesia!, su it.motorsport.com, 9 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  9. ^ Roberto Chinchero, La Renault sceglie Sainz, la Williams offre una chance a Kubica?, su it.motorsport.com, 5 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  10. ^ (FR) Alexandre Combralier, F1 - Williams va tester Kubica en vue de 2018, su nextgen-auto.com, 16 settembre 2017. URL consultato il 17 settembre 2017.
  11. ^ Massimo Costa, Force India continua con Ocon e Perez, su italiaracing.net, 17 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017.
  12. ^ Giacomo Rauli, Ufficiale: il GP di Singapore fino al 2021 nel calendario di F.1, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  13. ^ Formula 1 Singapore, i team preferiscono il viola Pirelli, su autosprint.corrieredellosport.it, 5 settembre 2017. URL consultato il 13 settembre 2017.
  14. ^ (EN) 2017 FORMULA 1 SINGAPORE AIRLINES SINGAPORE GRAND PRIX, su formula1.com. URL consultato il 13 settembre 2017.
  15. ^ GP di Singapore: chi taglia Curva 2 deve girare dietro a un birillo!, su it.motorsport.com, 14 settembre 2017. URL consultato il 14 settembre 2017.
  16. ^ a b Franco Nugnes, Singapore, Libere 1: Ricciardo davanti, Vettel secondo fra le due Red Bull, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  17. ^ Franco Nugnes, Singapore, Libere 2: la Red Bull stupisce, ma la Ferrari delude!, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  18. ^ Franco Nugnes, Singapore, Libere 3: Verstappen davanti, ma c'è il risveglio della Ferrari, su it.motorsport.com, 16 settembre 2017. URL consultato il 17 settembre 2017.
  19. ^ a b c Marcus Ericsson penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza, per la sostituzione del cambio. Essendosi qualificato ultimo, la penalizzazione non incide sulla griglia di partenza. (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Vettel bat les Red Bull et signe une pole exceptionnelle à Singapour, su nextgen-auto.com, 16 settembre 2017. URL consultato il 17 settembre 2017.
  20. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  21. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  22. ^ Sessione di prove libere del sabato
  23. ^ (FR) Statistiques Moteurs-Pole positions-Par nombre, su statsf1.com. URL consultato il 19 settembre 2017.
  24. ^ Sessione di qualifiche
  25. ^ Singapore - La diretta-Hamilton domina dopo il crash Ferrari, su italiaracing.net, 17 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017.
  26. ^ Gara

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2017
Flag of Australia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2016
Gran Premio di Singapore
Edizione successiva:
2018
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1