Gran Premio d'Australia 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Australia Gran Premio d'Australia 2018
977º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 1 di 21 del Campionato 2018
Albert Lake Park Street Circuit in Melbourne, Australia.svg
Data 25 marzo 2018
Nome ufficiale LXXXIII Rolex Australian Grand Prix
Luogo Circuito Albert Park
Percorso 5,303 km / 3,295 US mi
Circuito stradale cittadino
Distanza 58 giri, 307,574 km/ 191,118 US mi
Clima Parzialmente nuvoloso
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Australia Daniel Ricciardo
Mercedes in 1'21"164 Red Bull Racing-TAG Heuer in 1'25"945
(nel giro 54)
Podio
1. Germania Sebastian Vettel
Ferrari
2. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
3. Finlandia Kimi Räikkönen
Ferrari

Il Gran Premio d'Australia 2018 è stata la prima prova della stagione 2018 del Campionato mondiale di Formula 1. La corsa, disputata domenica 25 marzo sul circuito di Albert Park a Melbourne, è stata vinta da Sebastian Vettel su Ferrari. Per il tedesco si è trattato del quarantottesimo successo nel mondiale; Vettel ha preceduto sul traguardo il britannico Lewis Hamilton su Mercedes e il suo compagno di squadra, il finlandese Kimi Räikkönen.

Per Vettel si tratta del centesimo podio in una gara valida per il mondiale di F1.[1] La gara segna l'esordio in Formula 1 per il pilota russo Sergej Sirotkin[2] e per il monegasco Charles Leclerc.[3]

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La scuderia elvetica Sauber nel corso del 2017 aveva annunciato che dal 2018 avrebbe adottato i propulsori della Honda, in luogo dei Ferrari.[4] Tuttavia Sauber e Honda non hanno trovato l'accordo definitivo per la fornitura.[5] Pertanto la Sauber continuerà così a utilizzare i motori della Ferrari, ma dal 2018 potrà fare affidamento all'ultima evoluzione e non ai motori dell'anno precedente, come è accaduto nel 2017.[6] A novembre 2017 si è stabilita una collaborazione tra la Sauber e l'Alfa Romeo: la casa italiana diventa sponsor principale della scuderia elvetica, anche se non fornirà motori alla scuderia.[7]

La McLaren decide di interrompere il rapporto di collaborazione col motorista Honda.[8] Al posto del motorista giapponese, la scuderia britannica ha trovato un accordo triennale con la Renault, che mai aveva motorizzato la McLaren.[9] Così la casa nipponica passa a motorizzare da quest'anno la Scuderia Toro Rosso, che nella stagione 2017 è stata spinta proprio dalla power unit della Renault. L'accordo è triennale.[10]

Viene introdotto, sulle monoposto, il già conosciuto sistema Halo come prevenzione contro incidenti ai danni dei piloti;[11] alle varie scuderie è permesso, in minima parte, variare il profilo della roll-bar per influenzare l'aerodinamica delle vetture.[12] Nel corso della passata stagione venne testato, in vista della futura applicazione di uno dei due nel 2018, un ulteriore sistema di sicurezza: lo Shield, un cupolino-parabrezza protettivo. Provato da Sebastian Vettel durante le prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna 2017, venne seccamente stroncato poiché influiva pesantemente sulla visione dei piloti, venendo di conseguenza subito accantonato.[13] A causa dell'introduzione dell’Halo, il peso minimo delle vetture viene aumentato da 728 a 734 kg. A causa di problemi di visibilità, dovuti alla presenza dell’Halo, i piloti chiedono lo spostamento dei semafori posti sulla linea di partenza. Agli stessi piloti la FIA concede di provare la partenza, con il nuovo posizionamento dei semafori, nel corso delle prove libere.[14]

Da questa stagione viene introdotto l'Halo, il sistema di protezione della testa del pilota.

La FIA introduce una nuova zona in cui si può attivare il Drag Reduction System: oltre il rettilineo d'arrivo e il tratto di pista tra le curve Jones e Whiteford (curve 2 e 3) - con punto per la determinazione del distacco tra piloti è fissato prima della curva 14 - anche il tratto tra la curva 12 e la 13. In questo caso il punto per la determinazione del distacco fra piloti è posto prima della curva 11.[15]

La Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, porta, per questa gara, mescole di tipo Ultrasoft, Supersoft e Soft.[16]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La scuderia Force India aveva deciso di modificare la sua denominazione in Force One, a partire dalla stagione 2018. Il team avrebbe dovuto anche correre con licenza britannica; il cambiamento non è stato però ratificato, in quanto Force One sarebbe troppo simile a Formula One, ovvero il nome della competizione.[17][18] Nonostante Otmar Szafnauer, direttore sportivo della scuderia, avesse confermato il prosieguo delle procedure per un nuovo nome, questo non è stato presentato assieme alla nuova vettura, come pronosticato, ed il team indiano è rimasto iscritto con il proprio nome tradizionale. Secondo le parole dello stesso Szafnauer, il cambio di denominazione potrebbe essere invece rimandato al 2019.[19]

La Mercedes, la Ferrari, la Red Bull, la Force India, la Renault, la Haas e la McLaren, riconfermano i loro piloti.

La Toro Rosso conferma Pierre Gasly e Brendon Hartley come piloti ufficiali in seguito all'esordio nell'anno precedente a stagione in corso.[20]

La Sauber il 2 dicembre 2017 ha ufficializzato, per bocca di Sergio Marchionne, CEO di FCA, la line-up dei piloti titolari, ovvero Charles Leclerc, esordiente in F1 e vincitore della FIA Formula 2 nel 2017, e Marcus Ericsson, alla sua quarta stagione con il team. Leclerc correrà con il numero 16, che non si vedeva in una gara di F1 dal Gran Premio del Brasile 2013, usato dall'allora pilota della Williams, Pastor Maldonado.[21] Leclerc è il primo pilota monegasco a correre in F1 dal 1994, quando Olivier Beretta disputò nove gare. L'ex pilota della Sauber, Pascal Wehrlein, resta collaudatore della Mercedes.

La Williams annuncia il 16 gennaio l'ingaggio del pilota russo Sergej Sirotkin che, insieme a Lance Stroll, forma la coppia di piloti più giovane del circus;[22] Sirotkin è un esordiente che finora ha partecipato, per sette volte, alle prove libere del venerdì, prima con la Sauber nel 2014, poi con la Renault tra il 2016 e il 2017. Il russo ha scelto, quale numero di gara, il 35. Tale numero manca in una gara di F1 dal Gran Premio di San Marino 1991, utilizzato dall'allora pilota del Modena Team, Eric van de Poele.[23]

Da questo gran premio Liberty Media, la società proprietaria della F1, ha deciso di abolire le ombrelline, ovvero le ragazze che reggevano i numeri coi piloti sulla griglia di partenza, per lasciare il posto ai grid kids, ovvero giovani ragazzi, coinvolti in sport motoristici.[24]

L'ex pilota di F1 Emanuele Pirro è nominato quale commissario aggiunto per la gara. L'italiano ha svolto in passato, in diverse occasioni, tale funzione, l'ultima al Gran Premio di Abu Dhabi 2017. Pirro era stato indicato quale commissario anche per l'edizione 2014.[25]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Le due Mercedes sono state le vetture più rapide nella prima sessione di prove del venerdì. Lewis Hamilton ha preceduto di circa mezzo secondo Valtteri Bottas, a sua volta di due decimi più rapido di Max Verstappen. Il tempo ottenuto dal campione del mondo è di poco migliore rispetto al miglior tempo ottenuto nella prima sessione dell'edizione 2017, pur disponendo i piloti di una mescola più morbida, come la Ultrasoft. Al quarto posto si è classificato Kimi Räikkönen, staccato di 8 decimi dal primo, ma avendo utilizzato gomme Soft. L'altro ferrarista, Sebastian Vettel, quinto, è stato il più veloce però tra quelli che hanno testato anche la gomma Supersoft. Fernando Alonso ha accusato dei problemi di surriscaldamento, dovuto a un guasto agli scarichi.[26]

Lewis Hamilton si è confermato come il pilota più rapido, anche nella seconda sessione del venerdì. Il britannico ha preceduto Max Verstappen di un decimo e Valtteri Bottas di due. Il tempo di Hamilton è lontano da quello dello scorso anno, ma ciò è dovuto al caldo della pista, che non consente di utilizzare per più giri la gomma. Bottas è stato protagonista di un'escursione di pista, dovuta a un fraintendimento con Kimi Räikkönen. La sessione è stata anche interrotta quando un pezzo di erba sintetica è finito sul tracciato.[27] Dopo la sessione Räikkönen è stato sottoposto a indagine da parte dei commissari, che però non hanno deciso per delle sanzioni.[28] Daniel Ricciardo è stato invece penalizzato di tre posizioni sulla griglia di partenza per non aver rallentato a sufficienza, al momento dell'esposizione della bandiera rossa.[29]

La terza sessione inizia con pista bagnata, con la pioggia che cessa poco prima dell'inizio della sessione stessa. Nella prima fase Max Verstappen è il più veloce con gomme da bagnato, in 1'35"548. Lo stesso pilota della Red Bull Racing era stato il più rapido nella fase successiva della sessione, quando i piloti hanno potuto affrontare la pista con gomme da bagnato intermedio, con 1'31"680. Solo negli ultimi istanti della sessione solo tre piloti hanno potuto montare gomme da asciutto. Ciò ha portato in vetta Sebastian Vettel, seguito dal suo compagno di team, Kimi Räikkönen. Al terzo posto ha chiuso Marcus Ericsson della Sauber. Alonso, che aveva chiesto di poter effettuare un tentativo con le gomme slick, non ha poi trovato lo spazio per provarle. Lance Stroll, della Williams, ha preso la pista solo nell'ultimo quarto d'ora, per la necessità del team di sostituire il cambio, mentre le due Force India non hanno fatto segnare tempi cronometrati.[30]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[31] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'24"026 27
2 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'24"577 +0"551 29
3 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'24"771 +0"745 26

Nella seconda sessione del venerdì[32] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'23"931 35
2 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'24"058 +0"127 34
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'24"159 +0"228 34

Nella sessione del sabato[33] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'26"067 15
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'28"499 +2"432 13
3 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'28"890 +2"823 14

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Il tempo è incerto, ma senza pioggia, all'inizio delle qualificazioni. Kimi Räikkönen è il primo dei piloti delle migliori scuderie a far segnare un tempo valido in Q1. Il tempo del finlandese non viene battuto da Vettel, e nemmeno dalle due Mercedes. Räikkönen riesce ad abbassare ancora il tempo, prima che le due Red Bull Racing conquistino il secondo e terzo posto della graduatoria.

Al terzo tentativo Lewis Hamilton si pone al comando, dinnanzi alle due Ferrari e le due Red Bull. Romain Grosjean scala sesto. La pista si migliora rapidamente, e ciò comporta una stretta lotta per l'ottenimento di un tempo sufficiente per l'accesso alla seconda fase. Vengono eliminati i due piloti della Sauber, i due della Toro Rosso e Sergej Sirotkin.

La situazione meteorologica sembra peggiorare, e i piloti, per evitare la pioggia, decidono di cercare subito il tempo, tanto che Hamilton fa segnare il nuovo record del tracciato. La classifica è ancora dominata dai piloti di Mercedes, Ferrari e Red Bull, racchiusi in otto decimi. Le due vetture angloaustriache differenziano la loro strategia, rispetto agli avversari diretti, optando per gomme Supersoft, che sarà la mescola con cui partiranno in gara.[34] Proprio nell'ultimo tentativo Vettel strappa il miglior tempo a Hamilton. Sono competitive le due Haas, subito alle spalle dei tre team più veloci. Al termine della sessione sono eliminati i piloti di McLaren, Force India e Lance Stroll.

L'inizio della fase decisiva vede l'incidente di Valtteri Bottas alla prima curva. La vetture è grandemente danneggiata, ma il pilota è incolume. La sessione viene interrotta per circa dieci minuti. Alla ripresa Lewis Hamilton si pone al comando, ma i tempi di Ferrari e Red Bull sono prossimi a quelli del campione del mondo, raccolti in pochi decimi. Romain Grosjean, all'uscita dai box, decide di sorpassare Carlos Sainz Jr. nella corsia di accelerazione, sfiorando così la collisione.

Lewis Hamilton si migliora ancora, ponendo un gap di sette decimi rispetto al tempo di Räikkönen, che parte con lui in prima fila. La seconda fila è conquistata da Vettel e Verstappen. Per Hamilton è la settantatreesima pole position, la settima conquistata a Melbourne. Il britannico conquista una pole position per la dodicesima stagione di fila.[35][36] Valtteri Bottas, a causa della sostituzione del cambio, resasi necessaria dopo l'incidente in Q3, è penalizzato di cinque posizioni in griglia di partenza.[37] Col quinto e sesto posto in griglia, la Haas ottiene il suo miglior risultato, in qualifica, in F1.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[38] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'22"824 1'22"051 1'21"164 1
2 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'23"096 1'22"507 1'21"828 2
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'23"348 1'21"944 1'21"838 3
4 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'23"483 1'22"416 1'21"879 4
5 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'23"494 1'22"897 1'22"152 8[29]
6 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 1'23"909 1'23"300 1'23"187 5
7 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'23"671 1'23"468 1'23"339 6
8 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 1'23"782 1'23"544 1'23"532 7
9 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Francia Renault 1'23"529 1'23"061 1'23"577 9
10 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'23"686 1'22"089 senza tempo 15[37]
11 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Renault 1'23"597 1'23"692 N.D. 10
12 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Renault 1'24"073 1'23"853 N.D. 11
13 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'24"344 1'24"005 N.D. 12
14 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 1'24"464 1'24"230 N.D. 13
15 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 1'24"503 1'24"786 N.D. 14
16 28 Nuova Zelanda Brendon Hartley Italia Scuderia Toro Rosso-Honda 1'24"532 N.D. N.D. 16
17 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'24"556 N.D. N.D. 17
18 16 Monaco Charles Leclerc Svizzera Sauber-Ferrari 1'24"636 N.D. N.D. 18
19 35 Russia Sergej Sirotkin Regno Unito Williams-Mercedes 1'24"922 N.D. N.D. 19
20 10 Francia Pierre Gasly Italia Scuderia Toro Rosso-Honda 1'25"295 N.D. N.D. 20
Tempo limite 107%: 1'28"621

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Al via Lewis Hamilton resiste a Kimi Räikkönen, mantenendo la testa della gara. Terzo è Sebastian Vettel, mentre Max Verstappen cede la quarta posizione a Kevin Magnussen. Seguono Romain Grosjean, Nico Hülkenberg, Daniel Ricciardo e Carlos Sainz Jr.. Tutti optano per gomme Ultrasoft, ad eccezione di Red Bull, Williams e Sauber, che optano per le Supersoft.

Al quinto giro Ricciardo sorprende Hülkenberg, cogliendo il settimo posto. Al nono passaggio Verstappen va in testacoda alla prima curva; l'olandese riprende la gara, ma cede tre posizioni. La classifica resta invariata, almeno nelle posizioni di testa, fino al giro 18, quando Räikkönen, che stava mettendo pressione a Hamilton, effettua il cambio gomme. Il britannico effettua la sosta il giro dopo; Vettel si trova così al comando. Max Verstappen sceglie il giro 21 per la sosta, mentre Sainz va lungo, e viene passato da Alonso. Subito dopo il pilota della Renault va ai box. Un giro dopo è il turno di Magnussen ma, a causa di un errore ai box, viene mal fissata la gomma posteriore sinistra. Il danese è costretto al ritiro.

Al giro 24, alla sosta dell'altro pilota della Haas, Romain Grosjean, succede nuovamente un problema col fissaggio di una ruota. Il francese si ferma lungo la pista. La direzione di gara decide per il regime di Virtual Safety Car. Ne approfitta Vettel che va al suo cambio gomme, e riesce a rientrare in pista poco prima che sopraggiunga Hamilton. Il tedesco si trova così in testa alla gara, a parità di soste, col britannico. La direzione di gara decide infine per l'entrata in pista della Safety Car vera e propria. Verstappen cede una posizione ad Alonso, dopo aver passato in regime di Virtual Safety Car.

La gara riprende con Vettel primo, davanti a Hamilton, Räikkönen, Ricciardo, Alonso, Verstappen, Hülkenberg e Vandoorne. Verstappen, che nel testacoda ha rovinato il fondo della vettura, fa fatica a tenere il ritmo dei primi. Nei giri successivi Lewis Hamilton tenta di avvicinarsi a Vettel, mentre Kimi Räikkönen deve difendere la terza posizione da Ricciardo. Vettel e Hamilton sono distanti meno di un secondo, col tedesco che però riesce a rispondere agli ottimi tempi fatti segnare dall'inglese.

Hamilton commette un piccolo errore nel finale di gara, dando così maggior respiro a Vettel. Sainz comunica invece di aver dei problemi fisici. Negli ultimissimi giri, a causa di problemi alle gomme posteriori, Hamilton cede terreno e viene avvicinato da Kimi Räikkönen.

Sebastian Vettel vince così per la quarantottesima volta in carriera in F1, cogliendo anche il suo centesimo podio.[39]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[40] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 58 1h29'33"283 3 25
2 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 58 +5"036 1 18
3 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 58 +6"309 2 15
4 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 58 +7"069 8 12
5 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Renault 58 +27"886 10 10
6 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 58 +28"945 4 8
7 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 58 +32"671 7 6
8 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 58 +34"339 15 4
9 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Renault 58 +34"921 11 2
10 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Francia Renault 58 +45"722 9 1
11 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 58 +46"817 12
12 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 58 +1'00"278 14
13 16 Monaco Charles Leclerc Svizzera Sauber-Ferrari 58 +1'15"759 18
14 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 58 +1'18"288 13
15 28 Nuova Zelanda Brendon Hartley Italia Scuderia Toro Rosso-Honda 57 +1 giro 16
Rit 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 24 Ruota 6
Rit 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 22 Ruota 5
Rit 10 Francia Pierre Gasly Italia Scuderia Toro Rosso-Honda 13 Motore 20
Rit 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 5 Sterzo 17
Rit 35 Russia Sergej Sirotkin Regno Unito Williams-Mercedes 4 Freni 19

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Italia Ferrari 40
2 Germania Mercedes 22
3 Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 20
4 Regno Unito McLaren-Renault 12
5 Francia Renault 7

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 1

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

La FIA multa di 10 000 euro la Haas per aver rimandato in pista entrambi i suoi piloti senza che le gomme fossero correttamente fissate alla vettura.[41]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Sebastian VETTEL - Podiums, su statsf1.com. URL consultato il 25 marzo 2018.
  2. ^ (FR) Sergey SIROTKIN - Engagement, su statsf1.com. URL consultato il 25 marzo 2018.
  3. ^ (FR) Charles LECLERC - Engagement, su statsf1.com. URL consultato il 25 marzo 2018.
  4. ^ Jacopo Rubino, È ufficiale, dal 2018 Sauber con motori Honda, su italiaracing.net, 30 aprile 2017. URL consultato il 1º maggio 2017.
  5. ^ Chiara Rainis, Saltata la partnership tra Sauber e Honda, c'è un rilancio Ferrari?, su it.motorsport.com, 27 luglio 2017. URL consultato il 28 luglio 2017.
  6. ^ La Sauber utilizzerà ancora i motori Ferrari, su gpupdate.net, 28 luglio 2017. URL consultato il 28 luglio 2017.
  7. ^ Roberto Chinchero, L'accordo Alfa-Sauber è ufficiale, ma per i piloti bisogna aspettare, su it.motorsport.com, 29 novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  8. ^ F1 Ufficiale: McLaren e Honda si separano a fine anno, su f1grandprix.motorionline.com, 12 settembre 2017. URL consultato il 13 settembre 2017.
  9. ^ Roberto Chinchero, Ufficiale: McLaren rompe con Honda e passa ai motori Renault dal 2018, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  10. ^ Roberto Chinchero, Toro Rosso-Honda, ora è ufficiale: hanno firmato un accordo triennale, su it.motorsport.com, 15 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  11. ^ Marco Belloro, F1 | Ufficiale: dal 2018 le vetture avranno l'Halo come protezione, in FormulaPassion.it, 19 luglio 2017. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  12. ^ Luca Ferrari, F1 | Halo: spuntano i primi profili aggiuntivi | FormulaPassion.it, in FormulaPassion.it, 4 dicembre 2017. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  13. ^ Stefano Ollanu, F1 | Vettel: secca bocciatura per lo Shield | FormulaPassion.it, in FormulaPassion.it, 14 luglio 2017. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  14. ^ Formula 1, GP Australia: spostati i semafori del via per problemi di visibilità con Halo, su sport.sky.it, 22 marzo 2018. URL consultato il 25 marzo 2018.
  15. ^ Roberto Chinchero, La F.1 vuole favorire i sorpassi a Melbourne: le zone DRS saranno tre!, su it.motorsport.com, 21 marzo 2018. URL consultato il 21 marzo 2018.
  16. ^ Fabiano Polimeni, Formula 1 2018, Pirelli anticipa le gomme per Australia, Bahrain e Cina, su autosprint.corrieredellosport.it, 11 dicembre 2017. URL consultato il 19 marzo 2018.
  17. ^ Massimo Costa, Force India sarà Force One, su italiaracing.net, 28 giugno 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  18. ^ F1 | Force India, bocciata la denominazione “Force One” per il 2018 - News Formula 1, su f1grandprix.motorionline.com. URL consultato il 30 novembre 2017.
  19. ^ Stefano Ollanu, Bivio Force India: nuovo nome entro l’Australia o nel 2019, su formulapassion.it, 26 febbraio 2018. URL consultato il 13 marzo 2018.
  20. ^ Roberto Chinchero, Ufficiale: i piloti Toro Rosso per il 2018 saranno Gasly e Hartley, su it.motorsport.com, 16 novembre 2017. URL consultato il 21 novembre 2017.
  21. ^ Jacopo Rubino, La Alfa-Sauber si presenta-Leclerc ed Ericsson i titolari, su italiaracing.net, 2 dicembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  22. ^ (EN) WILLIAMS MARTINI RACING CONFIRMS SERGEY SIROTKIN TO JOIN LANCE STROLL IN 2018, su williamsf1.com. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  23. ^ (FR) Olivier Ferret, F1 - Sirotkin a choisi son numéro de course, su nextgen-auto.com, 19 gennaio 2018. URL consultato il 19 gennaio 2018.
  24. ^ Formula 1, Ecclestone critica il puritanesimo di Liberty Media, su autosprint.corrieredellosport.it. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  25. ^ Fabrizio Corgnati, Pirro al Diario Motori: «Ferrari, aspetta a cantare vittoria», su diariodelweb.it, 9 marzo 2018. URL consultato il 22 marzo 2018.
  26. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Libere 1: Mercedes davanti a Red Bull e Ferrari!, su it.motorsport.com, 23 marzo 2018. URL consultato il 23 marzo 2018.
  27. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Libere 2: Verstappen fra le Mercedes, Kimi è vicino, su it.motorsport.com, 23 marzo 2018. URL consultato il 23 marzo 2018.
  28. ^ Matteo Nugnes, Raikkonen se la cava senza sanzioni per la chiusura a Bottas, su it.motorsport.com, 23 marzo 2018. URL consultato il 23 marzo 2018.
  29. ^ a b Daniel Ricciardo è penalizzato di tre posizioni sulla griglia di partenza per non aver rispettato le bandiere rosse, nel corso delle seconde prove libere. Roberto Chinchero, Ricciardo penalizzato con tre posizioni sulla griglia di domenica!, su it.motorsport.com, 23 marzo 2018. URL consultato il 23 marzo 2018.
  30. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Libere 3: Vettel svetta con le slick dopo il bagnato, su it.motorsport.com, 24 marzo 2018. URL consultato il 25 marzo 2018.
  31. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  32. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  33. ^ Sessione di prove libere del sabato
  34. ^ Roberto Chinchero, Red Bull differenzia la strategia: le RB14 partiranno con le supersoft, su it.motorsport.com, 24 marzo 2018. URL consultato il 25 marzo 2018.
  35. ^ (FR) Emmanuel Touzot, F1 - Pole position stratosphérique de Hamilton à Melbourne !, su nextgen-auto.com, 24 marzo 2018. URL consultato il 25 marzo 2018.
  36. ^ (FR) Statistiques Pilotes - Pole positions - Années consécutives, su statsf1.com. URL consultato il 25 marzo 2018.
  37. ^ a b Valtteri Bottas penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza, per aver sostituito il cambio. Bottas, sostituzione cambio e penalità di cinque posizioni, su italiaracing.net, 24 marzo 2018. URL consultato il 25 marzo 2018.
  38. ^ Sessione di qualifica
  39. ^ Melbourne - La cronaca-Vettel beffa Hamilton, su italiaracing.net, 25 marzo 2018. URL consultato il 25 marzo 2018.
  40. ^ Risultato del Gran Premio
  41. ^ Andrea Righi, FLASH Melbourne: giudici di gara clementi con la Haas Racing per il doppio unsafe release, su motorsportitalia.net, 25 marzo 2018. URL consultato il 25 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2018
Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2017
Gran Premio d'Australia
Edizione successiva:
2019
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1