Gran Premio di Francia 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francia Gran Premio di Francia 2018
984º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 21 del Campionato 2018
Circut Paul Ricard 2018 layout map.png
Data 24 giugno 2018
Nome ufficiale XCV Pirelli Grand Prix de France
Luogo Circuito Paul Ricard
Percorso 5,842 km / 3,630 US mi
Pista permanente
Distanza 53 giri, 309,626 km/ 192,393 US mi
Clima Parzialmente nuvoloso
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Finlandia Valtteri Bottas
Mercedes in 1'30"029 Mercedes in 1'34"225
(nel giro 41)
Podio
1. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
2. Paesi Bassi Max Verstappen
Red Bull Racing-TAG Heuer
3. Finlandia Kimi Räikkönen
Ferrari

Il Gran Premio di Francia 2018 è stata l'ottava prova della stagione 2018 del campionato mondiale di Formula 1. La gara, corsa domenica 24 giugno sul circuito Paul Ricard di Le Castellet, è stata vinta dal britannico Lewis Hamilton su Mercedes, al sessantacinquesimo successo nel mondiale; Hamilton ha preceduto all'arrivo l'olandese Max Verstappen su Red Bull Racing-TAG Heuer e il finlandese Kimi Räikkönen su Ferrari.[1]

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

La Red Bull Racing annuncia che, nel biennio 2019-2020, verrà motorizzata dalla Honda, in luogo della Renault (anche se le power unit attuali sono ribattezzate, per motivi di sponsor, TAG Heuer). La Honda fornisce già i motori alla scuderia satellite, la Toro Rosso.[2]

Viene prolungato l'accordo per la tenuta del Gran Premio del Belgio fino al 2021.[3]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Per questa gara la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, mette a disposizione le mescole soft, supersoft e ultrasoft.[4] La Federazione permette alla Pirelli, come avvenuto già per la gara di Barcellona, una tipologia leggermente modificata di pneumatici, col battistrada più sottile di 0,4 mm. Ciò in quanto il nuovo asfalto ha maggior grip e meno usura.[5]

La Federazione Internazionale dell'Automobile indica due zone sul tracciato, ove i piloti potranno utilizzare il Drag Reduction System: la prima tra le curve 7 e 8, con punto di determinazione del distacco fra i piloti posto prima della curva 7; la seconda sul rettifilo dei box, col detection point posizionato alla curva 14 (Lac).[6]

Il tracciato del Paul Ricard ritorna ad una conformazione simile a quella utilizzata fino al 1985. La lunghezza è di 5 842 metri (contro i 3 813 metri impiegati fino al 1990), con l'aggiunta della zona che porta fino alla curva Saint Beaume e di una chicane (curve 8 e 9) che spezza il lungo rettilineo del Mistral.

Dopo i problemi che si erano manifestati sui banchi di prova, la Mercedes decide di fare debuttare, da questa gara, sulle sue vetture, la nuova specifica della power unit, che inizialmente era stata prospettata per la gara del Canada.[7]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Il mondiale di Formula 1 ritorna in Francia dopo una pausa di dieci anni. L'ultima gara, nel 2008, si tenne sul circuito di Magny Cours. Il 12 maggio 2008, Bernie Ecclestone aveva annunciato che dal campionato 2009 il gran premio non si sarebbe più corso a Magny-Cours; pertanto, in assenza di altri candidati credibili, il gran premio non fu incluso nel calendario della stagione 2009.

Nel giugno 2012 venne prospettato il ritorno del gran gremio, da tenersi sul circuito Paul Ricard, probabilmente a fine agosto;[8] successivamente l'assenza dei fondi necessari fece abbandonare il progetto.[9]

Nel maggio 2014 il circuito francese di Magny-Cours annunciò la sua volontà di rientrare nel calendario iridato per ospitare il gran premio a partire dalla stagione 2015;[10] Ecclestone invece negò che la Formula 1 potesse tornarci nell'immediato futuro.[11] A dispetto di ciò, due anni dopo lo stesso Ecclestone indicò come probabile una gara al Paul Ricard, per la stagione 2018, prospettiva poi effettivamente verificatasi. [12]

Questo tracciato aveva già ospitato gare valide per il mondiale di F1 in 14 occasioni, la prima nel 1971, con vittoria di Jackie Stewart su Tyrrell-Ford Cosworth. Negli anni seguenti la pista si alternò con altri tracciati francesi quale sede della gara. Dal 1985 il Paul Ricard divenne, per qualche stagione, sede fissa del gran premio. L'ultima edizione tenutasi sul tracciato, fu quella del 1990, vinta da Alain Prost su Ferrari.

La Scuderia Toro Rosso conferma il proseguimento dell'impiego di Brendon Hartley, che era stato messo in dubbio, nell'ultimo periodo, a causa delle prestazioni non brillanti.[13]

Nel fine settimana precedente alla gara Fernando Alonso (assieme a Sébastien Buemi e Kazuki Nakajima) si aggiudica la 24 Ore di Le Mans. È il quinto pilota campione del mondo di F1 ad aggiudicarsi la gara di durata. L'ultimo pilota in attività in F1, ad essersi aggiudicato la gara, era stato Nico Hülkenberg, nel 2015.[14]

L'ex pilota di F1 Yannick Dalmas è nominato quale commissario aggiunto per la gara. Per il francese è la prima volta che ricopre questo ruolo in un weekend di F1.

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Lewis Hamilton ha ottenuto il miglior tempo nella prima sessione di prove. Il britannico ha ottenuto il suo tempo con le gomme ultrasoft, precedendo, di poco più di un decimo, il compagno di scuderia, Valtteri Bottas. La guida dei pilota è stata influenzata da forti raffiche di vento, che hanno colpito il tracciato. Il terzo tempo è stato ottenuto da Daniel Ricciardo su Red Bull Racing, mentre le Ferrari hanno concluso la sessione col quarto e quinto tempo. Max Verstappen, l'altro pilota della Red Bull, è settimo, dopo che i tecnici hanno dovuto sostituire il fondo piatto della sua monoposto. Al termine della sessione Marcus Ericsson è uscito di pista alla Signes, andando a colpire le protezioni a bordo pista. La sua Sauber, oltre a essere danneggiata, è stata anche colpita da un incendio al retrotreno.[15]

Hamilton è l'unico pilota, nella sessione pomeridiana, a scendere sotto il minuto e 32 secondi. Le condizioni della pista, con asfalto alla temperatura di 51 °C, non ha consentito ai piloti di migliorarsi, rispetto ai tempi ottenuti nella prima sessione. Alle spalle del campione del mondo non si è inserito Bottas, il compagno di team, che ha scontato dei gravi problemi per la perdita d'acqua della sua vettura, ma le due Red Bull. Le due vetture anglo-austriache hanno ancora preceduto le Ferrari, con Sebastian Vettel che però non è riuscito a completare nessun giro veloce. La sessione è stata interrotta, quando mancavano 46 minuti al suo termine, per la perdita della ruota posteriore sinistra sulla Force India di Sergio Pérez; la monoposto si è così bloccata in mezzo alla pista, richiedendo l'intervento dei commissari. La monoposto è stata poi riparata, e il messicano è potuto tornare in pista, nella fase finale di sessione. Ericsson, invece, dopo l'incidente della mattina, non ha potuto prendere parte a questa sessione.[16] Lo svedese, per proseguire il weekend, deve sostituire il telaio, il motore e anche il cambio.[17] La Force India, per l'incidente di Pérez, è stata multata di 15 000 euro, al quale si aggiunge un'altra multa di 85 000, sospesa però con la condizionale.[18]

La sessione del sabato è limitata dall'arrivo della pioggia, dopo circa dieci minuti dall'inizio, tanto che solo tredici piloti avevano ottenuto un tempo cronometrato. Il miglior tempo è quello di Valtteri Bottas, ottenuto con gomme ultrasoft. Il finlandese ha preceduto Carlos Sainz Jr. e Charles Leclerc. In questa fase Kimi Räikkönen aveva effettuato anche un lungo. Con la pioggia solo sette piloti hanno voluto testare le gomme da bagnato.[19]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[20] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'32"231 25
2 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'32"371 +0"140 29
3 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'32"527 +0"296 25

Nella seconda sessione del venerdì[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'32"539 27
2 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'33"243 +0"704 31
3 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'33"271 +0"732 24

Nella terza sessione del sabato[22] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'33"666 3
2 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Francia Renault 1'34"953 +1"287 3
3 16 Monaco Charles Leclerc Svizzera Sauber-Ferrari 1'35"012 +1"346 5

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La sessione di qualifica si svolge con temperatura dell'aria di 22 °C e pista asciutta. Nella prima fase il primo a ottenere un tempo è Lance Stroll. In seguito il canadese è battuto dalle due Haas e Valtteri Bottas, anche se il tempo migliore è ottenuto dall'altro pilota della Mercedes, Lewis Hamilton. Non passano alla Q2 Stroll, Sergej Sirotkin, Stoffel Vandoorne, Brendon Hartley e Fernando Alonso.

In Q2 la pioggia si riaffaccia sul tracciato, costringendo così i piloti a cercare subito un tempo. Al termine del primo tentativo Hamilton è ancora una volta il più rapido. L'intensità della pioggia però non è molto forte, tanto da non condizionare le prestazioni. Mercedes e Red Bull Racing ottengono i loro tempi con gomme supersoft, mentre la Ferrari opta per le ultrasoft. Sono eliminati Marcus Ericsson, Pierre Gasly, Sergio Pérez, Nico Hülkenberg e Esteban Ocon. Charles Leclerc entra, per la prima volta, nella fase decisiva di una qualifica.

Nella fase finale Lewis Hamilton ottiene subito il miglior tempo, mentre Romain Grosjean è autore di un errore che lo porta a incastrare la sua monoposto su un muro. La direzione di gara decide di interrompere la sessione, con bandiera rossa. Prima della ripartenza Bottas è secondo, davanti a Vettel e Verstappen. Nei 7 minuti e 49 secondi di sessione che mancano solo le Mercedes sono capaci di migliorare i loro tempi, con Hamilton che conserva la pole position. Per il britannico è la sua settantacinquesima partenza al palo nel mondiale,[23] sul ventisettesimo circuito diverso.[24]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[25] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'31"271 1'30"645 1'30"029 1
2 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 1'31"776 1'31"227 1'30"147 2
3 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 1'31"820 1'30"751 1'30"400 3
4 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'31"531 1'30"818 1'30"705 4
5 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 1'31"910 1'31"538 1'30"895 5
6 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'31"567 1'30"772 1'31"057 6
7 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Francia Renault 1'32"394 1'32"016 1'32"126 7
8 16 Monaco Charles Leclerc Svizzera Sauber-Ferrari 1'32"538 1'32"055 1'32"635 8
9 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 1'32"169 1'31"510 1'32"930 9
10 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 1'32"083 1'31"472 senza tempo 10
11 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 1'32"786 1'32"075 N.D. 11
12 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 1'32"949 1'32"115 N.D. 12
13 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'32"692 1'32"454 N.D. 13
14 10 Francia Pierre Gasly Italia Scuderia Toro Rosso-Honda 1'32"447 1'32"460 N.D. 14
15 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 1'32"804 1'32"820 N.D. 15
16 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Renault 1'32"976 N.D. N.D. 16
17 28 Nuova Zelanda Brendon Hartley Italia Scuderia Toro Rosso-Honda 1'33"025 N.D. N.D. 20[26]
18 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Renault 1'33"162 N.D. N.D. 17
19 35 Russia Sergej Sirotkin Regno Unito Williams-Mercedes 1'33"636 N.D. N.D. 18
20 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 1'33"729 N.D. N.D. 19
Tempo limite 107%: 1'37"659

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Al via Lewis Hamilton mantiene il comando della gara, mentre Sebastian Vettel tenta di passare Valtteri Bottas, ma le due vetture vanno a contatto, col finlandese che termina in testacoda. Entrambe le vetture sono danneggiate, ma possono continuare la gara. Nelle retrovie un altro incidente, tra Esteban Ocon e Pierre Gasly, costringe entrambi i piloti al ritiro. Un contatto, invece, tra Romain Grosjean e Sergio Pérez non produce grossi danni alle vetture. La direzione di gara decide per l'entrata in pista della Safety Car. Dietro a Hamilton si trovano Max Verstappen, Carlos Sainz Jr., Daniel Ricciardo, Kevin Magnussen, Charles Leclerc e Kimi Räikkönen. Dopo la sosta obbligata, sia Vettel che Bottas retrocedono in coda al gruppo.

Alla ripartenza della gara Räikkönen passa quasi subito Leclerc, mentre Vettel e Bottas iniziano la loro rimonta. Al giro 8 Räikkönen passa anche Magnussen, mentre Ricciardo ha la meglio su Sainz Jr. Ancora due giri, e Sainz Jr. è passato anche da Räikkönen. Viene nel frattempo comunicata la penalizzazione di 5 secondi per Vettel, a causa dell'incidente al via.

Il tedesco della Ferrari, che ha montato gomme soft, già al giro 20 si piazza quinto, alle spalle del suo compagno di team. Bottas, invece, è decimo. Al ventitreesimo giro un errore di Leclerc favorisce Nico Hülkenberg, che passa ottavo. Al giro 25 c'è la sosta per Max Verstappen, che rientra in gara quarto, davanti a Vettel. Un giro dopo effettua la sosta Sainz JR. La sosta di Daniel Ricciardo avviene al giro 28; l'australiano rientra dietro a Vettel.

Il leader della gara, Lewis Hamilton, attende il trentaduesimo giro per la sosta. Il britannico cede il comando della gara a Kimi Räikkönen, che si ferma dopo un giro. Il finlandese rientra dietro a Vettel, che è passato da Ricciardo. Dopo Hamilton ci sono ora le due Red Bull Racing, le due Ferrari e Valtteri Bottas. Al giro 38 Vettel cede la posizione a Räikkönen. Bottas effettua la sua seconda sosta al giro 39, ma un problema tecnico al carrello che solleva la vettura ne rallenta il rientro in gara. Dopo un giro anche Sebastian Vettel si ferma per la seconda volta, montando le gomme a mescola ultrasoft. Vettel resta quinto, mentre Bottas scala ottavo.

Al quarantasettesimo passaggio Kimi Räikkönen entra sul podio virtuale, sorpassando Daniel Ricciardo, che ha dei problemi alla power unit. Sulla Red Bull Racing vi sono anche problemi all'ala anteriore.[27] Anche un altro pilota con vettura motorizzata, Renault, Carlos Sainz Jr., evidenzia problemi alla power unit.

Al giro 49 esplode la gomma anteriore sinistra sulla Williams di Lance Stroll, all'altezza della Signes. Il pilota termina la sua gara nella grande via di fuga. La direzione di gara neutralizza il gran premio con la Virtual Safety Car, per gli ultimi giri.

Lewis Hamilton vince il suo sessantacinquesimo gran premio, davanti a Verstappen e Räikkönen, che ottiene il suo novantacinquesimo podio nel mondiale, su trenta circuiti diversi, che rappresenta il nuovo record in F1. Hamilton ottiene, invece, la vittoria nel ventitreesimo gran premio diverso, anch'esso nuovo record nel mondiale.[28][29][30]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[31] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 53 1h30'11"385 1 25
2 33 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 53 +7"090 4 18
3 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 53 +25"888 6 15
4 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-TAG Heuer 53 +34"736 5 12
5 5 Germania Sebastian Vettel Italia Ferrari 53 +1'01"935 3 10
6 20 Danimarca Kevin Magnussen Stati Uniti Haas-Ferrari 53 +1'19"364 9 8
7 77 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 53 +1'20"632 2 6
8 55 Spagna Carlos Sainz Jr. Francia Renault 53 +1'27"184 7 4
9 27 Germania Nico Hülkenberg Francia Renault 53 +1'31"989 12 2
10 16 Monaco Charles Leclerc Svizzera Sauber-Ferrari 53 +1'33"873 8 1
11 8 Francia Romain Grosjean Stati Uniti Haas-Ferrari 52 +1 giro 10
12 2 Belgio Stoffel Vandoorne Regno Unito McLaren-Renault 52 +1 giro 17
13 9 Svezia Marcus Ericsson Svizzera Sauber-Ferrari 52 +1 giro 15
14 28 Nuova Zelanda Brendon Hartley Italia Scuderia Toro Rosso-Honda 52 +1 giro 20
15 35 Russia Sergej Sirotkin Regno Unito Williams-Mercedes 52 +1 giro[32] 18
16 14 Spagna Fernando Alonso Regno Unito McLaren-Renault 50 Sospensione[33] 16
17 18 Canada Lance Stroll Regno Unito Williams-Mercedes 48 Foratura[33] 19
Rit 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 27 Pressione dell'acqua 13
Rit 31 Francia Esteban Ocon India Force India-Mercedes 0 Collisione con P. Gasly 11
Rit 10 Francia Pierre Gasly Italia Scuderia Toro Rosso-Honda 0 Collisione con E. Ocon 14

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Germania Sebastian Vettel 4
2 Regno Unito Lewis Hamilton 3
3 Australia Daniel Ricciardo 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kimi, podio meritato Verstappen scaltro, in la Repubblica, 25 giugno 2018, p. 34.
  2. ^ Roberto Chinchero, Red Bull lascia Renault: è ufficiale il passaggio nel 2019 ai motori Honda, su it.motorsport.com, 19 giugno 2018. URL consultato il 20 giugno 2018.
  3. ^ Formula 1, Spa non si tocca: Gran Premio confermato fino al 2021, su today.it, 21 giugno 2018. URL consultato il 22 giugno 2018.
  4. ^ Giulio Scrinzi, Tutte le scelte delle gomme Pirelli per il GP di Francia, su motorbox.com, 13 giugno 2018. URL consultato il 19 giugno 2018.
  5. ^ Adam Cooper, La FIA approva l'uso di gomme Pirelli lievemente diverse per 3 GP, su motorsport.com, 7 aprile 2018. URL consultato il 7 aprile 2018.
  6. ^ (EN) FORMULA 1 PIRELLI GRAND PRIX DE FRANCE 2018, su formula1.com. URL consultato il 19 giugno 2018.
  7. ^ Roberto Valenti, F1 Mercedes scioglie ogni dubbio: Hamilton e Bottas in pista con la power unit spec 2, su f1grandprix.motorionline.com, 21 giugno 2018. URL consultato il 22 giugno 2018.
  8. ^ Dal 2013 tornerà il Gp di Francia, corrieredellosport.it, 23 giugno 2012. URL consultato il 3 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2013).
  9. ^ Gp Francia 2013, fondi insufficienti, tuttosport.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 3 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2012).
  10. ^ Magny-Cours rivuole il Gp nel 2015, omnicorse.it, 20 maggio 2014. URL consultato il 20 maggio 2014.
  11. ^ F1 Da Ecclestone no a Magny Cours, confermata Baku per il 2015, formulapassion.it, 26 maggio 2014. URL consultato il 3 giugno 2014.
  12. ^ GP Francia, Ecclestone conferma: si farà, autosprint.corrieredellosport.it. URL consultato il 2 dicembre 2016.
  13. ^ Roberto Valenti, F1 Toro Rosso, Marko ammette: “Hartley fuori da Faenza? Ci abbiamo pensato”, f1grandprix.motorionline.com, 18 giugno 2018. URL consultato il 19 giugno 2018.
  14. ^ Piero Ladisa, Alonso è il quinto campione del mondo di Formula Uno a trionfare nella 24 Ore di Le Mans, f1grandprix.motorionline.com, 18 giugno 2018. URL consultato il 20 giugno 2018.
  15. ^ Franco Nugnes, Paul Ricard, Libere 1: Hamilton detta il passo, Ferrari in difficoltà, su it.motorsport.com, 22 giugno 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  16. ^ Franco Nugnes, Paul Ricard, Libere 2: Hamilton non teme il caldo e fa il vuoto, le Ferrari sono lontane, su it.motorsport.com, 22 giugno 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  17. ^ Roberto Chinchero, Sauber: l'incendio oltre al botto di Ericsson costa il cambio di telaio, motore e cambio!, su it.motorsport.com, 22 giugno 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  18. ^ Franco Nugnes, Force India: per la ruota persa da Perez c'è stata una multona FIA che è stata sospesa, su it.motorsport.com, 23 giugno 2018. URL consultato il 24 giugno 2018.
  19. ^ Franco Nugnes, Paul Ricard, Libere 3: Bottas prima della pioggia. Un acquazzone dopo appena 10 minuti, su it.motorsport.com, 23 giugno 2018. URL consultato il 24 giugno 2018.
  20. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  21. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  22. ^ Sessione di prove libere del sabato
  23. ^ (FR) D. Thys, F1 - Hamilton en pole position du Grand Prix de France, su nextgen-auto.com, 23 giugno 2018. URL consultato il 24 giugno 2018.
  24. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Pole positions-Par circuit différent-Hamilton Lewis, su statsf1.com. URL consultato il 25 giugno 2018.
  25. ^ Sessione di qualifica
  26. ^ Brendon Hartley penalizzato di 35 posizioni sulla griglia di partenza, per la sostituzione di diverse componenti della power unit.
  27. ^ Jonathan Noble, Ecco cosa si è rotto sull'ala anteriore della RB14 di Ricciardo in gara al Paul Ricard!, su it.motorsport.com, 24 giugno 2018. URL consultato il 25 giugno 2018.
  28. ^ Le Castellet - La cronaca-Hamilton dominatore assoluto, su italiaracing.net, 24 giugno 2018. URL consultato il 25 giugno 2018.
  29. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Podiums Par Circuit différent, su statsf1.com. URL consultato il 25 giugno 2018.
  30. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Victoires Par Grand Prix différent, su statsf1.com. URL consultato il 25 giugno 2018.
  31. ^ Risultati del Gran Premio
  32. ^ Sergej Sirotkin penalizzato di 5 secondi sul tempo di gara per aver guidato troppo lentamente sotto il regime di safety car.
  33. ^ a b Fernando Alonso e Lance Stroll sono classificati avendo coperto il 90% della distanza di gara.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2018
Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2008
Gran Premio di Francia
Edizione successiva:
2019
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1