Mercedes F1 W07 Hybrid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mercedes F1 W07 Hybrid
Hamilton - 2016 Monaco GP 02.jpg
Hamilton alla guida della W07 Hybrid durante il Gran Premio di Monaco 2016
Descrizione generale
Costruttore Germania  Mercedes AMG F1
Categoria Formula 1
Squadra Mercedes-AMG Petronas F1 Team
Progettata da Aldo Costa
Geoff Willis
Paddy Lowe
Sostituisce Mercedes F1 W06
Sostituita da Mercedes AMG F1 W08 EQ Power+
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Fibra di carbonio con struttura a nido d'ape
Motore Mercedes PU106C Hybrid V6 turbo 1600 cc
Trasmissione cambio sequenziale a 8 rapporti + RM, trazione posteriore
Dimensioni e pesi
Lunghezza 5000 mm
Larghezza 1800 mm
Altezza 950 mm
Passo 3600 mm
Peso 702 kg
Altro
Carburante Petronas
Pneumatici Pirelli
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 2016
Piloti 44. Regno Unito Lewis Hamilton
6. Germania Nico Rosberg
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
21 19 20 9
Campionati costruttori 1 (2016)
Campionati piloti 1 (2016) con Nico Rosberg

La Mercedes F1 W07 Hybrid è una monoposto di Formula 1 realizzata dalla Mercedes, per gareggiare nel campionato mondiale di Formula 1 2016. È stata l'assoluta dominatrice della stagione 2016, con 19 vittorie, 33 podi, 20 pole position (tutti e tre record in una stagione), 8 doppiette e 9 giri veloci in 21 gare, consacrando di fatto la W07 Hybrid come una delle monoposto più vincenti di questa disciplina sportiva.

Livrea[modifica | modifica wikitesto]

La colorazione rimane la classica delle monoposto Mercedes precedenti. Il colore predominante è il grigio con le fiancate di un azzurro più evidente per risaltare lo sponsor Petronas che ora appare anche ai lati dell'abitacolo, in conseguenza dell'abbandono dello sponsor BlackBerry. Rispetto alla Mercedes F1 W06 è messa in risalto maggiormente la presenza del colore nero.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La monoposto è sostanzialmente simile a quella dello scorso anno. La parte anteriore ricalca quella della precedente monoposto. Nella prima parte del mondiale il muso viene modificato due volte (viene appuntito e con i sostegni ravvicinati) per ospitare meglio l'S-Duct. I deviatori sono cambiati per indirizzare meglio i flussi aria sotto la monoposto nella zona centrale dove si trova lo scalino di legno. Inoltre per migliorare l’andamento del flusso aria sotto la vettura ci sono anche nuovi deflettori laterali. La presa d'aria situata sopra la testa il pilota è stata maggiorata e presenta un aspetto ovoidale ed è stato suddiviso in più zone. Modificato anche il sostegno tra cockpit e airscope ora curvo e non rettilineo come nel 2015. Per quanto riguarda gli i deviatori di flusso a lato e al di sopra delle pance, Mercedes ha inserito ora un ponte anche nella parte centrale e interna di tali componenti aerodinamici. Tutto ciò per migliorare la qualità del flusso in arrivo dapprima sulle pance, e poi nella parte posteriore della vettura.

La Mercedes ha lavorato molto anche sulla disposizione dei radiatori all’interno delle pance e del cofano motore; si può infatti notare come anche Mercedes ora si chiuda prima verso l’interno nella parte bassa per cercare di liberare gran parte della zona centrale del fondo al di sotto del cambio. Tutto ciò viene fatto per massimizzare la portata di aria nella parte centrale del diffusore, parte fondamentale per la corretta generazione di carico aerodinamico al posteriore.

Le modifiche più evidenti si notano nella parte posteriore. Le fiancate presentano un diverso disegno e durante la stagione adottano una soluzione svasata; inoltre il posteriore è stato snellito e presenta dimensioni minori per ottimizzare i flussi aerodinamici.[1]

Al cofano motore sono state apportate modifiche nella parte della pinna, componente utile a stabilizzare il flusso diretto verso l’ala posteriore che ora risulta essere meno accentuata e anche alla fine dove sono state modificate leggermente le feritoie di sfogo dell’aria calda. I tubi di scarico sono tre, due dei quali dedicati all’espulsione dei gas di scarico proveniente dalla valvola wastegate.

Sviluppi stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Il team ha continuato a migliorare la F1 W07 Hybrid nel corso della stagione. L'S-duct rimane sviluppato da Mercedes per migliorare l'efficienza del flusso d'aria dalla parte anteriore della vettura al retro del telaio senza grosse interruzioni. Per il Gran Premio del Canada sono stati apportati numerosi miglioramenti tra cui dei nuovi turning vanes sotto il telaio e delle modifiche all'ala anteriore per migliorare il flusso d'aria all'esterno delle ruote della vettura. È stata introdotta in occasione del la gara canadese anche una nuova ala posteriore per consentire velocità massime superiori ai 350 chilometri orari riducendo la resistenza, producendo un carico aerodinamico maggiore.

Mercedes ha provato un design innovativo durante il Gran Premio di Singapore con il terzo elemento di sospensione idraulico alloggiato trasversalmente nella paratia del telaio superiore. I dischi dei freni rivisti con superficie concava sono stati sviluppati durante la stagione, dissipando il calore in modo efficiente e mantenendo costanti le temperature dei pneumatici.

Scheda tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Mercedes F1 W07 Hybrid
F1 - Mercedes AMG - Nico Rosberg (28549724736).jpg
Configurazione
Carrozzeria: monoposto Posizione motore: posteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 5000 × 1800 × 950 Diametro minimo sterzata:
Posti totali: 1 Bagagliaio: Serbatoio: 100 kg = 140 l
Masse / in ordine di marcia: 702  kg
Meccanica
Tipo motore: Mercedes-Benz PU106C Hybrid V6 90° Cilindrata: 1 600 c cm³
Distribuzione: pneumatica Alimentazione: 500 bar – diretta
Prestazioni motore Potenza: 840 CV + 160 del sistema ERS
Accensione: elettronica Magneti Marelli statica Impianto elettrico: Magneti Marelli
Frizione: multidisco Cambio: longitudinale Mercedes, 8 marce + retromarcia, con comando semiautomatico elettronico sequenziale
Telaio
Corpo vettura in materiale composito a nido d'ape con fibra di carbonio
Sospensioni anteriori: indipendenti a tirante e molla di torsione anteriore/posteriore / posteriori: indipendenti a tirante e molla di torsione anteriore/posteriore
Freni anteriori: a disco autoventilanti in carbonio Brembo (anteriori e posteriori) e sistema di controllo elettronico sui freni posteriori / posteriori: a disco autoventilanti in carbonio Brembo (anteriori e posteriori) e sistema di controllo elettronico sui freni posteriori
Pneumatici Pirelli / Cerchi: O.Z. da 13 in
Altro
Energia batteria (a giro) 4 MJ Sistema ERS
Potenza MGU-K: 120 kW Giri max MGU-K: 50 000 giri/min Giri max MGU-H: 125 000 giri/min

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

Test[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Test F1 2016.

La vettura esordisce il 22 Febbraio sull'autodromo di Montmeló, a Barcellona. Dal 22 al 25 Febbraio la vettura è impegnata nei classici test precampionato guidata da entrambi i piloti titolari.[2]

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2016.

In Australia la pole position è conquistata da Hamilton, seguito da Rosberg. In gara, dopo una grande battaglia con le Ferrari, a spuntarla è Rosberg, che precede Hamilton e Vettel, mentre Raikkonen si ritira. Le W07 Hybrid approfittano di una strategia che le fa fermare una volta in meno delle rosse che le avevano scavalcate alla partenza. Nelle gare successive la Mercedes continua a dominare, con tre vittorie di Rosberg in Bahrain, Cina e Russia e 2 podi di Hamilton. Dopo l'autoeliminazione dei due alfieri argento in Spagna, Hamilton vince a Monaco sfruttando una grande strategia, Rosberg arriva solo settimo. Hamilton vince anche due settimane dopo in Canada, precedendo il ferrarista Sebastian Vettel (che ha sopravanzato grazie a una strategia più conservativa) e Valtteri Bottas, mentre Rosberg è quinto. Dopo la vittoria di Rosberg in Azerbaigian, Hamilton vince in Austria e Gran Bretagna, riducendo a solo 1 punto il distacco da Rosberg in campionato. Dopo la pausa estiva Rosberg infila una tripletta (Belgio, Italia s Singapore) e in Malesia arriva terzo, dove invece Hamilton si ritira per problemi alla PU. In Giappone Rosberg vince ancora con Lewis 3° (partito dalla pole) ed è a +33 sul compagno di squadra e diretto inseguitore in classifica.

Record in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

La Mercedes F1 W07 Hybrid detiene i seguenti record:

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Piloti ufficiali
Nazione Nome Numero
Germania Nico Rosberg 6
Regno Unito Lewis Hamilton 44
Piloti di riserva
Nazione Nome
Germania Pascal Wehrlein

Risultati F1[modifica | modifica wikitesto]

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
2016 Mercedes Mercedes PU106C Hybrid Motore V6 P Germania Rosberg 1 1 1 1 Rit 7 5 1 4 3 2 4 1 1 1 3 1 2 2 2 2 765
Regno Unito Hamilton 2 3 7 2 Rit 1 1 5 1 1 1 1 3 2 3 Rit 3 1 1 1 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1