Dieppe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dieppe
comune
Dieppe – Stemma
Dieppe – Veduta
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason region fr Normandie.svg Alta Normandia
Dipartimento Blason département fr Seine-Maritime.svg Senna Marittima
Arrondissement Dieppe
Cantone Dieppe-Est
Dieppe-Ovest
Territorio
Coordinate 49°56′N 1°05′E / 49.933333°N 1.083333°E49.933333; 1.083333 (Dieppe)Coordinate: 49°56′N 1°05′E / 49.933333°N 1.083333°E49.933333; 1.083333 (Dieppe)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 11,67 km²
Abitanti 33 688[1] (2009)
Densità 2 886,72 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 76200
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 76217
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Dieppe
Dieppe
Sito istituzionale

Dieppe (in italiano Dieppa[2]) è un comune francese di 33.688 abitanti situato nel dipartimento della Senna Marittima nella regione dell’Alta Normandia.

Dieppe fu importante nella storia della navigazione perché qui furono effettuati importanti test per la messa a punto del sistema radiogoniometrico di Ettore Bellini e di Alessandro Tosi. In particolare, era la zona compresa tra le città di Rouen, Dieppe e Le Havre che per la sua disposizione geografica e la sua conformazione si prestava a questo tipo di esperimenti.[3]

La città è attraversata dal breve fiume Arques, che ivi si getta nella Manica.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Città gemellate[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il Castello di Dieppe
Collegio degli oratoriani e antico hôtel de la Vicomté
Antico hôtel d'Anvers, quai Enrico IV, Dieppe
  • Logo monument historique - rouge ombré, encadré.svg Il castello di Dieppe: un primo castello esisteva ai tempi di Filippo Augusto. La costruzione del castello attuale cominciò nel 1443 su iniziativa di Charles Des Marets. La torre ovest data probabilmente dal XIV secolo. Esso presenta oggi una struttura molto composita e la parte eretta in selce ed in gres è stata spesso rimaneggiata. Vi fu aggiunto un bastione in mattoni e vari altri edifici. Nell'epoca contemporanea, fino al 1923, fu sede di una caserma. Oggi ospita un museo. Dal 1862 è stato classificato Monumento storico di Francia[4]
  • Logo monument historique - rouge ombré, encadré.svg La Chiesa di Saint-Rémy, eretta tra il XVI e il XVII secolo, domina l'omonima piazza; è ritenuta una delle più belle chiese della regione ed ospita un organo, opera di Parizot. Dal 1910 è Monumento storico di Francia[5]
  • Logo monument historique - rouge ombré, encadré.svg La Chiesa di San Giacomo, dedicata a san Giacomo il Maggiore, fu costruita tra il XII e il XVI secolo. Fu elevata a chiesa parrocchiale nel 1282 da Guillaume de Flavacourt arcivescovo di Rouen. Dal 1840 è Monumento storico di Francia.[6]
  • Il quai Duquesne, con le arcate della Borsa, la Camera di Commercio e l'edificio dell'antica chincaglieria Leveau (26 quai Duquesne), disegnato da Georges Feray in uno stile oscillante fra modernismo e classicismo.
  • Il quai Enrico IV (il vecchio Grand-Quai). Costellato di numerosi ristoranti il quai offre alcuni belli edifici storici risalenti ai secoli XVII e XVIII, tra i quali il collegio degli oratoriani (1614), la cui cappella fu costruita posteriormente, ove si trovava la casa di Jehan Ango, l'hôtel de la Vicomté e 'hôtel d'Anvers (1697) del quale un bassorilievo, rappresentante la città d'Anversa, orna il portico dal lato del cortile interno. Sul bastione della tour aux Crabes (1374), che difendeva fino al 1841 l'accesso al canale che conduce al porto, un pannello, installato nel 2000, rappresentante l'anarchica Louise Michel sullo sfondo di una bandiera rossa, informa che questa militante della comune di Parigi è rientrata dal bagno penale passando dal porto di Dieppe[7]
  • Il quartiere del Pollet [8]: l'antico quartiere dei pescatori con case pittoresche e passeggiata che porta alla sommità della falesia
  • La chiesa di Notre-Dame-de-Bon-Secours (1876), dominante la falesia est della città, che sovrasta il Pollet, che fu meta di pellegrinaggi e poi luogo destinatio al ricordo dei marinai dispersi in mare.[9].
  • La chiesa riformata di Dieppe (antica cappella del Carmelo).

Persone legate a Dieppe[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ Occorrenza "Dieppa" sui libri
  3. ^ (FR) Thierry Bressol, Ricordi di mare: Tosi e Bellini a Dieppe nel 1906, pubblicato nella rivista on line "Histoire Maritime (parfois ancienne, parfois récente), 28 agosto 2005
  4. ^ (FR) Ministero francese della cultura - Monumento storico PA00100620
  5. ^ (FR) Ministero francese della cultura - Monumento storico
  6. ^ (FR) Ministero francese della cultura - Monumento storico
  7. ^ (FR) Dieppe : Hommage à Louise Michel, 8 novembre 2011
  8. ^ (FR) Présentation du Pollet, Quiquengrogne n° 45, février 2009
  9. ^ (FR) Notre Dame de Bonsecours

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità GND: (DE4085437-1
Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia