Williams FW16

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Williams FW16
Williams FW16.jpg
La FW16 di Damon Hill.
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Williams F1
Categoria Formula 1
Squadra Williams F1
Progettata da Patrick Head, Adrian Newey
Sostituisce Williams FW15C
Sostituita da Williams FW17
Descrizione tecnica
Meccanica
Motore Renault-Williams WS6 67º V10
Trasmissione Cambio Williams trasversale a 6 marce semi-automatico
Altro
Avversarie Benetton B194
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio del Brasile 1994
Piloti 0. Damon Hill
2. Ayrton Senna
Nigel Mansell
David Coulthard
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
16 7 6 8
Campionati costruttori 1

La Williams FW16 è un'automobile monoposto sportiva di Formula 1 costruita dalla Williams per partecipare al Campionato mondiale di Formula 1 1994. Al confermato Damon Hill venne affiancato Ayrton Senna, poi sostituito da David Coulthard e Nigel Mansell.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

In vista del 1994 la FIA modificò il regolamento tecnico vigente, vietando ogni forma di aiuto elettronico sulle monoposto, pertanto la FW16 non disponeva più delle sospensioni attive. Un'ulteriore novità venne rappresentata dalla reintroduzione dei rifornimenti in gara, pertanto la nuova vettura disponeva di un serbatoio più piccolo. Tali modifiche resero le vetture decisamente più difficili da guidare, tanto che lo stesso Ayrton Senna manifestò una certa preoccupazione riguardo alla sicurezza delle stesse: il brasiliano, che aveva finalmente raggiunto la scuderia di Grove dopo gli anni trascorsi in McLaren nella speranza di conquistare il suo quarto titolo, perse la vita a causa di un incidente occorso al Gran Premio di San Marino, costringendo i vertici della Formula 1 a porre numerose modifiche atte ad aumentare la sicurezza. Le fiancate sono più alte della precedente vettura. La versione B, impiegata a partire dal Gran Premio di Germania, si caratterizzava per delle fiancate più corte e per un passo più lungo rispetto alla versione originale; inoltre venne interamente riprogettato il retrotreno, a causa delle nuove normative imposte dalla FIA dopo la tragedia di Imola.

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

Prima del tragico episodio di Imola, il pilota brasiliano aveva conquistato la pole position in tutti e tre i Gran Premi a cui aveva preso parte, compreso quello di San Marino. A causa della scomparsa di Senna e della perdita di competitività della Williams, Michael Schumacher, vincitore delle prime quattro gare stagionali, guadagnò un ampio margine in classifica prima che una squalifica comminatagli dopo il Gran Premio di Gran Bretagna diede inizio alla rimonta di Damon Hill, culminata in Giappone dove il pilota britannico si portò ad un solo punto dal rivale tedesco della Benetton. All'ultimo appuntamento, in programma ad Adelaide, i due contendenti al titolo furono entrambi costretti al ritiro dopo che Schumacher, autore di un'uscita di pista, rientrò in pista proprio davanti a Hill, che nel tentativo di superarlo lo tamponò. Il tedesco andò a sbattere contro le barriere di protezione mentre Hill cercò di proseguire fino ai box per riparare la vettura, ma il danno subito alla sospesione anteriore sinistra era troppo grave per permettergli di proseguire. L'incidente tra i due contendenti al titolo non mutò pertanto la classifica e Schumacher si laureò campione del mondo con un punto di vantaggio su Hill. Sempre in questa gara, Nigel Mansell conquista l'ultima vittoria della sua carriera. Pur avendo perso il campionato riservato ai piloti, la Williams vinse il terzo Mondiale Costruttori consecutivo.

Risultati F1[modifica | modifica wikitesto]

(Legenda) (I risultati in Grassetto indicano una pole position; i risultati in Corsivo indicano un giro più veloce)

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1994 Williams Renault V10 G Regno Unito D.Hill 2 Rit 6 Rit 1 2 2 1 8 2 1 1 1 2 1 Rit 118
Brasile A.Senna Rit Rit Rit
Regno Unito Mansell Rit Rit 4 1
Regno Unito Coulthard Rit 5 5 Rit Rit 4 6 2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1