Gran Premio d'Australia 2020

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Bandiera dell'Australia Gran Premio d'Australia 2020
Gara annullata prima dello svolgimento previsto
Data 15 marzo 2020
Nome ufficiale LXXXV Rolex Australian Grand Prix
Luogo Circuito Albert Park
Percorso 5,303 km / 3,295 US mi
Circuito stradale cittadino
Distanza 58 giri, 307,574 km/ 191,118 US mi

Il Gran Premio d'Australia 2020 avrebbe dovuto essere la prima prova della stagione 2020 del campionato mondiale di Formula 1. Avrebbe dovuto avere luogo domenica 15 marzo sul circuito di Albert Park a Melbourne.

A poche ore dalla prima sessione di prove libere la Federazione decide di annullare il Gran Premio a causa della pandemia di COVID-19, dopo che un meccanico della McLaren è risultato positivo al SARS-CoV-2. È stato il primo Gran Premio a essere stato annullato dal Gran Premio del Bahrein 2011, non disputatosi per via della Primavera araba.[1]

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Per questa gara, la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, aveva portato gomme di mescola C2, C3 e C4.[2]

La FIA aveva stabilito tre zone in cui si può attivare il Drag Reduction System, confermando quanto avvenuto a partire dal 2018: oltre il rettilineo d'arrivo e il tratto di pista tra le curve Jones e Whiteford (curve 2 e 3), con un unico punto per la determinazione del distacco tra piloti fissato prima della curva 14, è compreso anche il tratto tra la curva 12 e la 13. In questo caso il detection point è posto prima della curva 11.[3][4]

La Ferrari e la Red Bull Racing inviano una lettera alla Federazione Internazionale dell'Automobile in merito al rispetto del regolamento tecnico del nuovo volante della Mercedes, il cosiddetto DAS (Dual Axis Steering), che permette di modificare la convergenza delle ruote anteriori, con un semplice movimento del volante da parte del pilota. La scuderia austriaca ha anche annunciato che, nel caso la FIA considerasse legale lo strumento, proporrà un ulteriore reclamo, dopo la gara. Secondo i ricorrenti tale elemento modificherebbe i parametri della sospensione in rettilineo con un influsso aerodinamico.[5]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

L'ex Scuderia Toro Rosso cambia il suo nome in Scuderia AlphaTauri per promuovere l'omonimo marchio di moda creato nel 2016, come estensione dell'universo Red Bull, abbandonando così dopo quattordici anni la precedente denominazione: il nuovo nome deriva dalla stella rossa della costellazione del Toro e rende omaggio alla società fondatrice.[6]

La Williams promuove Nicholas Latifi, pilota di riserva, quale nuovo pilota titolare, assieme al confermato George Russell. Il canadese prende il posto di Robert Kubica.[7] Il polacco diventa pilota di riserva all'Alfa Romeo Racing.[8] Latifi sceglie come numero di gara il 6, utilizzato per l'ultima volta dal campione del mondo 2016 Nico Rosberg, in omaggio alla sua città natale Toronto.[9]

Rientra nel campionato il francese Esteban Ocon, che diventa pilota titolare alla Renault, in luogo di Nico Hülkenberg, dopo una stagione da pilota di riserva alla Mercedes e alla Racing Point. Ocon ha già disputato 50 Gran Premi di Formula 1, tra il 2016 e il 2018, con Manor e Force India.[10]

La tenuta della gara era stata messa in dubbio dall'esplosione della pandemia di COVID-19, che ha coinvolto diversi paesi del mondo, e che ha portato al rinvio del Gran Premio di Cina.[11][12] In un primo momento gli organizzatori decisero, comunque, di svolgere la gara con la presenza di spettatori.[13]

Ross Brawn, managing director del campionato, aveva affermato che qualora a qualche team fosse impedito di raggiungere un luogo di gara, per delle limitazioni al trasporto internazionale, il Gran Premio sarebbe stato cancellato.[14] Nei giorni precedenti al Gran Premio tre membri di alcune scuderie vengono trovati positivi al virus, e isolati negli alberghi nei quali alloggiavano. Il governo australiano, l'11 marzo, decide per la chiusura degli ingressi ai cittadini italiani e a coloro che hanno trascorso un periodo in Italia nelle ultime tre settimane, essendo l'Italia uno dei paesi più colpiti dalla pandemia. Il provvedimento non ha impatto sul personale della Ferrari, della Pirelli e della Scuderia AlphaTauri, già presenti a Melbourne.[15] A seguito di questi casi, molti cittadini di Melbourne chiedono l'annullamento della gara,[16] il cui svolgimento viene criticato anche da Lewis Hamilton e Kimi Räikkönen.[17] Il giorno successivo la McLaren, a causa della positività al SARS-CoV-2 di un proprio meccanico, decide di non prendere parte alla gara.[18]

Il pericolo di un annullamento della gara spinge l'AGPC, la società che gestisce l'evento, a chiedere a Chase Carey che la gara venga solo rimandata, e non cancellata. La situazione porta i responsabili delle scuderie rimaste a organizzare una riunione, giovedì sera, col direttore di gara, Michael Masi, e con Ross Brawn: viene ipotizzata la tenuta del Gran Premio a porte chiuse, oppure il suo annullamento, così come la possibilità di disputare almeno le prove libere, prima di decidere definitivamente sulle sue sorti. Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, annuncia la volontà della sua scuderia di abbandonare Melbourne; la stessa linea è tenuta dall'Alfa Romeo, e dalla Renault.

Mantengono una posizione favorevole alla tenuta del Gran Premio, anche se a porte chiuse, la Red Bull Racing, la Scuderia AlphaTauri, la Racing Point e la Mercedes. Si astengono, invece, la Williams e la Haas. Si crea così una situazione di equilibrio, con quattro scuderie favorevoli alla disputa della gara, quattro contrarie (aggiungendo anche la McLaren che ha già deciso di abbandonare l'Australia), e due indecise. Il direttore tecnico della Formula 1, Ross Brawn, opta così per mantenere almeno le prove del venerdì.[19]

Al venerdì mattino girano sul tracciato di Melbourne le biposto di Formula 1, per degli eventi promozionali, ma, poco dopo, su indicazione di Ola Källenius, presidente del consiglio di gestione della Daimler, preoccupato per l'immagine negativa che potrebbe derivare alla Formula 1 dalla tenuta della gara, nel mezzo della pandemia di COVID-19, la Mercedes annuncia la volontà di rinunciare al Gran Premio. Nella notte due piloti, Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen, erano già partiti dall'Australia, alla volta dell'Europa.[19] Tale decisione porta alla definitiva cancellazione della gara.[20]

Come avvenuto nel 2019, la Ferrari era stata iscritta all'evento col solo nome di "Scuderia Ferrari", senza il title sponsor Mission Winnow in quanto sarebbe una forma indiretta di pubblicità al tabacco.[21]

L'ex pilota di Formula 1 Emanuele Pirro era stato nominato quale commissario aggiunto per la gara. L'italiano ha svolto in passato, in diverse occasioni, tale funzione, l'ultima al Gran Premio del Brasile 2019.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Nugnes, Ora è ufficiale: il GP d'Australia di Formula 1 è cancellato, su it.motorsport.com, 13 marzo 2020. URL consultato il 13 marzo 2020.
  2. ^ Formula 1, GP Australia 2020: le scelte delle gomme dei team, su sport.sky.it, 9 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  3. ^ Roberto Valenti, F1 GP Australia, confermate le zone DRS per il round di Melbourne, su f1grandprix.motorionline.com, 10 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  4. ^ (EN) Formula 1 Rolex Australian Grand Prix 2020, su formula1.com. URL consultato l'11 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2020).
  5. ^ Franco Nugnes, Mercedes DAS illegale? Red Bull e Ferrari hanno scritto alla FIA, su it.motorsport.com, 11 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  6. ^ Stefano Ollanu, Nel 2020 la Toro Rosso si chiamerà Scuderia Alpha Tauri [collegamento interrotto], su formulapassion.it, 16 ottobre 2019. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  7. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: la Williams promuove Latifi accanto a Russell nel 2020, su it.motorsport.com, 28 novembre 2019. URL consultato il 28 novembre 2019.
  8. ^ Luca Manacorda, Kubica: cinque sessioni di libere con l'Alfa Romeo, su motorbox.com, 13 gennaio 2020. URL consultato il 15 gennaio 2020.
  9. ^ Francesco Corghi, Nicholas Latifi correrà in F1 col numero 6 in omaggio a Toronto, su it.motorsport.com, 20 gennaio 2020. URL consultato il 20 gennaio 2020.
  10. ^ Nicoletta Floris, Esteban Ocon torna in F1: con la Renault inizia la sua seconda vita, su sportface.it, 1º gennaio 2020. URL consultato il 15 gennaio 2020.
  11. ^ Giacomo Rauli, Coronavirus: secondo gli organizzatori il GP d'Australia si farà, su it.motorsport.com, 2 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  12. ^ Giacomo Rauli, Brawn: "Per ora i primi 3 GP si fanno, ma tutto può cambiare", su it.motorsport.com, 6 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  13. ^ Formula 1, GP Australia: niente porte chiuse per il coronavirus, su sport.sky.it, 9 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  14. ^ Giacomo Rauli, Brawn: "Niente GP se alcuni team non potranno essere presenti", su it.motorsport.com, 3 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  15. ^ Roberto Chinchero, GP d'Australia: isolati due membri Haas e uno McLaren, su it.motorsport.com, 11 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  16. ^ (FR) Olivier Ferret, Coronavirus : La grogne monte en Australie à cause de la F1, su motorsport.nextgen-auto.com, 11 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  17. ^ Roberto Chinchero, Hamilton durissimo: "La F1 è qui solo per il Dio denaro", su it.motorsport.com, 12 marzo 2020. URL consultato il 12 marzo 2020.
  18. ^ (EN) McLaren withdraw from the Australian GP after team member contracts coronavirus, su formula1.com, 12 marzo 2020. URL consultato il 12 marzo 2020.
  19. ^ a b (FR) Australia 2020, su statsf1.com. URL consultato il 26 maggio 2020.
  20. ^ (EN) Formula 1, FIA and AGCP announce cancellation of the 2020 Australian Grand Prix, su formula1.com, 13 marzo 2020. URL consultato il 13 marzo 2020.
  21. ^ (EN) 2020 Australian Grand Prix – Entry List (PDF), su fia.com, 12 marzo 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  22. ^ (EN) 2020 Australian Grand Prix – Event&Timing Information, su fia.com, 11 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1