Gabriele Tarquini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gabriele Tarquini
Gabriele tarquini spafrancorchamps2014.JPG
Gabriele Tarquini nel 2014 durante il WTCC sulla pista di Spa-Francorchamps
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Formula 1
FIA WTCC
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1987-1992, 1995
Scuderie Osella
Coloni
AGS
Fondmetal
Tyrrell
Miglior risultato finale 27º (1989)
GP disputati 78 (38 partenze)
Punti ottenuti 1
Palmarès
BTCC 1 campionato vinto (1994)
ETCC 1 campionato vinto (2003)
WTCC 1 campionati vinti (2009)
WTCR 1 campionati vinti (2018)
 

Gabriele Tarquini (Giulianova, 2 marzo 1962) è un pilota automobilistico italiano, campione mondiale turismo nel 2009 e vincitore della Coppa del mondo turismo nel 2018.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizi e Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Abruzzo e soprannominato fin da giovane "il Cinghiale" o "il Cinghio"[1] per il suo stile caparbio, la sua grinta e l'aggressività in corsa,[2][3] ha iniziato a correre con i kart negli anni settanta e ha vinto il campionato italiano nel 1983 e nel 1984, l'europeo nel 1983 e il mondiale nel 1984. Tra il 1985 ed il 1987 ha disputato il campionato internazionale di Formula 3000, nel quale ha ottenuto come migliori risultati alcuni piazzamenti a podio.[4]

Nel Gran Premio di San Marino 1987 ha esordito in Formula 1, alla guida di una Osella, e ha partecipato alle cinque stagioni successive, fino al 1992, con le scuderie Coloni, AGS e Fondmetal. Ha poi fatto un'ultima apparizione nel 1995 con la Tyrrell, scuderia della quale era collaudatore, come sostituto di Ukyo Katayama.[4] In totale ha preso il via in 38 Gran Premi, ha mancato la qualificazione in 15 occasioni e la pre-qualificazione in altre 25; ha colto un unico punto iridato al Gran Premio del Messico 1989, nel quale ha concluso al sesto posto in gara.

Campionati endurance e turismo[modifica | modifica wikitesto]

Tarquini al BTCC il 4 aprile 1994 su una Alfa 155 Silverstone campione a fine stagione[5]

Per quanto riguarda le competizioni riservate alle vetture a ruote coperte, ha marcato un'apparizione alla 24 Ore di Le Mans nel 1985 e nel 1987 ha esordito nel campionato mondiale turismo al volante di una Alfa Romeo 75 Turbo del team Brixia; in seguito, nelle stagioni 1989, 1990 e 1992, parallelamente all'impegno in Formula 1, ha corso con una BMW M3 nel campionato italiano superturismo.[4]

Nel 1993 fino al 1996 ha corso con una Alfa Romeo 155, auto con cui ha concluso al terzo posto il campionato italiano nel 1993 e ha vinto il campionato britannico turismo nel 1994. Dal 1997 al 2001 è passato a gareggiare con una Honda Accord nel campionato britannico, in quello tedesco e poi nell'europeo superturismo, piazzandosi terzo nell'europeo del 2001. Alla fine del 2002 è tornato con l'Alfa Romeo, con cui l'anno successivo ha vinto il Campionato Europeo Turismo e nel 2004 ha chiuso al terzo posto finale.[4]

Campionato del mondo turismo[modifica | modifica wikitesto]

Alfa Romeo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, in seguito alla trasformazione del campionato europeo turismo nel campionato del mondo turismo, Tarquini è stato confermato dall'Alfa Romeo nella nuova competizione. Le prime gare stagionali si rivelano positive, con ben tre podi in sei gare (un primo, un secondo e un terzo posto). Nella parte centrale della stagione, tuttavia, il pilota italiano ottiene diversi ritiri e piazzamenti fuori dalla zona punti (nonostante un'altra vittoria e un altro secondo posto). Per questo motivo a fine stagione si classifica in settima posizione assoluta (terzo tra i piloti Alfa Romeo).

SEAT[modifica | modifica wikitesto]

Tarquini a Okayama nel 2010

Nel novembre 2005 è stato ingaggiato dalla SEAT a partire dalla stagione successiva alla guida di una nuovissima SEAT León con specifiche Super 2000. Nella prima parte della stagione ottiene una serie di numerosi piazzamenti a punti consecutivi. Nella seconda parte di stagione, invece, i risultati peggiorano, con diversi ritiri e piazzamenti fuori dalla zona punti. Nonostante ciò, nella gara di Turchia, ha ottenuto prima il suo primo podio e poi la sua prima vittoria con la casa spagnola. A fine stagione si classifica quinto con 57 punti.

Confermato per la stagione 2007, nonostante l'anno di esperienza con la nuova vettura, non è riuscito a migliorare rispetto alla stagione precedente. Al secondo weekend stagionale, nei Paesi Bassi, ottiene la sua prima e unica vettura stagionale. Nella parte centrale di stagione ottiene innumerevoli piazzamenti a punti, ottenendo come miglior risultato un secondo posto in Germania. Per le ultime gare stagionali, inoltre, la sua vettura è stata equipaggiata con un nuovo motore diesel, ottenendo come miglior risultato un secondo posto a Macao. A fine stagione il pilota italiano si classifica ottavo con 62 punti.

Nel 2008 è stato il primo pilota SEAT a essere confermato insieme al compagno di squadra Yvan Muller. Questa stagione sarà letteralmente dominata dalle vetture spagnole, che vinceranno titolo piloti e titolo costruttori con ampio vantaggio. Più nello specifico, Tarquini ottiene una vittoria, un secondo e un terzo posto nelle prime 5 gare, per poi ottenere un'altra vittoria in Repubblica Ceca e una vittoria e un secondo posto in Italia. Una serie di piazzamenti non a punti nella parte centrale di stagione, tuttavia, non gli permettono di aggiudicarsi il titolo, facendolo classificare secondo assoluto con 88 punti proprio dietro a Muller.

Confermato anche per il 2009, durante questa stagione ottiene i suoi migliori risultati in carriera nel WTCC. Nella prima parte della stagione ottiene diversi piazzamenti a punti, tra i quali una vittoria in Brasile e un secondo posto in Marocco. La seconda parte, tuttavia, si rivelerà decisiva: il pilota italiano ottiene infatti due vittorie (in Portogallo e in Italia) e ben otto podi. Grazie a questi risultati riesce ad aggiudicarsi la vittoria finale con 127 punti (4 di vantaggio sul secondo classificato Muller)[4]. Questa vittoria gli ha anche permesso di stabilire il record di pilota più anziano a vincere un campionato del mondo FIA, che precedentemente apparteneva a Juan Manuel Fangio fin dal 1957[6].

Nel 2010 la SEAT ha annunciato il suo ritiro dal WTCC, pur rimanendo nel campionato fornendo il suo supporto alla SUNRED Engineering. Nonostante alcuni problemi economici iniziali, Tarquini è stato confermato dalla nuova scuderia spagnola avendo così la possibilità di difendere il suo titolo. Con il nuovo team semiufficiale, il pilota italiano ha comunque ottenuto ottime prestazioni, ottenendo vittorie in Brasile, Marocco, Belgio, Portogallo e Spagna, oltre a diversi podi nel corso della stagione. Nonostante ciò è stato costretto ad accontentarsi del secondo posto finale con 276 punti, dietro allo storico rivale Muller, passato nel frattempo alla Chevrolet.

Viene confermato dalla SUNRED Engineering anche per il 2011. Rispetto alla stagione precedente, tuttavia, ottiene risultati nettamente inferiori, soprattutto a causa della scarsa competitività della sua vettura rispetto ai principali rivali. Nonostante l'ottenimento di un nuovo motore da 1,6 litri sviluppato dalla SUNRED i risultati non migliorano e il pilota italiano si classifica solo quinto con una vittoria (in Belgio) e cinque podi.

Nel 2012 la SEAT ha preparato una nuova vettura per il WTCC, valutando di tornare a impegno pieno a partire dal 2013. Per questa stagione, Tarquini viene ingaggiato dal Lukoil Racing Team, scuderia supportata dalla SEAT, avendo così la possibilità di debuttare sulla nuova León. La stagione, seppur non negativa, si rivela al livello della precedente. La prima e unica vittoria arriva al quarto weekend stagionale, in Slovacchia. Oltre a ciò arrivano ben sei podi (in Italia, Slovacchia, Portogallo, Brasile, Stati Uniti e Giappone). Nonostante ciò l'enorme divario tra le Chevrolet e tutte le altre vetture (compresa quella di Tarquini) gli permette di classificarsi solo quarto con 252 punti, rivelandosi comunque il migliore tra i piloti non Chevrolet.

Honda[modifica | modifica wikitesto]

Tarquini al WTCC 2013 nel Gran Premio di Giappone a su una Honda Civic WTCC

Nel 2013, con il definitivo disimpegno della SEAT, viene ingaggiato insieme al suo compagno di squadra Tiago Monteiro, tornando così a essere un pilota ufficiale a tutti gli effetti. Con la nuova vettura ha riacquistato la competitività che gli era mancata nelle ultime stagioni, ottenendo due vittorie, in Slovacchia e Stati Uniti e sei podi. Nonostante ciò, non riesce ancora a vincere il titolo, classificandosi al secondo posto con 242 punti dietro a Muller.

Nel 2014, con l'introduzione delle nuove specifiche TC1 e il ritiro della Chevrolet, la Honda si è candidata, insieme alla nuova entrante Citroën, come principale favorita alla vittoria finale. Le vetture francesi, tuttavia, hanno mostrato fin da subito un ritmo nettamente superiore a tutti gli avversari. Nonostante la Honda Civic WTCC avesse messo in mostra buone prestazioni, Tarquini si classifica al sesto posto con 182 punti, dietro alle tre Citroën, alla Honda privata di Norbert Michelisz e al compagno di squadra Monteiro. Nel corso della stagione ha ottenuto una vittoria, in Giappone, e tre podi.

Confermato anche per il 2015, disputa una stagione simile alla precedente. Nonostante infatti riesca quasi sempre a chiudere a punti, la sua vettura si dimostra ancora una volta inferiore alle Citroën. A fine stagione si classifica quinto con 197, migliorandosi leggermente rispetto alla stagione e arrivando primo tra i piloti non Citroën. Questa stagione, tuttavia, è stata la prima e unica nella sua carriera nel WTCC nella quale non ha ottenuto nemmeno una vittoria.

Lada[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017, nonostante nel corso della stagione precedente fosse stato il migliore tra i piloti Honda, il costruttore giapponese ha scelto di non rinnovargli il contratto, scegliendo al suo posto Robert Huff. Qualche giorno dopo, tuttavia, è stato ingaggiato dalla Lada per sostituire proprio Huff. Con la casa russa si ritrova tuttavia a correre con una vettura nettamente meno competitiva rispetto agli anni precedenti. Nonostante ciò riesce a ottenere ben due vittorie (in Russia e Qatar) e due podi nel corso della stagione, classificandosi nono assoluto. A fine anno, nonostante fosse sotto contratto con la Lada anche per il 2017, si è ritrovato improvvisamente senza un sedile.

Non avendo trovato una nuova scuderia, è stato ingaggiato dalla Hyundai come collaudatore della sua vettura con specifiche TCR, che avrebbe dovuto debuttare nel 2018. Nel corso dell'anno è inoltre riuscito a disputare una gara nel WTCC, facendo ritorno alla Honda in Cina in sostituzione dell'infortunato Monteiro. Nel corso del weekend ha ottenuto un quinto e un quarto posto, ma è stato in seguito squalificato insieme ai suoi compagni di squadra a causa di un'irregolarità sugli iniettori della sua vettura.

Coppa del mondo turismo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018, in seguito alla fusione tra campionato del mondo turismo e TCR International Series nella coppa del mondo turismo, è stato confermato dalla Hyundai per il nuovo campionato, avendo così la possibilità di tornare a competere nella massima serie per vetture turismo. Non potendo per regolamento i costruttori competere in maniera diretta, è stato ingaggiato dal BRC Racing Team, scuderia supportata dalla casa coreana. Ritrovatosi su una delle vetture più competitive del campionato, ha subito mostrato una grande competitività, vincendo due gare su tre nel primo weekend stagionale. Nonostante un calo nella parte centrale della stagione dovuto a un cambio di BoP sulle Hyundai, il pilota italiano si è mantenuto in testa alla classifica per gran parte della stagione, ritrovandosi ancora una volta a battagliare con lo storico rivale Yvan Muller, anch'egli su Hyundai. Nonostante una non molto positiva prestazione nell'ultima gara stagionale, a Macao, Tarquini è riuscito infine ad aggiudicarsi il suo quarto titolo in carriera all'età di 56 anni[7].

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Accanto all'attività di pilota, ha anche lavorato per diverso tempo nel ruolo di commentatore tecnico dei Gran Premi di Formula 1 dapprima per TELE+[8] e in seguito per Sky Sport.[9]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

1987 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Mexico.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Osella FA1G Rit 0
1988 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Coloni FC188 / FC188B Rit Rit Rit 14 8 NPQ NPQ NPQ NPQ 13 NC NQ 11 NPQ NPQ NQ 0
1989 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
AGS JH23B / JH24 8 Rit 6 7 Rit Rit NQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ 1 27º
1990 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
AGS JH24 / JH25 NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NQ Rit NPQ 13 NQ NQ NQ Rit NQ Rit 0
1991 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
AGS e Fondmetal[10] JH25/JH25B/JH27 e F1 8 Rit NQ Rit NQ NQ NQ NQ NQ NPQ NPQ NPQ NQ 12 11 NPQ 0
1992 Scuderia Vettura Flag of South Africa (1928–1994).svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Fondmetal GR01 / GR02 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 14 Rit Rit Rit Rit 0
1995 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Tyrrell 023 14 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Campionato britannico turismo[modifica | modifica wikitesto]

(legenda)(Le gare in grassetto indicano la pole position) (Gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Scuderia Vettura 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 Pos. Punti
1994 Alfa Corse Alfa Romeo 155 TS THR
1
BRH
1

1
BRH
2

1
SNE
1
SIL
1

1
SIL
2

NP
OUL
1

NP
DON
1

3
DON
2

NP
BRH
3

1
BRH
4

1
SIL
3

2
KNO
1

Rit
KNO
2

NP
OUL
2

3
BRH
3

2
BRH
4

2
SIL
4

2
SIL
5

1
DON
3

Rit
DON
4

4
298
1995 Alfa Romeo Old Spice Racing Alfa Romeo 155 TS DON
1

DON
2

BRH
1

BRH
2

THR
1

THR
2

SIL
1

SIL
2

OUL
1

11
OUL
2

Rit
BRH
3

BRH
4

DON
3

DON
4

SIL
3

KNO
1

Rit
KNO
2

8
BRH
5

Rit
BRH
6

4
SNE
1

4
SNE
2

Rit
OUL
3

4
OUL
4

13
SIL
4

Rit
SIL
5

15
16° 33
1997 Team Honda Sport Honda Accord DON
1

7
DON
2

4
SIL
1

5
SIL
2

15
THR
1

2
THR
2

1
BRH
1

6
BRH
2

2
OUL
1

Rit
OUL
2

Rit
DON
3

Rit
DON
4

6
CRO
1

Rit
CRO
2

Rit
KNO
1

7
KNO
2

3
SNE
1

Rit
SNE
2

3
THR
1

4
THR
2

4
BRH
3

Rit
BRH
4

7
SIL
3

4
SIL
4

3
130
1999 Team Honda Sport Honda Accord DON
1

DON
2

SIL
1

SIL
2

THR
1

THR
2

BRH
1

BRH
2

OUL
1

OUL
2

DON
3

DON
4

CRO
1

CRO
2

SNE
1

SNE
2

THR
3

THR
4

KNO
1

2
KNO
2

6
BRH
3

Rit
BRH
4

Rit
OUL
3

OUL
4

SIL
3

SIL
4

14° 17
2000 Redstone Team Honda Honda Accord BRH
1

9
BRH
2

6
DON
1

4
DON
2

2
THR
1

Rit
THR
2

5
KNO
1

Rit
KNO
2

1
OUL
1

9
OUL
2

8
SIL
1

5
SIL
2

2
CRO
1

6
CRO
2

Rit
SNE
1

6
SNE
2

7
DON
3

6
DON
4

1
BRH
3

9
BRH
4

10
OUL
3

2
OUL
4

1
SIL
3

Rit
SIL
4

6
149

Campionato internazionale turismo[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Scuderia Vettura 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 Pos. Punti
1996 JAS Motorsport Alfa Romeo Alfa Romeo 155 V6 TI HOC
1

Rit
HOC
2

NP
NÜR
1

10
NÜR
2

5
EST
1

Rit
EST
2

14
HEL
1

Rit
HEL
2

NP
NOR
1

Rit
NOR
2

NP
DIE
1

20
DIE
2

NP
SIL
1

2
SIL
2

1
NÜR
3

Rit
NÜR
4

17
MAG
1

15†
MAG
2

Rit
MUG
1

13
MUG
2

6
HOC
1

4
HOC
2

Rit
INT
1

Rit
INT
2

NP
SUZ
1

NP
SUZ
2

Rit
14° 60

Super Tourenwagen Cup[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Scuderia Vettura 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Pos. Punti
1998 JAS Team Honda Sport Honda Accord HOC
1

7
HOC
2

11
NÜR
1

8
NÜR
2

Rit
SAC
1

5
SAC
2

4
NOR
1

5
NOR
2

7
LAH
1

3
LAH
2

1
WUN
1

Rit
WUN
2

NP
ZWE
1

4
ZWE
2

22
SAL
1

5
SAL
2

4
OSC
1

16
OSC
2

12
NÜR
3

21
NÜR
4

9
335
1999 JAS Team Honda Sport Honda Accord SAC
1

8
SAC
2

7
ZWE
1

7
ZWE
2

3
OSC
1

3
OSC
2

5
NOR
1

16
NOR
2

NP
MIS
1

4
MIS
2

3
NÜR
1

2
NÜR
2

3
SAL
1

Rit
SAL
2

6
OSC
3

1
OSC
4

2
HOC
1

6
HOC
2

6
NÜR
3

11
NÜR
4

3
470

Campionato europeo turismo[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Scuderia Vettura 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Pos. Punti
2000 JAS Engineering Honda Accord MUG
1

MUG
2

PER
1

PER
2

A1R
1

A1R
2

MON
1

MON
2

HUN
1

HUN
2

IMO
1

IMO
2

MIS
1

MIS
2

BRN
1

BRN
2

VAL
1

7
VAL
2

NP
MOB
1

11
MOB
2

6
16° 10
2001 JAS Engineering Italia IP Honda Accord MON
1

Rit
MON
2

1
BRN
1

Rit
BRN
2

3
MAG
1

1
MAG
2

Rit
SIL
1

1
SIL
2

1
ZOL
1

1
ZOL
2

14
HUN
1

2
HUN
2

4
A1R
1

1
A1R
2

1
NÜR
1

2
NÜR
2

2
JAR
1

1
JAR
2

1
EST
1

2
EST
2

Rit
579
2002 GTA Racing Team Nordauto Alfa Romeo 156 GTA MAG
1

MAG
2

SIL
1

SIL
2

BRN
1

BRN
2

JAR
1

JAR
2

AND
1

AND
2

OSC
1

OSC
2

SPA
1

SPA
2

PER
1

PER
2

DON
1

3
DON
2

7
EST
1

EST
2

14° 4
2003 GTA Racing Team Nordauto Alfa Romeo 156 GTA VAL
1

1
VAL
2

4
MAG
1

4
MAG
2

Rit
PER
1

3
PER
2

1
BRN
1

6
BRN
2

4
DON
1

1
DON
2

17
SPA
1

1
SPA
2

14
AND
1

Rit
AND
2

NP
OSC
1

2
OSC
2

5
EST
1

1
EST
2

1
MON
1

4
MON
2

3
107
2004 AutoDelta Squadra Corse Alfa Romeo 156 MON
1

1
MON
2

Rit
VAL
1

1
VAL
2

2
MAG
1

5
MAG
2

2
HOC
1

Rit
HOC
2

6
BRN
1

9
BRN
2

Rit
DON
1

3
DON
2

2
SPA
1

5
SPA
2

4
IMO
1

1
IMO
2

1
OSC
1

Rit
OSC
2

NP
DUB
1

1
DUB
2

1
106

Campionato del mondo turismo[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Scuderia Vettura 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Pos. Punti
2005 Alfa Romeo Racing Team Alfa Romeo 156 ITA
1

2
ITA
2

Rit
FRA
1

4
FRA
2

8
GBR
1

1
GBR
2

3
RSM
1

15
RSM
2

10
MES
1

2
MES
2

4
BEL
1

4
BEL
2

17†
GER
1

13
GER
2

14
TUR
1

7
TUR
2

1
SPA
1

16
SPA
2

23†
MAC
1

NP
MAC
2

NP
55
2006 SEAT Sport SEAT León ITA
1

5
ITA
2

6
FRA
1

4
FRA
2

5
GBR
1

6
GBR
2

4
GER
1

4
GER
2

7
BRA
1

4
BRA
2

5
MES
1

10
MES
2

8
CEC
1

Rit
CEC
2

10
TUR
1

3
TUR
2

1
SPA
1

24†
SPA
2

NP
MAC
1

11
MAC
2

Rit
57
2007 SEAT Sport SEAT León BRA
1

4
BRA
2

5
OLA
1

7
OLA
2

1
SPA
1

Rit
SPA
2

24†
FRA
1

19
FRA
2

12
CEC
1

7
CEC
2

4
POR
1

4
POR
2

7
SVE
1

5
SVE
2

7
GER
1

2
GER
2

7
GBR
1

10
GBR
2

Rit
ITA
1

6
ITA
2

Rit
MAC
1

2
MAC
2

14
62
2008 SEAT Sport SEAT León TDI BRA
1

5
BRA
2

1
MES
1

5
MES
2

3
SPA
1

2
SPA
2

5
FRA
1

5
FRA
2

4
CEC
1

6
CEC
2

1
POR
1

13
POR
2

11
GBR
1

7
GBR
2

5
GER
1

24
GER
2

16
EUR
1

5
EUR
2

Rit
ITA
1

2
ITA
2

1
GPN
1

10
GPN
2

Rit
MAC
1

7
MAC
2

12†
88
2009 SEAT Sport SEAT León TDI BRA
1

4
BRA
2

1
MES
1

6
MES
2

8
MAR
1

2
MAR
2

5
FRA
1

12
FRA
2

6
SPA
1

3
SPA
2

3
CEC
1

3
CEC
2

5
POR
1

1
POR
2

Rit
GBR
1

4
GBR
2

3
GER
1

2
GER
2

3
ITA
1

1
ITA
2

2
GPN
1

5
GPN
2

7
MAC
1

2
MAC
2

5
127
2010 SR-Sport SEAT León TDI BRA
1

4
BRA
1

1
MAR
1

1
MAR
2

6
ITA
1

7
ITA
2

20†
BEL
1

1
BEL
1

6
POR
1

3
POR
1

1
GBR
1

4
GBR
2

3
CEC
1

2
CEC
2

18†
GER
1

Rit
GER
2

9
SPA
1

1
SPA
2

3
GIA
1

5
GIA
2

Rit
MAC
1

4
MAC
2

2
276
2011 Lukoil – SUNRED SUNRED SR León 1.6T BRA
1

7
BRA
2

6
BEL
1

4
BEL
2

1
ITA
1

Rit
ITA
2

10
UNG
1

6
UNG
2

3
CEC
1

NC
CEC
2

6
POR
1

5
POR
2

7
GBR
1

5
GBR
2

7
GER
1

3
GER
2

3
SPA
2

17†
SPA
2

4
GIA
1

9
GIA
2

Rit
CIN
1

NC
CIN
2

2
MAC
1

3
MAC
2

4
204
2012 Lukoil Racing Team SEAT León WTCC ITA
1

3
ITA
2

Rit
SPA
1

2
SPA
2

9
MAR
1

11
MAR
2

Rit
SLO
1

1
SLO
2

3
UNG
1

Rit
UNG
2

6
AUS
1

4
AUS
2

16
POR
1

2
POR
2

19†
BRA
1

4
BRA
2

3
USA
1

4
USA
2

3
GIA
1

4
GIA
2

3
CIN
1

5
CIN
2

6
MAC
1

4
MAC
2

20†
252
2013 Castrol Honda World Touring Car Team Honda Civic WTCC ITA
1

4
ITA
2

3
MAR
1

2
MAR
2

Rit
SVC
1

1
SVC
2

3
UNG
1

3
UNG
2

Rit
AUT
1

12
AUT
2

8
RUS
1

6
RUS
2

7
POR
1

Rit
POR
2

20
ARG
1

4
ARG
2

2
USA
1

6
USA
2

1
GPN
1

27†
GPN
2

4
CIN
1

7
CIN
2

2
MAC
1

NP
MAC
2

8
242
2014 Castrol Honda World Touring Car Team Honda Civic WTCC MAR
1

NP
MAR
2

NP
FRA
1

3
FRA
2

4
UNG
1

4
UNG
2

8
SVC
1

8
SVC
2

C
AUT
1

8
AUT
2

2
RUS
1

2
RUS
2

Rit
BEL
1

8
BEL
2

8
ARG
1

8
ARG
2

4
PEC
1

16†
PEC
2

10
CIN
1

6
CIN
2

Rit
GPN
1

6
GPN
2

1
MAC
1

3
MAC
2

NP
182
2015 Castrol Honda World Touring Car Team Honda Civic WTCC ARG
1

5
ARG
2

4
MAR
1

7
MAR
2

5
UNG
1

SQ
UNG
2

13
GER
1

6
GER
2

4
RUS
1

3
RUS
2

Rit
SVC
1

6
SVC
2

4
FRA
1

8
FRA
2

5
POR
1

4
POR
2

3
GPN
1

3
GPN
2

12
CIN
1

Rit
CIN
2

2
THA
1

5
THA
2

5
QAT
1

15
QAT
2

7
197
2016 Lada Sport Rosneft Lada Vesta WTCC FRA
1

Rit
FRA
2

Rit
SVC
1

4
SVC
2

13
UNG
1

5
UNG
2

Rit
MAR
1

4
MAR
2

3
GER
1

7
GER
2

9
RUS
1

1
RUS
2

2
POR
1

12
POR
2

13
ARG
1

14
ARG
2

13
GPN
1

10
GPN
2

10
CIN
1

16†
CIN
2

5
QAT
1

1
QAT
2

7
147
2017 Castrol Honda World Touring Car Team Honda Civic WTCC MAR
1

MAR
2

ITA
1

ITA
2

UNG
1

UNG
2

GER
1

GER
2

POR
1

POR
2

ARG
1

ARG
2

CIN
1

SQ
CIN
2

SQ
GPN
1

GPN
2

MAC
1

MAC
2

QAT
1

QAT
2

NC 0

Coppa del mondo turismo[modifica | modifica wikitesto]

Anno Scuderia Vettura 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Pos. Punti
2018 BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR MAR
1

1
MAR
2

19†
MAR
3

1
UNG
1

6
UNG
2

4
UNG
3

1
GER
1

Rit
GER
2

Rit
GER
3

NP
OLA
1

Rit
OLA
2

19
OLA
3

18
POR
1

4
POR
2

9
POR
3

2
SVC
1

3
SVC
2

1
SVC
3

Rit
NIN
1

4
NIN
2

Rit
NIN
3

2
WUH
1

17
WUH
2

NC
WUH
3

13
GPN
1

8
GPN
2

5
GPN
3

1
MAC
1

4
MAC
2

Rit
MAC
3

10
306

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tarquini conquista il Mondiale a 56 anni, in Il Centro. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  2. ^ Tarquini VS Valente: le scintille proseguono! - WTCC News. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  3. ^ Hugo Valente elogia Gabriele Tarquini, in Eurosport, 18 febbraio 2016. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  4. ^ a b c d e (EN) Tarquini - A Historic World Champion, TouringCarTimes, 24 novembre 2009.
  5. ^ (EN) Road cars of Touring Car Racing – Alfa Romeo 155 – TouringCarTimes, su www.touringcartimes.com. URL consultato il 17 giugno 2017.
  6. ^ (EN) Tarquini: experience and consistency, fiawtcc.it, 23 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  7. ^ WTCR | La Hyundai con Tarquini ne vince due su tre in Marocco, su motorsport.motorionline.com. URL consultato l'11 giugno 2018.
  8. ^ Zanardi torna in F1 sugli schermi di Tele+ «Ma sogno Daytona», Corriere della Sera, 28 febbraio 2003 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2014).
  9. ^ Rai e Sky, sfida per la «pole» televisiva, Corriere della Sera, 13 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2014).
  10. ^ Con la Fondmetal dal GP di Spagna.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]