Gran Premio di Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la competizione motociclistica, vedi Gran Premio motociclistico di Francia.
Gran Premio di Francia
Sport Casco Kubica BMW.svg Automobilismo
Categoria Formula 1
Federazione FIA
Paese Francia Francia
Luogo Circuito Paul Ricard
Cadenza Annuale
Formula Gran Premio di Formula 1
Storia
Fondazione 1906; valevole per il mondiale dal GP 1950
Numero edizioni 58 valevoli per il mondiale
Ultima edizione GP 2008

Il Gran Premio di Francia è stato il primo "Gran Premio" della storia automobilistica: la prima edizione si svolse nel 1906; in seguito si è svolto come gara automobilistica valida per il Campionato del Mondo di Formula 1 dal 1950 al 2008, ad eccezione dell'edizione 1955, cancellata a causa del disastroso incidente alla 24 ore di Le Mans. La gara si svolge nuovamente dal 2018.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A differenza di altri gran premi storici, quello di Francia ha cambiato molto spesso sede, venendo ospitato in diversi circuiti; inoltre è stato l'unico gran premio, assieme a quelli di Gran Bretagna e d'Italia ad essere presente nel calendario della Formula 1 sin dal 1950.

La prima corsa considerata come Gran Premio di Francia risale al 1906, quando l'Automobile Club di Francia decise di organizzare una gara in proprio, stabilendo uno specifico regolamento tecnico. Tale decisione fu presa per eliminare un limite che caratterizzava il regolamento della Coppa Gordon-Bennett, il primo trofeo della storia dell'automobilismo, disputatosi dal 1900 al 1905, ossia il numero limitato di auto per ogni Paese partecipante. Così facendo, si voleva permettere alle case automobilistiche francesi di avere una competizione di primo livello in cui cimentarsi e con cui accelerare lo sviluppo dei loro prodotti. Fino al 1967 la denominazione ufficiale fu "Grand Prix de l'Automibile Club de France"; la denominazione di "Gran Prix de France" con tanto di indicazione di prima edizione fu nel 1968. Per molti anni il Gran Premio di Francia rimase l'unica gara "nazionale" disputata in maniera continuativa e fu l'evento più importante della stagione delle corse europee. Solo a partire dagli anni '20 fu affiancato stabilmente da altri Gran Premi, a partire da quello d'Italia.

La FIA annunciò inizialmente che dal campionato 2008 il gran premio non si sarebbe più corso a Magny-Cours, ma nella capitale francese Parigi, forse addirittura in un circuito nuovo di zecca all'interno del parco divertimenti Disneyland.

Successivamente la FIA confermò per la stagione 2008 la localizzazione a Magny-Cours, mentre sembrava più probabile un trasferimento dal 2009 o dal 2010.[1]

Il 12 maggio 2008, Bernie Ecclestone annunciò che dal campionato 2009 il gran premio non si sarebbe più corso a Magny-Cours; pertanto, in assenza di altri candidati credibili, il Gran Premio non fu incluso nel calendario della stagione 2009.

Nel giugno 2012 venne prospettato il ritorno del Gran Premio, da tenersi sul Circuito Paul Ricard, probabilmente a fine agosto;[2] successivamente l'assenza dei fondi necessari fece abbandonare il progetto.[3]

Nel maggio 2014 il circuito francese di Magny-Cours annunciò la sua volontà di rientrare nel calendario iridato per ospitare il Gran Premio a partire dalla stagione 2015;[4] Ecclestone invece negò che la Formula 1 potesse tornarci nell'immediato futuro.[5] A dispetto di ciò, due anni dopo lo stesso Ecclestone indicò come probabile una gara al Paul Ricard, per la stagione 2018, prospettiva poi effettivamente verificatasi. [6]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Prima del Campionato Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Uno sfondo color rosa indica un evento che era parte del Campionato europeo di automobilismo precedente alla seconda guerra mondiale.

anno circuito pilota vettura resoconto
1906 Le Mans Ungheria Ferenc Szisz Francia Renault AK Resoconto
1907 Dieppe Italia Felice Nazzaro Italia Fiat Resoconto
1908 Dieppe Germania Christian Lautenschlager Germania Mercedes Resoconto
1909-1911 Non disputato
1912 Dieppe Francia Georges Boillot Francia Peugeot L76 Resoconto
1913 Amiens Francia Georges Boillot Francia Peugeot L5 Resoconto
1914 Lione Germania Christian Lautenschlager Germania Mercedes-Benz 18/100 Resoconto
1915-1920 Non disputato
1921 Le Mans Stati Uniti Jimmy Murphy Stati Uniti Duesenberg Resoconto
1922 Strasburgo Italia Felice Nazzaro Italia Fiat 804 Resoconto
1923 Tours Regno Unito Henry Segrave Regno Unito Sunbeam Resoconto
1924 Lione Italia Giuseppe Campari Italia Alfa Romeo P2 Resoconto
1925 Montlhéry Francia Robert Benoist
Francia Albert Divo
Francia Delage 2LCV Resoconto
1926 Miramas Francia Jules Goux Francia Bugatti T39A Resoconto
1927 Montlhéry Francia Robert Benoist Francia Delage 15-S8 Resoconto
1928 St. Gaudens Regno Unito William Grover-Williams Francia Bugatti T35C Resoconto
1929 Le Mans Regno Unito William Grover-Williams Francia Bugatti T35B Resoconto
1930 Pau Francia Philippe Etancelin Francia Bugatti T35C Resoconto
1931 Montlhéry Monaco Louis Chiron
Italia Achille Varzi
Francia Bugatti T51 Resoconto
1932 Montlhéry Italia Tazio Nuvolari Italia Alfa Romeo P3 Resoconto
1933 Montlhéry Italia Giuseppe Campari Italia Maserati 8C-3000 Resoconto
1934 Montlhéry Monaco Louis Chiron Italia Alfa Romeo P3 Resoconto
1935 Montlhéry Germania Rudolf Caracciola Germania Mercedes-Benz W25 Resoconto
1936 Montlhéry Francia Jean-Pierre Wimille
Francia Raymond Sommer
Francia Bugatti T57G Resoconto
1937 Montlhéry Monaco Louis Chiron Francia Talbot-Lago T150C Resoconto
1938 Reims Germania Manfred von Brauchitsch Germania Mercedes-Benz W154 Resoconto
1939 Reims Germania Hermann Paul Müller Germania Auto Union 3.0L Resoconto
1940-1946 Non disputato
1947 Lyon-Parilly Monaco Louis Chiron Francia Talbot-Lago Monoplace C39 Resoconto
1948 Reims Francia Jean-Pierre Wimille Italia Alfa Romeo 158 Resoconto
1949 St. Gaudens Monaco Louis Chiron Francia Talbot-lago Resoconto

Validi per il Campionato Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

anno circuito pilota vettura resoconto
1950 Reims Argentina Juan Manuel Fangio Italia Alfa Romeo Resoconto
1951 Reims Argentina Juan Manuel Fangio
Italia Luigi Fagioli
Italia Alfa Romeo Resoconto
1952 Rouen Italia Alberto Ascari Italia Ferrari Resoconto
1953 Reims Regno Unito Mike Hawthorn Italia Ferrari Resoconto
1954 Reims Argentina Juan Manuel Fangio Germania Mercedes-Benz Resoconto
1955 Non disputato
1956 Reims Regno Unito Peter Collins Italia Ferrari Resoconto
1957 Rouen Argentina Juan Manuel Fangio Italia Maserati Resoconto
1958 Reims Regno Unito Mike Hawthorn Italia Ferrari Resoconto
1959 Reims Regno Unito Tony Brooks Italia Ferrari Resoconto
1960 Reims Nuova Zelanda Jack Brabham Regno Unito Cooper-Climax Resoconto
1961 Reims Italia Giancarlo Baghetti Italia Ferrari Resoconto
1962 Rouen Stati Uniti Dan Gurney Germania Porsche Resoconto
1963 Reims Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus-Climax Resoconto
1964 Rouen Stati Uniti Dan Gurney Regno Unito Brabham-Climax Resoconto
1965 Clermont-Ferrand Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus-Climax Resoconto
1966 Reims Nuova Zelanda Jack Brabham Regno Unito Brabham-Repco Resoconto
1967 Le Mans Nuova Zelanda Jack Brabham Regno Unito Brabham-Repco Resoconto
1968 Rouen Belgio Jacky Ickx Italia Ferrari Resoconto
1969 Clermont-Ferrand Regno Unito Jackie Stewart Francia Matra-Ford Resoconto
1970 Clermont-Ferrand Austria Jochen Rindt Regno Unito Lotus-Ford Resoconto
1971 Le Castellet Regno Unito Jackie Stewart Regno Unito Tyrrell-Ford Resoconto
1972 Clermont-Ferrand Regno Unito Jackie Stewart Regno Unito Tyrrell-Ford Resoconto
1973 Le Castellet Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Resoconto
1974 Digione Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Resoconto
1975 Le Castellet Austria Niki Lauda Italia Ferrari Resoconto
1976 Le Castellet Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Resoconto
1977 Digione Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Resoconto
1978 Le Castellet Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Resoconto
1979 Digione Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault Resoconto
1980 Le Castellet Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Resoconto
1981 Digione Francia Alain Prost Francia Renault Resoconto
1982 Le Castellet Francia René Arnoux Francia Renault Resoconto
1983 Le Castellet Francia Alain Prost Francia Renault Resoconto
1984 Digione Austria Niki Lauda Regno Unito McLaren-TAG Porsche Resoconto
1985 Le Castellet Brasile Nelson Piquet Regno Unito Brabham-BMW Resoconto
1986 Le Castellet Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams-Honda Resoconto
1987 Le Castellet Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams-Honda Resoconto
1988 Le Castellet Francia Alain Prost Regno Unito McLaren-Honda Resoconto
1989 Le Castellet Francia Alain Prost Regno Unito McLaren-Honda Resoconto
1990 Le Castellet Francia Alain Prost Italia Ferrari Resoconto
1991 Magny-Cours Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams-Renault Resoconto
1992 Magny-Cours Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams-Renault Resoconto
1993 Magny-Cours Francia Alain Prost Regno Unito Williams-Renault Resoconto
1994 Magny-Cours Germania Michael Schumacher Regno Unito Benetton-Ford Resoconto
1995 Magny-Cours Germania Michael Schumacher Regno Unito Benetton-Renault Resoconto
1996 Magny-Cours Regno Unito Damon Hill Regno Unito Williams-Renault Resoconto
1997 Magny-Cours Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
1998 Magny-Cours Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
1999 Magny-Cours Germania Heinz-Harald Frentzen Irlanda Jordan-Mugen-Honda Resoconto
2000 Magny-Cours Regno Unito David Coulthard Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
2001 Magny-Cours Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
2002 Magny-Cours Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
2003 Magny-Cours Germania Ralf Schumacher Regno Unito Williams-BMW Resoconto
2004 Magny-Cours Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
2005 Magny-Cours Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto
2006 Magny-Cours Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
2007 Magny-Cours Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari Resoconto
2008 Magny-Cours Brasile Felipe Massa Italia Ferrari Resoconto
2009
-
2017
Non disputato
2018 Le Castellet Resoconto

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Le statistiche si riferiscono alle sole edizioni valide per il campionato del mondo di Formula 1 e sono aggiornate al Gran Premio di Francia 2008.

Vittorie per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore Vittorie[7]
1 Italia Ferrari 17
2 Regno Unito Williams 8
3 Regno Unito Lotus 7
4 Regno Unito McLaren 5
= Francia Renault 5
6 Regno Unito Brabham 4
7 Italia Alfa Romeo 2
= Regno Unito Tyrrell 2
= Regno Unito Benetton 2

Vittorie per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Motore Vittorie[7]
1 Italia Ferrari 17
2 Stati Uniti Ford-Cosworth 11
3 Francia Renault 10
4 Regno Unito Climax 4
= Giappone Honda 4
6 Italia Alfa Romeo 2
= Germania Mercedes 2
= Australia Repco 2
= Germania BMW 2

Pole position per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore Pole[8]
1 Italia Ferrari 17
2 Regno Unito Williams 10
3 Regno Unito Lotus 7
= Francia Renault 7
5 Regno Unito McLaren 4
6 Italia Alfa Romeo 2
= Regno Unito Brabham 2
= Francia Matra 2
= Regno Unito Tyrrell 2

Pole position per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Motore Pole[8]
1 Italia Ferrari 17
2 Francia Renault 13
3 Stati Uniti Ford-Cosworth 8
4 Regno Unito Climax 5
5 Giappone Honda 4
6 Italia Alfa Romeo 3
= Germania BMW 3
8 Germania Mercedes 2

Giri veloci per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore GPV[9]
1 Italia Ferrari 14
2 Regno Unito McLaren 10
3 Regno Unito Williams 9
4 Regno Unito Lotus 4
5 Regno Unito BRM 3
= Regno Unito Brabham 3
= Francia Renault 3
8 Italia Alfa Romeo 2
= Francia Matra 2
= Regno Unito Tyrrell 2
= Regno Unito Benetton 2

Giri veloci per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Motore GPV[9]
1 Italia Ferrari 14
2 Stati Uniti Ford-Cosworth 10
3 Francia Renault 8
4 Germania Mercedes 7
5 Regno Unito Climax 4
= Giappone Honda 4
7 Regno Unito BRM 3
8 Italia Alfa Romeo 2
= Germania BMW 2

Podi per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore Podi[10]
1 Italia Ferrari 48
2 Regno Unito McLaren 22
3 Regno Unito Williams 21
4 Regno Unito Brabham 13
5 Regno Unito Lotus 12
6 Francia Renault 11
7 Regno Unito Cooper 6
8 Regno Unito BRM 5
= Regno Unito Tyrrell 5
= Regno Unito Benetton 5
11 Italia Maserati 4
= Francia Matra 4

Podi per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Motore Podi[10]
1 Italia Ferrari 48
2 Stati Uniti Ford-Cosworth 35
3 Francia Renault 26
4 Regno Unito Climax 11
= Giappone Honda 11
6 Germania Mercedes 10
7 Regno Unito BRM 5
= Germania BMW 5
9 Italia Alfa Romeo 4
= Italia Maserati 4
= Australia Repco 4
= Germania TAG Porsche 4

Punti per costruttore[modifica | modifica wikitesto]

Pos.[11] Costruttore Punti
1 Italia Ferrari 370
2 Regno Unito McLaren 190
3 Regno Unito Williams 184
4 Regno Unito Lotus 120
5 Francia Renault 106
6 Regno Unito Brabham 97
7 Regno Unito Cooper 55
8 Regno Unito Tyrrell 54
9 Regno Unito Benetton 45
10 Italia Maserati 34

Punti per motore[modifica | modifica wikitesto]

Pos.[11] Motore Punti
1 Italia Ferrari 370
2 Stati Uniti Ford-Cosworth 304
3 Francia Renault 233
4 Germania Mercedes 103
5 Regno Unito Climax 102
6 Giappone Honda 95
7 Germania BMW 61
8 Italia Maserati 41
9 Regno Unito BRM 37
10 Italia Alfa Romeo 33

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ecclestone non vuole andare più a Magny-Cours, it.f1-live.com, 13 maggio 2008.
  2. ^ Dal 2013 tornerà il Gp di Francia, corrieredellosport.it, 23 giugno 2012. URL consultato il 3 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2013).
  3. ^ Gp Francia 2013, fondi insufficienti, tuttosport.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 3 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2012).
  4. ^ Magny-Cours rivuole il Gp nel 2015, omnicorse.it, 20 maggio 2014. URL consultato il 20 maggio 2014.
  5. ^ F1 Da Ecclestone no a Magny Cours, confermata Baku per il 2015, formulapassion.it, 26 maggio 2014. URL consultato il 3 giugno 2014.
  6. ^ GP Francia, Ecclestone conferma: si farà. URL consultato il 02 dicembre 2016.
  7. ^ a b c Minimo 2 vittorie
  8. ^ a b c Minimo 2 pole
  9. ^ a b c Minimo 2 giri veloci
  10. ^ a b c Minimo 4 podi.
  11. ^ a b c Prime 10 posizioni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb12294402d (data)