Gran Premio d'Australia 1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Australia Gran Premio d'Australia 1989
484º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 16 di 16 del Campionato 1989
Adelaide (long route).svg
Data 5 novembre 1989
Luogo Circuito di Adelaide
Percorso 3.778[1] km / 2.347 US mi
Circuito cittadino
Distanza 70[1][2] giri, 264.6[1] km/ 164.290 US mi
Clima pioggia
Note Gara sospesa per diversi incidenti al 2º giro
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Giappone Satoru Nakajima
McLaren - Honda in 1:16.665[3] Lotus - Judd in 1:38.480[1]
(nel giro 64[1])
Podio
1. Belgio Thierry Boutsen
Williams - Renault
2. Italia Alessandro Nannini
Benetton - Ford Cosworth
3. Italia Riccardo Patrese
Williams - Renault

Il Gran Premio d'Australia 1989 fu il sedicesimo ed ultimo appuntamento della stagione di Formula 1 1989. Disputatosi il 5 novembre sul Circuito di Adelaide, ha visto la vittoria di Thierry Boutsen su Williams - Renault, seguito da Alessandro Nannini e da Riccardo Patrese.

Prima della gara[modifica | modifica wikitesto]

  • Dopo il controverso Gran Premio del Giappone, che aveva assegnato il titolo a Prost, l'ultima gara del Campionato si disputò in un'atmosfera molto tesa, tanto che Senna giunse ad accusare la FIA di aver manipolato l'esito del Mondiale[4].
  • Pierluigi Martini ritornò alla guida della Minardi dopo aver saltato la gara precedente per infortunio.
  • In questa gara fanno l'ultima apparizione in F1, René Arnoux che a fine stagione abbandona la F1 e Eddie Cheever che andrà a correre nelle serie automobilistiche americane.

Pre qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore/Motore Tempo
1 17 Italia Nicola Larini Italia Osella - Ford Cosworth 1:18.379
2 30 Francia Philippe Alliot Francia Lola Larrousse - Lamborghini 1:18.523
3 18 Italia Piercarlo Ghinzani Italia Osella - Ford Cosworth 1:19.153
4 37 Finlandia Jyrki Järvilehto Regno Unito Onyx - Ford Cosworth 1:19.442
NPQ 36 Svezia Stefan Johansson Regno Unito Onyx - Ford Cosworth 1:19.539
NPQ 29 Italia Michele Alboreto Francia Lola Larrousse - Lamborghini 1:20.129
NPQ 34 Germania Bernd Schneider Germania Zakspeed - Yamaha 1:20.179
NPQ 31 Brasile Roberto Moreno Italia Coloni - Ford Cosworth 1:20.183
NPQ 33 Argentina Oscar Larrauri Italia EuroBrun - Judd 1:20.750
NPQ 35 Giappone Aguri Suzuki GermaniaZakspeed - Yamaha 1:21.012
NPQ 41 Francia Yannick Dalmas Francia AGS - Ford Cosworth 1:21.022
NPQ 40 Italia Gabriele Tarquini Francia AGS - Ford Cosworth 1:21.600
NPQ 32 Italia Enrico Bertaggia Italia Coloni - Ford Cosworth 1:24.081

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Le qualifiche furono dominate come di consueto dalle due McLaren, con Senna che conquistò la tredicesima pole position stagionale davanti al compagno di squadra Prost. In terza posizione si qualificò il sorprendente Martini, abile nello sfruttare la superiorità delle gomme Pirelli da qualifica per precedere Nannini, Boutsen, Patrese, Mansell e Modena.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore/Motore Q1 Q2 Distacco[1]
1 1 Brasile Ayrton Senna Regno Unito McLaren - Honda 1:17.712 1:16.665
2 2 Francia Alain Prost Regno Unito McLaren - Honda 1:17.403 1:17.624 +0.738
3 23 Italia Pierluigi Martini Italia Minardi - Ford Cosworth 1:18.043 1:17.623 +0.958
4 19 Italia Alessandro Nannini Regno Unito Benetton - Ford Cosworth 1:18.271 1:17.762 +1.097
5 5 Belgio Thierry Boutsen Regno Unito Williams - Renault 1:17.791 1:18.586 +1.126
6 6 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Williams - Renault 1:18.636 1:17.827 +1.162
7 27 Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Ferrari 1:19.525 1:18.313 +1.648
8 8 Italia Stefano Modena Australia Brabham - Judd 1:18.750 1:20.076 +2.085
9 22 Italia Andrea De Cesaris Italia Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:18.828 1:19.487 +2.163
10 21 Italia Alex Caffi Italia Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:18.857 1:18.899 +2.192
11 17 Italia Nicola Larini Italia Osella - Ford Cosworth 1:19.305 1:19.110 +2.445
12 7 Regno Unito Martin Brundle Australia Brabham - Judd 1:19.136 1:19.428 +2.471
13 20 Italia Emanuele Pirro Regno Unito Benetton - Ford Cosworth 1:19.710 1:19.217 +2.552
14 28 Austria Gerhard Berger Italia Ferrari 1:19.238 1:20.615 +2.573
15 4 Francia Jean Alesi Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth 1:19.363 1:19.259 +2.594
16 16 Italia Ivan Capelli Regno Unito March - Judd 1:19.269 1:19.294 +2.604
17 37 Finlandia Jyrki Järvilehto Regno Unito Onyx - Ford Cosworth 1:20.767 1:19.309 +2.644
18 11 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Lotus - Judd 1:19.392 1:20.622 +2.727
19 30 Francia Philippe Alliot Francia Lola Larrousse - Lamborghini 1:19.568 1:19.579 +2.903
20 9 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Arrows - Ford Cosworth 1:19.599 1:19.622 +2.934
21 18 Italia Piercarlo Ghinzani Italia Osella - Ford Cosworth 1:19.691 1:20.718 +3.026
22 10 Stati Uniti Eddie Cheever Regno Unito Arrows - Ford Cosworth 1:19.922 1:21.206 +3.257
23 12 Giappone Satoru Nakajima Regno Unito Lotus - Judd 1:20.066 1:20.333 +3.401
24 26 Francia Olivier Grouillard Francia Ligier - Ford Cosworth 1:21.882 1:20.073 +3.408
25 15 Brasile Maurício Gugelmin Regno Unito March - Judd 1:20.191 1:20.260 +3.526
26 25 Francia René Arnoux Francia Ligier - Ford Cosworth 1:20.872 1:20.391 +3.726
Vetture non qualificate
NQ 3 Regno Unito Jonathan Palmer Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth 1:20.428 1:20.451 +3.763
NQ 24 Spagna Luis Pérez-Sala Italia Minardi - Ford Cosworth 1:20.633 1:20.866 +3.968
NQ 39 Belgio Bertrand Gachot Germania Rial - Ford Cosworth 1:22.267 1:24.913 +5.602
NQ 39 Francia Pierre-Henri Raphanel Germania Rial - Ford Cosworth 1:22.305 1:22.391 +5.640

Gara[modifica | modifica wikitesto]

La gara iniziò sotto un diluvio torrenziale; dopo una prima partenza interrotta dopo poche curve a causa di diversi incidenti, Prost si ritirò dalla manifestazione, rifiutandosi di prendere parte alla seconda procedura di partenza. Al via Senna mantenne il comando, continuando a condurre fino a quando, al 13º giro, tamponò violentemente la Brabham di Brundle, che non aveva potuto vedere per via della nube d'acqua sollevata dalla vettura dell'inglese. In prima posizione passò quindi Boutsen, che guidò il gruppo fino al traguardo, conquistando la seconda vittoria stagionale e precedendo Nannini, Patrese, Nakajima (autore del giro più veloce per la prima ed unica volta in carriera), Pirro e Martini.[4].

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos N Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Belgio Thierry Boutsen Regno Unito Williams - Renault 70 2:00:17.421 5 9
2 19 Italia Alessandro Nannini Regno Unito Benetton - Ford Cosworth 70 + 28.658 4 6
3 6 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Williams - Renault 70 + 37.683 6 4
4 12 Giappone Satoru Nakajima Regno Unito Lotus - Judd 70 + 42.331 23 3
5 20 Italia Emanuele Pirro Regno Unito Benetton - Ford Cosworth 68 + 2 giri 13 2
6 23 Italia Pierluigi Martini Italia Minardi - Ford Cosworth 67 + 3 giri 3 1
7 15 Brasile Maurício Gugelmin Regno Unito March - Judd 66 + 4 giri 25
8 8 Italia Stefano Modena Australia Brabham - Judd 64 + 6 giri 8
Rit 10 Stati Uniti Eddie Cheever Regno Unito Arrows - Ford Cosworth 42 Testacoda 22
Rit 37 Finlandia Jyrki Järvilehto Regno Unito Onyx - Ford Cosworth 27 Problemi elettrici 17
Rit 26 Francia Olivier Grouillard Francia Ligier - Ford Cosworth 22 Incidente 24
Rit 11 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Lotus - Judd 19 Collisione con P.Ghinzani 18
Rit 18 Italia Piercarlo Ghinzani Italia Osella - Ford Cosworth 18 Collisione con N.Piquet 21
Rit 27 Regno Unito Nigel Mansell Italia Ferrari 17 Incidente 7
Rit 1 Brasile Ayrton Senna Regno Unito McLaren - Honda 13 Collisione con M.Brundle 1
Rit 21 Italia Alex Caffi Italia Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 13 Incidente 10
Rit 16 Italia Ivan Capelli Regno Unito March - Judd 13 Radiatore 16
Rit 22 Italia Andrea De Cesaris Italia Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 12 Testacoda 9
Rit 7 Regno Unito Martin Brundle Australia Brabham - Judd 12 Collisione con A.Senna 12
Rit 9 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Arrows - Ford Cosworth 7 Incidente 20
Rit 30 Francia Philippe Alliot Francia Lola Larrousse - Lamborghini 6 Collisione con G.Berger 19
Rit 28 Austria Gerhard Berger Italia Ferrari 6 Collisione con P.Alliot 14
Rit 4 Francia Jean Alesi Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth 5 Problemi elettrici 15
Rit 25 Francia René Arnoux Francia Ligier - Ford Cosworth 4 Collisione con E.Cheever 26
Rit 2 Francia Alain Prost Regno Unito McLaren - Honda 1 Abbandona 2
Rit 17 Italia Nicola Larini Italia Osella - Ford Cosworth 0 Problemi elettrici 11
NQ 3 Regno Unito Jonathan Palmer Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth
NQ 24 Spagna Luis Pérez-Sala Italia Minardi - Ford Cosworth
NQ 39 Belgio Bertrand Gachot Germania Rial
NQ 38 Francia Pierre-Henri Raphanel Germania Rial - Ford Cosworth
NPQ 36 Svezia Stefan Johansson Regno Unito Onyx - Ford Cosworth
NPQ 29 Italia Michele Alboreto Francia Lola Larrousse - Lamborghini
NPQ 34 Germania Bernd Schneider Germania Zakspeed - Yamaha
NPQ 31 Brasile Roberto Moreno Italia Coloni - Ford Cosworth
NPQ 33 Argentina Oscar Larrauri Italia EuroBrun - Judd
NPQ 35 Giappone Aguri Suzuki Germania Zakspeed - Yamaha
NPQ 41 Francia Yannick Dalmas Francia AGS - Ford Cosworth
NPQ 40 Italia Gabriele Tarquini Francia AGS - Ford Cosworth
NPQ 32 Italia Enrico Bertaggia Italia Coloni - Ford Cosworth

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) 1989 Grand Prix of Australia, Teamdan.org. URL consultato il 27 marzo 2010.
  2. ^ Inizialmente programmata su una distanza di 81 giri (per un totale di 306,18 km), la gara fu interrotta allo scadere delle due ore dal via, quando erano state completate 70 tornate.
  3. ^ (EN) Australia 1989 - starting grid, statsf1.com. URL consultato il 27 marzo 2010.
  4. ^ a b (EN) Grand Prix Results: Australian GP, 1989, Grandprix.com. URL consultato il 27 marzo 2010.
  5. ^ Per la regola degli scarti, solo undici risultati per ogni pilota erano considerati validi per l'assegnazione del titolo mondiale; tra parentesi sono indicati i punti totali conquistati, fuori dalle parentesi quelli validi per il campionato.

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1, su formula1.com. URL consultato il 23 marzo 2009.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1989
Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue-vector.svg

Edizione precedente:
1988
Gran Premio d'Australia Edizione successiva:
1990
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1