Cosimo Nocera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cosimo Vittorio Nocera)
Cosimo Vittorio Nocera
Vittorio nocera.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Carriera
Giovanili
195?-1958 Secondigliano
Squadre di club1
1959-1969 Foggia 257 (101)
1969-1970 Massiminiana 14 (5)
Nazionale
1965 Italia Italia 1 (1)
Carriera da allenatore
1978-1980 Foggia (vice)[1]
1983-1985 Foggia [2][3]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Cosimo Vittorio Nocera (Secondigliano, 16 agosto 1938Foggia, 28 novembre 2012) è stato un calciatore italiano.

È lo zio di Francesco Nocera, anch'egli calciatore del Foggia negli anni ottanta in Serie C1, e in Serie B con le maglie di Cosenza, Avellino e Ancona.

È scomparso nel 2012 all'età di 74 anni.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli inizi fra i Dilettanti con la maglia del Secondigliano nel 1959 approda al Calcio Foggia, dove resta per 10 stagioni, collezionando 60 presenze con 30 reti in Serie C, 118 partite e 53 gol in Serie B e 79 gare in Serie A con 18 marcature: risulta essere il maggior cannoniere di sempre della società pugliese, con 101 gol in campionato e 19 in Coppa Italia e tra i giocatori con più presenze nella squadra.[5] Vinse la classifica dei cannonieri di serie B nella stagione 1962-1963 con 24 reti sulle 56 in totale segnate dalla squadra[6] e si piazzò terzo l'anno seguente con 14 gol che contribuirono alla promozione della squadra in serie A.[7] Storica la vittoria del Foggia per 3-2 (31/01/1965) sull'Inter campione del mondo. Nel 1969 si trasferisce alla Massiminiana, squadra con la quale scende in campo in Serie C altre 14 volte, segnando 5 reti. È uno dei pochissimi giocatori ad aver segnato con la stessa maglia nelle tre massime categorie.

Conta inoltre una presenza in Nazionale A, nella gara amichevole Italia-Galles disputata a Firenze il 1º maggio 1965, segnando al 90' il gol del 4-1.

Agli inizi del XXI secolo ha aperto una scuola calcio, affiliata con l'U.S. Foggia, con terreno in erba sintetica.[8]

Il 31 gennaio 2015, in occasione del cinquantesimo anniversario della vittoria del Foggia contro l'Inter Euromondiale di Helenio Herrera, l'associazione Emmerreventi e il giornalista sportivo Domenico Carella (su desiderio sulla famiglia Nocera) hanno chiesto e ottenuto dall'Amministrazione Comunale di Foggia l'intitolazione della Tribuna Ovest dello Stadio Comunale "Pino Zaccheria". Allo scoprimento della targa hanno partecipato, oltre alla moglie Anna e alla figlia Giusy, anche gli ex compagni di squadra Ciccio Patino, Roberto Oltramari e Cataldo Gambino.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
01/05/1965 Firenze Italia Italia 4 – 1 Galles Galles Amichevole 1
Totale Presenze 1 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Foggia: 1959-1960, 1961-1962
  • Promozioni in Serie A: 1
Foggia: 1963-1964

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1962-1963 (24 gol)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La raccolta completa degli album Panini, Gazzetta dello Sport
  • Almanacco Illustrato del Calcio 1970, Carcano editore
  • Almanacco Illustrato del Calcio 1996, Panini, pag. 481
  • Dizionario del Calcio, Rizzoli, maggio 1990, pag. 131
  • Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese, di Domenico Carella, 2015, Il Castello Edizioni
  • Foggia - Inter 3-2, 50 anni dopo. I video dell'intitolazione della Tribuna Ovest a Vittorio Cosimo Nocera su Foggiasport24.com

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1980, edizioni Panini, pag. 312.
  2. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Panini edizioni, 1985, p. 294.
  3. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Panini edizioni, 1986, p. 299.
  4. ^ Vittorio Cosimo Nocera, il re del Foggia cha cha cha Quasirete.gazzetta.it.
  5. ^ Statistiche Unionesportivafoggia.com.
  6. ^ Tabellini Rsssf.com.
  7. ^ Tabellini Rsssf.com.
  8. ^ Nocera: «Foggia, così si va in B».

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]