Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Charles Victoire Emmanuel Leclerc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Charles Leclerc)
Charles Victoire Emmanuel Leclerc

Charles Victoire Emmanuel Leclerc (Pontoise, 17 marzo 1772Haiti, 2 novembre 1802) è stato un generale francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrato volontario nell'esercito rivoluzionario francese come sottotenente nel 1791, combatté nell'armata del Reno e poi in quella d'Italia.

Combatté poi agli ordini del generale Dugommier nell'assedio di Tolone, ove divenne amico di Napoleone I e ne sposò la sorella Paolina (14 giugno 1797). Prese parte alla prima Campagna d'Italia a Castiglione e Rivoli poi a Roma nel 1798 e divenne generale di divisione nel 1799.

Victor Emanuel Leclerc

Tornato a Parigi lo stesso anno, partecipò al colpo di Stato del 18 brumaio, aiutando il cognato Napoleone (insieme all'altro futuro cognato Gioacchino Murat) a costringere il Consiglio dei Cinquecento ad eleggerlo Primo Console.

Venne inviato alla fine del 1801 a Saint-Domingue, dove sbarcò il 1º febbraio 1802 al comando di un contingente di 24.000 uomini, per combattere Toussaint Louverture, che dopo aver domato la rivolta dei mulatti, s'era proclamato presidente a vita di Santo Domingo. L'operazione, pur a prezzo di ingenti perdite umane, riuscì: Toussaint Louverture venne tradotto prigioniero in Francia, ma Leclerc morì ad Haiti per aver contratto la febbre gialla. Lasciò alla moglie una grossa somma di denaro.[1] Fu sostituito da Donatien-Marie-Joseph de Rochambeau.

La bara fu ricondotta in Francia sullo Swiftsure, che il 16 gennaio 1803 fece il proprio ingresso nel porto di Tolone. Ebbe esequie solenni a Marsiglia e fu sepolto, secondo la sua volontà, a Montgobert, cittadina presso Soissons, di cui era originario.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A.Lequiante, Un hiver à Paris sous le Consulat, 1802-1803, d'après les lettres de J.F.Reichardt, Paris, 1896, p.258
  2. ^ H.D'Alméras, Paolina Bonaparte, Milano, Dall'Oglio, 1964, pp.102-103

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN49322929 · LCCN: (ENn87822651 · ISNI: (EN0000 0000 8127 7861 · GND: (DE118973290 · BNF: (FRcb124639179 (data) · CERL: cnp00543809