Gran Premio di Abu Dhabi 2009

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emirati Arabi Uniti Gran Premio di Abu Dhabi 2009
820º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 17 di 17 del Campionato 2009
Circuit Yas-Island.svg
Data 1º novembre 2009
Nome ufficiale I Abu Dhabi Grand Prix
Circuito Circuito di Yas Marina
Percorso 5,554 km / 3,451 US mi
Pista permanente
Distanza 55 giri, 305,470 km/ 189,805 US mi
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Germania Sebastian Vettel
McLaren-Mercedes in 1'40"948 Red Bull-Renault in 1'40"279
(nel giro 54)
Podio
1. Germania Sebastian Vettel
Red Bull-Renault
2. Australia Mark Webber
Red Bull-Renault
3. Regno Unito Jenson Button
Brawn-Mercedes

Il Gran Premio di Abu Dhabi è stato l'ultimo Gran Premio della stagione 2009 di Formula 1. La gara si è disputata il 1º novembre presso il circuito di Yas Marina che sorge sull'omonima isola del Golfo Persico. La gara è stata vinta dal tedesco Sebastian Vettel su Red Bull-Renault, davanti al compagno di squadra Mark Webber e a Jenson Button su Brawn-Mercedes.

Questa gara rappresenta anche l'ultima apparizione in F1 per Giancarlo Fisichella, Kazuki Nakajima, per le gomme Bridgestone e, tra i team, per la Toyota e la Brawn. Inoltre, è stato anche l'ultimo gran premio in cui si effettuano dei pit stop per rifornire e anche per le strategie usate in Q3 per la prima frazione di gara; infatti dall'anno successivo le vetture avranno il carburante necessario per effettuare tutto il gran premio.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Analisi del Campionato Mondiale Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Per diventare vicecampione del mondo Barrichello avrebbe dovuto guadagnare almeno 3 punti su Vettel. Se ne avesse guadagnati solo due sarebbero arrivati pari, ma il pilota tedesco ha ottenuto più vittorie.

Analisi del Campionato Mondiale Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

La Ferrari aveva bisogno di guadagnare almeno due punti sulla McLaren per arrivare terza nel campionato mondiale costruttori. Se ne avesse guadagnato solo uno si sarebbero dovute contare le vittorie.

Sviluppi per il 2010[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 ottobre Todt viene eletto nuovo presidente della FIA.[1] L'ex dirigente di Peugeot e Ferrari ha ottenuto 135 voti contro i 49 dello sfidante, l'ex rallista ed europarlamentare Vatanen.

La Williams sigla un accordo con il Qatar Science & Technology Park (QSTP), per la creazione nel paese mediorientale del nuovo Williams Technology Center (WTC). È la prima volta che una struttura di questo tipo di una scuderia di F1 ha sede fuori dall'Europa.[2] Il team di Grove annuncia anche che per la stagione 2010 utilizzerà motori Cosworth.[3]

Viene ufficializzato l'ingaggio di Bruno Senna quale pilota titolare della HRT (Hispania Racing Team Cosworth) per la stagione 2010.

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 agosto 2009 viene annunciato che l'orario di partenza viene spostato alle 17:00 in modo da venire incontro alle esigenze del pubblico europeo. Così facendo la gara inizierà col sole per terminare dopo il tramonto sotto i riflettori.[4]

La Bridgestone, fornitore unico degli pneumatici, porta per il gran premio coperture di tipo medio e di tipo morbido.[5]

Cambiamenti nei piloti[modifica | modifica wikitesto]

Kobayashi viene confermato alla guida della Toyota in quanto perdura la situazione fisica non ottimale di Glock.[6]

Per molto tempo era stata ventilata la possibilità che il campione mondiale di rally, il francese Loeb, potesse prendere parte al gran premio al volante di una Toro Rosso.[7] L'alsaziano si era anche impegnato in dei test con delle vetture di GP2 del David Price Racing.[8] La negazione della superlicenza da parte della FIA hanno fatto cadere questa possibilità.[9]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì,[10] si è avuta questa situazione:

Pos N Pilota Squadra-Motore Tempo Gap Giri
1 1 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'43"939 18
2 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes 1'44"035 +0"096 20
3 15 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'44"153 +0"214 28

Nella seconda sessione del venerdì,[11] si è avuta questa situazione:

Pos N Pilota Squadra-Motore Tempo Gap Giri
1 2 Finlandia Heikki Kovalainen Regno Unito McLaren-Mercedes 1'41"307 35
2 1 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'41"504 +0"197 34
3 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes 1'41"541 +0"234 39

Nella sessione del sabato mattina,[12] si è avuta questa situazione:

Pos N Pilota Squadra-Motore Tempo Gap Giri
1 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes 1'40"625 21
2 1 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'40"627 +0"002 18
3 23 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Brawn-Mercedes 1'40"907 +0"282 20

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualificazione,[13] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia Massa
1 1 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'39"873 1'39"695 1'40"948 1 658,5
2 15 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'40"666 1'39"984 1'41"615 2 663
3 14 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'40"667 1'40"272 1'41"726 3 660
4 23 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Brawn-Mercedes 1'40"574 1'40"421 1'41"786 4 655
5 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes 1'40"378 1'40"148 1'41"892 5 657
6 9 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1'40"517 1'40"373 1'41"897 6 661
7 5 Polonia Robert Kubica Germania BMW Sauber 1'40"520 1'40"545 1'41"992 7 654,5
8 6 Germania Nick Heidfeld Germania BMW Sauber 1'40"558 1'40"635 1'42"343 8 664
9 16 Germania Nico Rosberg Regno Unito Williams-Toyota 1'40"842 1'40"661 1'42"583 9 665
10 12 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 1'40"908 1'40"430 1'42"713 10 661,5
11 4 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'41"100 1'40"726 11 692
12 10 Giappone Kamui Kobayashi Giappone Toyota 1'41"035 1'40"777 12 694,3
13 2 Finlandia Heikki Kovalainen Regno Unito McLaren-Mercedes 1'40"808 1'40"983 18[14][15] 697
14 17 Giappone Kazuki Nakajima Regno Unito Williams-Toyota 1'41"096 1'41"148 13 704
15 11 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 1'41"503 1'41"689 14 696,5
16 7 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1'41"667 15 708,3
17 21 Italia Vitantonio Liuzzi India Force India-Mercedes 1'41"701 16 695
18 20 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'41"863 17 696
19 8 Francia Romain Grosjean Francia Renault 1'41"950 19 710,8
20 3 Italia Giancarlo Fisichella Italia Ferrari 1'42"184 20 692,5

La McLaren domina le prove ufficiali, le Red Bull sono 2ª e 3ª, le Brawn non si qualificavano alla 4ª e 5ª posizione dal terzo Gran Premio della stagione, le Ferrari si qualificano male, rispettivamente 11ª ed ultima.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Al via i piloti di testa mantengono le proprie posizioni. Barrichello urta leggermente Webber danneggiando lievemente l'alettone anteriore. Nonostante il danno il pilota brasiliano non ha bisogno di sostituirlo. I piloti di testa hanno tutti una strategia di due soste ai box mentre gli altri sono su una sosta. Dopo la prima sosta Hamilton accusa un problema al freno posteriore destro ed è costretto a ritirarsi. Intanto Button supera il proprio compagno di squadra Barrichello. Col secondo treno di gomme Vettel riesce a tenere un ritmo superiore a quello del suo compagno di squadra Webber e riesce a distanziarlo. Dopo l'unica sosta ai box Kovalainen riesce a sopravanzare Räikkönen, nonostante la strategia i due finlandesi restano lontani dalla zona punti lasciando la situazione invariata per quanto riguarda la lotta per il terzo posto nel mondiale costruttori. Prima di effettuare la sua unica sosta il debuttante Kobayashi ravviva la gara con un sorpasso sul neocampione del mondo Button. Quest'ultimo, dopo la seconda sosta, riesce a raggiungere Webber innescando una lotta serrata per il secondo gradino del podio. Nonostante i numerosi attacchi nel corso dell'ultimo giro il pilota australiano riesce a conservare la seconda posizione regalando alla Red Bull la quarta doppietta stagionale. Con la sesta posizione Kobayashi raccoglie i primi punti in carriera.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio sono stati i seguenti:[16]

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 15 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 55 1h 34'03"414 2 10
2 14 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 55 +17"8 3 8
3 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito Brawn-Mercedes 55 +18"4 5 6
4 23 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Brawn-Mercedes 55 +22"7 4 5
5 6 Germania Nick Heidfeld Germania BMW Sauber 55 +26"2 8 4
6 10 Giappone Kamui Kobayashi Giappone Toyota 55 +34"3 12 3
7 9 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 55 +35"991 6 2
8 12 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 55 +41"2 10 1
9 16 Germania Nico Rosberg Regno Unito Williams-Toyota 55 +45"2 11
10 5 Polonia Robert Kubica Germania BMW Sauber 55 +48"1 7
11 2 Finlandia Heikki Kovalainen Regno Unito McLaren-Mercedes 55 +52"7 18
12 4 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 55 +54"3 11
13 17 Giappone Kazuki Nakajima Regno Unito Williams-Toyota 55 +59"8 13
14 7 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 55 +69"6 15
15 21 Italia Vitantonio Liuzzi India Force India-Mercedes 55 +94"4 16
16 3 Italia Giancarlo Fisichella Italia Ferrari 54 +1 Giro 20
17 20 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 54 +1 Giro 17
18 8 Francia Romain Grosjean Francia Renault 54 +1 Giro 19
Rit 1 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 19 Freni 1
Rit 11 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 17 Trasmissione 14

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Regno Unito Brawn-Mercedes 172
2 Austria RBR-Renault 153,5
3 Regno Unito McLaren-Mercedes 71
4 Italia Ferrari 70
5 Giappone Toyota 59,5
6 Germania BMW Sauber 36
7 Regno Unito Williams-Toyota 34,5
8 Francia Renault 26
9 India Force India-Mercedes 13
10 Italia STR-Ferrari 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Todt presidente della Fia Un ruolo anche per Schumi?, gazzetta.it, 23 ottobre 2009. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  2. ^ La Williams delocalizza in Qatar, it.f1-live.com, 28 ottobre 2009. URL consultato il 29 gennaio 2009.
  3. ^ (EN) Williams confirms Cosworth switch, en.f1-live.com, 30 ottobre 2009. URL consultato il 30 gennaio 2009.
  4. ^ F1: GP Abu Dhabi, inizia col sole e finisce sotto riflettori, adnkronos.com, 28 agosto 2009. URL consultato il 29 agosto 2009.
  5. ^ Bridgestone Motorsport: Anteprima Gran Premio di Abu Dhabi, f1grandprix.it, 29 ottobre 2009. URL consultato il 30 ottobre 2009.
  6. ^ Kobayashi finirà la stagione, it.f1-live.com, 27 ottobre 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  7. ^ Loeb al via del GP di Abu Dhabi ?, it.f1-live.com, 5 settembre 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  8. ^ Sébastien Loeb al volante di una GP2, it.f1-live.com, 28 settembre 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  9. ^ La Fia boccia Loeb per Abu Dhabi, f1.gpupdate.net, 21 ottobre 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  10. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  11. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  12. ^ Sessione di prove libere del sabato
  13. ^ Sessione di qualificazione
  14. ^ Heikki Kovalainen penalizzato di cinque posizioni in griglia per aver sostituito il cambio.
  15. ^ (EN) Pablo Elizalde, Kovalainen gets gearbox change penalty, in autosport.com, Haymarket Publications, 31 ottobre 2009. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  16. ^ Risultati sul sito ufficiale della Formula 1

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2009
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Gran Premio di Abu Dhabi
Edizione successiva:
2010
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1