Gran Premio di Monaco 1985

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monaco Gran Premio di Monaco 1985
408º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 16 del Campionato 1985
Montecarlo
Montecarlo
Data 19 maggio 1985
Nome ufficiale XLIII Grand Prix Automobile de Monaco
Luogo Montecarlo
Percorso 3,312 km
Distanza 78 giri, 258,336 km
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Italia Michele Alboreto
Lotus-Renault in 1'20.450 Ferrari in 1'22.637
(nel giro 60)
Podio
1. Francia Alain Prost
McLaren-TAG Porsche
2. Italia Michele Alboreto
Ferrari
3. Italia Elio De Angelis
Lotus-Renault

Il Gran Premio di Monaco 1985 è stata la quarta prova del Campionato mondiale di Formula 1 1985. Ha visto la vittoria di Alain Prost. Sul podio sono inoltre giunti Michele Alboreto, autore anche del giro più veloce, e il leader del mondiale Elio De Angelis.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Durante le qualifiche la Lotus di Senna bloccò la Ferrari di Michele Alboreto durante il suo giro veloce ostacolando il pilota italiano all'ultima curva.

Pos N. Pilota Costruttore Tempo Gap
1 12 Brasile Ayrton Senna Lotus-Renault 1:20.450 -
2 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams-Honda 1:20.536 +0.086
3 27 Italia Michele Alboreto Ferrari 1:20.563 +0.113
4 23 Stati Uniti Eddie Cheever Alfa Romeo 1:20.729 +0.279
5 2 Francia Alain Prost McLaren-TAG Porsche 1:20.885 +0.435
6 18 Belgio Thierry Boutsen Arrows-BMW 1:21.302 +0.852
7 6 Finlandia Keke Rosberg Williams-Honda 1:21.320 +0.870
8 25 Italia Andrea De Cesaris Ligier-Renault 1:21.347 +0.897
9 11 Italia Elio De Angelis Lotus-Renault 1:21.465 +1.015
10 16 Regno Unito Derek Warwick Renault 1:21.531 +1.081
11 17 Austria Gerhard Berger Arrows-BMW 1:21.665 +1.215
12 22 Italia Riccardo Patrese Alfa Romeo 1:21.813 +1.363
13 7 Brasile Nelson Piquet Brabham-BMW 1:21.817 +1.367
14 1 Austria Niki Lauda McLaren-TAG Porsche 1:21.907 +1.457
15 28 Svezia Stefan Johansson Ferrari 1:22.635 +2.185
16 26 Francia Jacques Laffite Ligier-Renault 1:22.880 +2.430
17 15 Francia Patrick Tambay Renault 1:22.912 +2.462
18 3 Regno Unito Martin Brundle Tyrrell-Ford 1:23.827 +3.377
19 30 Regno Unito Jonathan Palmer Zakspeed 1:23.840 +3.390
20 19 Italia Teo Fabi Toleman-Hart 1:23.965 +3.515
Vetture non qualificate
NQ 24 Italia Piercarlo Ghinzani Osella-Alfa Romeo 1:24.071 +3.621
NQ 4 Germania Stefan Bellof Tyrrell-Ford 1:24.236 +3.786
NQ 10 Francia Philippe Alliot RAM-Hart 1:24.763 +4.313
NQ 9 Germania Manfred Winkelhock RAM-Hart 1:24.764 +4.314
NQ 8 Francia François Hesnault Brabham-BMW 1:25.068 +4.618
NQ 29 Italia Pierluigi Martini Minardi-Motori Moderni 6:41.037 +320.587

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Al via Ayrton Senna su Lotus Renault mantiene la testa della gara, seguito da Keke Rosberg su Williams Honda, Michele Alboreto su Ferrari Ferrari, Alain Prost su McLaren TAG Porsche, Eddie Cheever su Alfa Romeo e Elio De Angelis su Lotus Renault; al termine del primo giro, alla curva Saint Devote, Alboreto sorpassa Rosberg e nei giri successivi guadagna terreno su Senna; al quattordicesimo giro il motore Renault della Lotus di Senna inizia a fumare e il pilota rientra ai box dove si ritirerà, passa quindi in testa Alboreto; al sedicesimo giro un contatto tra Riccardo Patrese su Alfa Romeo e Nelson Piquet su Brabham rende la pista scivolosa nella zona della frenata della Saint Devote, Alboreto è tra i primi a passare sulla pista scivolosa, riesce a non toccare il muro di gomme portandosi nella via di fuga ma perde la posizione ai danni di Prost; immediatamente dopo anche Lauda ha problemi con la pista viscida e finisce la gara nella via di fuga della Saint Devote; al 21º giro la classifica vede in testa Prost, seguito da Alboreto, De Angelis, De Cesaris e Warwick; Alboreto in pochi giri recupera il distacco dal leader, lo sorpassa al 23º giro e se ne allontana segnando vari giri veloci consecutivamente. Tra il 50 e il 55º giro Alboreto effettua un pit stop, che lo porta al 3º posto dietro Prost e De Angelis, ma in pochi giri raggiunge e sorpassa l'Italiano della Lotus. Le posizioni in pista non cambiano fino alla fine della gara. Vince Alain Prost su McLaren TAG Porsche, al secondo posto si classifica Michele Alboreto su Ferrari, terzo Elio De Angelis su Lotus Renault, quarto Andrea de Cesaris su Ligier Renault, quinto Derek Warwick su Renault, sesto e ultimo a punti Jacques Laffite su Ligier Renault.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos N. Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro P. al via Punti
1 2 Francia Alain Prost McLaren-TAG Porsche 78 1:51:58.034 5 9
2 27 Italia Michele Alboreto Ferrari 78 + 7.541 3 6
3 11 Italia Elio De Angelis Lotus-Renault 78 + 1:27.171 9 4
4 25 Italia Andrea De Cesaris Ligier-Renault 77 + 1 giro 8 3
5 16 Regno Unito Derek Warwick Renault 77 + 1 giro 10 2
6 26 Francia Jacques Laffite Ligier-Renault 77 + 1 giro 16 1
7 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams-Honda 77 + 1 giro 2  
8 6 Finlandia Keke Rosberg Williams-Honda 76 + 2 giri 7  
9 18 Belgio Thierry Boutsen Arrows-BMW 76 + 2 giri 6  
10 3 Regno Unito Martin Brundle Tyrrell-Ford 74 + 4 giri 18  
11 30 Regno Unito Jonathan Palmer Zakspeed 74 + 4 giri 19  
Rit 1 Austria Niki Lauda McLaren-TAG Porsche 17 Testacoda 14  
Rit 22 Italia Riccardo Patrese Alfa Romeo 16 Collisione con N.Piquet 12  
Rit 7 Brasile Nelson Piquet Brabham-BMW 16 Collisione con R.Patrese 13  
Rit 19 Italia Teo Fabi Toleman-Hart 16 Turbo 20  
Rit 12 Brasile Ayrton Senna Lotus-Renault 13 Motore 1  
Rit 23 Stati Uniti Eddie Cheever Alfa Romeo 10 Alternatore 4  
Rit 28 Svezia Stefan Johansson Ferrari 1 Collisione alla partenza 15  
Rit 17 Austria Gerhard Berger Arrows-BMW 0 Collisione alla partenza 11  
Rit 15 Francia Patrick Tambay Renault 0 Collisione alla partenza 17  
NQ 24 Italia Piercarlo Ghinzani Osella-Alfa Romeo    
NQ 4 Germania Stefan Bellof Tyrrell-Ford    
NQ 10 Francia Philippe Alliot RAM-Hart    
NQ 9 Germania Manfred Winkelhock RAM-Hart    
NQ 8 Francia François Hesnault Brabham-BMW    
NQ 29 Italia Pierluigi Martini Minardi-Motori Moderni

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Salvo diverse indicazioni i dati sono tratti da The Official Formula 1 website, su formula1.com. URL consultato il 16 maggio 2008.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1985
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Portugal.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue-vector.svg

Edizione precedente:
1984
Gran Premio di Monaco Edizione successiva:
1986
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1