Circuito di Yas Marina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Circuito Yas Marina
Tracciato di Circuito Yas Marina
Tracciato di Circuito Yas Marina
Localizzazione
StatoEmirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
LocalitàAbu Dhabi
Caratteristiche
Lunghezza5 281[1] m
Curve16
Inaugurazione2009
Categorie
Formula 1
12 ore del Golfo
Rallycross
Formula 1
Tempo record1'26"103[1]
Stabilito daMax Verstappen
suRed Bull RB16B
il12 dicembre 2021
record in gara
Mappa di localizzazione
Coordinate: 24°28′12.88″N 54°36′21.87″E / 24.470244°N 54.606075°E24.470244; 54.606075

Il circuito Yas Marina è un circuito automobilistico degli Emirati Arabi Uniti entrato a far parte del calendario del mondiale di Formula 1 a partire dalla stagione 2009; dal 2014 ospita la gara conclusiva della stagione. Il tracciato, disegnato dall'architetto tedesco Hermann Tilke,[2] è posto sull'Isola Yas, a circa 30 minuti dalla città di Abu Dhabi, e si snoda tra campi da golf, parchi a tema e hotel extralusso.[3] Ha ospitato il secondo Gran Premio nel Medio Oriente di sempre, dopo quello del Bahrein.

Il circuito è stato spesso oggetto di critiche sia dai piloti[4][5] che dall'opinione pubblica,[6] sia per il disegno del tracciato che per le dinamiche di gara poco avvincenti,[6] tanto da essere spesso definito come uno dei peggiori circuiti di Formula 1.[7][8] Per queste ragioni, nell'estate 2021 si è decisa la realizzazione di alcune modifiche volte a favorire la spettacolarità.[9]

Dal 2019 una sua frazione ospita un evento del campionato del mondo rallycross.[10]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Vista satellitare del circuito con la configurazione utilizzata fino al 2020

Il circuito è stato costruito dalla compagnia Aldar Properties, costruttrice anche del parco tematico sull'automobilismo, il Ferrari World, una marina, aree residenziali, un parco acquatico, nonché strutture alberghiere e di divertimento. Il circuito conta di ventuno curve, vi sono quattro grandi tribune (Main Grandstand, West Grandstand, North Grandstand e South Grandstand) e ha una caratteristica uscita dei box che passa sotto la pista[11]. Difficoltà nella costruzione sembravano mettere in dubbio la gara per il 2009, ma poi i lavori sono proceduti alacremente[12] e il circuito è stato consegnato alla metà di settembre 2009[13]. Il 7 ottobre 2009 il tracciato ha ottenuto l'approvazione finale da parte della FIA.[14] Bruno Senna è stato il primo pilota a completare un giro sul circuito.

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei rettilinei del circuito durante una manifestazione podistica. La pista è dotata di due rettilinei di partenza con relative corsie box.

La costruzione è stata affidata alla Cebarco-WCT WLL, indicata dal proprietario, l'Aldar Properties. Tra le altre ditte coinvolte vi sono la KAH, la Voltas, la PKE-Siemens, l'Able-Middle East, l'Hamilton International, la Bau Bickhardt e la Unger Steel.

Il 28 agosto 2009 viene annunciato che l'inizio della gara è posticipato alle 17 ore locali, in modo che la gara inizi col sole e termini al tramonto[15], e per venire incontro alle esigenze del pubblico europeo.

Per tale ragione il circuito è dotato di un impianto di illuminazione permanente, simile a quello utilizzato nel circuito di Losail in Qatar. L'illuminazione è fornita dalla Musco Lighting, la stessa che ha approntato il circuito qatariota.

Nel febbraio 2010 si ha avuto notizia della cessione della struttura, da parte dell'Aldar, al governo di Abu Dhabi.[16]

Layout[modifica | modifica wikitesto]

La configurazione di 5 554 m utilizzata dal 2009 al 2020.

Il giro inizia con curva 1, una piega a sinistra di 90º. Si prosegue con la esse sinistra-destra-sinistra che caratterizza le curve dalla 2 alla 4. Seguono le curve 5-6, una lenta chicane sinistra-destra e poi un tornante a 180º. Il giro continua col rettilineo più lungo del mondiale, che misura ben 1200 metri. Poi ci sono le curve 8-9 formate da una lenta chicane sinistra-destra e poi segue un rettileneo dei box che però non è usato dalla Formula 1. Seguono le curve 11-12-13, altra chicane sinistra-destra-sinistra seguita dalla curva 14, una curva di 90º a sinistra. Segue un breve rettilineo, che in realtà è una sorta di virgola destra, che immette nelle curve 17-18 che è una chicane sinistra-destra e la curva 18 segna il passaggio sotterraneo all'hotel dell'isola. Segue una curva di sinistra a 90º, la 19, poi le ultime due curve di 90º a destra che immettono sul rettilineo di partenza.

Nella stagione 2021 il layout del circuito viene modificato in tre aree: il tornante prima del primo rettilineo è stato cambiato, con la chicane prima di esso rimossa e la curva stessa allargata con una sezione stradale adesso larga 20 metri; la sequenza di curve a 90 gradi, alla fine del secondo rettilineo, è stata sostituita da un'unica curva; nel terzo settore le curve sono state aperte leggermente per cercare di permettere alle auto di seguirsi meglio. La pista presenta adesso una lunghezza di 5 281 m e si snoda attraverso 16 curve, 9 a sinistra e 7 a destra.[17]

Il record assoluto del circuito è di 1'22"109 stabilito da Max Verstappen su Red Bull Racing nelle qualifiche del Gran Premio di Abu Dhabi 2021.[18]

[modifica | modifica wikitesto]

L'avveniristico circuito viene sponsorizzato dalla compagnia aerea degli Emirati Arabi Uniti, Etihad Airways la quale aveva all'epoca dell'apertura dell'impianto un contratto di partenariato con la Scuderia Ferrari.

Gare[modifica | modifica wikitesto]

Fasi di gara del Gran Premio di Abu Dhabi 2010.

Il primo Gran Premio viene disputato il 1º novembre 2009 e viene vinto da Sebastian Vettel su Red Bull Racing-Renault. Il pilota tedesco si è aggiudicato anche le edizioni del 2010, in cui conquistò anche il suo primo titolo iridato, e del 2013, mentre le restanti gare sono state vinte da Lewis Hamilton (nel 2011, nel 2014, vittoria che coincise con la conquista del secondo titolo mondiale, nel 2016, nel 2018 e nel 2019), da Kimi Räikkönen (nel 2012), da Nico Rosberg (nel 2015), da Valtteri Bottas (nel 2017) e da Max Verstappen (nel 2020, nel 2021, in cui conquistò anche il primo titolo iridato, e nel 2022).

La frazione del circuito di Yas Marina che ospita il Rallycross di Abu Dhabi

A ottobre del 2018 venne stabilito un accordo tra i titolari del circuito e gli organizzatori del campionato del mondo rallycross al fine di ospitare una gara in calendario per gli anni a venire; l'evento è stato inserito come gara di apertura della stagione 2019.[10] Il tracciato venne ricavato all'interno del circuito di formula 1 nella zona della prima chicane (curve 4 e 5) e del primo tornante.[19] L'evento avrebbe dovuto svolgersi anche nella stagione 2020 come decimo appuntamento in programma, tuttavia esso venne cancellato a causa della pandemia di COVID-19.[20]

Albo d'oro della Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Anno Pilota Scuderia
2009 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull
2010 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull
2011 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren
2012 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus
2013 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull
2014 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes
2015 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes
2016 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes
2017 Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes
2018 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes
2019 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes
2020 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull
2021 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull
2022 Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull

Vittorie per pilota[modifica | modifica wikitesto]

vittorie pilota anno(i)/vettura
5 Regno Unito Lewis Hamilton 2011/McLaren - 2014/Mercedes - 2016/Mercedes - 2018/Mercedes - 2019/Mercedes
3 Germania Sebastian Vettel 2009/Red Bull - 2010/Red Bull - 2013/Red Bull
3 Paesi Bassi Max Verstappen 2020/Red Bull - 2021/Red Bull - 2022/Red Bull
1 Finlandia Kimi Räikkönen 2012/Lotus
1 Germania Nico Rosberg 2015/Mercedes
1 Finlandia Valtteri Bottas 2017/Mercedes

Vittorie per team[modifica | modifica wikitesto]

vittorie team anno(i)/pilota
6 Germania Mercedes 2014/Lewis Hamilton - 2015/Nico Rosberg - 2016/Lewis Hamilton - 2017/Valtteri Bottas - 2018/Lewis Hamilton - 2019/Lewis Hamilton
6 Austria Red Bull 2009/Sebastian Vettel - 2010/Sebastian Vettel - 2013/Sebastian Vettel - 2020/Max Verstappen - 2021/Max Verstappen - 2022/Max Verstappen
1 Regno Unito McLaren 2011/Lewis Hamilton
1 Regno Unito Lotus 2012/Kimi Räikkönen

Albo d'oro del campionato del mondo rallycross[modifica | modifica wikitesto]

Vengono indicati soltanto i vincitori nella massima categoria (Supercar).

Anno Pilota Auto Squadra
2019 Svezia Kevin Hansen Peugeot 208 WRX Svezia Team Hansen MJP
2020 evento cancellato a causa della pandemia di COVID-19[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Yas Marina Circuit, su formula1.com. URL consultato il 12 dicembre 2021.
  2. ^ (EN) Yas Marina Circuit construction progressing, gulfnews.com, 12 settembre 2008. URL consultato il 6 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2009).
  3. ^ Abu Dhabi, theme park e hotel extralusso: tutto pronto per la F1, su f1web.it, 28 ottobre 2009. URL consultato il 12 novembre 2011.
  4. ^ Abu Dhabi 2009, Raikkonen battezza la pista: “È una merda”, su motorsportitalia.net, 19-11-16. URL consultato il 1º gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2017).
  5. ^ (EN) Everything That's Wrong With Yas Marina, According To Lewis Hamilton, su Car Throttle. URL consultato il 24 giugno 2021.
  6. ^ a b Formula 1: Abu Dhabi, una pista piatta come il deserto e una puntata di Beautiful, su autosprint.corrieredellosport.it. URL consultato il 24 giugno 2021.
  7. ^ (EN) Luke Slater, Ranking every F1 track in the 2021 season from worst to best: Our verdict on which should stay, go or be added, in The Telegraph, 2 marzo 2021. URL consultato il 24 giugno 2021.
  8. ^ (EN) The Ten Worst Formula One Circuits Of All Time – Part Two, su Grand Prix Rejects, 17 maggio 2020. URL consultato il 24 giugno 2021.
  9. ^ F1: ufficializzate le modifiche allo Yas Marina Circuit, su Virgilio Sport. URL consultato il 24 giugno 2021.
  10. ^ a b (EN) Hal Ridge, Abu Dhabi to open 2019 World RX season, su motorsport.com, Motorsport Network, 2 ottobre 2018. URL consultato il 20 maggio 2021 (archiviato il 9 novembre 2020).
  11. ^ (EN) Abu Dhabi breaks cover, in Autosport, vol. 194, n. 4, ottobre 2008, pp. p. 10.
  12. ^ Il circuito Yas Marina esce dalla sabbia, su it.f1-live.com, 6 maggio 2009. URL consultato il 6 maggio 2009.
  13. ^ Abu Dhabi pronto in questa settimana, su f1.gpupdate.net, 16 settembre 2009. URL consultato il 19 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2009).
  14. ^ (EN) Jonathan Noble, Abu Dhabi track gets final FIA approval, su autosport.com, 9 ottobre 2009. URL consultato il 9 ottobre 2009.
  15. ^ (FR) Le GP d'Abu Dhabi se courra au crépuscule, su fr.f1-live.com, 28 agosto 2009. URL consultato il 29 agosto 2009.
  16. ^ (FR) Aldar vend le circuit Yas Marina, su autohebdo.fr, 17 febbraio 2010. URL consultato il 17 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2010).
  17. ^ Jonathan Noble, F1 | Ecco il nuovo layout del tracciato di Abu Dhabi, su it.motorsport.com, 8 novembre 2021. URL consultato l'8 novembre 2021.
  18. ^ (EN) Formula 1 Etihad Airways Abu Dhabi Grand Prix 2021 − Qualifying Session Final Classification (PDF), su fia.com, 11 dicembre 2021. URL consultato l'11 dicembre 2021.
  19. ^ (EN) Hal Ridge, Yas Marina World Rallycross circuit layout revealed, su motorsport.com, Motorsport Network, 3 marzo 2019. URL consultato il 20 maggio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  20. ^ a b (EN) Hal Ridge, World RX announces cancellation of Abu Dhabi round, su motorsport.com, Motorsport Network, 30 luglio 2020. URL consultato il 19 maggio 2021 (archiviato il 29 agosto 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1